• Versione stampabile

Il Partenariato europeo promette innovazione nel settore idrico

01/10/2012

  • Eu

Una grande iniziativa Ue di promozione dell'innovazione nel settore idrico mira ad adottare il suo piano di attuazione strategico entro la fine dell'anno, e a diventare operativa già a inizio 2013. Il primo incontro del Partenariato europeo per l'innovazione relativo all'acqua (EIPW) si è tenuto il 4 settembre a Bruxelles.

Il Partenariato europeo per l'innovazione relativo all'acqua (EIPW) è stato lanciato dalla Commissione europea nel maggio 2012, e approvato dai ministri dell'ambiente dei Paesi Ue al Consiglio Ambiente dell' 11 giugno.

Nel loro comunicato a resoconto della riunione del Consiglio, i ministri hanno appoggiato l'idea della Commissione a favore dell'EIPW per accelerare l'adozione di nuove tecnologie nel settore dell'acqua e di un nuovo approccio nella sua gestione “rompendo le barriere che stritolano l'innovazione e agevolando lo sviluppo di soluzioni innovative per quanto riguarda la gestione idrica” (testo preso dalla traduzione ufficiale delle conclusioni del Consiglio?).

L'EIPW è una delle piattaforme aperte nell'ambito dell'iniziativa faro "Unione dell'innovazione" della strategia Europa 2020.

Il Commissario UE all'Ambiente, Janez Potocnik, durante un discorso alla Conferenza europea sull'innovazione nel settore dell'acqua, ha confermato che l'EIPW adotterà un approccio “orientato a risolvere i problemi” e definirà “le sfide determinanti per le quali abbiamo bisogno di soluzioni innovative”. Il partenariato cercherà di fornire risposte alle sfide inerenti la qualità e la quantità dell'acqua in tutto il continente. L'incidenza e la frequenza delle alluvioni, la carenza idrica e la siccità sono fenomeni in aumento a causa del cambiamento climatico e di altre minacce ambientali, mentre la scarsa qualità dell'acqua e i problemi di igiene hanno potenziali conseguenze dannose per la salute pubblica e la biodiversità.

I principali obiettivi dell'EIPW sono:

  • Facilitare, supportare ed accelerare lo sviluppo e l'applicazione/svolgimento di soluzioni innovative per le sfide nel settore dell'acqua;
  • Creare nuove opportunità di mercato per queste innovazioni e quindi contribuire alla crescita economica.

Durante la prima riunione dell'EIPW è stato concordato che questi obiettivi possono essere meglio raggiunti lavorando su otto priorità, vediamole nel dettaglio: il collegamento tra la gestione dell'acqua e dell'energia; la gestione dell'acqua; il finanziamento dell'innovazione; un sistema efficiente di fornitura delle acque urbane e di trattamento per gli scarichi reflui; misure per bilanciare l'offerta e la domanda dell'acqua; l'integrazione della gestione delle acque rurali e la pianificazione territoriale; la fornitura idrica e i servizi igienici per le piccole comunità rurali; buone pratiche per la gestione delle acque industriali. Una task force definirà meglio la portata di queste aree d'azione prioritarie basandosi su una serie di criteri come, ad esempio, il potenziale di innovazione di queste misure, la loro attrattiva per gli investitori e il potenziale di sensibilizzazione dell'opinione pubblica.  

Il piano strategico di attuazione dell'EIPW, che sarà redatto entro la fine di novembre e verrà adottato alla riunione del gruppo del 18 dicembre, presenterà nel dettaglio le azioni, i criteri di valutazione delle priorità suddette e la struttura che gestirà l'attuazione stessa del piano.

Alla prima riunione dell'EIPW hanno partecipato il Commissario Ue Potocnik, i rappresentanti dei ministeri di alcuni Stati membri, rappresentanti della Banca europea degli investimenti, altri funzionari pubblici, dirigenti di società private del settore idrico, associazioni non profit, e di industrie ad alto consumo di acqua come quella chimica e della carta.

All'inizio del 2013, dopo l'adozione del piano strategico di applicazione, l'EIPW entrerà nella fase operativa.

Per ulteriori informazioni

  • Partenariato europeo per l'innovazione relativo all'acqua English