Percorso di navigazione

Altri strumenti

Documentazione tecnica

Documentazione tecnica

Prima di presentare una richiesta all'Organismo Notificato o, al più tardi, nel momento in cui immette sul mercato il primo esemplare del tipo in oggetto, il fabbricante è tenuto a produrre la documentazione tecnica. Tale documentazione deve consentire la valutazione della conformità del dispositivo rispetto ai requisiti della Direttiva.

Il fabbricante o il suo mandatario stabilito nella Comunità Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione per un periodo non inferiore a 15 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

La direttiva 2009/142/CE in materia di apparecchi che bruciano combustibili gassosi stabilisce che la domanda per l’esame del tipo includa, tra le altre cose, la documentazione relativa al progetto così come descritta nell'Allegato IV.

La documentazione relativa al progetto deve comprendere le informazioni seguenti, quando esse siano richieste dall'Organismo Notificato per la valutazione:

  • una descrizione generale dell'apparecchio,
  • il progetto di massima nonché gli schemi e i disegni di fabbricazione di componenti, sottounità, circuiti, ecc.,
  • le descrizioni e le spiegazioni necessarie per comprendere detti disegni e schemi, inclusa la descrizione del funzionamento degli apparecchi,
  • un elenco delle norme di cui all'Articolo 5, applicate in tutto o in parte, e la descrizione delle soluzioni adottate per soddisfare i requisiti essenziali nei casi in cui non siano state applicate le norme di cui all'articolo 5,
  • i verbali dei collaudi, — i manuali per l'installazione e per l'uso,
  • se del caso, la documentazione relativa al progetto deve comprendere gli elementi seguenti:
    • gli attestati relativi ai dispositivi incorporati nell'apparecchio,
    • gli attestati e i certificati relativi ai metodi di fabbricazione e/o di ispezione e/o di controllo dell'apparecchio,
    • qualsiasi altro documento che consenta all'Organismo Notificato di migliorare la propria valutazione.

Il fabbricante o il suo mandatario stabilito nell'Unione Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

I requisiti relativi alla documentazione tecnica necessaria per le varie procedure di valutazione della conformità sono illustrati nell'Allegato V alla Direttiva.

Documentazione tecnica

Una volta ottenuta una valutazione positiva, la Direttiva 2009/125/CE Ecodesign richiede la documentazione tecnica indicata nell'Allegato V. Tale documentazione deve consentire la valutazione della conformità dell'apparecchio alle specifiche della Direttiva. Il fascicolo tecnico deve contenere:

  • una descrizione generale del prodotto e del suo utilizzo previsto;
  • i risultati di studi di valutazione ambientale pertinenti realizzati dal fabbricante o, in alternativa, riferimenti alla letteratura o ai casi di studio in materia di valutazione ambientale cui il fabbricante ha fatto ricorso nel valutare, documentare e determinare le soluzioni progettuali relative al prodotto;
  • il profilo ecologico, laddove questo sia previsto dalla misura di esecuzione;
  • documenti che descrivano i risultati delle misurazioni effettuate sulle specifiche di progettazione ecocompatibile;
  • il fabbricante ha l'obbligo di stabilire delle specifiche riportanti, in particolare, quali norme sono o non sono state applicate e, infine, quali mezzi sono stati utilizzati per garantirne la conformità;
  • una copia delle informazioni ambientali relative agli aspetti della progettazione fornite nel rispetto delle specifiche (indicate nell'Allegato I, Parte 2);
  • una copia della Dichiarazione CE di Conformità.

Il fabbricante o il suo mandatario ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

L'Allegato II alla Direttiva CEM richiede che il fabbricante produca la documentazione tecnica. Tale documentazione deve consentire la valutazione della conformità dell'apparecchio rispetto ai requisiti della Direttiva. La documentazione tecnica deve contenere:

  • una descrizione generale dell'apparecchio;
  • se del caso, prova di conformità alle norme armonizzate, applicate in toto o in parte;
  • qualora il fabbricante non abbia applicato le norme armonizzate, o le abbia applicate soltanto in parte, una descrizione e spiegazione delle azioni intraprese per soddisfare i requisiti essenziali della Direttiva, ivi inclusi la descrizione della valutazione di compatibilità elettromagnetica descritta nell'Allegato II, punto 1, i risultati dei calcoli effettuati nella progettazione, gli esami svolti, i verbali di collaudo, ecc.;
  • un'attestazione dell'Organismo Notificato, se si è seguita la procedura descritta nell'Allegato III.

