Percorso di navigazione

Altri strumenti

Magazine Imprese & Industria

Il COSME stimolerà l'accesso al credito per le piccole imprese

Tutti i diritti riservati © European Commission

La Commissione Europea è determinata ad aiutare le piccole e medie imprese europee (PMI) a superare i problemi di finanziamento che attualmente affliggono l'Europa. Questa è l'ispirazione alla base del nuovo programma per la competitività di aziende e PMI (COSME), che libererà i finanziamenti per le PMI e aiuterà le piccole aziende, spina dorsale dell'economia europea, a creare beni, servizi e posti di lavoro. In un'intervista alla rivista Imprese e Industria, il Vice-Presidente Antonio Tajani spiega ciò che la Commissione spera di ottenere con il COSME.

I & I: in breve, che cos'è il COSME?

Tajani: il COSME è nuovo programma dell'UE dedicato alle PMI, che forniscono l'85% dei nuovi posti di lavoro complessivi dell'Unione Europea. È un dato di fatto: gli imprenditori ambiziosi hanno più difficoltà in Europa che in altre parti del mondo, in particolare quando si tratta di ottenere credito. Pertanto, il COSME è soprattutto uno strumento di finanziamento in grado di migliorare l'accesso per le PMI ai finanziamenti e ai mercati all'interno e all'esterno dell'UE. I fondi saranno utilizzati inoltre per creare un ambiente favorevole alle PMI, incoraggiando una cultura imprenditoriale in Europa e rafforzando la competitività sostenibile delle imprese dell'UE. Il programma è impostato per essere attivo dal 2014 al 2020, con un budget di 2,3 miliardi di euro.

I & I: come funzionerà il sostegno finanziario?

Tajani: il COSME mira a facilitare l'accesso delle PMI ai finanziamenti. A tal fine, quasi 1,4 miliardi di euro del budget COSME sono attribuiti a prestiti e capitali di rischio a complemento dei programmi finanziari a livello nazionale. In particolare, il COSME fornirà uno strumento di garanzia per i prestiti alle PMI fino a 150.000 euro ed offrirà un migliore accesso al capitale di rischio attraverso uno strumento finanziario, con una particolare attenzione alla fase di espansione e di crescita delle PMI. L'assegnazione di questi fondi sarà gestita da intermediari finanziari affidabili, come banche, garanzie comuni e fondi di capitali di rischio. Le PMI possono accedere a questi fondi attraverso un portale finanziario sostenuto dall'Unione europea.

I & I: che cosa significa il COSME per una PMI in termini pratici?

Tajani: il COSME funzionerà come il suo predecessore, il Programma quadro per la competitività e l'innovazione (CIP). Nell'ambito del CIP, le garanzie sui prestiti erano utilizzate nei casi in cui l'imprenditore o la piccola impresa non avessero sufficienti garanzie e la banca non elargisse il prestito. Il novanta per cento dei beneficiari, tra cui circa 200.000 piccole e medie imprese di tutta Europa, aveva un numero di dipendenti pari o inferiore a 10. Questa è precisamente la categoria che ha più difficoltà ad ottenere un prestito. Grazie al CIP, però, il prestito medio garantito era di circa 65.000 euro ed entro la fine del mese di dicembre 2012, gli strumenti finanziari del CIP avevano mobilitato quasi 13 miliardi di euro in prestiti e oltre 2,3 miliardi di euro in capitale di rischio. Lo stesso tipo di benefici sarà realizzato con il COSME.

I & I: quante imprese ne usufruiranno?

Tajani: si prevede che entro il 2020, circa 344.000 imprese ricevano crediti assistiti mediante garanzie COSME, con un valore dei prestiti fino a 22 miliardi di euro. Inoltre, grazie agli investimenti del COSME in fondi di capitale di rischio a sostegno delle PMI in rapida crescita, 560 aziende riceveranno investimenti di capitale di rischio con un volume complessivo investito di 4 miliardi di euro.

I & I: quale sarà l'impatto economico?

Tajani: l'impatto sarà enorme. Prevediamo che 1 euro investito in una garanzia di prestito per le PMI possa mobilitare tra i 20 e i 30 euro in più. Il rapporto per il capitale di rischio dovrebbe essere compreso tra quattro e sei. Gli strumenti finanziari comporteranno un aumento annuo di 3,5 miliardi di euro in prestiti aggiuntivi e/o investimenti per le aziende dell'UE. Ogni anno, si prevede che il COSME contribuisca ad un aumento del PIL dell'UE pari a 1,1 miliardi di euro e sostenga 40.000 imprese nella creazione o nel salvataggio di 30.000 posti di lavoro e nel lancio di 1.200 nuovi prodotti commerciali, servizi o processi.

I & I: quali altre forme di sostegno sono previste per le PMI nell'ambito del COSME?

Tajani: il restante miliardo di euro del budget del COSME sosterrà molti degli stessi programmi di successo già in atto, compreso il co-finanziamento della Rete aziendale europea (EEN), con oltre 600 uffici in Europa e nel mondo. Il COSME sosterrà anche l'internazionalizzazione delle PMI, l'Erasmus per giovani imprenditori, la formazione all'imprenditorialità, l'help desk DPI e la riduzione degli oneri amministrativi.

Per contattarci

Maggiori informazioni sono disponibili on-line all'indirizzo:

http://bit.ly/16UnI6r

Condividi: FacebookGoogle+LinkedInInvia questa pagina a un amico