Percorso di navigazione

Norme più rigide per le banche - 01/10/2008

Grafico di azioni europee in caduta libera e disperazione di un broker

Proposte nuove regole per combattere le pratiche bancarie responsabili della crisi finanziaria.

Sei governi dell'UE sono già dovuti intervenire per salvare alcuni istituti finanziari, facendo sfumare ogni speranza che la crisi fosse limitata soltanto agli USA. L'UE sta rapidamente analizzando i piani di salvataggio per garantire che non violino le norme sul sostegno finanziario English che i governi nazionali possono accordare alle imprese.

La Commissione ha lodato le misure di salvataggio come esempio di proficua cooperazione transfrontaliera. Oltre ai governi nazionali, anche la Banca centrale europea English ha partecipato ai negoziati, seguiti da vicino dalla Commissione. La BCE ha inoltre raddoppiato gli sforzi per iniettare liquidità, mettendo a disposizione delle banche dei 15 paesi dell'area dell'euro 120 miliardi di euro per un periodo di 30 giorni.

In occasione del prossimo vertice di metà ottobre i leader dell'UE discuteranno della tempesta che sta travolgendo i mercati finanziari. Sono in corso di preparazione interventi che prevedono cambiamenti strutturali, accanto a misure a breve termine. Nel frattempo, cresce il coro di voci (tra cui quella dell'UE) che invocano un vertice mondiale sulla crisi.

La Commissione ha inoltre esortato gli USA ad assumersi le loro responsabilità riguardo alla risoluzione della crisi, non soltanto nel loro interesse, ma in quello dell'intera economia mondiale. Finora i legislatori statunitensi hanno respinto il piano da 700 miliardi di dollari messo a punto per salvare banche e istituti finanziari dal tracollo.

Le regole proposte dalla Commissione riguardano i prodotti finanziari basati su una combinazione di strumenti ipotecari con diversi gradi di rischio. Le banche che vendono tali prodotti dovrebbero mantenerne una parte, assumendosi in tal modo una quota di rischio. Dal canto loro, gli investitori dovrebbero invece chiedere che venga adeguatamente pubblicizzato il valore dei prodotti acquistati, pena l'imposizione di pesanti sanzioni.

È inoltre prevista la creazione di speciali organi di vigilanza per le banche che operano in diversi paesi e l'introduzione di massimali per le somme prese o date in prestito in ambito interbancario. Le altre proposte riguardano la valutazione dei capitali delle banche e delle procedure di finanziamento delle transazioni giornaliere applicate da banche che operano in diversi paesi.

Per poter entrare in vigore, le suddette regole dovranno essere approvate da tutti e 27 i governi dell'UE e dal Parlamento europeo.

Per saperne di più sul mercato unico dell'UE. DeutschEnglishfrançais

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili