Percorso di navigazione

Il Vicepresidente Tajani a Monza con il Presidente Napolitano, il Primo ministro Letta e il Presidente Maroni per il lancio di Expo 2015
RSSTwitter
Inviare questa pagina per posta elettronicaInviare questa pagina per posta elettronicaPrintPrint

07/07/2013


Il Vicepresidente della Commissione europea, responsabile per l'Industria e l'Imprenditoria, Antonio Tajani, è intervento a Monza, in occasione dell'evento di lancio dell'Expo 2015.

    Il Vicepresidente Tajani a Monza con il Presidente Napolitano, il Primo ministro Letta e il Presidente Maroni per il lancio di Expo 2015

    La presenza del Vicepresidente Tajani e il video messaggio trasmesso dal Presidente Barroso, confermano il forte impegno dell'esecutivo Ue per questo evento, a cui la Commissione europea partecipa con un grande stand espositivo.

    Alla presenza del Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano, del Primo Ministro italiano Enrico Letta e del Governatore della Lombardia Roberto Maroni, il Vicepresidente Tajani ha presentato gli elementi fondamentali del contributo della Commissione all'Expo, che riguardano l'alimentazione, la ricerca, lo spazio e l'industria del turismo.

    Proprio alla vigilia dell'EXPO, entreranno nella fase operativa alcuni servizi del sistema di navigazione satellitare Galileo e di osservazione della terra Copernicus, prime infrastrutture interamente europee. Questi servizi daranno importanti benefici all'agricoltura e a settori chiave per la competitività, quali la logistica,  la mobilità, l’energia, i servizi finanziari o la sicurezza, con un impatto stimato in 90 miliardi per i prossimi 20 anni. Per questo Tajani annuncerà la decisione di allestire all’interno dell’EXPO, un’esposizione interattiva per illustrare ai visitatori l'ampia gamma di applicazioni pratiche delle tecnologie legate allo spazio.

    Infine, il Vicepresidente esporrà le linee guida dell'azione europea per semplificare i visti in modo che EXPO 2015 possa beneficare al massimo dei nuovi flussi di turisti del nuovo ceto medio emergente in Russia, Cina, India o Brasile.

    Alla vigilia del lancio dell'evento Tajani ha dichiarato: "l’EXPO sarà un forum di soluzioni creative per affrontare le sfide globali. Qui si proporrà l'ultima frontiera dell'innovazione industriale europea, parte essenziale dei nostri sforzi per fornire soluzioni durature ai fenomeni della crescita demografica, della scarsità di risorse, della sicurezza energetica o del cambiamento climatico. L'Europa intende investire risorse e idee nell'EXPO in quanto importante occasione per valorizzare la propria rinascita industriale e la propria leadership tecnologica".

    Backgound

    L’esposizione universale 2015 si svolgerà a Milano dal 1° maggio al 31 ottobre 2015. Si attendono circa 20 milioni di visitatori. L'Expo affronterà il tema “Nutrire il pianeta: energia per la vita". Questa edizione dell’Expo, è destinata a segnare una pietra miliare nel dibattito mondiale sui prodotti alimentari e sulla sostenibilità. L'Expo offrirà una piattaforma per discussioni e iniziative politiche su questi temi. Più di 120 paesi hanno già confermato la loro partecipazione, a dimostrazione del forte impegno ispirato dalla manifestazione e dal tema. L'Expo sarà anche un'importante vetrina per l'eccellenza dell'industria e la tecnologia europea.

    Approvvigionamento alimentare: tema principale dell’Expo 2015

    I prodotti alimentari rappresentano un elemento fondamentale dell'economia dell'UE: l'Europa ne è infatti il primo esportatore mondiale. Questo settore genera un fatturato annuo di quasi 1.000 miliardi di euro e impiega più di 4 milioni di persone. La presenza attiva dell'UE all’Expo sarà fondamentale per stimolare un dibattito politico e per riflettere su possibili strategie per il futuro di questo settore.

    Maggiori informazioni: http://www.expo2015.org/

    La cultura alimentare, parte integrante del patrimonio comune e diversificato della cultura europea, è diventata un simbolo mondiale del "modello di vita dell'UE". Questo è in parte il risultato delle politiche messe in atto dall'Unione europea nei settori cruciali della sicurezza alimentare e della qualità degli alimenti. In particolare, per quanto riguarda la sicurezza alimentare, l'Unione europea - con il suo approccio scientifico fondato sulla netta separazione tra valutazione e gestione del rischio - è riconosciuta come modello per il resto del mondo. La qualità degli alimenti e' di fondamentale importanza. L'Unione europea è in prima linea in questo settore, promuovendo – in un'ottica sia di sviluppo dell’educazione che di programmazione strategica - standard sanitari elevati nel campo degli alimenti, basandosi contemporaneamente sull'impegno attivo degli operatori del settore e sull'informazione dei consumatori.

    Una catena di approvvigionamento alimentare ben funzionante e una reale parità di condizioni tra gli operatori economici costituiscono un pre-requisito per la solidità del settore agro-alimentare, che è un settore strategico per rilanciare crescita e occupazione. L'Unione Europea sta lavorando per rafforzare la competitività di questo settore attraverso un Forum di alto livello per migliorare il funzionamento della catena di approvvigionamento alimentare. L'obiettivo e' quello di contribuire all’EXPO 2015  con proposte concrete per garantire la protezione dei consumatori e assicurare la reputazione di eccellenza dell'industria elementare europea.

    Per maggiori informazioni: http://ec.europa.eu/enterprise/sectors/food/index_it.htm

    Expo come evento catalizzatore di nuovi flussi di turisti in Europa

    La Commissione europea illustrerà gli sforzi che sta compiendo per aumentare il flusso di turisti provenienti dall’Europa orientale, dall’Asia e dall’America Latina verso l'Europa. Con la campagna “Europe – whenever you’re ready”, la Commissione vuole valorizzare il continente Europeo che resta la prima destinazione turistica al mondo.