Il fabbricante o il suo mandatario stabilito nella Comunità Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

A completamento della valutazione di conformità, la procedura deve essere documentata ai sensi della Direttiva 94/9/CE ATEX, Allegato III, N. 3, relativamente all'esame CE del tipo. La documentazione tecnica deve consentire la valutazione della conformità dell'apparecchio rispetto ai requisiti della Direttiva. Il fascicolo tecnico deve contenere:

  • una descrizione generale del tipo,
  • il progetto, gli schemi e i disegni di fabbricazione di componenti, sottounità, circuiti, ecc.,
  • le descrizioni e le spiegazioni necessarie per comprendere detti disegni e schemi, inclusa la descrizione del funzionamento del prodotto,
  • un elenco delle norme armonizzate, applicate in toto o in parte,
  • la descrizione delle soluzioni adottate per soddisfare i requisiti essenziali della Direttiva laddove non siano state applicate le norme armonizzate,
  • il risultato dei calcoli effettuati nella progettazione, degli esami svolti, ecc.,
  • i verbali di collaudo.

Il fabbricante o il suo mandatario stabilito nell'Unione Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

A completamento della valutazione, la procedura di valutazione deve essere documentata ai sensi della Direttiva 93/15/CEE, Allegato II, N. 3.

La documentazione tecnica deve consentire la valutazione della conformità del dispositivo rispetto ai requisiti della Direttiva. Tale documentazione deve riferirsi alla progettazione, alla fabbricazione e al funzionamento del dispositivo e contenere, nella misura in cui è utile per la valutazione:

  • una descrizione generale del tipo,
  • il progetto di massima nonché gli schemi e i disegni di fabbricazione di componenti, sottounità, circuiti, ecc.,
  • le descrizioni e le spiegazioni necessarie per comprendere detti disegni e schemi, inclusa la descrizione del funzionamento del prodotto,
  • un elenco delle norme di cui all'Articolo 4, applicate in toto o in parte, e la descrizione delle soluzioni adottate per soddisfare i requisiti essenziali della Direttiva nei casi in cui non siano state applicate le norme di cui all'articolo 5,
  • il risultato dei calcoli effettuati nella progettazione, degli esami svolti, ecc.,
  • i verbali di collaudo.

Il fabbricante o il suo mandatario stabilito nella Comunità Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

Una volta ottenuta una valutazione positiva del prodotto, la Direttiva 2009/142/CE richiede la documentazione tecnica come indicato nell'Allegato III, N. 3. Tale documentazione deve consentire la valutazione della conformità dell'apparecchio rispetto ai requisiti della Direttiva. La valutazione deve riguardare il progetto, la fabbricazione e il funzionamento dell'apparecchio, e contenere:

  • una descrizione generale del tipo,
  • il progetto di massima nonché gli schemi e i disegni di fabbricazione di componenti, sottounità, circuiti, ecc.,
  • le descrizioni e le spiegazioni necessarie per comprendere detti disegni e schemi, inclusa la descrizione del funzionamento del prodotto,
  • un elenco delle norme di cui all'Articolo 5 (2), applicate in toto o in parte, e la descrizione delle soluzioni adottate per soddisfare i requisiti essenziali della Direttiva nei casi in cui non siano state applicate le norme di cui all'Articolo 5,
  • il risultato dei calcoli effettuati nella progettazione, degli esami svolti, ecc.,
  • i verbali di collaudo.

