Notification Detail

Ordinance on the use of personal light electric vehicles (PLEV) on public roads and amending other road traffic regulations

Notification Number: 2019/84/D (Germany)
Date received: 26/02/2019
End of Standstill: 27/03/2019
Invocation of the Emergency Procedure: Yes

de en fr
bg cs da de el en es et fi fr hr hu it lt lv mt nl pl pt ro sk sl sv


Messaggio 002

Comunicazione della Commissione - TRIS/(2019) 00525
Direttiva (UE) 2015/1535
Traduzione del messaggio 001
Notifica: 2019/0084/D

No abre el plazo - Nezahajuje odklady - Fristerne indledes ikke - Kein Fristbeginn - Viivituste perioodi ei avata - Καμμία έναρξη προθεσμίας - Does not open the delays - N'ouvre pas de délais - Non fa decorrere la mora - Neietekmē atlikšanu - Atidėjimai nepradedami - Nem nyitja meg a késéseket - Ma’ jiftaħx il-perijodi ta’ dawmien - Geen termijnbegin - Nie otwiera opóźnień - Não inicia o prazo - Neotvorí oneskorenia - Ne uvaja zamud - Määräaika ei ala tästä - Inleder ingen frist - Не се предвижда период на прекъсване - Nu deschide perioadele de stagnare - Nu deschide perioadele de stagnare.

(MSG: 201900525.IT)

1. Structured Information Line
MSG 002 IND 2019 0084 D IT 26-02-2019 D NOTIF


2. Member State
D


3. Department Responsible
Bundesministerium für Wirtschaft und Energie, Referat E B 2, 11019 Berlin,
Tel.: 0049-30-2014-6353, Fax: 0049-30-2014-5379, E-Mail: infonorm@bmwi.bund.de


3. Originating Department
Bundesministerium für Verkehr und digitale Infrastruktur, Referat StV 24, 10115 Berlin,
Tel.: 0049-30-18300-7652, Fax: 0049-30-18300-1920, E-Mail: ref-stv24@bmvi.bund.de


4. Notification Number
2019/0084/D - T00T


5. Title
Decreto concernente la circolazione su strada di piccoli veicoli elettrici e recante modifica di altre prescrizioni giuridiche sulla circolazione stradale


6. Products Concerned
Veicoli a propulsione elettrica che soddisfano i seguenti requisiti tecnici:
- manubrio o barra di supporto;
- velocità massima per costruzione compresa tra 6 km/h e 20 km/h;
- limitazione delle prestazioni a 500 Watt (1 400 Watt per i veicoli autoequilibranti);
- soddisfacimento dei requisiti minimi di dinamica di guida.


7. Notification Under Another Act
-


8. Main Content
Ai veicoli a propulsione elettrica è consentita la circolazione su strade pubbliche quando soddisfano i seguenti requisiti tecnici:
- manubrio o barra di supporto;
- velocità massima per costruzione compresa tra 6 km/h e 20 km/h;
- limitazione delle prestazioni a 500 Watt (1 400 Watt per i veicoli autoequilibranti);
- soddisfacimento dei requisiti minimi di dinamica di guida
("piccoli veicoli elettrici").
Le prescrizioni del codice stradale (StVO), delle norme di ammissione degli autoveicoli alla circolazione stradale (StVZO), del regolamento sull'immatricolazione dei veicoli (FZV) e del regolamento sulle patenti di guida (FeV) sono applicabili ai piccoli veicoli elettrici, fatte salve le specificità dei veicoli. I piccoli veicoli elettrici con una velocità massima per costruzione superiore a 12 km/h devono circolare sulle piste ciclabili e possono essere usati a partire dai 14 anni di età. I piccoli veicoli elettrici con una velocità massima per costruzione inferiore a 12 km/h possono circolare sulle piste pedonali e posso essere usati a partire dai 12 anni di età. Non esiste alcun obbligo di autorizzazione ma esiste un obbligo di assicurazione. Per i veicoli è prevista l'introduzione di una targa assicurativa da incollare.


9. Brief Statement of Grounds
Sulla base del regolamento (UE) n. 168/2013 relativo all'omologazione dei veicoli a motore a due o tre ruote e dei quadricicli (motociclette, quad ecc.), che esclude dal suo ambito di applicazione i veicoli autoequilibranti e i veicoli privi di sedile, tali veicoli ricadono nella sfera di competenza legislativa nazionale. In Germania, la circolazione su strada pubblica è finora permessa esclusivamente ai Segway.
Il presente decreto permette ai veicoli elettrici privi di sedile e ai veicoli autoequilibranti di partecipare alla circolazione stradale pubblica in modo sostenibile e indipendentemente dalla loro tipologia. I piccoli veicoli elettrici sono considerati veicoli ai sensi dell'articolo 1, paragrafo 2, della legge sulla circolazione stradale (StVG), dato che dispongono di un motore a propulsione elettrica. Una particolarità di questi veicoli risiede nelle loro piccole dimensioni e nel loro peso ridotto, che li rendono pieghevoli e portatili. Tali caratteristiche consentono agli utilizzatori di portare con sé i veicoli, motivo per cui essi rappresentano un particolare valore aggiunto per i collegamenti tra diversi mezzi di trasporto e, specialmente, per coprire le brevi distanze. Tali veicoli sono altresì a emissioni zero e contribuiscono pertanto, in particolare nelle città, a ridurre l'inquinamento atmosferico.


10. Reference Documents - Basic Texts
Riferimenti a testi di base: https://www.gesetze-im-internet.de/stvg/
codice stradale (codice StVO)
https://www.gesetze-im-internet.de/stvo_2013/
norme di ammissione degli autoveicoli alla circolazione stradale (regolamento StVZO)
https://www.gesetze-im-internet.de/stvzo_2012/
regolamento sulle patenti di guida (regolamento FeV)
https://www.gesetze-im-internet.de/fev_2010/
regolamento sull'immatricolazione dei veicoli (regolamento FZV)
https://www.gesetze-im-internet.de/fzv_2011/
regolamento sul catalogo delle sanzioni pecuniarie (regolamento BKatV)
https://www.gesetze-im-internet.de/bkatv_2013/


11. Invocation of the Emergency Procedure



12. Grounds for the Emergency
Il decreto proposto prevede un regime per i veicoli autobilancianti e per i veicoli privi di sedile, dotati di propulsione elettrica, non contemplati dal regolamento (UE) n. 168/2013. In Germania, la circolazione su strada pubblica è finora permessa esclusivamente ai Segway. Negli ultimi tempi si sono verificati numerosi nuovi sviluppi nel campo dell'elettromobilità con i piccoli veicoli, e questo mercato continua a svilupparsi a ritmo sostenuto. L'attuale quadro normativo risulta obsoleto in riferimento a tali nuovi concetti di veicoli, nella misura in cui attualmente tali veicoli non sono ammessi sulle strade pubbliche in Germania.
Allo stesso tempo, la giurisprudenza di sempre più città e comuni tedeschi impone divieti di circolazione e restrizioni al traffico, in particolare per i veicoli a diesel. Ciò è necessario per proteggere la salute pubblica e l'ambiente. Nel 2018, in dieci grandi città tedesche sono già state pronunciate sentenze corrispondenti e numerosi altri procedimenti sono ancora in corso.
Il 19 giugno 2015 la Commissione europea ha avviato una procedura di infrazione nei confronti della Germania per violazione della direttiva 2008/50/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2008, relativa alla qualità dell'aria ambiente e per un'aria più pulita in Europa, e l'11 ottobre 2018 ha presentato un ricorso alla Corte di giustizia dell'Unione europea (causa C-635/18). Secondo la Commissione, la Germania supera sistematicamente e continuamente in un gran numero di zone i valori limite per il biossido di azoto stabiliti dalla suddetta direttiva. Ciò è particolarmente grave a causa dell'impatto sulla salute della popolazione.
Il biossido di azoto è il prodotto di reazioni collaterali indesiderate durante i processi di combustione, in particolare nel traffico stradale. La Germania può affrontare questo problema solo passando a una mobilità consapevole dal punto di vista ambientale. L'aria pulita nelle città tedesche è stato l'obiettivo dichiarato del governo federale fin dall'inizio degli anni 2000. Da diversi anni lo Stato federale promuove l'elettromobilità e il passaggio a tecnologie di trasporto rispettose dell'ambiente con numerosi programmi di finanziamento.
Tuttavia, non è stato in grado di prevedere l'evoluzione dell'inquinamento da biossido di azoto nella sua portata reale.
In virtù del sistema di governo federale, in Germania sono le città e i comuni ad essere responsabili dell'elaborazione e dell'ulteriore sviluppo di piani per la tutela dell'aria. Il governo federale li sostiene con aiuti finanziari. Tuttavia, le misure contenute nei piani per la tutela dell'aria sono a lungo termine e possono costituire solo una stima. L'efficacia finale delle misure adottate può essere valutata solo dopo diversi anni.
Inoltre, le manipolazioni di veicoli a diesel da parte dei fabbricanti di veicoli, scoperte nel 2015, hanno creato ulteriori imprevedibili difficoltà alle città e ai comuni. Il traffico di veicoli a diesel è stato incluso nei piani per la tutela dell'aria di città e comuni con una percentuale molto più bassa di emissioni di biossido di azoto. Pertanto questi piani non erano del tutto idonei a garantire il rispetto dei valori limite prescritti, all'insaputa delle città e dei comuni interessati.
Il numero crescente di divieti di circolazione, l'onere per i cittadini e il ricorso per inadempimento da parte della Commissione hanno richiesto un'azione immediata da parte del governo federale. Tra questi, il programma di emergenza "Aria pulita 2017-2020" lanciato alla fine del 2017 e il "Progetto per l'aria pulita e la messa in sicurezza della mobilità individuale nelle nostre città" presentato il 2 ottobre 2018, nonché la decisione del governo tedesco di autorizzare l'elettromobilità mediante piccoli veicoli su strade pubbliche in Germania. Questo nuovo tipo di mobilità ha lo scopo di alleggerire il traffico e renderlo immediatamente più ecologico, soprattutto nelle grandi città dove i livelli di biossido di azoto sono particolarmente elevati.
D'altro canto, la normativa proposta non costituisce un ostacolo alla libera circolazione delle merci all'interno dell'Unione europea. Non saranno creati ulteriori ostacoli commerciali o alla concorrenza. Il progetto di decreto stabilisce i requisiti tecnici minimi per i piccoli veicoli elettrici, che dovrebbero applicarsi in egual misura a tutti i fabbricanti nazionali ed esteri. La maggior parte della normativa prevista ha lo scopo di classificare il mezzo di trasporto "piccolo veicolo elettrico" nell'ordinamento giuridico nazionale della Repubblica federale di Germania.


13. Confidentiality
No


14. Fiscal measures
No


15. Impact assessment



16. TBT and SPS aspects
Aspetto OTC

No – Il progetto non ha ripercussioni significative sul commercio internazionale.

Aspetto SPS

No – Il progetto non ha ripercussioni significative sul commercio internazionale.

**********
Commissione europea

Punto di contatto Direttiva (UE) 2015/1535
Fax: +32 229 98043
email: grow-dir2015-1535-central@ec.europa.eu

Stakeholders Contributions

The TRIS website makes it easy for you or your organization to contribute with your opinion on any given notification.
Due to the end of standstill we are currently not accepting any further contributions for this notification via the website.


No contributions were found for this notification