Percorso di navigazione

Come si applica?

Applicazione del Regolamento Legno dell’UE (EUTR)

L'EUTR è vincolante in ogni paese dell'UE, ma come viene applicato, e da chi? Leggi di seguito e consulta il documento di orientamentopdf(138 KB) per maggiori informazioni.

Il legislatore del tuo paese dovrà stabilire sanzioni "efficaci, proporzionate e dissuasive" per garantire il rispetto del provvedimento.

L'EUTR non ha effetto retroattivo, si applica pertanto solo al legno e ai prodotti del legno immessi sul mercato dal 3 marzo 2013.

Per saperne di più sulle sanzioni nel tuo paese, contatta l'autorità competente.

Un'autorità competente coordinerà in ogni paese l'applicazione del regolamento.

Le autorità competenti effettueranno controlli su operatori e organismi di controllo.

Per trovare l'autorità competente nel tuo paese fai clic qui.

Gli organismi di controllo dell'UE devono sviluppare sistemi di dovuta diligenza che gli operatori possono utilizzare per garantire il rispetto di quanto stabilito dall'EUTR. Possono tuttavia anche ideare un proprio sistema.

Come applicare il regolamento nella propria attività? Maggiori informazioni sulla "dovuta diligenza"

Come può prepararsi un'impresa per rispettare quanto stabilito dall'EUTR? Una volta accertato se si è operatori o commercianti, si devono adottare provvedimenti specifici.

Se si è commercianti, si devono semplicemente conservare le informazioni relative alle società da cui si acquista o a cui si vende legname o prodotti da esso derivati.

Se si è operatori, si hanno maggiori responsabilità. È necessario applicare la dovuta diligenza nell'assicurarsi che il legname e i prodotti da esso derivati siano stati raccolti legalmente.

Si deve utilizzare un sistema di dovuta diligenza comprendente i seguenti elementi:

Informazioni: si deve avere accesso alle seguenti informazioni sul legname:

  • descrizione (incluso il nome commerciale, il tipo di prodotto e il nome comune/nome scientifico completo delle specie);
  • paese di raccolta (e, se possibile, la regione di raccolta e la relativa concessione per la raccolta, ovvero un contratto che conferisca il diritto di raccogliere legname in un'area definita);
  • quantità (espressa in volume, peso o numero di unità);
  • nome e indirizzo del fornitore;
  • nome e indirizzo dell'acquirente (commerciante) che acquista il legname;
  • documenti o altre informazioni che attestino il rispetto della legislazione vigente relativamente al legname e ai prodotti da esso derivati. Alcuni esempi concreti di ciò che viene considerato "documento o altra informazione", sono riportati nella sezione 4 del documento di orientamento.

Valutazione del rischio: si deve analizzare e valutare il rischio che il legname che si sta trattando non provenga da raccolta illegale. Nello svolgere tale valutazione, si devono prendere in considerazione i seguenti criteri:

  • garanzia di conformità alla legislazione vigente, che può includere una certificazione o un altro schema verificato da terzi, comprendente anche la conformità alla legislazione vigente;
  • prevalenza di raccolta illegale di determinate specie di alberi;
  • prevalenza di raccolta o pratiche illegali nel paese di raccolta e/o nella regione dove il legname è stato raccolto, inclusa la considerazione della prevalenza di conflitti armati;
  • sanzioni imposte dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite o dal Consiglio dell'Unione europea sulle esportazioni e le importazioni di legname;
  • complessità della catena di approvvigionamento del legname e dei prodotti del legno.

Consulta il documento di orientamentopdf(138 KB) per maggiori informazioni.

Attenuazione del rischio: se non si è certi che il rischio di immettere sul mercato legname raccolto illegalmente sia trascurabile, si devono adottare provvedimenti per attenuare il rischio. Essi possono includere:

  • la richiesta di maggiori informazioni da parte dei propri fornitori;
  • la richiesta di ulteriori documenti da parte dei propri fornitori;
  • la richiesta di verifiche di terze parti e così via.