FAQ

... sul ritiro dal commercio delle lampadine a incandescenza e su un'illuminazione a elevata efficienza energetica.

 

Clicca su un argomento

Se non trovi in questo elenco la domanda che t'interessa, o se ti servono ulteriori precisazioni, consulta le FAQ più tecniche nella sezione esperti.

RITIRO DAL MERCATO DELLE LAMPADINE A INCANDESCENZA

D: Perché l'UE ha deciso di eliminare le lampadine a incandescenza tradizionali?

R: Per ridurre le emissioni di CO2 di circa 15 milioni di tonnellate all'anno.

L'illuminazione rappresenta circa un quinto dei consumi di elettricità delle famiglie.

Le tecnologie d'illuminazione più efficienti consumano fino a cinque volte meno elettricità di quelle tradizionali.

Le lampadine a risparmio energetico possono ridurre il consumo totale di elettricità di una casa del 10-15%, con un risparmio complessivo per l'Europa di 40 miliardi di kilowatt/ora all'anno (cioè il consumo annuo di un paese come la Romania).

 

D: Personalmente, che benefici ne avrò?

R: A parte i benefici ambientali sul lungo periodo, le lampadine a basso consumo possono farti risparmiare 50 euro l'anno (compreso il prezzo delle lampadine).

Il denaro totale risparmiato, 5-10 miliardi di euro all'anno, verrà reimmesso nell'economia dell'UE, aumentando il benessere degli europei.

 

D: Quando e come verranno eliminate le lampadine inefficienti?

R: Le lampadine per l'illuminazione domestica che non soddisfano i nuovi criteri di efficienza energetica fissati dall'UE spariranno gradualmente dal commercio di qui al 2012.

Poiché non esistono lampadine a incandescenza opache conformi a tali criteri, questi prodotti sono già stati ritirati.

Per le lampadine a incandescenza trasparenti è già iniziato un ritiro graduale.

Quelle di 100W e oltre non sono già più in commercio. Lo stesso criterio sarà esteso gradualmente alle potenze minori entro il 2012 (75W nel 2010, 60W nel 2011, 40W e inferiori nel 2012).

Tempi previsti per l'eliminazione delle lampadine inefficienti

Grafico completo jpeg - 79 KB [79 KB]

 

D: Che percentuale delle lampadine usate nell'UE era inefficiente dal punto di vista energetico prima delle nuove norme (2009)?

R: Circa il 75% (2,1 miliardi su un totale di 3,9 miliardi di lampadine).

 

D: Cosa succederà alle lampadine per usi speciali (ad es. luci da forno, lucine di natale)?

R: Le lampadine per usi speciali che non possono essere validamente sostituite da prodotti più efficienti rimarranno in commercio.

 

D: Cosa succederà alle vecchie lampadine a incandescenza che si trovano ancora nei magazzini?

R: Continueranno ad essere vendute fino a esaurimento scorte.

Le nuove norme infatti si applicano solo ai prodotti nuovi destinati ad essere venduti nell'UE.

 

ALTERNATIVE ALLE LAMPADINE A INCANDESCENZA

D: Che alternative ci sono alle lampadine inefficienti?

R: Nel 2012, quando tutte le lampadine a incandescenza tradizionali saranno state ritirate dal commercio nell'UE, i consumatori potranno continuare a scegliere fra tanti prodotti alternativi:

  • lampadine a incandescenza migliorate (con tecnologia alogena) - hanno la stessa forma e qualità di luce delle lampadine a incandescenza tradizionali, ma sono più efficienti
  • lampadine fluorescenti compatte - sono molto efficienti e durano a lungo
  • LED - lampadine molto efficienti e di lunga durata che fanno uso della tecnologia più moderna

Per saperne di più sulle lampadine a basso consumo di energia

Anche se costano di più, nel complesso questi prodotti sono più convenienti, perché usano meno elettricità.

È possibile realizzare un risparmio fra i 25 e i 50 euro all'anno, a seconda della casa e delle lampadine scelte.

 

D: Quando bisognerebbe usare le lampadine a incandescenza migliorate?

R: Vantaggi delle lampadine a incandescenza migliorate

  • stesso aspetto e forma delle lampadine a incandescenza tradizionali
  • producono lo stesso tipo di luce brillante tersa
  • danno una luce piena non appena vengono accese
  • possono sempre essere utilizzate con un dimmer
  • non risentono della temperatura ambiente
  • sono inizialmente più economiche

Svantaggi

  • non risparmiano altrettanta energia di altre lampadine a basso consumo
  • durano molto meno (2 anni) degli altri prodotti a basso consumo (6-10 anni per le lampade fluorescenti compatte e i LED)
  • nel complesso costano di più (maggior consumo di elettricità, sostituzioni più frequenti)
  • disponibili soltanto in colore "bianco caldo" (temperatura di colore), il che ne limita gli usi
  • si riscaldano molto durante l'uso (come le vecchie lampadine)

Si possono usare le lampadine a incandescenza migliorate:

  • quando serve una luce brillante tersa per scopi decorativi
  • per le luci poco usate, perché ci vorrebbe troppo tempo per ammortizzare il prezzo più alto delle lampadine di maggiore durata e minore consumo.

