• Versione stampabile

Manuale ILCD, una guida autorevole per i responsabili politici

28/04/2010

501_it.html

La piattaforma europea sul manuale del sistema ILCD (International Reference Life Cycle Data System) inerente alla valutazione del ciclo di vita mira ad aiutare i responsabili politici a valutare l’impatto ambientale dei prodotti.

Realizzato dal Centro comune di ricerca della Commissione in collaborazione con la DG Ambiente, il manuale (uscito il 12 marzo 2010) fornisce le linee guida per operare la valutazione del ciclo di vita al fine di quantificare le emissioni, il consumo delle risorse e l’impatto ambientale dei prodotti.

Il manuale, composto da una serie di documenti tecnici, è stato appositamente studiato per fungere da guida autorevole utile a responsabili politici e aziende e si inscrive nella promozione di modelli sostenibili di produzione e consumo voluta dalla Commissione europea.

La valutazione del ciclo di vita (LCA, Life Cycle Assessment e LCT, Life Cycle Thinking) si propone di individuare possibili aree dove si possa migliorare un prodotto o un servizio, riducendo il suo impatto ambientale e il consumo delle risorse durante l’intero ciclo di vita.

L’LCA tiene conto di qualsiasi impatto ambientale o sociale possa esercitare un prodotto nel suo ciclo di vita. Tale valutazione prende in esame l’estrazione di risorse naturali, la produzione, la distribuzione e l’uso, e si conclude con l’eventuale riutilizzo, riciclaggio e/o smaltimento del prodotto.

A tale scopo, l’LCA rappresenta un elemento chiave delle politiche UE quali la politica integrata dei prodotti (PIP), la direttiva quadro sui rifiuti, il piano d’azione per la produzione e il consumo sostenibili (PCS) e la politica industriale sostenibile (PIS). Inoltre, le informazioni rese disponibili dall’LCA possono anche sostenere l’elaborazione di politiche pubbliche fornendo criteri di ecoprogettazione, contribuendo ad esempio al raggiungimento di obiettivi relativi alle prestazioni nell’ambito del Piano d’azione per le tecnologie ambientali (ETAP).

L’LCA è uno strumento importante in grado di assistere le autorità pubbliche nella valutazione di soluzioni politiche atte a promuovere prodotti più verdi quali le eco-etichette, appalti verdi pubblici e una più efficace gestione dei rifiuti. Può essere utilizzato anche da aziende che desiderino migliorare il profilo ambientale dei loro prodotti e delle loro catene di fornitura al fine di acquisire un vantaggio competitivo.

Considerando le implicazioni ambientali dell’intera catena di fornitura dei prodotti, del loro uso e della gestione dei rifiuti, è possibile raggiungere l’obiettivo di una produzione e un consumo sostenibili.

La realizzazione di questo strumento segue la Comunicazione sulla PIP (COM/2003/0302), in cui la Commissione si impegnava a preparare un manuale sulle migliori pratiche dell’LCA. L’importanza di tali linee guida è sottolineata nel piano d’azione PCS/PIS, che conferma che «sono necessari dati e metodi affidabili e congruenti per valutare le prestazioni ambientali globali dei prodotti».

L’LCA rappresenta un passo chiave sulla via dello sviluppo sostenibile in Europa. Fornendo informazioni chiare e verificabili ai responsabili politici, l’LCA può rappresentare un valido aiuto per l’elaborazione di politiche di produzione e consumo sostenibili.