Percorso di navigazione

La Commissione europea lancia il Libro verde sulla coesione territoriale
RSSTwitter
Inviare questa pagina per posta elettronicaInviare questa pagina per posta elettronicaPrintPrint

06/10/2008

Oggi la Commissione europea ha lanciato il Libro verde sulla coesione territoriale, segnando l'inizio di una più ampia consultazione con le autorità regionali e locali, le associazioni non governative, la società civile e altre organizzazioni, al fine di ottenere una migliore e più condivisa consapevolezza sulla coesione territoriale e sulle sue implicazioni per il futuro della politica regionale dell'UE. Il Presidente della Commissione Josè Manuel Barroso e la Commissaria per la Politica Regionale Danuta Hübner, insieme al Ministro francese dell'Agricoltura e della Pesca Michel Barnier in rappresentanza della Presidenza dell'UE, e al Presidente del Comitato delle Regioni Luc Van den Brande, hanno tenuto un primo dibattito sulle questioni sollevate nel Libro Verde alla cerimonia inaugurale degli OPEN DAYS 2008 del 6 ottobre, realizzata a Bruxelles nella settimana europea delle Regioni e delle Città. La Commissione ha pubblicato il Libro Verde dietro richiesta da parte degli Stati Membri e del Parlamento Europeo.

    La Commissione europea lancia il Libro verde sulla coesione territoriale

    "Sono convinta che la coesione territoriale può aiutarci a incrementare la competitività delle nostre regioni, il benessere dei nostri cittadini, ovunque vivano, e la qualità del nostro ambiente. Dipenderà dalla nostra capacità fare della diversità territoriale un punto di forza, attraverso una politica flessibile e differenziata che porti a risultati durevoli. La coesione territoriale si gioca nell'adattamento alle realtà e alle sfide attuali. È un modello europeo per l'occupazione e la crescita", ha dichiarato la commissaria Hübner.

    Contesto e panorama attuale della politica di coesione territoriale

    Il dibattito sulla coesione territoriale è iniziato nei primi anni novanta e ha portato all'adozione da parte degli Stati membri della Prospettiva di sviluppo del territorio europeo (ESDP: European Spatial Development Perspective) nel 1999. La Commissione ha sviluppato l'ESDP rafforzando la cooperazione attraverso il programma INTERREG e attraverso la creazione dell’Osservatorio in rete dell'assetto del territorio europeo (ESPON: European Spatial Planning Observatory Network). Il dibattito è culminato nell'adozione di un'Agenda territoriale e del suo Piano d'azione da parte degli Stati Membri lo scorso anno.

    Il territorio europeo ha caratteristiche proprie, distinte dal resto del mondo. Solo il 7% di tutta la popolazione UE (5 milioni di abitanti) vive in città, contro il 25% degli Stati Uniti. L'Europa è dunque finora riuscita a mantenere un relativo equilibrio tra urbanizzazione e conservazione delle zone rurali. Questo contribuisce allo "stile di vita europeo". Il Libro verde evidenzia questa risorsa e propone mezzi per evitare lo spopolamento o l'espansione urbana incontrollata. I seguenti 3 concetti chiave devono essere tradotti in azioni concrete:

    • Superare le differenze di densità. Gli agglomerati possono favorire effetti sia positivi che negativi. Per esempio, ci può essere un incremento di innovazione e di produttività e allo stesso tempo più inquinamento ed esclusione sociale. Il Libro verde suggerisce un miglior coordinamento tra città e zone limitrofe per unire i loro sforzi ed assicurare che tutte le aree massimizzino il loro contributo alla prosperità dell'intera Unione. In altri termini, l'obiettivo è rendere l’Europa più grande della somma delle sue parti.

    • Superare la distanza. L'accesso ai servizi pubblici, sistemi di trasporto efficienti, reti energetiche affidabili e Internet a banda larga non sono ancora diffusi in modo uniforme in Europa. Nelle zone rurali, in media il 40% della popolazione vive a più di 30 minuti di auto da un ospedale e il 43% a più di un’ora di distanza da una Università. Nel 2007, l'accesso delle famiglie all’Internet a banda larga era in media del 15% in meno rispetto alle aree urbane.

    • Superare i confini amministrativi. I problemi ambientali, associati ai cambiamenti climatici, le alluvioni, la perdita di biodiversità e il pendolarismo non hanno confini e una migliore cooperazione è necessaria per far fronte a tali sfide. La politica di coesione promuove la cooperazione attraverso i programmi INTERREG, ma il Libro verde sottolinea che si deve fare molto di più. L'Unione europea sta già intensificando le sue azioni nelle regioni del Mar Baltico e nel bacino del fiume Danubio, per esempio, dove una più forte cooperazione è considerata cruciale per far fronte ai problemi ambientali e per dare impulso alla competitività.

    Il Libro verde evidenzia anche le sfide affrontate dalle regioni con caratteristiche geografiche specifiche, per esempio quelle alpine o insulari.

    La coesione territoriale: una priorità per la Presidenza UE

    Due grandi eventi in autunno contribuiranno alla consultazione pubblica lanciata attraverso il Libro verde: la conferenza della Presidenza francese sulla "coesione territoriale e il futuro della politica di coesione", che si terrà a Parigi il 30 e 31 ottobre, e l'incontro informale tra i ministri responsabili per la pianificazione del territorio e lo sviluppo regionale a Marsiglia il 25 e 26 novembre.

    Bisogna tener presente che la coesione territoriale è solo la terza dimensione della coesione, insieme a quella sociale ed economica. Perciò, a supporto del dibattito sul Libro verde, la Commissione fornisce dati sulla distribuzione del PIL, l'accesso agli aeroporti, e altri indicatori utili. La consultazione pubblica andrà avanti fino a febbraio 2009 e la Commissione presenterà un'analisi dei risultati a fine primavera.

     

    Link utili:

    Il libro verde sulla coesione territoriale

    Sito web degli OPEN DAYS 2008

    La coesione territoriale al cuore dell'Agenda politica dell'UE

    Programma ESPON

    Ultimo aggiornamento: 30/10/2010  |Inizio pagina