 

D: Quando bisognerebbe usare le lampadine fluorescenti compatte?

R: Vantaggi delle lampadine fluorescenti compatte

  • consumano fino all'80% di energia in meno rispetto alle lampadine a incandescenza tradizionali
  • consentono di risparmiare fino a 60 euro durante la loro vita utile
  • durano almeno 6-10 anni (contro 1-2 anni delle lampadine a incandescenza tradizionali)
  • non si rischia che brucino, grazie alla bassa temperatura di funzionamento
  • presentano una scelta più ampia di colori della luce (temperature di colore)

Attenzione!

  • Il funzionamento delle lampadine fluorescenti compatte standard è influenzato da alcuni fattori, come accensioni frequenti e temperature estreme. Non possono essere usate con un dimmer e bisogna aspettare qualche istante prima che producano una luce piena.
  • Esistono però speciali lampadine fluorescenti compatte in grado di risolvere questi problemi.



    Controlla l'imballaggio per sapere se la lampadina è adatta ad accensioni frequenti, dimmer, temperature estreme e avvio rapido.
  • Le lampadine fluorescenti compatte sono sempre opache, per cui possono produrre soltanto luce soffusa, equivalente a quella delle lampadine a incandescenza opache.
  • Quando si guastano, non possono essere buttate nella spazzatura e vanno portate in negozio o in appositi punti per il riciclaggio.
  • Se una lampadina fluorescente compatta si rompe e il contenuto fuoriesce, bisogna aerare bene la stanza e poi pulire con uno straccio bagnato. È meglio evitare che la pelle venga a contatto coi frammenti, e non bisogna usare l'aspirapolvere.

Si possono usare le lampadine fluorescenti compatte:

  • con tutte le lampade utilizzate di frequente o a lungo
  • quando serve luce soffusa e non brillante tersa

    (meglio controllare l'imballaggio per sapere se il colore della luce sia bianco caldo o freddo).

 

D: Quando bisognerebbe usare i LED?

R: Vantaggi dei LED

  • consumano fino all'80% di energia in meno rispetto alle lampadine a incandescenza tradizionali
  • consentono di risparmiare durante la loro vita utile (soprattutto nei prossimi anni, se il loro prezzo comincerà a scendere)
  • durano almeno 10 anni (contro 1-2 anni delle lampadine a incandescenza tradizionali)
  • non si rischia che brucino, grazie alla bassa temperatura di funzionamento
  • sopportano frequenti accensioni
  • danno luce piena appena accese
  • presentano una scelta più ampia di colori della luce (temperature di colore)
  • danno luce brillante, tersa o soffusa, secondo le esigenze.

Attenzione!

  • Al momento esistono soltanto lampadine a LED di emissione luminosa bassa o media (meno dell'equivalente di una lampadina a incandescenza da 75W).
  • Alcune lampadine a LED sono sensibili alla temperatura e non possono essere usate con un dimmer, ma ci sono LED speciali che non presentano questi problemi.
  • Quando si guastano, le lampadine a LED non possono essere buttate nella spazzatura e vanno portate in negozio o in appositi punti per il riciclaggio.

Si possono usare i LED:

  • con tutte le lampade utilizzate di frequente o a lungo.

Controlla l'imballaggio per sapere se il colore della luce sia quello voluto ( bianco caldo o freddo ) e se il prodotto possa essere usato con un dimmer o a temperature estreme.

 

D: Come valutare la luminosità delle nuove lampadine?

R: La luminosità di una lampadina è spesso espressa con l'equivalente in watt delle lampadine a incandescenza, ad es. "questa lampadina a basso consumo da 15W equivale a una lampadina da 60W".

Poiché però dal 2012 le lampadine a incandescenza non saranno più in commercio, serve un modo nuovo di esprimere la luminosità.

Il modo migliore è usare i lumen, che indicano l'emissione luminosa (e non l'elettricità utilizzata, come nel caso dei watt).

Ad esempio, l'emissione luminosa di una lampadina incandescente da 60W è di circa 810 lumen. Per ottenere una lampadina a basso consumo della stessa luminosità, bisogna quindi cercarne una da 810 lumen.

