• Versione stampabile

Ricorso all’analisi «emergetica» per misurare la sostenibilità di un eco-villaggio

28/07/2011

  • Eu
243_it.html

Un’indagine realizzata per misurare la sostenibilità di un eco-villaggio siciliano suggerisce che l’analisi «emergetica» produce risultati più completi rispetto alla valutazione del ciclo di vita o ad altre forme di analisi.

Dato che le comunità lottano per far fronte alle sfide dell’efficienza energetica, la necessità di calcolarne con accuratezza la sostenibilità è sempre più imperativa. Tuttavia, la varietà dei fattori che contribuiscono ad esaan rende difficile procedere a misurazioni e a quantificazioni precise in questo settore. Uno studio svolto in un eco-villaggio nella parte sudorientale della Sicilia dal Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l’Ingegneria (DMFCI) dell’Università di Catania potrebbe fornire la risposta. La sua applicazione del metodo di analisi «emergetica» – cfr. riquadro – indica che questo approccio, pur non essendo una scienza accettata, può detenere la chiave per realizzare misurazioni accurate di sostenibilità.

L’analisi emergetica è stata usata per quantificare la sostenibilità dell’eco-villaggio localizzato in una fattoria di 88 ha, che destina 51 ha all’agricoltura e 37 ha a terreno boschivo e a zone di coltivazione di alberi da frutto e di pascolo. In generale, è una comunità impegnata nella protezione, nella preservazione e nel ripristino dell’ambiente naturale. Per questo motivo i ricercatori erano interessati all’applicazione dell’analisi emergetica al fine di realizzare una misurazione accurata della sostenibilità di tale insediamento.

L’emergia può essere definita come la somma di tutti gli input di energia (espressi nella stessa forma o nello stesso tipo di energia, solitamente solare) necessari direttamente o indirettamente in un processo per produrre un dato prodotto quando gli input sono. Lo studio italiano ha riconosciuto tre distinti input energetici: le energie locali rinnovabili; le energie locali non rinnovabili e i flussi acquistati o immessi. Dividendo gli input energetici della comunità fra queste linee, potrebbero significativi calcolati diversi elementi significativi come: la quota del carico ambientale del villaggio, la sua quota di rendimento emergetico e, cosa più importante, il suo indice di sostenibilità. I ricercatori hanno poi potuto applicare questi indici per valutare la produzione di energia, il sistema delle acque reflue e le pratiche agricole dell’eco-villaggio.

Dallo studio è emerso che l’energia locale rinnovabile rappresentava il 67 % dell’output totale del villaggio e che l’indice di sostenibilità (SI) era di 6,68. Un SI basso (inferiore a 1) indica economie orientate al consumatore altamente sviluppate, mentre un SI elevato (superiore a 10) è indicativo di economie che possono essere definite non sviluppate. La media nazionale dell’SI in Italia è di 0,17, il che indica un uso massiccio di energia non rinnovabile, grandi importazioni di energia e di materiali acquistati, e una forte pressione ambientale. Quindi, l’elevato valore dell’indice per l’eco-villaggio potrebbe indicare che la sua economia è un modello da seguire per uno sviluppo più sostenibile.

 

Per ulteriori informazioni:

Che cos’è l’analisi emergetica?

L’analisi emergetica è frutto delle idee dell’ecologista Howard T. Odum e del matematico David M. Scienceman. L’emergia è stata definita come l'energia solare totale equivalente che viene usata sia direttamente sia indirettamente per produrre beni o servizi.. Odum ha scelto l’energia solare perché è la fonte energetica ultima, e rende possibile comparare direttamente prodotti e servizi diversi. L’analisi parte dal presupposto che tutti i sistemi siano reti di flussi energetici e determina il valore emergetico delle correnti e dei sistemi coinvolti. Gli input energetici presi in considerazione possono essere attuali o storici, ed eventualmente diretti o indiretti. Il metodo è stato oggetto di qualche critica di superficialita', contraddittorietà, ambiguità e imprecisione. Tuttavia, molte di queste critiche sono valide anche per altri metodi che analizzano sistemi industriali e ambientali, compresa la valutazione del ciclo di vita, l’analisi dell’exergia cumulativa, la valutazione del ciclo di vita exergetico, l’analisi del flusso materiale e le impronte ecologiche.

Per ulteriori informazioni:

«Promesse e problemi dell’analisi emergetica»:

http://www.che.eng.ohio-state.edu/~bakshi/EcolModel3.pdf pdf [134 KB] Deutsch