Questo sito è stato archiviato il 02/02/2015
02/02/2015

Percorso di navigazione

Altri strumenti

Magazine Imprese & Industria

Rispondere alle esigenze delle piccole imprese

All Rights Reserved © GettyImages

Lo Small Business Act (SBA) è stato lanciato proprio quando la crisi finanziaria ha cominciato a travolgere l'economia globale. Ma grazie allo SBA, diverse piccole imprese europee sono riuscite a resistere alle turbolenze. Oggi, mentre l'Europa continua il suo cammino verso la ripresa, lo SBA aiuterà le PMI dell'UE a crescere.

Lo Small Business Act (SBA) è uno dei mezzi attraverso i quali la Commissione europea permette alle piccole imprese di continuare a svolgere un ruolo importante nell'economia dell'UE .

Lo SBA è stato adottato nel 2008 e aggiornato nel 2011 con un’attenzione particolare a come aiutare le piccole e medie imprese (PMI) a far fronte alla crisi finanziaria. Il sostegno alle PMI inizia con l'ascoltare le PMI stesse.

"Comunicare con le PMI – rendendole capaci di collaborare direttamente con la Commissione, fornendo un riscontro su cosa funziona e cosa no - è un pilastro dello SBA", spiega il Vice Presidente della Commissione europea, Antonio Tajani.

Comunicazione e sensibilizzazione

La Commissione europea cerca di ottenere riscontri dalle PMI attraverso diversi canali, compresi dei gruppi di esperti su determinate proposte di nuove politiche e questionari online. Questa enfasi sullo scambio di idee ha contribuito a affinare le azioni della Commissione destinate alle PMI.

In qualità di Rappresentante della Commissione europea per le PMI, Daniel Calleja ha potuto osservare in prima persona il modo in cui la Commissione collabora con le piccole imprese al fine di massimizzare l'impatto - e ridurre l'onere - delle norme comunitarie.

"Come prova del suo impegno nel supportare le PMI, il Vice Presidente Tajani ha invitato tutti gli Stati membri a designare un rappresentante nazionale per le PMI", spiega Calleja. "Soltanto tramite una stretta cooperazione tra la Commissione europea e le autorità nazionali possiamo fare progressi concreti nell'attuazione dello Small Business Act per l'Europa ".

I progressi non mancano: dopo l'adozione dello SBA, la Commissione ha approvato centinaia di iniziative - e abrogato migliaia di atti giuridici - per aiutare le PMI a crescere. È anche grazie allo SBA che gli oneri amministrativi che gravano sulle imprese sono calati del 26% tra il 2007 e il 2012, con un risparmio stimato a oltre 30 miliardi di euro all'anno.

Nell’ambito del focus dello SBA sulla collaborazione, la Commissione ha effettuato una consultazione pubblica delle parti interessate nel 2012 per identificare quali segmenti della legislazione dell'Unione europea sono considerati più gravosi dalle PMI. I risultati di questa consultazione hanno aiutato a ispirare il programma di controllo dell'adeguatezza e dell'efficacia della regolamentazione (REFIT), che ha contribuito a ridurre i costi della regolamentazione in più settori .

Il Test PMI

Uno degli aspetti fondamentali dello SBA è il "Test PMI", volto a valutare l'impatto che ogni proposta legislativa avrà sulle PMI. Osservando la legislazione dalla prospettiva delle piccole e medie imprese, la Commissione ha individuato numerose aree in cui le misure regolamentari possono essere ridotte.

Accesso ai mercati

Per rendere più forti le PMI dell'UE, è necessario aiutarle ad accedere a nuovi mercati, sia all'interno che all'esterno dell'Unione. Un elemento fondamentale dell'aggiornamento dello SBA del 2011 è consistito nell’aumentare l’accesso ai mercati esteri.

L’UE ha stretto partenariati strategici con gli Stati Uniti e la Cina e lanciato dialoghi sulle politiche per le PMI con il Brasile, il Cile, la Colombia, il Messico ed altri ancora. Oltre ai dialoghi e agli scambi d’idee, la Commissione fornisce un supporto concreto e in loco nei Paesi terzi. La Commissione ha istituito degli IPR Helpdesk in Cina, nella regione del MERCOSUR e nel Sud-Est asiatico. La Commissione ha anche istituito centri d’affari – pensati per aiutare le imprese europee a entrare nei mercati esteri - in Cina, India e Thailandia, e sta progettando di lanciarne altri otto in tutto il mondo.

Oltre all’accento sui Paesi terzi, la Commissione si rende conto che le PMI dell'UE hanno bisogno di una solida base in Europa. A tal fine, lo SBA ha consentito alle PMI di far sentire la propria voce nel corso del processo di standardizzazione.

Per contattarci

Maggiori informazioni sono disponibili on-line all'indirizzo:

http://ec.europa.eu/enterprise/policies/sme/small-business-act/index_en.htm

Condividi: FacebookGoogle+LinkedInInvia questa pagina a un amico