Language selector

 
left
  slide
right
transtrans
 

es da de en fr it nl pt fi sv

Sicurezza dei prodotti alimentari

BSE

Bruxelles, 15 novembre 2000

Principale legislazione dell'UE sull'ESB

L'elenco è una rassegna della principale legislazione dell'Unione europea (UE) sull'Encefalopatia spongiforme bovina (ESB), come pure dei principali elementi delle decisioni. Una rassegna cronologica completa di tutta la legislazione sull'ESB è disponibile all'indirizzo internet: http://ec.europa.eu/food/fs/bse/index_en.html

Decisione 89/469 28 luglio 1989 (bestiame vivo Regno unito)

Il Regno unito non invia negli Stati membri bestiame vivo nato prima del 18 luglio 1988 o nato da femmine sospette di essere affette da encefalopatia spongiforme bovina o nelle quali sia stata confermata ufficialmente la presenza del morbo.

Decisione 90/134 6 marzo 1990 (notifica di ESB)

Devono essere notificati tutti i focolai di encefalopatia spongiforme bovina.

Decisione 90/200 9 aprile 1990 (prodotti Regno Unito)

Il Regno Unito non invia negli altri Stati membri cervella, midollo spinale, timo, tonsille, milza, intestini provenienti da bovini di età superiore ai sei mesi al momento della macellazione.

Decisione 94/381 27 giugno 1994 (divieto di mangimi)

Gli Stati membri vietano la somministrazione ai ruminanti di proteine derivate da tessuti di mammiferi.

Decisione 94/382 27 giugno 1994 (Lavorazione di resti di ruminanti)

Approvazione di sistemi alternativi di trattamento termico di rifiuti animali provenienti da ruminanti nell'intento di neutralizzare gli agenti dell'encefalopatia spongiforme.

Decisione 96/239 27 marzo 1996 (embargo nei confronti del Regno Unito)

Il Regno Unito non può esportare dal proprio territorio verso gli altri Stati membri o paesi terzi bovini e prodotti bovini

Decisione 96/449 18 luglio 1996 (lavorazione di rifiuti provenienti da mammiferi)

Condizioni di lavorazione di rifiuti provenienti da mammiferi nell'intento di neutralizzare gli agenti dell'encefalopatia spongiforme: 133° - 3 Bar - 20 minuti - ora sostituita dalla 1999/534 (introduce condizioni di lavorazione per il sego).

Decisione 98/256 16 marzo 1998 (parziale abrogazione dell'embargo nei confronti del Regno Unito - ECHS)

Prima modifica dell'embargo nei confronti del Regno Unito: Rafforzamento di controlli e prime misure di abrogazione dell'embargo nell'ambito del Programma per l'esportazione da allevamenti certificati (ECHS) d'Irlanda del Nord

Decisione 98/272 23 aprile 1998 (sorveglianza epidemiologica di tutte le EST)

Stabilisce le norme generali di sorveglianza di tutte le encefalopatie spongiformi trasmissibili (EST). Modificata dalla 2000/374, che introduce test raapidi (vedi sotto)

Decisione 98/653 18 novembre 1998 (embargo nei confronti del Portogallo)

Divieto di spedizione di bovini e prodotti bovini dal Portogallo

Decisione 98/692 25 novembre 1998 (parziale abrogazione dell'embargo nei confronti del Regno Unito - DBES)

Seconda modifica dell'embargo contro il Regno Unito: Adozione dei principi della seconda fase verso l'abrogazione del divieto nell'ambito del Programma di esportazione in base alla data (DBES) applicabile nell'intero Regno Unito.

Decisione 99/514 23 giugno 1999 (data di spedizione di carne e prodotti a base di carne DBES)

Fissazione delle data alla quale può iniziare la spedizione di carne di manzo e di prodotti a base di manzo provenienti dal Regno Unito: 1° agosto 1999

Decisione 2000/374 5 giugno 2000 (rafforzamento della sorveglianza mediante test rapidi)

Rafforzamento della sorveglianza epidemiologica dell'ESB nel bestiame mediante introduzione di un programma di monitoraggio a partire dal 1° gennaio 2001, mediante test rapidi post mortem. Gli Stati membri svolgono programmi annuali di monitoraggio su un campionario mirato di animali, con particolare attenzione agli animali che muoiono nelle aziende agricole, agli animali malati macellati d'urgenza e agli animali con sintomi di comportamento o neurologici.

Decisione 2000/418 29 giugno 2000 (Materiali a rischio specifico - MRS)

Gli Stati membri eliminano tessuti animali fra i più suscettibili di presentare un rischio ESB (in sintesi: cranio, tonsille, midollo spinale e ileo) dalla catena alimentare a jmale e umana a partire dal 1° ottobre. Le importazioni di carne da paesi terzi sono soggette agli stessi requisiti dal 1° aprile 2001, a meno che una valutazione scientifica non indichi l'inutilità di tali misure.

Proposta 19 ottobre 2000 (scorte di cui sono scaduti i termini)

La bozza di regolamento propone di vietare il riciclaggio di scorte di cui sono scaduti i termini e di materiale animale di scarto nei mangimi. Il solo materiale animale consentito per la produzione di mangimi sarebbe il materiale derivato da animali dichiarati idonei per il consumo umano in seguito a ispezione veterinaria. (Stadio di proposta, adottata dalla Commissione il 19 ottobre)

Top

BSE
SICUREZZA DEI PRODOTTI ALIMENTARI | SANITÀ PUBBLICA | CONSUMATORI | DIREZIONE GENERALE PER LA SALUTE E LA TUTELA DEI CONSUMATORI

 
lefttranspright

 

  Print  
Public HealthFood SafetyConsumer Affairs