• Versione stampabile

Verifica delle Tecnologie Ambientali: al via il progetto pilota europeo!  

26/03/2013

  • Tecnologia
  • Eu

Nel 2009 a un produttore di apparecchiature per il monitoraggio della qualità dell'acqua che ambiva ad espandersi in tutto il mercato asiatico è stato chiesto di fornire un'evidente verifica scientifica ed indipendente della performance della sua tecnologia in modo che i potenziali acquirenti potessero compararla con altre prodotte da un concorrente americano.

Più di recente, una piccola azienda produttrice di un adesivo industriale era alla disperata ricerca di una verifica scientifica delle qualità attribuite al proprio prodotto in modo da poter competere sul mercato con i giganti del settore...

Questi due esempi, ma se ne potrebbero citare moltissimi altri, testimoniano in modo lampante il bisogno di un protocollo di Verifica delle Tecnologie Ambientali (acronimo in inglese ETV) che certifichi in modo inequivocabile le qualità attribuite ad un determinato prodotto e in questo modo aiuti  queste tecnologie ad entrare da protagoniste nel mercato. Confermando o addirittura completando determinate caratteristiche che offrono una più completa panoramica su una  tecnologia, ovviamente basandosi sui risultati di test rigorosi dal punto di vista scientifico, l'ETV dona una maggior credibilità all'informazione stessa fornita dallo sviluppatore di una data tecnologia.

L'ETV è attuata da alcuni specifici organismi di verifica, ovvero organizzazioni indipendenti specificatamente accreditate in base ad uno standard ISO. Eventuali ulteriori test durante il processo ETV, sono svolti da un apposito organismo. Al termine del processo, viene prodotta una “Certificazione di Verifica”, un documento che sintetizza la performance reale di una determinata tecnologia finalizzata ad essere utilizzata nei tradizionali scambi commerciali intrinsechi all'attività di marketing nonché all'atto di una gara d'appalto pubblica. Inoltre può anche essere accettata dalle autorità pubbliche nel contesto del rilascio di autorizzazioni per tecnologie innovative, ad esempio nel caso non esistano procedure standard di approvazione.

Il processo ETV può essere riassunto come segue:

Recentemente hanno ricevuto l'accreditamento ISO come organismi di verifica ETV ben tre organizzazioni e altre dieci sono in corso di accertamento, insomma, il progetto pilota è già operativo al cento per cento! Per questo motivo gli sviluppatori di tecnologie interessati possono sottoporre i propri prodotti al processo di verifica in tre ambiti coperti dall'ETV: monitoraggio e trattamento dell'acqua; tecnologie energetiche; materie prime, rifiuti e risorse.

Le aziende interessate a sottoporre a verifica i propri prodotti, possono trovare tutte le informazioni de caso sul sito Internet ETV English.

In particolare, sulla pagina del sito ETV dedicata a come “presentare una tecnologia”, si può trovare una lista aggiornata degli organismi di verifica ETV e una “guida per candidati” (in 11 lingue) che spiega passo dopo passo e nel dettaglio l'intero processo ETV in modo facilmente fruibile, con esempi pratici e consigli su come le aziende possono trarre il meglio dall'ETV.

Per finire, l'attuale “sistema di certificazione di verifica” delle tecnologie che hanno ricevuto l'ok è disponibile sul sito Internet DANETV, un programma pioniere del settore sponsorizzato dall'agenzia danese di protezione ambientale

Per ulteriori informazioni

    • http://www.eco-innovation.eu/reports English