Percorso di navigazione

Apparecchiature radio e apparecchiature terminali di telecomunicazione

Un unico caricabatteria per tutti - Domande?

One charger for all logo © European Union 2008-2011
  1. Di cosa si tratta? 
  2. Qual è la soluzione prevista?
  3. Chi ne trarrà vantaggio e come?
  4. Quale sarà l'impatto del protocollo d'intesa sui prezzi?
  5. Tutti i telefoni cellulari sono coperti dal protocollo d'intesa?
  6. Qual è l'interfaccia comune concordata?
  7. Quand'è che la proposta dovrebbe entrare in vigore?
  8. Quali compagnie hanno firmato il protocollo d'intesa?
  9. Dove si applica il protocollo d'intesa?
  10. Quanto tempo ci vorrà per caricare il cellulare con il nuovo caricabatteria universale?
  11. In che modo il protocollo d'intesa prende in considerazione i possibili rischi per la sicurezza derivanti dall'uso di caricatori e di cellulari prodotti da diversi produttori?
  12. Perché il protocollo d'intesa copre solo i cellulari e non altri prodotti come i lettori MP3, i laptop, ecc.?
  13. Cosa accadrà a tutti i vecchi caricabatteria? Saranno abbandonati?
  14. Possiedo già un caricatore micro-USB. Posso usarlo per caricare tutti i cellulari con connettore micro-USB?
  15. Alcuni produttori stanno già parlando di telefoni che non hanno bisogno di caricatori e che potrebbero essere alimentati da energia solare o da onde elettriche/radio. Perché allora ci servono questi caricabatteria?
  16. I consumatori dove possono acquistare il nuovo caricabatteria universale? E sarà disponibile in tutti gli Stati membri dell'UE dal gennaio 2011?
  17. Questo nuovo caricabatteria costerà quasi quanto gli altri o sarà più costoso?

 Di cosa si tratta?

L'incompatibilità dei caricabatteria per telefoni cellulari rappresenta un enorme problema per l'ambiente e un grosso fastidio per gli utilizzatori in tutta l'Unione europea. Attualmente, insieme a ogni cellulare è venduto un caricabatteria specifico. E l'utente che intende cambiare il proprio telefono cellulare acquista, di solito, un nuovo caricabatteria e si disfa di quello che usa in quel momento, anche se è in perfette condizioni. In tal modo vengono generate notevoli quantità inutili di rifiuti elettronici.

[In alto]

 Qual è la soluzione prevista?

L'armonizzazione dei caricabatteria per telefoni cellulari apporterà notevoli vantaggi economici e ambientali. A seguito di una richiesta della Commissione europea, e in stretta cooperazione con i servizi della Commissione, i maggiori produttori di telefoni cellulari hanno raggiunto un accordo su un protocollo d'intesa per armonizzare i caricabatteria destinati ai cellulari data-enabled venduti nell'UE. L'industria s'impegna a fornire caricatori compatibili sulla base del connettore micro-USB. Una volta che l'impegno diventerà effettivo, sarà possibile caricare i cellulari data-enabled compatibili, con un qualsiasi caricabatteria universale.

[In alto]

 Chi ne trarrà vantaggio e come?

I consumatori non saranno costretti ad acquistare un nuovo caricabatteria con ogni cellulare, e potranno trarre vantaggio anche da caricatori autonomi più efficienti e più economici. I consumatori potranno caricare il loro cellulare con il nuovo caricatore universale.

vantaggi ambientali dell'armonizzazione dei caricabatteria dovrebbero essere considerevoli: con la diminuzione del numero di caricatori venduti inutilmente si ridurrà la quantità di rifiuti elettronici generati, che attualmente arriva a migliaia di tonnellate. Il caricabatteria universale dovrebbe anche ridurre il consumo energetico perché prodotto, nel rispetto delle più recenti norme europee in materia di efficienza energetica.

[In alto]

 Quale sarà l'impatto del protocollo d'intesa sui prezzi?

