• Versione stampabile

Per la ricerca sui trasporti stradali serve una strategia più integrata

06/08/2008

Il Commissario UE per la scienza e la ricerca Janez Potočnik ha esortato ad accrescere la cooperazione nel campo della ricerca sui trasporti stradali e ad adottare una strategia più integrata per creare un sistema dei trasporti stradali più pulito, sicuro e intelligente.

Durante la conferenza Transport Research Arena 2008 Deutschsvoltasi a Lubiana, in Slovenia, nell’aprile 2008, il Commissario Potočnik ha posto l’accento sull’importanza della cooperazione. «Negli ultimi cinquant’anni la crescente mobilità è stata l’elemento centrale  della crescita economica nell’UE, tuttavia una strategia davvero integrata riguardo al  sistema dei trasporti stradali è possibile soltanto unendo le forze della comunità della ricerca, dell’industria e delle istituzioni politiche».

L’economia e la società dell’UE dipendono dal trasporto su strada, che rappresenta direttamente l’1,6% del PIL comunitario. Inoltre, il 44% delle merci viene trasportato da autocarri e l’85% delle persone che si spostano nella regione da autoveicoli, autobus o pullman. Oltretutto, il settore dà lavoro a 4,5 milioni di persone.

Affrontare le sfide

Le sfide sono le pressioni concorrenziali, come la disponibilità di automobili più economiche, il continuo aumento dei prezzi del petrolio e l’emergere di forti concorrenti, cui si aggiungono la necessità di far fronte alle emissioni di gas serra e di ridurre le emissioni di biossido di carbonio delle nuove automobili a 120 grammi per chilometro entro il 2012, e i problemi della congestione del traffico e dei morti sulle strade. Trovare soluzioni al riguardo è ancor più difficile se si considera che il trasporto di merci e passeggeri è destinato a crescere.

La ricerca svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo di futuri veicoli stradali che siano più ecologici, puliti, sicuri e intelligenti. L’UE ha previsto di destinare 4 miliardi di euro alla ricerca relativa ai trasporti nell’arco dei sette anni di durata dell’attuale programma quadro di ricerca, e il settore dei trasporti è al primo posto per quanto riguarda la spesa per la ricerca. Gli Stati membri svolgono anche attività di ricerca in settori quali i carburanti alternativi e le celle a idrogeno e a combustibile.

È determinante mettere in comune le informazioni sulla ricerca. Un buon punto di partenza è il nuovo portale web Transport Research Knowledge Centre (TRKC) – vedere riquadro. Pur essendo indubbio che per la ricerca siano necessari maggiori finanziamenti, è anche importante utilizzare in maniera più efficace le risorse attuali. È possibile farlo soltanto attraverso un effettivo coordinamento.

 

Per maggiori informazioni:

Discorso del Commissario Potočnik alla conferenza TRA 2008: http://ec.europa.eu/commission_barroso/potocnik/news/docs/20080421_speech_transport.pdf English

Ricerca sui trasporti dell’UE nell’ambito del 7°PQ: http://www.cordis.europa.eu/fp7/cooperation/transport_en.html English

Migliorare l’accesso ai risultati delle ultime ricerche sui trasporti

Nell’aprile 2008 è stato avviato il sito web Transport Research Knowledge Centre (TRKC) per migliorare l’accesso ai risultati delle ultime ricerche sui trasporti a livello europeo e nazionale per i responsabili politici, i ricercatori e altre parti interessate, al fine di stimolare il trasferimento delle conoscenze nello Spazio europeo della ricerca (SER). Il TRKC illustra inoltre in quale modo i programmi e i progetti di ricerca sui trasporti contribuiscono alla definizione di orientamenti e strumenti innovativi per rafforzare la politica europea dei trasporti e garantire una mobilità sostenibile.

Le informazioni relative alla ricerca sui trasporti vengono raccolte in 30 paesi – l’UE a 27 più Norvegia, Svizzera e Islanda – e da un’ampia varietà di fonti. Le informazioni riguardano i risultati intermedi e finali dei progetti. Il TRKC rende disponibili sul sito per la consultazione più di 5 500 progetti, fornendo un quadro globale delle attività di ricerca sui trasporti recenti e in corso nel SER. Il TRKC è un progetto della Direzione generale per l’energia e i trasporti della Commissione europea ed è finanziato a titolo del sesto programma quadro (6°PQ).

Per maggiori informazioni: http://www.transport-research.info English