Le 12 Stelle

n. 260 del 19 dicembre 2012


      LE RUBRICHE      


   Attualità dalle Istituzioni dell'UE

   La Settimana sulla GUUE

   Carriera e lavoro

   L'Europa in corsi

   Bandi di gara

   Abbiamo visto per voi

   L'Articolo

   La Redazione


Facebook pagina della rappresentanza


Global Board Ready Women, 8.000 candidate per posizioni manageriali

Sono stati recentemente pubblicati i risultati della ricerca effettuata dalle business school di tutta Europa nell'ambito del progetto Women on Boards, l'iniziativa della Commissione europea che mira a rompere il soffitto di vetro che continua a bloccare l'accesso del talento femminile alle posizioni di vertice nelle grandi aziende europee. La cooperazione tra le università, le società private e la Commissione ha dato vita al Global Board Ready Women, una banca dati online che contiene 8000 curricula vitae eccellenti di professioniste iper-qualificate alla quale potranno accedere le imprese e gli head hunter di tutto il mondo.

La gestione della nuova risorsa informativa è stata affidata al Financial Times Non-Executive Director's Club attraverso la piattaforma Linkedin. L'iscrizione al Global Board Ready Women è aperta a tutte le donne che possiedono le qualifiche per ricoprire incarichi di alta dirigenza nelle società quotate in borsa e che soddisfano una serie di rigorosi criteri definiti dalle stesse società. La condizione minima per poter essere inserite nella banca dati è avere rivestito per almeno 5 anni uno degli incarichi compresi in una lista appositamente compilata, tra cui figurano ruoli manageriali quali amministratore delegato, imprenditore, direttore di enti pubblici o no profit. Le professioniste iscritte devono poi superare una selezione formale, applicata in maniera identica anche ai membri e alle ex allieve delle business school e delle organizzazioni professionali che hanno collaborato al progetto.

Viviane Reding, Commissaria per la Giustizia e Vicepresidente della Commissione europea, ha dichiarato: "Per rilanciare l’economia europea dobbiamo sfruttare tutti i talenti della nostra società. Ecco perché la Commissione europea ha proposto una normativa UE che riequilibra la rappresentanza di genere nei consigli di amministrazione. Sento spesso dire che le donne non sono abbastanza qualificate per diventare top manager. L’iniziativa delle business school europee e mondiali prova giusto il contrario: si tratta solo di sfatare il mito e abbattere il soffitto di cristallo! Il Global Board Ready Women ci dice appunto che le potenziali top manager sono numerose: ben 8 000. Sta ora alle imprese attingere a questa riserva di talenti inutilizzata".

La creazione del Global Board Ready Women si inserisce all'interno delle iniziative sponsorizzate della Commissione europea per la promozione del raggiungimento delle pari opportunità tra donne e uomini nell'ambito lavorativo. In Europa è attestata una forte prevalenza maschile nei consigli di amministrazione, come testimonia una relazione della Commissione del marzo 2012. Le disparità tra paesi diversi sono inoltre molto rilevanti: la presenza di donne nei consigli di amministrazione è superiore al 25% in Finlandia e in Lettonia, mente a Malta e a Cipro non raggiunge neppure il 5%. Per questo nel novembre 2012 la Commissione ha presentato una proposta legislativa finalizzata alla promozione dell'equilibrio di genere ai vertici delle aziende, nel perseguimento dei criteri del merito e delle qualifiche. L'iniziativa intende porre l'obbiettivo minimo del raggiungimento, entro il 2020, del 40%di amministratori esecutivi donna all'interno delle società quotate in borsa, da attuarsi mediante lo stabilimento da parte delle aziende stesse di obiettivi interni, sviluppandone così la capacità di autoregolamentazione.

 

Fabrizio Spada e Anna Terribilini
Rappresentanza a Milano

 

Torna alla homepage