Percorso di navigazione

Cittadinanza dell'UE

Folla con primo piano e sfondo sfumati © Fotolia Dmitry Nikolaev,

Che cos'è la cittadinanza dell'UE?

  • La cittadinanza dell'UE è riconosciuta automaticamente a tutti i cittadini degli Stati membri dell'Unione europea e si aggiunge a quella nazionale senza sostituirla. Spetta a ciascun paese dell’UE stabilire le condizioni per l’acquisizione e la perdita della nazionalità del paese in questione.
  • La cittadinanza dell'UE è conferita direttamente a ogni cittadino dell'UE dal trattato sul funzionamento dell'UE.

Quali diritti hanno i cittadini dell’UE?

Il trattato sul funzionamento dell'UE prevede il diritto a:

I cittadini dell'UE hanno inoltre il diritto alla parità di accesso alla funzione pubblica dell'UE.

Il trattato di Lisbona ha introdotto una nuova forma di partecipazione, il diritto d'iniziativa dei cittadini europei. Ciò consente a un milione di cittadini che abbiano la cittadinanza di un numero significativo di paesi dell’UE di invitare direttamente la Commissione europea a presentare, nell'ambito delle sue competenze, un’iniziativa di loro interesse.

La Corte di giustizia tiene regolarmente conto della cittadinanza dell'UE nelle sue sentenze.

Tu o i tuoi familiari avete bisogno di maggiori informazioni e consulenza? Visitate il sito La tua Europa

Hai bisogno di aiuto per risolvere un problema o desideri presentare un reclamo? Consulta I tuoi diritti

Avete bisogno di informazioni specifiche sui diritti in materia di sicurezza sociale? Visitate il sito della DG Occupazione, affari sociali e inclusione

Che cosa fa la Commissione europea?

La Commissione sta elaborando la relazione sulla cittadinanza 2016. In questo contesto, il 14 settembre 2015 ha avviato una consultazione pubblica per raccogliere le esperienze e le idee dei cittadini su come facilitare loro l'esercizio dei loro diritti a livello europeo.

La Commissione sta anche valutando l’attuazione e l’applicazione, da parte degli Stati membri, dei diritti di cittadinanza dell’Unione sanciti dal trattato.

Che cosa ha fatto la Commissione europea?

Nel 2014 la Commissione ha pubblicato il manuale "Lo sapevate? Dieci diritti garantiti dall'UE", come annunciato nella relazione del 2013 sulla cittadinanza dell’Unione.

La Commissione ha adottato la seconda relazione sulla cittadinanza dell’Unionepdf Scegli le traduzioni del link precedente  nel maggio 2013 durante l'Anno europeo dei cittadini. La relazione fa il punto sull'andamento delle venticinque azioni proposte nel 2010 e illustra dodici nuove iniziativepdf Scegli le traduzioni del link precedente  in sei settori chiave per promuovere la cittadinanza dell'UE ed eliminare gli ostacoli che ancora impediscono ai cittadini di trarne tutti i benefici. Il documento è accompagnato dalla relazione sui progressi verso l’effettiva cittadinanza dell’UE 2011-2013pdf Scegli le traduzioni del link precedente  Vi sono inoltre delle schede informative sui risultati ottenuti da tutti gli Stati membri.

La relazione 2013 sulla cittadinanza dell’Unione si basa su testimonianze e idee dei cittadini raccolte attraverso un processo di consultazione avviato nel maggio 2012. Il processo prevedeva una consultazione pubblica sulla cittadinanza dell'UEpdf Scegli le traduzioni del link precedente  per raccogliere le esperienze e le idee dei cittadini su come rafforzare i diritti di cittadinanza dell'UE(cfr i risultati paese per paese), due sondaggi Eurobarometro sulla cittadinanza dell'UEpdf Scegli le traduzioni del link precedente  e i diritti elettoralipdf Scegli le traduzioni del link precedente , uno studio del Comitato delle regioni sugli ostacoli alla libera circolazione e i diritti politici, nonché eventi, come un forum organizzato dal Comitato delle regioni il 28 novembre 2012, un'audizionepdf organizzata congiuntamente dal Parlamento europeo e dalla Commissione, e i dialoghi con i cittadini della Commissione.

La relazione sulla cittadinanza dell'UE 2013pdf Scegli le traduzioni del link precedente  ha contribuito agli eventi dell'Anno europeo dei cittadini, in particolare ai dialoghi con i cittadini, e preludeva alle elezioni europee del 2014.

Nella prima relazione sulla cittadinanza 2010pdf Scegli le traduzioni del link precedente , la Commissione individuava gli ostacoli che i cittadini incontrano nell'esercizio dei loro diritti europei e le azioni per eliminarli. Questa relazione era accompagnata da una relazione sui progressi verso l’effettiva cittadinanza dell’UEpdf Scegli le traduzioni del link precedente .  Entrambe le relazioni si basavano sui risultati di una consultazione pubblica che ha avuto luogo nel 2010. La Commissione ha rispettato i propri impegni - cfr. relazione sui progressi.pdf Scegli le traduzioni del link precedente 

Le problematiche della giustizia su Twitter