Azioni dell'UE

L'azione dell'UE riguardo ai campi elettromagnetici deriva dalla raccomandazione 1999/519/CE del Consiglio, del 12 luglio 1999, relativa alla limitazione dell'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici da 0 Hz a 300 GHzpdf.

La raccomandazione propone una serie di limiti e livelli di riferimento di base.

Contesto

Attuazione

Le azioni adottate finora figurano in diverse relazioni Scegli le traduzioni del link precedente English (en) sull'attuazione della raccomandazione.

Norme dell'UE in altri settori

La raccomandazione serve da documento di riferimento per le norme dell'UE in altri settori, tra cui:

Revisione

Nel 2007 la Commissione ha preparato la revisione intermedia del piano d'azione europeo 2004-2010 per l'ambiente e la salute. Nella sua risoluzione del 4 settembre 2008, il Parlamento europeo esortava il "Consiglio a modificare la sua raccomandazione 1999/519/CE onde tener conto delle migliori pratiche nazionali e di fissare in tal modo valori limite di esposizione più esigenti per tutte le attrezzature che emettono onde elettromagnetiche nelle frequenze tra 0,1 MHz e 300 GHz". La risoluzione della Commissione figura nel documento SP(2008)6486.

Nella sua risoluzione del 2 aprile 2009 "sulle preoccupazioni per la salute connesse ai campi elettromagnetici" , il Parlamento europeo non ha rinnovato il suo invito precedente al Consiglio. Ha deciso invece di "esortare la Commissione a procedere alla revisione e a informare il Parlamento del fondamento scientifico e l'adeguatezza dei limiti CEM fissati dalla raccomandazione 1999/519/CE", ritenendo che "tale revisione debba essere effettuata dal comitato scientifico sui rischi emergenti e recentemente identificati". La risoluzione della Commissione figura nel documento SP(2009)3508.

Interrogazioni scritte di parlamentari europei (dal 2006)

Sommario delle interrogazioni scritte Scegli le traduzioni del link precedente English (en) presentate da parlamentari europei a proposito dei campi elettromagnetici (2006-)