Navigation path

Una possibilità per tutti

Assicurare ai cittadini un posto di lavoro è il metodo più efficace per garantirne indipendenza e sicurezza finanziaria e svilupparne il senso di appartenenza. L’FSE sostiene migliaia di progetti nell'intento di fornire alle persone in difficoltà e a chi appartiene a gruppi svantaggiati le competenze necessarie per trovare lavoro e usufruire delle stesse opportunità riservate agli altri.

Aiutando le persone e i gruppi svantaggiati a ricevere un’istruzione valida o a trovare lavoro, l’FSE li mette nelle condizioni di svolgere un ruolo attivo nelle rispettive comunità. Le attività dell’FSE in questo ambito sono incluse in quattro priorità:

Un’ampia fetta delle risorse dell’FSE è destinata alla lotta alla cosiddetta “esclusione sociale”, condizione che si manifesta quando un individuo o un gruppo si trova a dover affrontare, per motivi di varia natura, difficoltà o discriminazioni in taluni aspetti della vita quotidiana. Un esempio è dato dalle persone con disabilità che non riescono a trovare un’occupazione perché le loro capacità vengono messe in dubbio: in questo modo vengono “escluse” dallo svolgimento di un’attività gratificante che la maggior parte delle persone dà per scontata.

Istockphoto/2003214

Tra gli altri, anche gli ex detenuti, i tossicodipendenti in fase di riabilitazione, le minoranze etniche, come i Rom e le persone recentemente immigrate con scarse conoscenze linguistiche rappresentano gruppi svantaggiati o vulnerabili esposti al rischio di esclusione sociale e alla povertà che spesso l’accompagna. L’Europa si è impegnata a combattere l'esclusione sociale. Uno degli strumenti più importanti per conseguire tale obiettivo è proprio l’FSE, che si concentra sull’occupazione come mezzo per eliminare la discriminazione, l’emarginazione e la povertà.