Il fabbricante o il suo mandatario stabilito nella Comunità Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

Prima di presentare una richiesta all'Organismo Notificato o, al più tardi, nel momento in cui immette sul mercato il primo esemplare del tipo in oggetto, il fabbricante è tenuto a produrre la documentazione tecnica. Tale documentazione deve consentire la valutazione della conformità dell'apparecchio rispetto ai requisiti della Direttiva.

Il fabbricante o il suo mandatario stabilito nella Comunità Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

Una volta ottenuta una valutazione positiva, la Direttiva 95/16/CE richiede la documentazione tecnica (come indicato nell'Allegato 5) nel rispetto della rispettiva procedura di valutazione della conformità. Tale documentazione deve consentire la valutazione della conformità dell'apparecchio rispetto ai requisiti della Direttiva. La valutazione deve riguardare il progetto, la fabbricazione e il funzionamento dell'installazione, e contenere:

  • una descrizione generale del componente di sicurezza, compresi il campo di impiego (in particolare, gli eventuali limiti di velocità, carico ed energia) e le condizioni (in particolare, ambienti a rischio di esplosione ed esposti alle intemperie),
  • un fascicolo tecnico sull'installazione dell'ascensore,
  • disegni o schemi di progettazione e di fabbricazione,
  • i requisiti essenziali considerati e le soluzioni adottate per soddisfarli (ad esempio, una norma armonizzata),
  • i risultati di eventuali prove o calcoli eseguiti o fatti eseguire dal fabbricante,
  • un esemplare delle istruzioni per il montaggio dei componenti di sicurezza,
  • le misure adottate durante la fabbricazione per garantire la conformità dei componenti di sicurezza di serie al componente di sicurezza esaminato.

Il fabbricante dei componenti di sicurezza o il suo mandatario stabilito nell'Unione Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo componente di sicurezza per gli ascensori.

Documentazione tecnica

A completamento della valutazione, la procedura di valutazione deve essere documentata ai sensi della Direttiva 2006/95/CE, Allegato IV, N. 3.

La documentazione tecnica deve permettere la valutazione della conformità del dispositivo rispetto ai requisiti della Direttiva. Nella misura in cui è utile ai fini della valutazione, la documentazione deve riguardare il progetto, la fabbricazione e il funzionamento del materiale elettrico. Il fascicolo tecnico deve contenere:

 

  • una descrizione generale del materiale elettrico,
  • il progetto di massima nonché gli schemi e i disegni di fabbricazione di componenti, sottounità, circuiti, ecc.,
  • le descrizioni e le spiegazioni necessarie per comprendere detti disegni e schemi, inclusa la descrizione del funzionamento del materiale elettrico,
  • un elenco delle norme applicate in toto o in parte, e la descrizione delle soluzioni adottate per soddisfare i requisiti di sicurezza della Direttiva nei casi in cui non siano state applicate le norme,
  • il risultato dei calcoli effettuati nella progettazione, degli esami svolti, ecc.,
  • i verbali di collaudo.

 

Il fabbricante o il suo mandatario stabilito nell'Unione Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

Una volta ottenuta una valutazione positiva, la Direttiva 2006/42/CE sulle Macchine richiede la documentazione tecnica indicata nell'Allegato II. Tale documentazione deve consentire la valutazione della conformità dell'apparecchio ai requisiti della Direttiva.

Il fascicolo tecnico deve contenere:

  • documentazione dettagliata relativa alla fabbricazione della macchina, compresi i disegni della macchina e dei suoi componenti,
  • risultati dei test effettuati,
  • descrizione delle misure di protezione
  • altri elementi descritti nell'Allegato VII, A(a)

Inoltre, il fascicolo deve contenere una copia della Dichiarazione CE di Conformità.

Il fabbricante deve inoltre fornire i documenti relativi alla produzione in serie e alle misure interne che verranno implementate per garantire che la macchina continui ad essere conforme alle disposizioni della Direttiva (Allegato VII, A (b)).

Il fabbricante deve eseguire i test richiesti sui componenti, sulle apparecchiature o sulla macchina completa per stabilire se possa essere assemblata e messa in servizio in modo sicuro. I relativi risultati e relazioni devono essere inclusi nel fascicolo tecnico.

