Percorso di navigazione

La rete si stringe attorno alla pesca eccessiva - 14/11/2008

Una rete viene vuotata a bordo di un peschereccio © CE

Nuove misure per far rispettare le norme sulla pesca in tutta l'UE.

La pesca nell'Unione europea è regolamentata, per proteggere il patrimonio ittico dal sovrasfruttamento e impedire che gli ecosistemi marini siano danneggiati. I paesi dell'UE hanno il compito di vigilare sul rispetto delle norme, e una nuova proposta cercherà di renderne più efficace l'applicazione.

Le procedure di controllo sul pescato, comprese le ispezioni, saranno standardizzate, per garantire un'applicazione uniforme delle norme in tutta l'UE. Saranno effettuati controlli in mare, nei porti, durante il trasporto e sul mercato, per verificare ogni anello della catena che porta il pesce dalla rete alla tavola.

Sarà più facile rispettare le regole, grazie a una semplificazione dei regolamenti e a un'armonizzazione delle sanzioni per la pesca illegale. Per i recidivi è prevista la possibilità di una sospensione dei permessi di pesca. Le modifiche proposte intendono anche far nascere una cultura del rispetto delle norme, affinché tutti gli operatori si sentano responsabili del futuro del settore.

“Per garantire il futuro della pesca sostenibile dobbiamo sostituire un sistema inefficace, costoso e complesso con uno che possa effettivamente produrre risultati”, ha dichiarato il commissario per la Pesca Joe Borg. “Ritengo che questa proposta offrirà a tutti i soggetti interessati gli strumenti di cui hanno bisogno per svolgere il loro lavoro”.

La Commissione inoltre avrà mezzi maggiori per controllare l'attuazione della politica della pesca da parte degli Stati membri: fra i suoi poteri ci sarà ad esempio quello di chiudere con più facilità gli stabilimenti e di imporre sanzioni pecuniarie ai governi europei.

Secondo le cifre presentate questo mese dalla Commissione, nel 2008 la maggior parte delle risorse ittiche è stata nuovamente oggetto di pesca eccessiva. Vi sono limiti alle quantità che si possono pescare, per evitare il sovrasfruttamento delle risorse e consentire di riprodursi alle specie più vulnerabili, come il merluzzo, l'eglefino e il merlano.

I ministri della Pesca dei 27 paesi dell'UE discuteranno le proposte nel dicembre prossimo.

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili