La salute e i fondi strutturali

La politica di coesione dell'UE e la salute

L'obiettivo della politica di coesione dell'UE è ridurre le disparità economiche e sociali tra le regioni d'Europa, facendo ricorso principalmente ai fondi strutturali (fondi ESI).

La salute viene riconosciuta sempre di più come un elemento importante per lo sviluppo regionale e per la competitività e figura ora tra i settori ammessi a beneficiare dei finanziamenti ESI agli investimenti per vari obiettivi:

  • il Fondo europeo di sviluppo regionale finanzia infrastrutture e attrezzature sanitarie, l'assistenza sanitaria online, la ricerca e il sostegno alle PMI
  • il Fondo sociale europeo finanzia attività in campo sanitario legate all'invecchiamento attivo e in buona salute, alla promozione della salute e alla lotta contro le disuguaglianze in campo sanitario, al sostegno alla salute dei lavoratori e al rafforzamento delle capacità della pubblica amministrazione.

I principi dei Fondi strutturali e di investimento europei 2014-2020 garantiscono che i finanziamenti siano utilizzati dalle autorità nazionali e regionali in maniera efficace e rispondente a una strategia politica globale.

Come ottenere finanziamenti per gli investimenti in campo sanitario attraverso i fondi strutturali?

La Commissione ha pubblicato una guida  in cui illustra agli Stati membri e ai potenziali beneficiari quali ambiti del settore sanitario possono essere sostenuti dai fondi strutturali e d'investimento europei.

Scopri di più sulla politica di coesione 2014-2020 e verifica se il tuo progetto corrisponde alle priorità dei programmi ESIF nel tuo paese o nella tua regione.

Maggiori informazioni sull'uso dei Fondi strutturali e di investimento europei in campo sanitario . 

Cooperazione con gli Stati membri

Gli Stati membri hanno piena competenza in materia di assistenza sanitaria. Decidono, definiscono e attuano investimenti nel settore sanitario. La Commissione collabora con gli Stati membri  per rafforzarne le capacità di gestione dei fondi strutturali in campo sanitario e promuovere lo scambio di soluzioni efficaci.