Il fabbricante o il suo mandatario ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

Ai sensi della Direttiva 2004/22/CE, la documentazione tecnica relativa agli strumenti di misura deve riguardare il progetto, la fabbricazione e le istruzioni per il funzionamento dello strumento. Tale documentazione deve consentire la valutazione della conformità dell'apparecchio rispetto ai requisiti della Direttiva. Nello specifico, l'Articolo 10, N. 2 elenca la documentazione seguente:

  • la definizione delle caratteristiche metrologiche,
  • la riproducibilità dei risultati delle misure degli strumenti prodotti quando essi sono correttamente tarati avvalendosi degli opportuni mezzi previsti,
  • l'integrità dello strumento.

L'Articolo 10 elenca ulteriori dettagli che si riferiscono ai vari tipi di strumento. Per un elenco completo, consultare la propria Direttiva di riferimento.

Il fabbricante o il suo mandatario ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

Prima di presentare una richiesta all'Organismo Notificato o, al più tardi, nel momento in cui immette sul mercato il primo esemplare del tipo in oggetto, il fabbricante è tenuto a produrre la documentazione tecnica. Tale documentazione deve consentire la valutazione della conformità dell'apparecchio rispetto ai requisiti della Direttiva.

Il fabbricante o il suo mandatario stabilito nella Comunità Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo non inferiore a 5 anni (15 anni nel caso di dispositivi impiantabili) dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

Una volta ottenuta una valutazione positiva, la Direttiva 2000/14/CE sull’emissione acustica richiede una documentazione tecnica, come indicato negli Allegati V - VIII (si veda l'Art. 14.3). Tale documentazione deve consentire la valutazione della conformità dell'apparecchio rispetto ai requisiti della Direttiva. Il fascicolo tecnico deve contenere:

  • nome e indirizzo del fabbricante o del suo mandatario stabilito nella Comunità
  • descrizione della macchina o attrezzatura
  • denominazione commerciale
  • tipo, serie e numeri di identificazione
  • dati tecnici necessari ai fini dell’identificazione della macchina o attrezzatura e della valutazione dell’emissione acustica, inclusi, se del caso, disegni schematici e altre descrizioni o spiegazioni necessarie alla loro comprensione
  • rinvio alla Direttiva
  • relazione tecnica sulle misurazioni del rumore effettuate ai sensi della Direttiva
  • strumenti tecnici applicati e risultati della valutazione delle incertezze dovute alla variabilità in produzione e loro relazione con il livello di potenza sonora garantito.

Il fascicolo deve contenere anche una copia della Dichiarazione CE di Conformità.

Il fabbricante o il suo mandatario ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

L'Allegato III alla Direttiva sugli strumenti per pesare a funzionamento non automatico richiede che il fabbricante produca la documentazione tecnica. Tale documentazione deve consentire la valutazione della conformità dell'apparecchio rispetto ai requisiti della Direttiva. La documentazione deve contenere:

  • una descrizione generale dell'esemplare tipo,
  • i disegni e gli schizzi della progettazione e della fabbricazione, gli schemi dei componenti, delle varie unità, dei circuiti, ecc.,
  • le descrizioni e le spiegazioni necessarie alla comprensione di quanto specificato più sopra e del funzionamento dello strumento,
  • un elenco delle norme armonizzate di cui all'articolo 6(1), applicate in toto o in parte e la descrizione delle soluzioni adottate per soddisfare i requisiti essenziali qualora le norme armonizzate di cui all'articolo 6(1) non siano state applicate,
  • il risultato dei calcoli effettuati nella progettazione e degli esami svolti, ecc.,
  • i verbali di collaudo,
  • i certificati di omologazione CE del tipo e i risultati di prove corrispondenti per strumenti contenenti elementi identici a quelli del progetto.