I consumatori potranno acquistare cellulari senza caricabatteria, il che ne ridurrà, logicamente, il costo. Potranno anche acquistare caricabatteria autonomi molto più economici rispetto ad ora.

[In alto]

 Tutti i telefoni cellulari sono coperti dal protocollo d'intesa?

Il protocollo d'intesa riguarda i cellulari data-enabled, ovvero quelli che hanno una porta di accesso a dati e che possono essere collegati ad un computer. Il protocollo d'intesa non copre i cellulari che non supportano lo scambio di dati né alcuni formati di telefoni, ad esempio i telefoni da indossare come orologi da polso. Tuttavia, tenendo conto del fatto che le persone sostituiscono il loro cellulare in media ogni due anni, secondo le tendenze di mercato che mostrano un numero sempre crescente di cellulari data-enabled, ci si augura che il caricabatteria universale si diffonderà entro due anni, dopo la sua introduzione nel 2011.

[In alto]

 Qual è l'interfaccia comune concordata?

Sulla base dell'interfaccia micro-USB, le compagnie hanno deciso di sviluppare specifiche comuni per raggiungere la compatibilità totale dei caricatori e dei cellulari. Queste specifiche sono diventate norme europee. .

N.B. L'accordo consente l'uso di un adattatore.

[In alto]

 Quand'è che la proposta dovrebbe entrare in vigore?

Si prevede che la prima generazione di cellulari compatibili con il nuovo caricatore universale raggiungerà il mercato dell'UE agli inizi del 2011, dopo il completamento dei lavori di normalizzazione. La Commissione lavorerà a stretto contato con l'industria per facilitare l'attuazione dell'accordo sul mercato il più presto possibile.

[In alto]

 Quali compagnie hanno firmato il protocollo d'intesa?

Le 14 compagnie seguenti hanno sottoscritto il protocollo d'intesa: Apple, Emblaze Mobile, Huawei Technologies, LGE, Motorola Mobility, NEC, Nokia, Qualcomm, Research In Motion (RIM), Samsung, Sony Ericsson, TCT Mobile (ALCATEL mobile phones), Texas Instruments e Atmel. Insieme, le loro marche rappresentano più del 90% dei cellulari venduti oggi in Europa.

[In alto]

 Dove si applica il protocollo d'intesa?

Le protocole d’accord s’applique aux 27 États membres de l’Union. Toutefois, compte tenu de la dimension mondiale du marché de la téléphonie mobile, les spécifications techniques du nouveau chargeur sont élaborées en collaboration avec d’autres organisations internationales de normalisation afin de faciliter l’adoption du chargeur universel européen sur les marchés mondiaux. La possibilité d’utiliser le chargeur universel dans d’autres régions du monde augmenterait encore davantage sa commodité.

 Quanto tempo ci vorrà per caricare il cellulare con il nuovo caricabatteria universale?

La maggior parte dei telefoni si caricherà in 2 ore. Nei casi di combinazione di batteria grande e caricabatteria piccolo, questo processo può durare fino a 6 ore.

[In alto]

 In che modo il protocollo d'intesa prende in considerazione i possibili rischi per la sicurezza derivanti dall'uso di caricatori e di cellulari prodotti da diversi produttori?

Il protocollo d'intesa è accompagnato dallo sviluppo di nuove norme europee che tengono conto delle emissioni elettromagnetiche e garantiscono che il caricabatteria universale abbia un'immunità sufficiente a interferenze esterne. Accanto alle norme già esistenti nell'ambito di pertinenti direttive, esse consentiranno un uso sicuro dei nuovi caricatori e cellulari.

[In alto]

 Perché il protocollo d'intesa copre solo i cellulari e non altri prodotti come i lettori MP3, i laptop, ecc.?

Si prevede che possa emergere una soluzione di carica armonizzata applicabile ad altri prodotti di comunicazione portatili e che possa coprire un numero sempre maggiore di dispositivi nel tempo. Ma questo non può accadere immediatamente. In primo luogo, i cellulari sono di gran lunga il gruppo più vasto di questi prodotti usati da numerosissimi consumatori. In secondo luogo, esiste una differenza fra i produttori. I laptop, ad esempio, hanno batterie molto più grandi rispetto ai dispositivi palmari, e i requisiti per i caricatori non sono gli stessi. In terzo luogo, i rischi per la sicurezza di cui tenere conto sono diversi.

