Percorso di navigazione

L’enorme potenziale degli acquisti transfrontalieri è ancora poco sfruttato
RSSTwitter
Inviare questa pagina per posta elettronicaInviare questa pagina per posta elettronicaPrintPrint

08/10/2008

 

La Commissione presenta due indagini a livello europeo

Lo scorso 2 ottobre la commissaria responsabile per la tutela dei consumatori Meglena Kuneva ha rivelato i risultati di due indagini realizzate a livello europeo sulle abitudini dei commercianti e dei consumatori riguardo agli acquisti transfrontalieri. Le cifre mostrano che l’e-commerce (cioè il commercio elettronico) sta decollando a livello nazionale, ma non a livello transfrontaliero. La percentuale di consumatori che hanno fatto acquisti oltre confine è rimasta stabile dal 2006 (circa un quarto della popolazione). Anche se è aumentata la fiducia verso gli acquisti di questo tipo, pochi venditori sembrano offrire questa opportunità. Attualmente, il 75% dei commercianti ha clienti solo all’interno del proprio Paese, ma le indagini mostrano che, se le regole fossero armonizzate, quasi la metà di questi commercianti (più del 34%) sarebbero interessati a vendere oltre i propri confini nazionali.

    L’enorme potenziale degli acquisti transfrontalieri è ancora poco sfruttato

     

    “Il nostro obiettivo è permettere ai consumatori di comprare i prodotti di migliore qualità al prezzo più basso, indifferentemente da dove nel mercato interno questi beni o servizi siano disponibili, e rendere più agevole per i commercianti la vendita di prodotti o servizi ovunque ce ne sia domanda all’interno del mercato interno”, ha detto la commissaria Kuneva. “Il potenziale per un’ulteriore integrazione in questo campo è considerevole, quindi è evidentemente una priorità assicurare che ostacoli di carattere legale e logistico non frenino lo sviluppo del mercato transfrontaliero, assicurando costantemente un alto livello di protezione per i consumatori”.

    Coloro che effettuano acquisti “oltre confine” sono solitamente persone giovani e ben istruite, che hanno un lavoro di un certo livello e un collegamento Internet a casa. Non è ancora sufficientemente coinvolta in questo tipo di mercato la più ampia classe “media” di consumatori. Lo stesso sembra valere per le aziende: quelle più grandi sono sempre più interessate al potenziale delle vendite transfrontaliere, ma molte altre imprese non ne percepiscono ancora l’importanza.

    La fiducia dei consumatori nei confronti degli acquisti di prodotti o servizi transfrontalieri in altri Paesi europei è aumentata: la percentuale dei consumatori che ritengono di potersi fidare degli acquisti on line da altri Paesi europei è del 40%, ossia l’8% in più rispetto al 2006.

    La spesa media di chi compie acquisti in altri Paesi dell’Unione è di 797 euro l’anno

    Molte imprese dichiarano che l’armonizzazione delle regole nell’UE rafforzerebbe l’interesse per il commercio oltre confine. Attualmente il 75% dichiara di non vendere a consumatori in altri Stati europei, ma solo il 41% sarebbe disinteressato se le regole fossero armonizzate. Nel 2006 il 67% dei commercianti hanno venduto solo a clienti nazionali.

    Il livello di pubblicità realizzata oltre confine è ancora relativamente limitato (solo il 21% dei commercianti pubblicizza i propri prodotti o servizi in altri Paesi europei) e la maggior parte dei consumatori (il 55%) non ne è venuta a conoscenza. I consumatori che ne sono venuti a conoscenza (il 39%) sono persone che avrebbero comunque fatto acquisti oltre confine.

    I rapporti pubblicati oggi riportano i risultati di due indagini Eurobarometro sulle abitudini di imprese e consumatori per quanto riguarda il commercio transfrontaliero. I dati sono stati raccolti, tra febbraio e marzo 2008, tra più di 26.000 consumatori e 7.200 imprese nei 27 Stati membri e in Norvegia.

    I risultati di queste due indagini sono particolarmente rilevanti alla luce della direttiva europea sui diritti dei consumatori proposta quest’oggi, la quale semplificherà e razionalizzerà l’attuale quadro normativo europeo.

     

    Link utili:

    Il comunicato della Commissione

    Sito della commissaria Meglena Kuneva

    Sito Internet della Commissione dedicato alla tutela dei consumatori

    Le indagini dell'Eurobarometro

    Ultimo aggiornamento: 30/10/2010  |Inizio pagina