Percorso di navigazione

Pesca

INSEPARABLE - Eat, Buy and Sell Sustainable FishINSEPARABLE - Eat, Buy and Sell Sustainable FishINSEPARABLE - Eat, Buy and Sell Sustainable FishINSEPARABLE - Eat, Buy and Sell Sustainable Fish

Ricerca
    Testo libero
Accesso rapido

Riforma della politica comune della pesca

Riforma della politica comune della pesca

Una nuova politica comune della pesca a partire dal 1º gennaio 2014
 
Il Consiglio e il Parlamento europeo hanno approvato una nuova politica comune della pesca (PCP) , in vigore dal 1º gennaio 2014. La nuova PCP intende riportare gli stock ittici a livelli sostenibili, porre fine alle pratiche di pesca che comportano uno spreco di risorse e creare nuove opportunità di occupazione e di crescita nelle zone costiere. Per raggiungere questo obiettivo la nuova politica prevede il divieto dei rigetti in mare, il rafforzamento dei diritti nel settore ittico, il decentramento del processo decisionale, il potenziamento dell’acquacoltura, un sostegno alla piccola pesca, il miglioramento delle conoscenze scientifiche riguardanti lo stato degli stock e l'assunzione di responsabilità nelle acque dei paesi terzi attraverso accordi internazionali dell’UE.

Il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP) è lo strumento di finanziamento che fornirà sostegno all’attuazione della riforma della politica comune della pesca e aiuterà a sviluppare l’economia blu in Europa. Il 25 gennaio il Parlamento europeo e il Consiglio hanno raggiunto un accordo politico sul FEAMP per il periodo 2014-2020. L’accordo è un passo fondamentale che permetterà al Fondo di entrare in funzione alla fine di quest'anno dopo l'approvazione dei relativi testi da parte del Parlamento europeo ad aprile 2014.

Il FEAMP contribuirà a ricostituire gli stock ittici, ridurre l’impatto della pesca sull’ambiente marino ed eliminare gradualmente le pratiche di rigetto in mare che comportano sprechi inutili. Darà inoltre sostegno alla piccola pesca artigianale, ai giovani pescatori e alle industrie ittiche locali. Il suo obiettivo è stimolare l’innovazione, aiutare le comunità a diversificare le loro economie e finanziare progetti che creano nuovi posti di lavoro e migliorano la qualità della vita nelle regioni costiere dell'Europa. Il Fondo sosterrà anche l'acquacoltura europea affinché possa sviluppare appieno il suo potenziale.