Percorso di navigazione

Altri strumenti

Magazine Imprese & Industria

UE e Cina si impegnano a migliorare la sicurezza dei giocattoli

Tutti i diritti riservati © emese73/fotolia

Siccome i giocattoli sono destinati ai bambini, è importante disporre di norme supplementari per garantirne la sicurezza. Per questo motivo i Paesi Bassi, uno dei principali punti di ingresso dei giocattoli nell’UE, in collaborazione con la Cina, una delle principali fonti di importazione di giocattoli per’Unione Europea , ha sottoscritto un piano d’azione denominato, “Cooperazione in materia di sicurezza dei giocattoli”. La collaborazione risultante favorirà la sicurezza dei giocattoli e, in maniera più ampia, la sicurezza dei bambini.

Dal 2002 UE e Cina collaborano sulla sicurezza dei giocattoli e il 25 ottobre 2012, a Pechino, hanno formalmente concordato un piano d’azione, “Cooperazione in materia di sicurezza dei giocattoli”. Le parti firmatarie erano l’Autorità Olandese per la Sicurezza Alimentare (NVWA) e l’Amministrazione Generale per la Qualità, Ispezione e Quarantena della Repubblica Popolare Cinese (AQSIQ).

Poiché Rotterdam è uno dei principali punti di ingresso dei giocattoli nell’UE, i Paesi Bassi sono essenziali per il mercato europeo del settore. Questo piano d’azione comune, che rafforza i controlli sulle esportazioni cinesi e li allinea con i controlli sulle importazioni olandesi, ridurrà ulteriormente il numero di giocattoli non conformi e pericolosi nell’UE.

In pratica, l’azione comune deve raggiungere una sorveglianza lineare su tutta la catena di distribuzione dei giocattoli, attraverso una stretta collaborazione tra le autorità europee di vigilanza del mercato e quelle cinesi di uscita-entrata. Il controllo dei prodotti sarà migliorato attraverso lo scambio di informazioni e il collegamento dei sistemi di controllo.

Il sostituto Ispettore Generale olandese, Freek van Zoerenof, del NVWA e il Vice Ministro dell’AQSIQ, Sun Dawei, hanno firmato l’accordo, alla presenza del Ministro Zhi Shuping e del Direttore Generale per le Imprese e l’industria della Commissione europea, Daniel Calleja.

“Questo progetto pilota è di fondamentale importanza per la sicurezza dei giocattoli nell’Unione europea, dato che molti dei nostri giocattoli sono fabbricati in Cina”, ha dichiarato Calleja. “Questo progetto porterà a un sistema comune di controllo e all’interpretazione uniforme degli standard di prodotto per i giocattoli nell’UE e in Cina. I giocattoli sono destinati al gruppo più vulnerabile dei consumatori, i nostri bambini, e migliorare la sicurezza dei giocattoli è una priorità fondamentale per l’Unione Europea”.

Condividi: FacebookGoogle+LinkedInInvia questa pagina a un amico