Percorso di navigazione

I più bravi giovani traduttori dell'UE premiati per la loro eccellenza linguistica - 27/03/2012

Foto di gruppo dei vincitori di Juvenes Translatores, edizione 2010-11 © UE

I 27 giovani vincitori del concorso annuale di traduzione dell'UE premiati oggi a Bruxelles

Ventisette studenti - uno per ogni paese dell'Unione europea - sono stati premiati oggi come autori della migliore traduzione per il loro paese nell'ambito di Juvenes Translatores, il concorso per giovani traduttori organizzato dalla Commissione europea.

È stata Androulla Vassiliou, commissaria per l'istruzione, il multilinguismo e la gioventù, a consegnare a ciascuno di loro un premio e un attestato.

Successivamente, i vincitori incontreranno i traduttori della Commissione che hanno preparato i testi per le prove e valutato gli elaborati.

Le prove si sono svolte nel novembre 2011: potevano parteciparvi ragazze e ragazzi di 17 anni, chiamati a rappresentare sia la loro scuola che il loro paese.

I concorrenti potevano scegliere tra 23 testi, uno per ciascuna lingua ufficiale dell'UE, da tradurre in un'altra di queste lingue a loro scelta. Anche se molti hanno scelto l'inglese come lingua di partenza, il numero totale di combinazioni linguistiche utilizzate è stato pari a 148, il più elevato dall'istituzione del concorso nel 2007.

Il tema dei testi di quest'ultima edizione era il volontariato (il 2011 è stato infatti l'Anno europeo del volontariato). Diversi concorrenti di vari paesi sono stati manifestamente ispirati dal tema, tanto da decidere di offrirsi come volontari alla Croce Rossa e altre ONG.

E non bisogna dimenticare che dietro ad ogni alunno promettente c'è un bravo insegnante. Per vincere non basta una buona organizzazione delle prove: è evidente che anche gli insegnanti devono impegnarsi a fondo per ispirare e mantenere vivo l'interesse per le lingue e il talento dei loro alunni.

Molti dei vincitori di quest'anno hanno una particolare passione per le lingue. Le vincitrici dei Paesi Bassi e del Lussemburgo sono cresciute in famiglie bilingui e hanno imparato ancora altre lingue a scuola. La vincitrice ceca preferisce leggere i libri nella lingua originale, mentre il vincitore italiano, Francesco Mosetto, promuove lo studio del tedesco nelle scuole elementari e medie della sua città, Torino, dove tiene laboratori linguistici per i bambini.

Scopo del concorso Juvenes Translatores è promuovere l'insegnamento delle lingue in Europa e accrescere il prestigio della professione di traduttore. Il concorso è diventato sempre più popolare di anno in anno: l'ultima edizione è stata quella con il più alto numero di partecipanti, oltre 3 000.

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili