IMPORTANT LEGAL NOTICE : The information on this site is subject to a legal notice (http://europa.eu/geninfo/legal_notices_en.htm).
Sementi e materiale di moltiplicazione delle piante - Settore forestale
This page has moved ! If you are not redirected please click here

Gli studi effettuati mostrano come l'uso nel settore forestale di materiale di moltiplicazione di elevata qualità e adatto al luogo di messa a dimora sia essenziale per aumentare stabilità, resistenza alle malattie, adattamento, produttività e diversità delle foreste.

Pertanto, nel 1999 la direttiva 1999/105/CE del Consiglio relativa alla commercializzazione dei materiali forestali di moltiplicazione ha istituito un sistema comunitario motivato dal fatto che le foreste coprono un'ampia superficie della Comunità e svolgono un importante ruolo sociale, ambientale, economico e culturale.

La direttiva garantisce un'abbondante disponibilità, all'interno della Comunità, di materiale forestale di moltiplicazione di elevata qualità per le specie interessate, stabilendo che detto materiale non può essere commercializzato se non appartiene a una delle quattro categorie indicate nella direttiva stessa, e che solo il materiale di base ufficialmente approvato (gli alberi da cui è raccolto il materiale di moltiplicazione) può essere usato per la produzione di materiale destinato ad essere commercializzato.

Il materiale di base dev'essere approvato da un ente ufficiale che accerta il rispetto dei requisiti minimi stabiliti nell'allegato e corrispondenti alla categoria di materiale forestale di moltiplicazione che il materiale di base deve produrre. La suddetta approvazione è soggetta a controllo periodico. Le categorie differiscono per la severità dei criteri qualitativi cui il materiale deve corrispondere. Inoltre, tutti i tipi di materiale devono soddisfare le condizioni di cui all'allegato VII per quanto riguarda la purezza della specie nelle partite di frutta e sementi, la "qualità leale e mercantile" per le parti di piante, gli ibridi e il postime, nonché le condizioni specifiche relative al Populus spp.

Tutte le informazioni sulle unità di ammissione del materiale di base approvato sul territorio di uno Stato membro sono conservate in un registro nazionale comprendente informazioni sulla o sulle zone in cui il materiale è stato trovato, oppure l'esatta ubicazione geografica (a seconda della categoria). Questo elemento è fondamentale per determinare se un particolare materiale forestale di moltiplicazione sia adatto per il luogo di messa a dimora. In base agli elenchi nazionali è redatto un elenco comunitarioCommunity list excel file al fine di garantire che il sistema funzioni correttamente in tutta la Comunità. Il riferimento unico di registro è indicato sul certificato principale rilasciato dagli enti ufficiali dopo la raccolta per tutto il materiale di moltiplicazione ottenuto da materiale di base approvato. Entrambi gli elementi hanno un ruolo centrale nell'informazione e nel rintraccio dei materiali, e consentono quindi il rispetto delle severe condizioni di produzione e commercializzazione di cui alla direttiva. Il materiale forestale di moltiplicazione proveniente da paesi non comunitari può essere commercializzato all'interno della Comunità soltanto se fornisce le stesse garanzie del materiale comunitario.

Va osservato che esistono norme comunitarie in materia dal 1966 (precedente direttiva 66/404/CEE del Consiglio). Se del caso, la Commissione è assistita dagli Stati membri nell'adozione dei provvedimenti connessi con la direttiva 1999/105/CE per il tramite del comitato permanente per le sementi e i materiali di moltiplicazione agricoli, orticoli e forestali.

Per ulteriori informazioni sul ruolo svolto della Comunità nel settore della politica forestale, cliccare qui.

Legislazione