Percorso di navigazione

Vertice UE: riflettori sulla crisi finanziaria - 16/10/2008

Una seduta del Consiglio © CE

I leader dell'UE chiedono una riforma del sistema finanziario internazionale.

I leader dell'UE hanno dichiarato che occorre una riforma a tutto campo, che comprenda una maggiore vigilanza su scala internazionale, un sistema globale di allarme per le crisi e principi di regolamentazione a livello mondiale per assicurare trasparenza e responsabilità.

L'UE ha auspicato un vertice mondiale sulla crisi. Il presidente della Commissione Jose Manuel Barroso e il presidente francese Nicolas Sarkozy incontreranno questo fine settimana il presidente americano George W. Bush per discutere di questo progetto.

La riunione del Consiglio europeo a Bruxelles ha preso le mosse dai risultati del precedente incontro dei 15 paesi dell'area dell'euro per mettere a punto un piano comune per ristabilire la fiducia nelle banche. I leader dell'UE hanno esortato tutti i paesi membri a rifarsi al piano dell'eurogruppo, riconoscendo che un'azione concertata ha più probabilità di ristabilire la calma sui mercati rispetto ad iniziative individuali dei singoli paesi. Essi hanno quindi deciso di istituire una task force per la crisi finanziaria, al fine di migliorare il coordinamento tra i paesi dell'UE.

Il piano di salvataggio permette ai governi di garantire i crediti interbancari, mettere a disposizione liquidità a breve termine e nazionalizzare parzialmente alcune banche. Al piano di salvataggio sono stati destinati complessivamente dai governi dell'UE oltre duemila miliardi di euro.

È stata auspicata inoltre una maggiore vigilanza sulle banche al livello dell'UE. Il Consiglio europeo ha sollecitato rapide decisioni sulle proposte della Commissione per rafforzare le norme sui requisiti patrimoniali e sulle agenzie di rating e per tutelare i depositi bancari DeutschEnglishfrançais.

Per quanto riguarda la diffusa pratica di garantire ai dirigenti che lasciano i loro incarichi sostanziose indennità, è stato affermato che i manager dovrebbero essere pagati in base ai loro meriti e non essere incentivati a prendere grossi rischi per trarre il massimo vantaggio dalle loro opzioni sulle azioni (stock options).

Visto che si profila una recessione, il Consiglio europeo ha dichiarato che le regole sui disavanzi di bilancio, che impongono di mantenere l'indebitamento ad un livello inferiore al 3% del PIL, dovrebbero essere applicate tenendo conto delle "circostanze eccezionali".

In tema di energia e cambiamenti climatici, i leader dell'UE hanno ribadito l'impegno a raggiungere un accordo sulle proposte legislative entro la fine dell'anno. Il presidente Barroso ha caldamente invitato i governi ad evitare che la crisi vada a scapito degli sforzi per ridurre le emissioni di gas ad effetto serra.

In materia di immigrazione, i leader hanno adottato il Patto europeo sull'immigrazione e l'asilo. Il primo ministro irlandese ha esposto le intenzioni dell'Irlanda a seguito del voto contro la ratifica del trattato di Lisbona. Infine, si è svolta una discussione sulle relazioni con la Russia, che sono tese da quando è scoppiato il conflitto in Georgia.

Presidenza del Consiglio: maggiori informazioni sul vertice UE

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili