Politiche dell'UE

Gli agenti antimicrobici, come gli antibiotici, hanno ridotto in maniera significativa il numero dei decessi causati dalle malattie infettive da quando furono introdotti 70 anni fa. Tuttavia, a causa dell'uso eccessivo ed errato di questi agenti, molti microrganismi sono diventati resistenti al trattamento.

In base alle stime del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, la resistenza antimicrobica causa ogni anno 25 000 decessi e costa oltre 1,5 miliardi di euro in termini di spese sanitarie e perdita di produttività.

La situazione è aggravata dal fatto che gli antimicrobici sono diventati una componente essenziale della medicina moderna. Non si può più farne a meno per la maggior parte degli interventi chirurgici.

Piano d'azione contro la resistenza antimicrobica

Il piano d'azione di lotta ai crescenti rischi di resistenza antimicrobicapdf della Commissione (2011) prevede 12 azioni da attuare in collaborazione con i paesi membri dell'UE e individua 7 settori in cui occorre interventire con urgenza:

  • garantire un uso adeguato degli antimicrobici nell'uomo e negli animali
  • prevenire le infezioni microbiche e la loro propagazione
  • mettere a punto nuovi antimicrobici efficaci o altri strumenti di cura alternativi
  • collaborare con i partner internazionali per contenere i rischi associati alla resistenza antimicrobica
  • migliorare il monitoraggio e la vigilanza nella medicina umana e veterinaria
  • promuovere la ricerca e l'innovazione
  • migliorare la comunicazione, l'istruzione e la formazione.

Promozione e sostegno

La Commissione finanzia diversi progetti in questo settore Scegli le traduzioni del link precedente български (bg) čeština (cs) dansk (da) Deutsch (de) eesti keel (et) ελληνικά (el) English (en) español (es) français (fr) latviešu valoda (lv) lietuvių kalba (lt) magyar (hu) Malti (mt) Nederlands (nl) polski (pl) português (pt) română (ro) slovenčina (sk) slovenščina (sl) suomi (fi) svenska (sv)  attraverso il suo programma per la salute e controlla il rischio della resistenza agli agenti antimicrobici con l'aiuto del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie e l'Autorità europea per la sicurezza alimentare.

Nel 2011 la task force transatlantica sulla resistenza antimicrobica Scegli le traduzioni del link precedente English (en) ha pubblicato alcune raccomandazioni per la futura collaborazione tra gli USA e l'UEpdf.