[In alto]

 Cosa accadrà a tutti i vecchi caricabatteria? Saranno abbandonati?

La direttiva sui rifiuti prodotti da apparecchi elettrici ed elettronici (WEEE), che promuove la raccolta e il riciclaggio degli apparecchi elettrici (direttiva 2002/96/CE) è in vigore dal febbraio 2003. Prevede l'istituzione di regimi di raccolta nell'ambito dei quali i consumatori restituiscono gratuitamente i loro rifiuti elettronici usati. Tuttavia, solo un terzo dei rifiuti elettrici ed elettronici europei è smaltito in modo adeguato nell'Unione.

Pertanto, nel dicembre 2008, la Commissione europea ha proposto una revisione delle direttive sugli apparecchi elettrici ed elettronici; la Commissione propone di raggiungere il 65% del peso medio di apparecchi elettrici ed elettronici.

[In alto]

 Possiedo già un caricatore micro-USB. Posso usarlo per caricare tutti i cellulari con connettore micro-USB?

Il protocollo d'intesa è basato su una tecnologia che dovrebbe diventare comune nei prossimi anni. Tuttavia, l'armonizzazione dovrebbe seguire le innovazioni tecnologiche.

L'elaborazione di norme europee (compresa la IEC/EN62684) è stata necessaria per garantire la compatibilità della nuova generazione di caricatori micro-USB e solo i nuovi caricatori che ottemperano alle nuove norme europee saranno considerati « caricatori universali ».

[In alto]

 Alcuni produttori stanno già parlando di telefoni che non hanno bisogno di caricatori e che potrebbero essere alimentati da energia solare o da onde elettriche/radio. Perché allora ci servono questi caricabatteria?

Il protocollo d'intesa è basato su una tecnologia che dovrebbe diventare comune nei prossimi anni. Tuttavia, l'armonizzazione dovrebbe seguire le innovazioni tecnologiche.

Attualmente non vi è un dispositivo di carica efficace per i cellulari senza un caricabatteria separato. Vi sono solo alcuni cellulari che possono essere caricati con tecniche a energia solare, ma non sono un prodotto di massa e non è probabile che lo diventeranno. Nell'UE, in media, non vi è una luce solare sufficiente per alimentare batterie da una superficie relativamente piccola.

[In alto]

 I consumatori dove possono acquistare il nuovo caricabatteria universale? E sarà disponibile in tutti gli Stati membri dell'UE dal gennaio 2011?

È importante tenere a mente che l'introduzione del caricabatteria universale sarà graduale e dipenderà molto dal comportamento dei consumatori e dal tasso di sostituzione dei vecchi cellulari. In ogni caso, i lavori di normalizzazione finale fanno sì che il caricatore universale sia disponibile nei primi mesi del 2011 e i principali costruttori di telefoni cellulari si sono impegnati in tal senso. La Commissione europea controllerà attentamente che ciò accada.

D'altro lato, la Commissione europea non può decidere sulle strategie di marketing e di distribuzione dei produttori, ma è fiduciosa che il caricabatteria universale sarà a disposizione del pubblico, nel corso del 2011, attraverso i regolari canali di commercializzazione.

[In alto]

 Questo nuovo caricabatteria costerà quasi quanto gli altri o sarà più costoso?

La Commissione non è in possesso di queste informazioni né può interferire con le strategie di prezzo dei produttori. Per la Commissione europea, i vantaggi in termini di costi del caricabatteria universale derivano dalla possibilità per i consumatori di acquistare telefoni cellulari senza caricatore e dalle economie di scala che sono rese possibili dalle norme comuni.

[In alto]

Condividi: FacebookGoogle+LinkedInInvia questa pagina a un amico

Caratteri di grandezza normaleAumenta la grandezza caratteri del 200%Stampa questa pagina