• Versione stampabile

Il Consiglio europeo adotta l’ITC «Celle a combustibile e idrogeno»

06/11/2008

229_it.html

Finanziamenti considerevoli da parte dell’UE e dell’industria collocheranno l’Europa all’avanguardia dello sviluppo e della diffusione delle tecnologie delle celle a combustibile alimentate a idrogeno. Grazie a questa misura, in futuro le emissioni prodotte dai veicoli potrebbero essere costituite esclusivamente da acqua.

Le celle a combustibile sono dispositivi di conversione energetica ad alta efficienza che possono trovare applicazione in un’ampia gamma di prodotti, non solo in telefoni cellulari, automobili e aeroplani, ma anche in impianti di riscaldamento fisso e generatori di corrente. Esistono tuttavia vari ostacoli, tecnici e non, alla commercializzazione su vasta scala, tra cui il costo e la durata delle celle a combustibile, la produzione sostenibile dell’idrogeno nonché la possibilità di stoccarlo e distribuirlo in maniera sicura ed efficiente.

Il commissario europeo per la Ricerca Janez Potocnik descrive l’Iniziativa tecnologica congiunta (ITC) dell’UE sulle celle a combustibile e l’idrogeno come una pietra miliare della ricerca comunitaria finalizzata al conseguimento di obiettivi. Questo partenariato pubblico-privato attuerà le attività di ricerca e sviluppo (R&S) dell’UE fornendo sostegno al mercato per l’introduzione di tali tecnologie. L’ITC è stata approvata dal Parlamento europeo il 20 maggio 2008 eadottata dal Consiglio europeo il 30 maggio.

Fondata dalla Commissione e da un’associazione di imprese europee specializzate nella produzione di celle a combustibile e idrogeno, l’ITC è stata lanciata ufficialmente in occasione dell’inaugurazione dell’Assemblea generale delle parti interessate svoltasi nell’ottobre 2008. Disporrà di una dotazione finanziaria di un miliardo di euro, di cui circa 470 milioni saranno erogati dalla Commissione europea nei prossimi sei anni nell’ambito del Settimo programma quadro (7 PQ); a questa cifra, inoltre, contribuirà in uguale o maggiore misura il settore privato.

Lavorando con l’industria, l’UE potrà incrementare le risorse destinate alle attività di R&S, garantendo al contempo un coordinamento migliore con i programmi nazionali e regionali. L’iniziativa svolgerà un ruolo determinante nello sviluppo e nell’attuazione di tecnologie a basse emissioni di carbonio nell’ambito del piano strategico europeo per le tecnologie energetiche English(piano SET). L’ITC «Celle a combustibile e idrogeno», inoltre, rappresenta un valido esempio della prima di molte iniziative industriali UE previste dal piano SET.

Obiettivo dell’ITC è accelerare lo sviluppo delle tecnologie delle celle a combustibile e dell’idrogeno in Europa e garantirne la commercializzazione tra il 2010 e il 2020. Questa iniziativa è essenzialmente un partenariato volto ad attuare un programma di attività di R&S, associato a misure dimostrative e di sostegno per le applicazioni più promettenti. L’iniziativa tecnologica congiunta, inoltre, non si limiterà a coordinare le attività a livello comunitario, ma fungerà anche da elemento di coesione con il lavoro svolto negli Stati membri e nei programmi regionali.

Il vantaggio di un approccio proattivo è stato confermato dall’analisi degli scenari svolta dal progetto finanziato dall’Unione europea HyWays , da cui è emerso che l’adozione di tecnologie dell’idrogeno potrebbe ridurre il consumo del petrolio da parte del trasporto su strada del 40 % da qui al 2050. Entro quella stessa data, l’introduzione di tecnologie delle celle a combustibile e dell’idrogeno permetterà di diminuire del 50 % i picchi nelle emissioni di carbonio. Nonostante gli evidenti benefici associati a queste tecnologie, la Commissione ritiene che occorra continuare a incentivare il settore industriale europeo a effettuare gli investimenti necessari.

L’ITC «Celle a combustibile e idrogeno» è il risultato di uno sforzo di sei anni, che ha coinvolto numerosi operatori del settore. Il processo era stato avviato nell’ottobre 2002 con l’istituzione del gruppo ad alto livello sull’idrogeno e le celle a combustibile, che aveva elaborato una visione comune sul contributo che tali tecnologie possono apportare all’energia sostenibile e che a sua volta aveva portato alla creazione della piattaforma tecnologica europea «Idrogeno e celle a combustibile», guidata dall’industria, nel giugno 2003. La piattaforma ha redatto i documenti strategici principali per l’Europa, aiutando altresì la Commissione a preparare la proposta per l’ITC.

Per quanto riguarda il suo funzionamento, l’ITC sarà guidata, come soggetto giuridico, da un consiglio di direzione. La gestione operativa quotidiana sarà affidata a un direttore esecutivo, coadiuvato da un Ufficio del programma a Bruxelles. Un comitato scientifico ad alto livello apporterà inoltre il proprio contributo fornendo un servizio di consulenza al consiglio di direzione, mentre gli Stati membri saranno aggiornati sugli sviluppi da un gruppo di rappresentanti degli Stati. Si terrà infine un’Assemblea generale delle parti interessate a cadenza annuale, alla quale potranno partecipare operatori sia pubblici che privati.

Per ulteriori informazioni:

Piano strategico europeo per le tecnologie energetiche: http://ec.europa.eu/energy/res/setplan/ English

Progetto HyWays pdf - 159 KB [159 KB] Deutsch (de) English (en) español (es) français (fr)

Progetto StorHy: http://www.storhy.net/finalevent/index.php français

Piattaforma tecnologica europea «Idrogeno e celle a combustibile»: http://www.hfpeurope.org/ English

Ultime notizie dalla DG Ricerca: http://ec.europa.eu/research/index.cfm?pg=newsalert&lg=it&year=2008&na=na-020608

I costruttori di automobili si concentrano sulla tecnologia delle celle a combustibile

Nel 2008 le importanti case automobilistiche Daimler e Ford si sono unite a Ballard Power Systems, impresa specializzata nella tecnologia delle celle a combustibile, dando vita all’Automotive Fuel Cell Cooperation Corporation, finalizzata allo sviluppo di celle a combustibile alimentate a idrogeno per applicazioni automobilistiche. Grazie all’applicazione di prodotti come la cella a combustibile Mark 902 sviluppata da Ballard, queste tecnologie hanno raggiunto un mercato più vasto.Daimler ha già immesso una flotta di 60 utilitarie leggere Mercedes-Benz Classe-A sulle strade di Germania, Giappone, Singapore e USA e ha oltre 100 veicoli alimentati con celle a combustibile in circolazione in tutto il mondo.Attualmente la società di spedizioni internazionali UPS sta effettuando le proprie consegne negli Stati Uniti con una flotta di furgoni Mercedes-Benz Sprinter alimentati con la tecnologia delle celle a combustibile di Ballard.

Per ulteriori informazioni:

Automotive Fuel Cell Cooperation Corporation: http://www.ballard.com/About_Ballard/Industry_Relations/Strategic_Alliances.htm English