European Commission - Enterprise and Industry

For a better experience, please enable Javascript!

Osservazione terrestre: il satellite di Copernicus è pronto per il lancio Pubblicato il: 03/04/2014, Ultimo aggiornamento: 04/04/2014

News in RSS

Antonio Tajani, Vicepresidente della Commissione europea e Commissario responsabile per l’Industria e l’imprenditoria, ha dichiarato: "Lo Spazio è una delle priorità dell’Unione; il bilancio relativo ai due principali programmi spaziali, Copernicus e Galileo, è ora garantito per i prossimi sette anni. Nelle tecnologie spaziali saranno investiti quasi 12 miliardi di euro. Sarà mia cura far sì che tale investimento moltiplichi i benefici che i cittadini europei potranno trarre dai nostri programmi spaziali".

La Commissione europea attende con interesse il lancio di Sentinel 1A, il primo satellite del programma Copernicus, che avverrà oggi dal cosmodromo europeo nella Guyana francese. Il decollo è previsto per le 23:02, ora di Bruxelles.

Copernicus, il programma dell'UE dedicato all’osservazione della Terra, garantirà l'osservazione e il monitoraggio regolari di sottosistemi terrestri, dell’atmosfera, degli oceani e delle superfici continentali e fornirà informazioni affidabili, convalidate e garantite a supporto di un’ampia gamma di applicazioni e di decisioni nei settori dell’ambiente e della sicurezza (MEMO/14/251). Il lancio è una tappa fondamentale del programma Copernicus. Dati specifici di osservazione terrestre saranno immediatamente a disposizione dei servizi operativi.

Il lancio in streaming.

Comunicato stampa

Antonio Tajani, Vicepresidente della Commissione europea e Commissario responsabile per l’Industria e l’imprenditoria, ha dichiarato: "Lo Spazio è una delle priorità dell’Unione; il bilancio relativo ai due principali programmi spaziali, Copernicus e Galileo, è ora garantito per i prossimi sette anni. Nelle tecnologie spaziali saranno investiti quasi 12 miliardi di euro. Sarà mia cura far sì che tale investimento moltiplichi i benefici che i cittadini europei potranno trarre dai nostri programmi spaziali".