Percorso di navigazione

Gli eventi del Festival
RSSTwitter
Inviare questa pagina per posta elettronicaInviare questa pagina per posta elettronicaPrintPrint

06/10/2011

    Gli eventi del Festival

    1. Visioni incrociate

    Tre confronti tra gionalisti di vari Stati membri, in presenza di un rappresentante della Commissione, hanno offerto al pubblico una panoramica sulla percezione dei temi caldi dell'attualità europea. 

    • L'Europa in bancarotta. La crisi che minaccia l'Unione - Venerdì 30/09
      Due giornalisti provenienti rispettivamente da Grecia e Irlanda, due paesi che si trovano nell'epicentro della crisi, si sono confrontati con giornalisti provenienti da paesi detti "virtuosi" (Germania e Finlandia) in una sala strapiena con più di 450 persone.
    • Il ritorno delle frontiere. L'Europa davanti alla sfida dell'immigrazione - Sabato 1/10
      Tema di grande interesse durante questa edizione del festival, l'animato dibattito tra rappresentanti della stampa di paesi con esperienze diverse sia di immigrazione che di emigrazione e il Direttore della Rappresentanza Lucio Battistotti.
      Questo dibattito è stato anche anticipato la sera prima con la proiezione di un video e di documentari realizzati da vari giornalisti (francesi, etiopi e italiani) e da rappresentanti di Medici Senza Frontiere: "La traversata: video e parole intorno alla fortezza Europa" (30/09) con France2, France24, TG3 e Associazione Naga.
    • Donne di tutta Europa, unitevi! - Domenica 2/10
      Come illustrato dai giornalisti durante il dibattito, il ruolo delle donne in Europa rimane ancora in una situazione di disuguaglianza in Europa, sebbene con gradazioni differenti negli Stati membri.

    2. Il dibattito di fondo

    • Prima dell'apocalisse: politiche energetiche e rischi tecnologici
      L'Ue come il resto del mondo vive al di là della dipendenza energetica: è il cuore della sua esistenza. Purtroppo la crescita della domanda contribuisce all'alterazione (irreversibile?) delle condizioni necessarie alla sopravvivenza dell'umaintà. Le sfide riguardano sia i rischi derivanti dall'utilizzo delle tecnologie connesse con lo sfruttamente delle risorse naturali (nucleare, petrolio) sia dall'approvvigionamento (geopolitica, distribuzione, ecc.). Il programma energetico europeo 2020 è stato al centro della discussione.

    3. Le sfide dell'informazione

    Venerdì, sabato e domenica si sono svolte, in collaborazione con Presseurop e Internazionale, tre rassegne della stampa europea.

    • Una settimana in Europa.
      Radio 24 ha ospitato in diretta all'interno del suo programma per la rete Euranet "L'altra Europa" la rassegna stampa europea del sabato.
    • Multilinguismo
      L'importanza delle lingue nella comunicazione tra i cittadini europei di diverse nazionalità è stata sottolineata durante una conferenza con due rappresentanti della DGT e della DG interpretazione e con una divertente rassegna in Europanto di Diego Marani.
    • L'Europa da ridere: vignette satiriche e informazione politica - Domenica 2/10
      Linguaggio quasi universale, grazie al suo impatto mediatico, può la vignetta satirica essere uno strumento comunicativo e contribuire alla creazione di una sfera pubblica europea? Come diceva lo storico dell'arte Ernst Gombrich: "La caricatura ben riuscita deforma le apparenze, ma soltanto per raggiungere una verità più profonda".

    4. Cultura e Europa

    • Mostra delle vignette del concorso "Una vignetta per l'Europa" - Chiostro piccolo di S. Paolo
      Che fine farà l'Euro? Che cos'è Schengen? E chi è Lady Ashton? L'attualità europea vista dai vignettisti italiani ed europei che hanno partecipato al concorso per la miglior vignetta politica dell'anno. Un catolo della mostra è pubblicato dalla Rappresentanza in collaborazione con Presseurop e Internazionale.
    • Premiazione del concorso "Una vignetta per l'Europa"
      Il direttore della Rappresentanza Lucio Battistotti ha premiato i vincitori nel quadro stupendo del Teatro Comunale.
    • Concerto di Amadoy e Mariam
      In collaborazione con il World Food Programme i due cantanti maliani Amadou e Mariam che furono ambasciatori dell'Ue contro la fame hanno riempito la piazza Repubblicail sabato sera.
    Ultimo aggiornamento: 17/10/2011  |Inizio pagina