• Versione stampabile

Innovazione: fattore chiave per la crescita verde

26/10/2011

  • Eu
755_it.html

La salvaguardia delle risorse naturali non deve scendere a compromessi con la crescita economica. La strategia di crescita verde dell'OCSE dimostra come questo sia possibile grazie a politiche a sostegno dell'innovazione sostenibile.

Nel 2009, ministri di tutto il mondo hanno fatto appello all'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) affinché elaborasse una strategia di crescita verde volta ad aiutare i governi a conseguire la ripresa economica e una crescita economica sostenibile dal punto di vista ambientale e sociale. A metà del 2011, in occasione del 50° anniversario della sua fondazione, l'OCSE ha pubblicato un rapporto finale di sintesi in cui viene sottolineato il ruolo cruciale che l'innovazione ecocompatibile deve svolgere sulla strada che porta al conseguimento di questi obiettivi.

La strategia dell'OCSE offre sostegno al dialogo interno all'UE in merito alla crescita verde, che ha preso forma in particolare nel corso dell'elaborazione della strategia Europa 2020. Per l'Europa, comunque, le raccomandazioni dell'OCSE arrivano nel bel mezzo di una situazione caratterizzata da disoccupazione elevata, crescita lenta e crisi del debito pubblico persistente (quest'ultima ha costretto molti paesi ad adottare rigorose misure di austerity).

Nonostante le recenti turbolenze economiche, o forse proprio per causa loro, il rapporto si fa latore di una particolare urgenza. Analogamente a Europa 2020, l'appello dell'OCSE a favore di una strategia di crescita verde si è manifestato in parte come reazione alla crisi economica, la quale ha convinto molti paesi della necessità di affrontare la crescita economica in maniera diversa, ovvero occupandosi seriamente dell'interdipendenza dei sistemi economico e naturale, nonché dei rischi a lungo termine provocati dal continuo ipotecare le risorse in esaurimento del pianeta.

L'OCSE ha incoraggiato i governi che intendono affrontare senza indugi la questione a rivolgersi all'innovazione ecocompatibile, abbandonando "le tecnologie di produzione e le abitudini di consumo esistenti, da cui ci si può aspettare risultati positivi soltanto fino a un certo punto, oltre il quale l'esaurimento del capitale naturale avrà conseguenze negative per la crescita complessiva".

Per quanto riguarda le politiche, il rapporto illustra diversi modi a disposizione dei governi per concentrare i propri sforzi sull'innovazione sostenibile. Uno di questi consiste nel migliorare l'accesso ai finanziamenti, sia per la ricerca sia per l'adozione dei risultati su scala commerciale. Avendo mappato gli ambiti scientifici che influenzano l'innovazione nelle tecnologie verdi attraverso i brevetti, il rapporto sottolinea come molte innovazioni radicali siano nate in seguito a effetti di ricaduta da campi affatto ovvi, come la chimica e la scienza dei materiali.

Poiché l'applicazione ultima delle tecnologie è difficile da prevedere, il finanziamento di tecnologie con portata più generale (e delle aziende che le perseguono) non dovrebbe essere trascurato, poiché tali tecnologie potrebbero avere un potenziale ecoinnovativo significativo. In Europa, questo potenziale è stato riconosciuto dal Programma quadro per la competitività e l'innovazione (CIP), che sostiene le piccole e medie imprese (PMI) ecoinnovative che si trovano a dover affrontare delle barriere al successo commerciale.

Da soli, tuttavia, gli strumenti finanziari non sono sufficienti. La strategia dell'OCSE evidenzia infatti la necessità di politiche per l'innovazione da parte della domanda che contribuiscano a promuovere un mercato per le tecnologie ecoinnovative. Tra queste, il perfezionamento dei sistemi di appalti pubblici e la messa a punto dei regolamenti in modo da favorire prodotti e servizi ecocompatibili.

Qualsiasi combinazione di misure venga adottata, appare chiaro che gli ostacoli o gli aiuti all'innovazione sostenibile sono gli stessi della crescita verde. A chiudere, le parole di Janez Poto─Źnik, commissario europeo per l'Ambiente: "la crescita verde è l'unica crescita possibile a lungo termine".

Informazioni relative all'argomento sul sito Web EcoAP