Dal 1998, i lumen sono indicati sull'imballaggio delle lampadine che recano l'“etichetta energetica europea”. Dal settembre 2010, i lumen saranno indicati in modo più visibile dei watt.

Equivalenze



lampadine a incandescenzalampadine a risparmio energetico
100W1300-1530 lumen
75W920-1060 lumen
60W700-810 lumen
40W410-470 lumen
25W220-250 lumen

 

RENDIMENTO, COSTI E SMALTIMENTO

D: Le lampadine a basso consumo sono più costose di quelle a incandescenza?

R: No. Le lampadine fluorescenti compatte e quelle a LED sono molto meno care di quelle a incandescenza tradizionali, perché:

  • durano ben 6-10 volte di più
  • consumano un quinto dell'elettricità

Una lampadina a basso consumo da 23W che dura 6 anni risulta meno cara di 100 euro circa rispetto alle lampadine a incandescenza tradizionali da 80W che servirebbero per lo stesso periodo di tempo (ipotizzando un costo dell'energia di 0,136 euro al kWh).

 

D: Le lampadine a basso consumo diventeranno meno care?

R: Forse sarà possibile con l'aumento delle vendite, anche se i prezzi sono già scesi negli ultimi anni.

Al momento, produrre una lampadina a basso consumo di energia rimane più costoso che produrne una a incandescenza.

 

D: Le lampadine a basso consumo fanno meno luce?

R: No – danno la stessa quantità di luce delle altre.

Lo si può vedere confrontando l'emissione luminosa in lumen (anziché in watt).

Ad esempio, una lampadina fluorescente compatta da 15W e una lampadina a incandescenza tradizionale da 60W producono entrambe circa 810 lumen di luce.

 

D: Quanto durano le lampadine a basso consumo?

R: Fra 6 000 e 15 000 ore (lampadine fluorescenti compatte e a LED per normale uso domestico).

Una bella differenza rispetto alle 1 000 ore delle lampadine a incandescenza tradizionali!

Anche se le nuove norme UE prevedono una durata di funzionamento minima, la vita delle lampadine fluorescenti compatte a volte può essere inferiore a tale minimo (cfr. prossima domanda).

 

D: Le lampadine fluorescenti compatte possono durare di meno se vengono accese e spente con frequenza?

R: Alcune 

Bisogna sempre guardare l'imballaggio: lì c'è scritto quante volte una lampadina può essere accesa prima di guastarsi.

Frequenti commutazioni (più di una volta per ora di funzionamento) riducono la vita di alcune lampadine fluorescenti compatte.

Ci sono però altri tipi appositamente concepiti per accensioni frequenti.

Inoltre, le accensioni frequenti non hanno effetti negativi sulle lampadine a incandescenza migliorate, né sui LED.

D: È vero che le lampadine a basso consumo non possono essere usate con un dimmer?

R: Falso. Quelle standard non possono, ma esistono lampadine fluorescenti compatte e a LED che consentono di modulare la luce, e alcuni dimmer sono adatti a qualunque tipo di lampadina a basso consumo.

Per sapere se una lampadina possa essere usata col dimmer, si consiglia di leggere l'imballaggio con attenzione.

Inoltre, tutte le lampadine a incandescenza migliorate consentono di modulare la luce a piacere.

 

D: Come smaltire le lampadine fluorescenti compatte e quelle a LED una volta che si sono esaurite o rotte?

Disfarsi delle lampadine a risparmio energetico

 

D: Le lampadine fluorescenti compatte ci mettono più tempo del normale per accendersi e dare luce piena?

R: ma, secondo le nuove norme, devono:

  • accendersi in non più di 2 secondi
  • raggiungere il 60% della piena emissione luminosa entro 1 minuto

I tempi di avvio vanno indicati sugli imballaggi.

Le lampadine a incandescenza migliorate e i LED raggiungono subito il massimo dell'emissione luminosa.

 

D: È vero che le lampadine a basso consumo non sempre sono applicabili alle lampade esistenti?

R: Alcune potrebbero non entrare nelle tue lampade, ma troverai sempre quella che fa al caso tuo: lampadine a incandescenza migliorate, compatibili col dimmer, ecc.

 

D: Le lampadine a risparmio energetico perdono in luminosità col passare del tempo?

R: : durante la loro lunga vita utile, le lampadine a basso consumo perdono gradualmente in luminosità, fino a un 30% in meno verso la fine della loro durata di funzionamento.

Le nuove norme contengono però un valore minimo di emissione luminosa che va rispettato anche alla fine della vita della lampadina.

 

D: È vero che le lampadine a basso consumo non funzionano quand'è freddo?

