Percorso di navigazione

Futuro bilancio UE, Barroso: raggiunto il più alto livello di accordo possibile
RSSTwitter
Inviare questa pagina per posta elettronicaInviare questa pagina per posta elettronicaPrintPrint

12/02/2013


La Commissione avrebbe preferito una proposta "più ambiziosa", vicina al testo presentato nel 2011. Ma "devo riconoscere che l'accordo politico fatto oggi è stato il più alto livello di accordo possibile che i Capi di Stato e di governo potevano raggiungere all'unanimità". Così il Presidente Barroso commenta i risultati del vertice europeo del 7 e 8 febbraio.

    Futuro bilancio UE, Barroso: raggiunto il più alto livello di accordo possibile

    Commentando le conclusioni del Vertice europeo del 7-8 febbraio e l'accordo raggiunto sul Quadro finanziario pluriennale per il 2014-2020, il Presidente Barroso ha fatto la seguente dichiarazione:

    Il presidente del Consiglio europeo ha appena presentato l'accordo politico raggiunto dai capi di Stato e di governo per il quadro finanziario pluriennale 2014-2020.

    La Commissione, naturalmente, avrebbe preferito un risultato più vicino alla sua proposta iniziale. Come sapete, nel 2011, la Commissione europea ha presentato una proposta che era più ambiziosa del risultato di oggi, una proposta che aveva ricevuto il sostegno di una netta maggioranza degli Stati membri in quel momento. Ma devo riconoscere che l'accordo politico fatto oggi è stato il più alto livello di accordo possibile che i Capi di Stato e di governo potevano raggiungere all'unanimità.

    I livelli concordati oggi dai Capi di Stato e di governo sono inferiori a quanto la Commissione ritiene auspicabile alla luce delle sfide di promuovere la crescita e l'occupazione in tutta l'Unione europea nei prossimi anni.

    Nel corso del dibattito, ho sottolineato che questo accordo politico avvia un processo. Il passo successivo è quello di ottenere il consenso del Parlamento europeo.

    Una condizione essenziale perché questo accordo funzioni - e ho sottolineato molto chiaramente - è la massima flessibilità possibile. Questo ci permetterà di adattarci ai nuovi sviluppi, ad esempio spostando la spesa da un anno all'altro. Senza un accordo sulla flessibilità gli impegni previsti non potranno essere trasformati in pagamenti.

    Ora, per quanto riguarda la sostanza: l'accordo che è stato concordato questa sera può ancora essere un importante catalizzatore per la crescita e l'occupazione. Tra gli elementi positivi voglio sottolineare i seguenti:

    In primo luogo, la struttura di base della proposta della Commissione e di alcuni strumenti innovativi sono stati conservati, compreso il meccanismo per collegare l'Europa, che prevede investimenti nel settore dei trasporti, dell'energia e dell'agenda digitale. Questo rende il nostro bilancio uno strumento per la competitività e la crescita con una logica pan-europea.

    In secondo luogo, in alcuni settori saremo in grado di investire maggiormente rispetto al passato. Questo è vero per la ricerca e l'innovazione (il programma denominato Orizzonte 2020). E 'vero per l'Erasmus per tutti. Avremo anche, e questo per la prima volta, un programma dedicato alle PMI, un programma chiamato COSME. E 'anche questo rende il nostro budget più moderno.

    In terzo luogo, abbiamo un accordo su una nuova e molto importante Iniziativa per l'occupazione giovanile e molto importante per l'occupazione. Si tratta di un impegno ad agire a livello di UE sulla principale sfida politica e sociale di oggi, quella di far accedere i giovani al mondo del lavoro. Ciò rafforza giustamente la dimensione sociale della nostra Unione. E si basa sull'azione avviata lo scorso anno dalla Commissione con 8 Stati membri. Finanzierà anche la Garanzia per i giovani e altre misure a livello europeo e nazionale. Sono anche molto contento che è stato possibile mantenere il programma di aiuti per le persone più bisognose. Data l'opposizione in alcuni ambienti, si può considerare questo un risultato molto positivo.

    Inoltre esternamente, abbiamo mantenuto il nostro impegno per gli aiuti allo sviluppo e gli aiuti umanitari, focalizzando adesso il nostro sostegno ai paesi più poveri.

    In quarto luogo, gli importi assegnati per la coesione e l'agricoltura sono significativi e saranno più mirati alla crescita sostenibile e la creazione di posti di lavoro. Tra l'altro, la sostenibilità è una politica molto importante e in effetti si tratta di un impegno che stiamo mantenendo in tutte le politiche. A questo proposito, il greening nella politica agricola merita di essere menzionato, come ad esempio il nostro impegno per la protezione del clima.

    In quinto luogo, la dimensione della solidarietà è rafforzata adattando le regole di co-finanziamento e di pre-finanziamento per tener conto della situazione specifica delle regioni più vulnerabili d'Europa. E so quanto sia importante e urgente questo finanziamento per alcuni Stati membri, che senza questo sostegno europeo semplicemente non saranno in grado di effettuare gli investimenti pubblici di cui hanno bisogno.

    In sintesi, questa è stata una trattativa difficile e una giusta valutazione deve riconoscere che questo accordo non è perfetto ma offre una base per i negoziati con il Parlamento europeo. Spero che questi negoziati avranno successo.

    Una parola molto breve sul commercio.

    Sono lieto che il Consiglio europeo ha adottato conclusioni forti che appoggiano l'ambiziosa agenda commerciale della Commissione.

    Dobbiamo andare avanti in materia di accordi di libero scambio, in quanto un migliore accesso ci garantirebbe un aumento del PIL di almeno il 2% - il doppio di quello che abbiamo concordato oggi. L'apertura al commercio è una leva potente per la modernizzazione delle nostre economie.

    La Commissione premerà per realizzare il pieno potenziale di un si accordo di libero scambio integrato tra le due sponde dell'Atlantico. Mi auguro che molto presto il Gruppo di alto livello presenti a noi e il presidente Obama una raccomandazione di avviare negoziati per un accordo commerciale transatlantico. Presto avvieremo anche negoziati con il Giappone. Ampliare l'agenda commerciale con questi due partner sarebbe trasformativo non solo per l'Europa, ma per l'economia internazionale in generale.

    Questi saranno accordi di vasta portata che vanno oltre le tariffe attraverso l'integrazione dei mercati e la rimozione delle barriere.

    Infine, ai nostri impegni con i nostri partner del Mediterraneo meridionale continuano ad essere una priorità assoluta. Il nostro ruolo è più forte che mai. Sono lieto della risolutezza mostrata dal Consiglio europeo di continuare a sostenere la transizione democratica nella regione.

    Quindi, come ha detto il presidente Van Rompuy, è stata una maratona ed è stata una maratona con risultati molto importanti. Abbiamo discusso questioni molto importanti nel corso di negoziati molto intensi e ricchi.

     

     

    Link connessi

    Ultimo aggiornamento: 13/02/2013  |Inizio pagina