Percorso di navigazione

Identità e Memoria: teatro, musica e nuovi elementi di riflessione
RSSTwitter
Inviare questa pagina per posta elettronicaInviare questa pagina per posta elettronicaPrintPrint

05/01/2012


Il 30 ottobre 2011 il Palazzo della Cultura ha ospitato l’evento Identità e Memoria, organizzato dalle associazioni Music Theatre International e Prospettive Mediterranee, con il patrocinio della Rappresentanza in Italia della Commissione Europe e Comunità Ebraica di Roma, con la collaborazione dell’Ufficio d’informazione in Italia del Parlamento Europeo e il supporto di ACEA.

    Identità e Memoria: teatro, musica e nuovi elementi di riflessione

    Oltre al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, con il suo Alto Patronato, sono intervenuti il Presidente della Camera dei Deputati, on.Gianfranco Fini, ed il Presidente del Senato, on. Renato Schifani. Sul tema dell’integrazione delle minoranze, Enrico Molinaro, Presidente di Prospettive Mediterranee, ha ricordato il suo progetto della memoria dei profughi ebrei dall’Europa Orientale, rifugiatisi in Puglia, dopo la Seconda Guerra Mondiale, nonché il ciclo di incontri tra esperti israeliani e palestinesi sul tema di Gerusalemme ed i suoi Luoghi Santi.

    Personalità della cultura e delle istituzioni italiane ed europee - tra cui i Vicepresidenti del Parlamento Europeo, on. Gianni Pittella e l’on. Roberta Angelilli - hanno partecipato alla Riflessione Politico-Culturale sul tema Identità, Memoria e Cittadinanza.

    L’evento, inserito tra le celebrazioni promosse dall’Anno Europeo del Volontariato 2011, ha lanciato la XXII edizione del Premio Sacharov per la libertà di pensiero istituito dal Parlamento Europeo. A seguire, lo spettacolo teatrale-musicale Le train de Youkali ha rievocato le vicende di tre artisti ebrei tedeschi perseguitati in quanto membri di una minoranza discriminata, ma anche come artisti, per aver espresso liberamente il proprio pensiero sfidando i diktat del regime hitleriano. Combinazione di un momento politico-culturale con uno artistico, l’evento è riuscito a collegare un tragico momento della storia ebraica a temi di forte attualità come quelli dell’identità delle minoranze.

    Ultimo aggiornamento: 05/01/2012  |Inizio pagina