    Inoltre, la Commissione Europea, grazie ad una stretta cooperazione tra il Vice Presidente Tajani e la Commissaria Cecilia Malmström, sta lavorando per semplificare la facilitazione dei visti affinché all'EXPO 2015 possa affluire il massimo numero di turisti provenienti dai nuovi ceti medi dei paesi emergenti. Entro la fine dell'anno il Codice dei visti Europeo sarà quindi rivista.

    Per ulteriori informazioni: http://ec.europa.eu/enterprise/sectors/tourism/index_en.htm 

    L’EXPO 2015 presenterà i due programmi spaziali europei: Galileo e Copernicus

    Nel 2015 entreranno in funzione i primi servizi operativi del sistema di navigazione satellitare Galileo e del sitema di osservazione della terra, Copernicus. L'esposizione mondiale presenterà le applicazioni spaziali legate all'agricoltura come la coltivazione di precisione assistita dalla navigazione satellitare.

    L’agricoltura di precisione consente agli agricoltori di distribuire meglio sementi e fertilizzanti su specifiche aree coltivate in base al tipo di suolo, ai livelli di fertilità e ad altre caratteristiche del terreno. Il GPS è stato il primo sistema di posizionamento ad essere utilizzato per l'agricoltura di precisione.

    I sistemi di potenziamento integrati basati sui satelliti aiutano a superare i limiti del GPS e a correggerne gli eventuali errori nelle misurazioni. EGNOS, il sistema di potenziamento europeo, offre agli agricoltori un servizio gratuito, che aumenta la precisione del GPS con un margine di errore di 20 centimetri.

    EGNOS, consente quindi l'automatizzazione di numerose operazioni nel ciclo produttivo e facendo aumentare i rendimenti, e riducendo l’impatto sull'ambiente.

    Le applicazioni includono:

    • colture a basso valore;

    • posizionamento individuale del bestiame e recinzioni virtuali;

    • identificazione dei lotti di terreno;

    • misurazione del terreno e mappatura dei confini.

    Non sono previsti né costi d’installazione né costi di abbonamento annuali, è necessario solo un ricevitore. In Europa un trattore su dieci è già oggi provvisto di ricevitori GNSS, la maggior parte di loro sono abilitati a EGNOS.

    L’applicazione di EGNOS al settore agricolo consentirà di ridurre:

    • del 2,36% tempo, quantità di carburante e sementi;

    • del 2,49% fertilizzanti e prodotti fitosanitari.

    Si prevede che le vendite di ricevitori GNSS cresceranno in maniera costante in tutto il mondo, con una media del 16% annuo tra il 2010 e il 2020.

    Per ulteriori informazioni:

    http://ec.europa.eu/enterprise/policies/satnav/index_en.htm

    Applicazioni di Copernicus all’agricoltura

    Gli agricoltori devono spesso affrontare situazioni complesse causate dalla carenza d’acqua o dai costi elevati di fertilizzanti e altri prodotti chimici, con un impatto negativo sull'ambiente. Le immagini satellitari possono essere utili per individuare le aree problematiche e avviare indagini specifiche in tali siti. Inoltre, confrontando l’andamento anno per anno è possibile riscontrare eventuali anomalie. Integrando tali dati in modelli agronomici si possono prevedere le rese agricole. A livello continentale e globale, la capacità di anticipare le variazioni delle rese agronomiche è la chiave per anticipare oscillazioni nell’offerta dei mercati e di conseguenza migliorare la gestione delle crisi dovute all’aumento dei prezzi delle derrate.

    I satelliti di COPERNICUS aiutano a monitorare in modo tempestivo e accurato lo sfruttamento agricolo del territorio e le variazioni a livello europeo, nazionale e regionale. Il monitoraggio agricolo si basa su una combinazione di osservazioni satellitari, dati meteorologici, modelli agro-meteorologici e biofisici, nonché su analisi statistiche.

    Copernicus aiuta a ridurre l'utilizzo dei fertilizzanti e prevedere le rese agricole contribuendo alla stabilita' dei prezzi.

    Per ulteriori informazioni

    http://ec.europa.eu/enterprise/policies/space/copernicus/index_en.htm

    Il Centro comune di ricerca (CCR) a sostegno dell’Expo in Italia

    La Commissione ha nominato come rappresentanti per l'EXPO2015 David Wilkinson, direttore per le relazioni scientifiche del JRC (Centro Comune di Ricerca) e Giancarlo Caratti di Lanzacco, capo dell'unità 'Proprietà intellettuale e trasferimento tecnologico' al JRC.

    Il JRC è stato scelto per coordinare la partecipazione della Commissione per l'Expo di Milano per la sua estesa competenza tecnica e scientifica sul tema dell'Expo e per la vicinanza del sito di Ispra del JRC a Milano. Dato che il sito di Ispra del JRC si trova a soli 60 km dal sito di Expo e svolge attività di ricerca strettamente legate al tema dell'esposizione universale (sicurezza alimentare, sostenibilità e la sicurezza alimentare), si prevede che il JRC metta a disposizione alcuni delle sue strutture, tra i quali il nuovo Centro visitatori, per ospitare eventi specifici in concomitanza con l'Expo di Milano. In questo contesto, il Presidente di Expo 2015, Diana Bracco, si è recata a Ispra sabato 4 maggio, in occasione dell'Open Day del JRC, per discutere gli aspetti organizzativi con David Wilkinson.

    Ultimo aggiornamento: 07/07/2013  |Inizio pagina