Anziani

Entro il 2025 oltre il 20% degli europei avrà 65 anni o più e aumenterà rapidamente il numero di ultraottantenni.

L'allungamento della speranza di vita è ovviamente un effetto positivo del progresso, ma implica anche un maggior rischio di disturbi fisici, sensoriali e mentali.

Minimizzando questo rischio possiamo garantire che, anche in età avanzata, potremo mantenere una qualità di vita decente, restare indipendenti e continuare a svolgere un ruolo attivo nella società e in famiglia.