Il fabbricante o il suo mandatario stabilito nella Comunità Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

La Direttiva 89/686/CEE sui DPI richiede la produzione di documentazione tecnica, come indicato nell'Articolo 8 (1). Tale documentazione deve consentire la valutazione della conformità del dispositivo rispetto ai requisiti della Direttiva. Deve comprendere tutti i dati pertinenti relativi ai mezzi adottati dal fabbricante per garantire la conformità di un DPI ai requisiti essenziali ad esso relativi. Per i DPI di Categoria II e III, la documentazione dovrà comprendere:

  • il fascicolo tecnico del fabbricante, composto da:
  • i progetti generali e dettagliati del DPI, accompagnati eventualmente dalle note di calcolo e dai risultati delle prove di prototipi entro i limiti del necessario alla verifica dell'osservanza dei requisiti essenziali;
  • l'elenco esaustivo dei requisiti essenziali per la sicurezza, nonché delle norme armonizzate o altre specifiche tecniche di cui agli Articoli 3 e 5, tenuti presenti al momento della progettazione del modello;
  • la descrizione dei mezzi di controllo e di prova applicati nello stabilimento del fabbricante per verificare la conformità della produzione del DPI alle norme armonizzate o ad altre specifiche tecniche e per mantenere il livello di qualità;
  • una copia della nota informativa di cui al punto 1.4 dell'Allegato II.

Il fabbricante o il suo mandatario stabilito nell'Unione Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

La Direttiva 97/23/CE sulle Attrezzature a pressione stabilisce che il fabbricante produca la documentazione tecnica. Tale documentazione deve consentire la valutazione della conformità dell'apparecchio rispetto ai requisiti della Direttiva. La documentazione deve contenere, ad esempio:

  • una descrizione generale dell'attrezzatura a pressione
  • disegni di progettazione e fabbricazione
  • la descrizione e le spiegazioni necessarie alla comprensione di tali disegni e il funzionamento dell'attrezzatura a pressione
  • un elenco delle norme applicate e la descrizione delle soluzioni adottate per soddisfare i requisiti essenziali di sicurezza qualora non siano state applicate le norme armonizzate
  • i risultati dei calcoli effettuati nella progettazione e degli esami svolti, ecc.
  • i verbali di collaudo

Il fabbricante o il suo mandatario stabilito nella Comunità Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dalla fabbricazione dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

Una volta ottenuta una valutazione positiva, la Direttiva 2007/23/CE sugli Articoli pirotecnici indica la documentazione tecnica da presentare, che varia a seconda della procedura di valutazione prescelta, come indicato nell'Allegato II. Tale documentazione deve permettere la valutazione di conformità del prodotto ai requisiti della Direttiva. Il fascicolo tecnico deve contenere essenzialmente:

  • una descrizione generale dell'esemplare tipo,
  • il progetto di massima nonché gli schemi e i disegni di fabbricazione di componenti, sottounità e circuiti,
  • le descrizioni e le spiegazioni necessarie per la comprensione di detti disegni e schemi, gli schemi di componenti, sottounità e circuiti e del funzionamento dell'articolo pirotecnico,
  • un elenco delle norme armonizzate di cui all'articolo 8 della Direttiva, applicate in toto o in parte, e la descrizione delle soluzioni adottate per soddisfare i requisiti essenziali di sicurezza della Direttiva qualora le norme armonizzate di cui all'articolo 8 non siano state applicate,
  • il risultato dei calcoli effettuati nella progettazione, degli esami svolti, ecc.,
  • i verbali di collaudo.

Il fascicolo deve contenere anche una copia della Dichiarazione CE di Conformità.

Il fabbricante ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

Il Punto 4 dell'Allegato II descrive la documentazione tecnica. Tale documentazione deve consentire la valutazione della conformità del prodotto rispetto ai requisiti della Direttiva. La documentazione deve contenere:

  • una descrizione generale del prodotto;
  • disegni di progettazione e fabbricazione;
  • gli schemi di componenti, sottounità, circuiti, ecc.;
  • le descrizioni e le spiegazioni necessarie per comprendere detti disegni e schemi, inclusa la descrizione del funzionamento del prodotto;
  • un elenco delle norme di cui all'Articolo 5, applicate in toto o in parte, nonché la descrizione e la spiegazione delle soluzioni adottate per soddisfare i requisiti essenziali della Direttiva nei casi in cui non siano state applicate o non esistano le norme di cui all'articolo 5;
  • il risultato dei calcoli effettuati nella progettazione, degli esami svolti, ecc.;
  • i verbali di collaudo.

