Percorso di navigazione

2a CONFERENZA EUROPEA “WE SAVE THE BEES” 2011
RSSTwitter
Inviare questa pagina per posta elettronicaInviare questa pagina per posta elettronicaPrintPrint

16/12/2011 - 17/12/2011

Torino, 16-17 dicembre 2011 
 
Conferenza We save the bees, dal titolo “ La mortalità delle api, soluzioni, progetti e strategie future”

Museo Regionale di Scienze Naturali, sala conferenze.

L’ U.C.E.P.E., sulla base della risoluzione della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo approvata il 6 Ottobre 2011, presenta la seconda Conferenza We save the bees, con cui intende coinvolgere enti operanti nel settore e privati cittadini sulla salvaguardia delle api e del loro habitat.

    2a CONFERENZA EUROPEA “WE SAVE THE BEES” 2011

    Bozza prèliminare e programma delle attività del 16 e 17 Dicembre 2011 presso il museo M.R.S.N. di Torino 

    2a Conferenza Europea sulla salvaguardia delle api in Europa, Presentazione e premiazione dei migliori mieli prodotti in Europa.2° Concorso Europeo “ L’Ape d’Oro per l’ecologia” riservato alle scuole primarie, 2a Rassegna di cortometraggi sulla vita, la salvaguardia delle api e dell’ambiente.

    Le api minacciate d’estinzione, l’umanità mette a rischio il suo avvenire

    Comunicato  P.N.U.E. - O.N.U. Site-web. http://www.un.org/french/newscentre/ - http://www.unep.org/Documents.Multilingual/Default.asp?DocumentID=664&ArticleID=6923&l=en  

    Il declino delle api, gli insetti che sono vitali per l’ impollinazione delle piante e quindi per la produzione alimentare, questo fenomeno potrebbe diventare potenzialmente disastroso se gli uomini non cambieranno il loro stile di vita profondamente, continuando ad utilizzare in modo indiscriminato gli insetticidi ed aumentando l’inquinamento atmosferico, lo afferma un rapporto del Programma delle Nazioni Unite dell’Ambiente (U.N.E.P.).Pubblicato a New York Giovedì - Mars 10- 2011- 5:50 pm.

    Il modo in cui l’ umanità ha gestito o gestito male, il potenziale della natura compresi gli impollinatori, in parte può compromettere il nostro futuro collettivo nel 21° secolo. Delle cento specie di piante che forniscono il 90% degli alimenti in tutto il mondo, oltre il 70% dipendono dalle api per l'impollinazione ", ha esortato il direttore dell' U.N.E.P, Achim Steiner in occasione del lancio del programma U.N.E.P.

    Secondo lo studio dell' U.N.E.P., chiamato ".Disorder nelle colonie delle api, molte cause minacciano gli impollinatori," il numero di colonie di api sta precipitando in molte parti del mondo. Per spiegare questo fenomeno l' O.N.U., l'agenzia propone più di una dozzina di fattori, che vanno dalla perdita di specie di piante da fiore inferiore al passato, al danno alla memoria degli insetti a causa della propagazione degli insetticidi  e dall’inquinamento atmosferico nocivo.

    In questo contesto, la relazione U.N.E.P. chiede l'attuazione immediata di misure ed incentivi per il ripristino di habitat per gli insetti impollinatori ed il loro ambiente, per gli agricoltori ad esempio  lo sviluppo di campi di piante da fiore accanto a quelli utilizzati per la produzione agricola.

    Achim Steiner  ha detto  che "Gli esseri umani si sono illusi, hanno creduto che nel 21° secolo avrebbero avuto  le capacità tecnologiche per consentire loro di essere indipendenti dalla natura", vista la situazione negativa della vita delle api il direttore ha affermato che “la realtà è un’altra” in un mondo di quasi sette miliardi di essere umani, siamo più dipendenti dalla natura e non il contrario…la relazione continua nel sito-web dell’ U.C.E.P.E:    www.wesavethebees.eu  -  www.ucepe.eu  . e-mail: info@ucepe.eu

    Link connessi

    Ultimo aggiornamento: 09/11/2011  |Inizio pagina