IMPORTANT LEGAL NOTICE : The information on this site is subject to a legal notice (http://europa.eu/geninfo/legal_notices_en.htm).
Sementi e materiale di moltiplicazione delle piante - Cereali
This page has moved ! If you are not redirected please click here

La direttiva 66/402/CEE del Consiglio, del 14 giugno 1966, relativa alla commercializzazione delle sementi di cereali introduce un sistema volto a migliorare la qualità delle sementi di cereali nella Comunità. Essa istituisce un sistema uniforme di certificazione per la Comunità che, in via generale, consente agli Stati membri di limitare la commercializzazione di sementi di cereali a quelle ufficialmente certificate. La certificazione è concessa soltanto se, in seguito a esame ufficiale, le sementi risultano soddisfare le condizioni della direttiva, in particolare i precedenti colturali, l'identità e la purezza della varietà, le distanze minime dalle fonti vicine di polline e la presenza di organismi nocivi per quanto riguarda le colture, nonché identità e purezza della varietà, facoltà germinativa, purezza specifica, contenuto in sementi di altre specie vegetali e presenza di organismi nocivi, in particolare la Claviceps purpurea, per quanto riguarda le sementi. Le sementi di cereali raccolte nei paesi esterni alla Comunità europea possono essere commercializzate sul territorio comunitario solo se presentano le stesse garanzie proprie delle sementi ufficialmente certificate all'interno della Comunità. La direttiva inoltre tiene conto dell'esigenza di garantire l'identità delle sementi per tutto il processo di commercializzazione e stabilisce delle norme in questo senso, in base alle quali le sementi devono essere immesse sul mercato in partite sufficientemente omogenee e in un imballaggio sigillato a prova di manomissione. Sono inoltre definite norme specifiche in materia di chiusura, etichettatura e documentazione.

Va osservato che la direttiva 66/402/CEE del Consiglio, del 14 giugno 1966, relativa alla commercializzazione delle sementi di cereali è stata modificata, per motivi di chiarezza, in modo frequente e sostanziale ed è attualmente sottoposta a consolidamento. Va aggiunto che alcuni Stati membri sono stati esentati dall'obbligo di applicare la direttiva 66/402/CEE ad alcune specie di cereali che in genere non vengono riprodotti o commercializzati sul loro territorio.

Se del caso, la Commissione è assistita dagli Stati membri nell'adozione dei provvedimenti connessi con la direttiva 66/402/CEE per il tramite del comitato permanente per le sementi e i materiali di moltiplicazione agricoli, orticoli e forestali.

Legislazione EN