• Versione stampabile

La roadmap energetica tedesca promuove l'incremento delle energie rinnovabili

28/07/2011

  • Germania
450_it.html

La Germania ha pubblicato la sua roadmap 2009 per la politica energetica, che mira a promuovere la sostenibilità in materia di energia. L'auspicio è che l'energia rinnovabile arrivi a costituire il 30% della produzione elettrica della Germania entro il 2020.

Il ministero tedesco dell'Ambiente, della tutela della natura e della sicurezza nucleare (BMU) ha tracciato un piano in dieci punti per la sostenibilità energetica e gli obiettivi climatici. Una relazione del ministero del gennaio 2009 afferma che la Germania non deve diventare dipendente dalle importazioni energetiche o dall'energia nucleare.

La Germania è leader a livello mondiale nel settore dell'energia rinnovabile. Leggi come, ad esempio, quella sulle fonti di energia rinnovabile promuovono le fonti rinnovabili attraverso le tariffe di alimentazione. Nel 2007, con 28 milioni di tonnellate di equivalente petrolio (Mtep), la Germania ha superato di cinque volte la media della UE a 27 per la produzione primaria di energia rinnovabile. Inoltre, alla fine del 2008, il paese era il secondo consumatore su scala mondiale di energia eolica, con una capacità installata di 24 GW.

La roadmap definisce una serie di principi attraverso i quali il governo tedesco auspica di ampliare ulteriormente la fornitura di energia sostenibile. Oltre a garantire la sicurezza degli approvvigionamenti e stimolare l'economia, l'espansione delle energie rinnovabili e la graduale dismissione del nucleare sono passi essenziali lungo la strada verso la sostenibilità.

La roadmap invita anche all'uso efficiente del carbone, al miglioramento delle reti elettriche tedesche e alla riduzione del consumo di elettricità, oltre a menzionare la diminuzione del fabbisogno di combustibile fossile, la drastica riduzione delle emissioni legate al traffico e la positiva conclusione dei negoziati di Copenhagen sul clima.

Attraverso questi principi, la Germania spera di raggiungere una serie di obiettivi ambientali di primaria importanza, riducendo le emissioni di gas a effetto serra del 40% rispetto ai livelli del 1990 e realizzando una crescita annua della produttività energetica pari al 3%, grazie a una maggiore efficienza.

Accento sulle energie rinnovabili

La roadmap pone l'accento predominante sul contributo delle energie rinnovabili e stabilisce, pertanto, l'obiettivo di ottenere da fonti rinnovabili il 50% del consumo primario complessivo di energia entro il 2050.

Per garantire la sicurezza dell'approvvigionamento energetico della Germania, saranno potenziate le energie rinnovabili e incrementata l'efficienza energetica. La Germania auspica che la sua legge sulle fonti di energia rinnovabili e la legge proposta sul rendimento energetico possano consentire all'energia rinnovabile di imporsi come sostituto a lungo termine dell'energia nucleare e delle centrali elettriche convenzionali che si sono dimostrate inefficienti.

Per garantire che l'energia rinnovabile sia in grado di soddisfare il fabbisogno energetico della Germania, il settore nazionale dell'eolico deve essere modernizzato. Le vecchie turbine devono essere sostituite con nuovi modelli dotati di maggiore capacità. Inoltre, entro il 2020 gli impianti eolici off-shore della Germania devono produrre 10 GW di energia. Infine, deve essere potenziato il ruolo delle biomasse nel mix energetico nazionale, mentre è necessario sostenere il fotovoltaico affinché raggiunga entro il 2015 la cosiddetta grid parity (ossia parità di costo per kWh rispetto alle convenzionali fonti di elettricità).

Per ulteriori informazioni

  • «New Thinking – New Energy: Energy Policy Road Map»:
    http://www.bmu.de/files/pdfs/allgemein/application/pdf/roadmap_energiepolitik_en.pdf pdf English

    Ministero federale tedesco dell'Ambiente, della tutela della natura e della sicurezza nucleare:
    http://www.bmu.de Deutsch

    Legge sulle fonti di energia rinnovabili:
    http://www.erneuerbare-energien.de/inhalt/6465/5982/ English

Informazioni relative all'argomento sul sito Web EcoAP