Percorso di navigazione

Altri strumenti

Magazine Imprese & Industria

SOS burocrazia: le imprese possono farsi sentire

Tutti i diritti riservati © Buero Monaco/Getty/fotolia

Sapevate che le piccole e medie imprese (PMI) possono facilmente riferire alla Commissione europea le eventuali difficoltà che incontrano con le leggi e le politiche dell’Unione europea? Con l’aiuto dei 600 partner di Enterprise Europe Network dell’Ue, le PMI possono far conoscere continuamente la loro situazione tramite la procedura standard della Rete, non solo durante la fase di creazione di una legge, ma anche quando entra in vigore.

La Commissione europea richiede costantemente il parere delle PMI sull’impatto delle proposte e delle iniziative legislative sul territorio, con l'intento di riuscire a ridurre la burocrazia e aiutare le PMI a sfruttare al massimo le opportunità offerte dall’UE. Le piccole e medie imprese sono l'elemento portante dell’economia europea. Il 99% delle aziende europee sono PMI e forniscono due terzi dell’occupazione complessiva nel settore privato. Siccome in questo momento di crisi le PMI hanno una capacità di reazione superiore a quella delle grandi imprese e poiché generano l’85% dei nuovi posti di lavoro, è di primaria importanza trovare il modo di aiutarle ad avere maggior successo e a creare nuovi posti di lavoro.

La Enterprise Europe Network (la Rete), accessibile a tutte le imprese europee, svolge un ruolo importante in questo processo, raggruppando organizzazioni di supporto alle imprese provenienti da più di 50 nazioni. La Rete offre alle PMI la possibilità di avere contatti con esperti di tutti i paesi dell’UE e anche di numerosi paesi non appartenenti all’Unione europea. Con quasi 600 organizzazioni aderenti, la Rete è sempre facilmente raggiungibile,ovunque si trovino le aziende. “Qualunque sede della Rete contattiate, sarete assistiti direttamente da quella stessa sede oppure sarete messi in contatto con l'ufficio specializzato della Rete più vicino a voi e sempre pronto ad aiutarvi”, afferma un rappresentante della Enterprise Europe Network.

Consultare le PMI prima dell'adozione di una nuova proposta normativa

La Rete ha due metodi per verificare l’impatto delle leggi e dei programmi UE sulle PMI. Queste ultime sono consultate sia prima che una legge venga redatta sia dopo la sua applicazione, così da controllarne gli effetti sulle piccole e medie imprese. La consultazione pre-legislativa è effettuata tramite panel di PMI organizzati dai partner della Rete i quali sono tenuti a comunicare le conclusioni della discussione alla Commissione.

I panel delle piccole e medie imprese funzionano in questo modo: i partner della Rete selezionano i partecipanti adatti alla discussione, gestiscono il panel e forniscono i risultati alla Commissione. Queste valutazioni sono prese in considerazione dalla Commissione nella fase di preparazione di una proposta legislativa o politica.

Non è mai troppo tardi: la consultazione su una legge in vigore

Le consultazioni successive alla fase legislativa avvengono tramite il ‘meccanismo di riscontro delle PMI’. I partner della Enterprise Europe Network raccolgono le idee e i le opinioni delle PMI su diversi temi delle politiche dell'UE: ambiente, sostenibilità, occupazione e affari sociali, supporto all’innovazione, politica fiscale e diritti doganali e, in termini più generali, miglioramento e semplificazione delle regolamentazioni. I pareri raccolti sono poi inseriti in un database accessibile ai responsabili delle politiche della Commissione.

Quali sono i 10 atti legislative più gravosi per le PMI?

Si sentono spesso lamentele sulla burocrazia prodotta dal diritto europeo. Noi vogliamo e possiamo tagliare la burocrazia. Mancano pero proposte concrete su come farlo. In quest’ottica la rete sostiene la consultazione de la Commissione euro-pea: “Fateci sapere cio che ritenete possa essere migliorato, comunicateci le vostre idee su come ridurre la burocrazia!”. Questo processo di consultazione delle PMI contribuira ad individuare i dieci atti legislativi dell’UE considerati piu gravosi per le microimprese e le PMI. Dopo la sua conclusione, 21 dicembre 2012, la Commissione analizzera I risultati e valutera come migliorare la situazione per le PMI.

Aiutare le piccole imprese a sfruttare al massimo le opportunità di commercio

Non sapete come iniziare a cercare partner internazionali? Non avete le risorse per chiedere fondi europei? Non avete idea di chi possa finanziare la vostra impresa? Enterprise Europe Network è l'organizzazione che aiuta la vostra azienda a beneficiare del mercato interno dell’Unione Europea proprio come fanno le grandi imprese.

Gli esperti della Rete possono aiutarvi a trovare partner commerciali internazionali, a individuare nuove tecnologie e a ricevere fondi o finanziamenti europei. Inoltre essi possono consigliarvi su diversi temi quali la proprietà intellettuale, le leggi e gli standard dell’UE e su come lanciarsi nel mercato internazionale.

Oltre ai business panel e agli strumenti di riscontro, la Rete aiuta le PMI a confrontarsi con il settore pubblico e le stimola ad usare gratuitamente la rete europea cosiddetta SOLVIT per la risoluzione dei problemi. Gli uffici di SOLVIT, distribuiti in tutta l’Unione europea (oltre che in Norvegia, Islanda e Liechtenstein) si occupano di eventuali problemi derivanti dall’applicazione errata delle leggi europee da parte delle autorità pubbliche e gestiscono i reclami sia dei cittadini che delle imprese.

Per contattarci

Per maggiori informazioni e per trovare la sede più vicina tramite una mappa interattiva, visitate il sito della Enterprise Europe Network.

Per maggiori informazioni su come la Commissione europea consulta le PMI, consultare la pagina web della Commissione sulle consultazioni PMI English.

Condividi: FacebookGoogle+LinkedInInvia questa pagina a un amico