Il fabbricante o il suo mandatario stabilito nella Comunità Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Informazioni per l'utente: si veda l'Articolo 6.3 della Direttiva e il suo regime linguistico, che dipende dai regimi nazionali. Eventuali restrizioni o richieste di autorizzazioni necessarie per l'uso delle apparecchiature in alcuni Stati Membri dovranno essere riportate per avvertire l'utente.

Documentazione tecnica

Gli Allegati V, VII, VIII, IX, XI e XVI alla Direttiva 94/25/CE sulle Imbarcazioni da diporto prescrivono che il fabbricante produca una documentazione tecnica. Tale documentazione deve permettere la valutazione della conformità del prodotto rispetto ai requisiti della Direttiva. La documentazione deve contenere:

  • una descrizione generale dell'esemplare tipo,
  • il progetto di massima nonché gli schemi e i disegni di fabbricazione di componenti, sottounità, circuiti, ecc.,
  • le descrizioni e le spiegazioni necessarie per comprendere detti disegni e schemi, inclusa la descrizione del funzionamento del prodotto,
  • un elenco delle norme di cui all'Articolo 5, applicate in toto o in parte, e la descrizione delle soluzioni adottate per soddisfare i requisiti essenziali nei casi in cui non siano state applicate le norme di cui all'articolo 5,
  • il risultato dei calcoli effettuati nella progettazione, degli esami svolti, ecc.,
  • i verbali di collaudo, o i calcoli relativi alla stabilità in conformità al punto 3.2 dei Requisiti Essenziali e al galleggiamento in conformità al punto 3.3 dei Requisiti Essenziali (Allegato I.A),
  • le prove di emissione di gas di scarico che dimostrino la conformità alla sezione 2 dei Requisiti Essenziali (Allegato I.B).

Il fabbricante o il suo mandatario stabilito nella Comunità Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

Una volta ottenuta una valutazione positiva, la Direttiva 2009/48/CE richiede la documentazione tecnica indicata nell'Articolo 21. Tale documentazione deve consentire la valutazione di conformità del giocattolo alle specifiche della Direttiva. La documentazione tecnica deve contenere:

  • la descrizione dei mezzi (ad esempio, l'uso di verbali di collaudo o dossier tecnico) mediante i quali il fabbricante garantisce la conformità della fabbricazione alle norme di cui all'Articolo 13,
  • dove necessario: una copia del certificato d’esame CE del tipo redatto da un organismo notificato; copia dei documenti presentati dal fabbricante all’organismo notificato; la descrizione dei mezzi mediante i quali il fabbricante garantisce la conformità al modello approvato,
  • l'indirizzo dei luoghi di fabbricazione e immagazzinamento del prodotto; informazioni dettagliate relative alla progettazione e alla fabbricazione del prodotto.

Il fabbricante o il suo mandatario stabilito nella Comunità Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Documentazione tecnica

Ai sensi dell'Allegato II alla Direttiva 2009/105/CE sui recipienti semplici a pressione, il fabbricante è tenuto a preparare la documentazione tecnica relativa alla progettazione e alla fabbricazione per consentire la valutazione della conformità degli apparecchi ai requisiti della Direttiva. La documentazione deve contenere, ad esempio:

  • un progetto di fabbricazione dettagliato del recipiente;
  • le istruzioni per l'uso;
  • un documento che descriva:
    • i materiali utilizzati,
    • i procedimenti di saldatura utilizzati,
    • i controlli effettuati.

Il fabbricante o il suo mandatario stabilito nella Comunità Europea ha l'obbligo di conservare copie della documentazione tecnica per un periodo di 10 anni dall'immissione sul mercato dell'ultimo prodotto.

Condividi: FacebookGoogle+LinkedInInvia questa pagina a un amico