Percorso di navigazione

Nuove installazioni di ricerca a supporto delle tecnologie solari nell'Unione europea
RSSTwitter
Inviare questa pagina per posta elettronicaInviare questa pagina per posta elettronicaPrintPrint

24/06/2013


Oggi si inaugurano nuovi laboratori di ricerca presso l'European Solar Test Installation (ESTI), gestito dal servizio scientifico interno della Commissione Europea, il Centro Comune di Ricerca (CCR).

    Nuove installazioni di ricerca a supporto delle tecnologie solari nell'Unione europea

    I rinnovati laboratori permettono ad ESTI di valutare le prestazioni di nuovi e più avanzati dispositivi fotovoltaici (FV), effettuare ricerca prenormativa e fornire un aiuto a sviluppare nuovi standard internazionali nel settore. Considerando gli attuali costi di investimento, minori di 1500 € / kW, il fotovoltaico riveste un'importanza strategica nel settore delle energie rinnovabili competitive e offre un potenziale di incremento di efficienza a lungo termine (dall'attuale 14% di efficienza delle celle FV ad oltre il 60%). ESTI è un laboratorio di riferimento impegnato nella verifica dei risultati tecnologici e nel facilitare i progetti Europei di Ricerca e Sviluppo in quest'area a tradursi in prodotti commerciali.

    Máire Geoghegan-Quinn, commissaria per la ricerca, l'innovazione e la scienza ha affermato: "Le tecnologie legate alle energie rinnovabili sono fattori chiave per la crescita, il lavoro e per una migliore qualità della vita in Europa. Nella gara globale verso un'energia pulita e competitiva, il fotovoltaico in specifico ha un enorme potenziale di incremento dell'efficienza e di riduzione dei costi. Una forte ed attiva infrastruttura Europea di ricerca è essenziale a questi scopi, cui parte integrante sono i laboratori di riferimento come il Laboratorio di Test Solari (ESTI) del Centro Comune di Ricerca."

    Un investimento di tre milioni di Euro in apparecchiature e tecnologie ai più alti livelli nello stato dell'arte permetteranno ad ESTI di tenere il passo con il mercato del FV in rapida evoluzione e di renderlo in grado di rispondere alle future richieste legate alla standardizzazione. ESTI fu pioniere nelle prove di affidabilità dei primi prodotti FV negli anni '80, quando la Commissione Europea finanziò la prima fase pilota dei sistemi FV terrestri, e aiutò a fornire le basi degli standard internazionali, supportando così un mercato Europeo che l'anno passato è stato del valore di 20-25 miliardi di Euro.

    Le nuove capacità includono, per esempio, la taratura della potenza per i film sottili, il FV a concentrazione o il FV organico, che contribuiranno allo sviluppo dell'innovazione delle tecnologie FV nell'UE. Più in dettaglio, queste nuove apparecchiature permettono la verifica, iniziale e a lungo termine, delle prestazioni di questi nuovi prototipi e prodotti fotovoltaici. Una di queste, il simulatore solare continuo per grandi aree, apre nuove possibilità di misura con la sua capacità di fornire una condizione di 'pieno sole' su un'area di misura di 2x2 metri e per un periodo sino ad otto ore ed è il primo di questo tipo installato in Europa. La valutazione delle prestazioni a lungo termine (oltre 20 anni) dei pannelli FV è un fattore importante in quanto determina il costo dell'elettricità solare dopo il tempo di ripagamento finanziario.

    ESTI – L'installazione Europea di test solari

    ESTI è un laboratorio di riferimento per la verifica della potenza ed energia generata da dispositivi fotovoltaici. Comprende installazioni al coperto ed in campo che permettono non solo la valutazione energetica ma anche studi sul tempo di vita e l'invecchiamento delle celle solari in condizioni reali di funzionamento.

    Il suo ruolo è di diffondere un sistema di comparabilità delle misure sui dispositivi FV attraverso la produzione e la disseminazione di metodi validati, le misure di riferimento, i confronti inter laboratorio e la formazione. ESTI fornisce servizi di taratura gratuiti di dispositivi FV di riferimento per laboratori nazionali e anche tarature a pagamento per l'industria FV. In questo modo gli utenti possono riferire le loro misure di irradianza direttamente al Sistema Internazionale di misura (SI).

    Su richiesta, ESTI può verificare tecnologie sviluppate nell'ambito dei progetti Europei (ad esempio nell'ambito dei Programmi Quadro, dell'Alleanza Europea sulla Ricerca Energetica e del Piano sulle Tecnologie Strategiche Energetiche).

    Assieme alle Istituzioni Nazionali e all'industri, ESTI svolge ricerche allo scopo di sviluppare nuovi e migliori standard per le prestazioni e l'affidabilità delle tecnologie innovative. Ha già ricoperto un ruolo importante nello sviluppo del corpo di norme oggi in vigore nel campo FV, aiutando così a sviluppare un mercato Europeo trasparente e competitivo nel fotovoltaico.

    Queste professionalità sul fotovoltaico si riversano anche nelle attività del CCR di supporto alle politiche Comunitarie in relazione allo sviluppo delle fonti rinnovabili e la loro integrazione nel mercato.

    Da ultimo, ma non meno importante, ESTI è parte del gruppo dei cinque laboratori di elite nel mondo che contribuisce a stilare la classifica dei dispositivi fotovoltaici 'campioni di prestazioni' pubblicato ogni sei mesi dal periodico Progress in Photovoltaics.

    Per ulteriori informazioni e foto: http://www.jrc.ec.europa.eu/events/esti

    Indirizzi internet:

    Ultimo aggiornamento: 24/06/2013  |Inizio pagina