Percorso di navigazione

L'UE propone di vietare le reti da posta derivanti a tutela della fauna marina - 19/05/2014

Una tartaruga da mare nuota nel Mediterraneo

La Commissione europea intende bandire del tutto l'uso delle reti da posta derivanti nelle acque europee per difendere le specie marine protette.

La rete da posta derivante è un tipo di rete da pesca che viene lasciata alla deriva sulla superficie del mare per catturare specie che nuotano a poca profondità.

Il rischio è che possa determinare la cattura accidentale di specie protette come tartarughe di mare o alcuni tipi di uccelli o mammiferi marini.

Alcune restrizioni esistono già: le reti da posta derivanti non possono, ad esempio, essere utilizzate per catturare certe specie migratorie come il tonno o il pesce spada, mentre le grandi reti che superano i 2,5 km di lunghezza sono totalmente vietate.

Tuttavia, continua a preoccupare l'impatto che il loro uso può avere sulle specie protette, mentre si moltiplicano i casi di uso illegale delle reti e di sfruttamento delle lacune della normativa.

La Commissione europea ha pertanto proposto di vietare totalmente queste reti dal 1° gennaio 2015.

Per agevolare l'attuazione delle norme, è previsto anche il divieto di tenere queste reti a bordo dei pescherecci ed è stata precisata la definizione di "rete da posta derivante".

Mancato rispetto della normativa

Il fatto che la pesca con reti da posta derivanti si svolge in un'area piuttosto vasta e la natura artigianale dei pescherecci in questione hanno reso difficile garantire la corretta applicazione delle norme vigenti. Ciò significa che l'Europa sta venendo meno al suo obbligo internazionale di limitare l'uso di queste reti.

L'UE punta a ridurre al minimo l'impatto della pesca sugli ecosistemi marini. Il divieto totale delle reti da posta derivanti dovrebbe agevolare l'applicazione della normativa. Un divieto analogo è già in vigore nel Mar Baltico.

Impatto sui pescatori

La pesca con reti da posta derivanti è praticata in diversi paesi dell'UE, tra cui il Portogallo, la Slovenia e il Regno Unito. L'uso di queste reti è, tuttavia, stagionale e spesso limitato ad alcuni mesi all'anno. Alcuni pescatori se ne avvalgono soltanto per un paio di settimane.

I pescherecci che le usano sono perciò autorizzati ad utilizzare altre attrezzature, per cui possono continuare a svolgere la loro attività anche in caso di divieto.

Comunicato stampa – La Commissione europea propone di vietare completamente le reti da posta derivanti 

Domande e riposte sul divieto totale delle reti da posta derivanti English

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili