Percorso di navigazione

Video messaggio del Presidente Barroso in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia
RSSTwitter
Inviare questa pagina per posta elettronicaInviare questa pagina per posta elettronicaPrintPrint

17/03/2011

 

Mi rivolgo oggi con piacere a tutti gli italiani, per rallegrarmi con loro nella ricorrenza del 150° anniversario dell'Unità d'Italia. Questa data, rappresenta non solo un avvenimento cruciale nella storia dell'Italia, ma anche una conquista per l'intero continente europeo.

    Video messaggio del Presidente Barroso in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia

    L'Italia ha da sempre legato il proprio destino a quello dell'Europa. La sua lunga e ricca storia, il suo immenso patrimonio artistico e culturale hanno contribuito in maniera decisiva alla formazione dell'identità europea.

    Ogni volta che vengo in Italia, colgo l'occasione per rendere omaggio a questo patrimonio, unico al mondo.

    In tempi più recenti, grazie al grande spirito europeista e al suo ruolo chiave di Stato fondatore, l'Italia è diventata protagonista anche della costruzione della casa comune europea.

    Ora, di fronte alle grandi sfide del XXI secolo, un'Europa forte e unita ha più che mai bisogno di un'Italia forte e unita. Il suo impulso, la creatività e la passione delle sue istituzioni, delle sue imprese, della sua società civile e dei suoi cittadini costituiscono una risorsa fondamentale.

    Anche l'Italia ha più che mai bisogno dell'Europa. Come dimostrano i più recenti sviluppi globali, è solo insieme, e in uno spirito di reciproca solidarietà e di responsabilità, che si trovano le soluzioni ai problemi che ci affliggono; è solo insieme che possiamo sperare di vincere le sfide che ci attendono.

    La Commissione europea, ed io personalmente, siamo convinti che l'Italia continuerà a giocare un ruolo di primo piano, con lo stesso spirito d'iniziativa e di dedizione che l'hanno sempre contraddistinta.

    Auguro a tutti gli amici italiani di celebrare con gioia questo giorno di festa.

     

    Link connessi

    Ultimo aggiornamento: 17/03/2011  |Inizio pagina