Percorso di navigazione

Home

Politica di controllo delle droghe RSS

© Nikolai Sorokin, Fotolia

Le droghe rappresentano un problema sociale e di salute complesso che riguarda milioni di persone nell'UE.

Ogni anno nell'UE muoiono circa 6.100 persone per overdose, 1.700 muoiono di HIV/AIDS imputabile all'uso di droga e 1.800 persone contraggono il virus dell'HIV a causa delle droghe.

I paesi dell'UE e la Commissione europea hanno elaborato assieme, negli ultimi due decenni, un piano europeo per affrontare il problema degli stupefacenti in maniera sostenibile. I 28 Stati membri dell'UE hanno convenuto di collaborare a stretto contatto per:

  • lottare contro la criminalità connessa agli stupefacenti e smantellare il traffico tali sostanze;
  • gestire efficacemente la comparsa di nuove sostanze psicoattive;
  • condividere le migliori pratiche e le ricerche sulla prevenzione e la cura della tossicodipendenza;
  • assistere i paesi di tutto il mondo nella prevenzione della produzione e del traffico di stupefacenti.

La Commissione europea aiuta a promuovere il quadro europeo per tale collaborazione. Il nostro compito è quello di:

  • monitorare e valutare le azioni intraprese dai paesi dell'UE per ridurre l'uso di stupefacenti, prevenire i crimini a essi collegati e smantellarne il traffico;
  • proporre, ove necessario, delle misure di controllo a livello di UE per le nuove droghe dopo un'attenta analisi delle valutazioni del rischio;
  • applicare le leggi dell'UE per controllare e prevenire l'uso di sostanze chimiche per la produzione di sostanze stupefacenti illecite;
  • incentivare la cooperazione europea offrendo assistenza finanziaria nel campo delle sostanze stupefacenti illecite.