R: , a temperature estremamente basse una lampadina fluorescente compatta o a LED standard può emettere sostanzialmente meno luce.

Per entrambi i tipi di lampadine però esistono varietà concepite per l'uso in esterni, che danno lo stesso rendimento anche al freddo (confrontare sempre le informazioni sull'imballaggio).

Le lampadine a incandescenza migliorate inoltre funzionano a qualunque temperatura.

 

D: Alcune lampadine nuove contengono mercurio: non è un fattore d'inquinamento in più?

R: Le lampadine fluorescenti compatte contengono piccolissime quantità di mercurio.

Nel complesso, l'uso di queste lampadine ridurrà le emissioni di mercurio (oltre naturalmente alle emissioni di anidride carbonica).

Infatti, le lampadine nuove consumano fino all'80% di elettricità in meno rispetto alle lampadine a incandescenza, e molta elettricità è prodotta da centrali a carbone. Bruciare carbone per produrre elettricità causa emissioni di mercurio.

Se vuoi usare solo lampadine a basso consumo che non contengono mercurio, puoi ricorrere alle lampadine a LED.

 

D: Il calore prodotto dalle lampadine a incandescenza si può riutilizzare?

R: No: sarebbe una forma di riscaldamento inefficiente rispetto a tante altre, e infatti è considerata più una dispersione che un'energia utile.

Fra l'altro, le lampadine a incandescenza rilasciano calore anche d'estate quando scaldarsi non serve e anzi aumenta il bisogno di un condizionatore.

Inoltre, non tutti gli ambienti da illuminare necessitano di riscaldamento.

 

D: Cosa devo fare quando si rompe una lampadina fluorescente compatta?

R: Disfarsi delle lampadine a risparmio energetico

 

D: Le lampadine fluorescenti compatte possono causare malattie?

R: No: della questione si è occupato il Comitato scientifico UE dei rischi sanitari, concludendo che, in condizioni d'uso normale, le lampadine fluorescenti compatte non sono pericolose per la salute.

 

LE NORME DELL'UE

D: Le norme europee trattano soltanto del ritiro dal commercio delle lampadine a incandescenza tradizionali?

R: No, le norme si occupano anche degli aspetti seguenti:

  • requisiti minimi di efficienza energetica per tutte le lampadine
  • rendimento delle lampadine (ad es. durata di funzionamento ed emissione luminosa)
  • informazioni che devono essere indicate sui prodotti.

In questo modo scegliere la lampadina più adatta a ogni scopo diventa più facile.

 

D: La decisione di eliminare le lampadine a incandescenza tradizionali è basata su prove scientifiche?

R: . Uno studio dettagliato ha valutato diversi tipi di lampadine, per determinarne i potenziali benefici ambientali e l'impatto sui consumatori e sull'industria.

 

D: Le parti interessate sono state consultate?

R: . Le organizzazioni dei consumatori, le ONG e le associazioni di categoria hanno potuto dire la loro durante lo studio preliminare e la redazione dei primi documenti di lavoro della Commissione.

 

D: Perché l'UE ha adottato una decisione drastica come vietare le lampadine a incandescenza?

R: Anche se è noto dal 1998 che le lampadine a basso consumo sono le migliori quanto al rapporto costi-benefici, il loro prezzo d'acquisto abbastanza alto ne ha impedito la diffusione su vasta scala (nonostante nel complesso siano più economiche, dato il risparmio di elettricità che comportano).

Per rimediare alla situazione, i governi dell'UE e il Parlamento europeo hanno chiesto alla Commissione di adottare requisiti minimi per eliminare le lampadine meno efficienti.

 

E ADESSO?

D: Si prevede di aggiornare i criteri per l'etichettatura energetica delle lampadine?

R: : dal 1998 l'imballaggio delle lampadine presenta una scala da A a G che valuta l'efficienza energetica.

Questa scala sarà rivista per tener conto del ritiro dal commercio di diversi tipi di lampadine inefficienti e della recente introduzione di lampadine migliori.

Sarà anche ampliata, in modo da comprendere i faretti e le lampadine a basso voltaggio (probabilmente nel 2010).

 

D: In che modo l'UE garantirà il risparmio di energia anche in altri settori?

R: Accanto alle norme sulle lampadine, la Commissione sta preparando norme sull'efficienza energetica per oltre 20 categorie di prodotti diversi come televisori, caldaie, scaldabagno e motori elettrici.

Sono inoltre in vigore norme per migliorare l'efficienza energetica in altri settori.

Infine, l'UE incoraggia i paesi extraeuropei a introdurre o rafforzare normative per la riduzione delle rispettive emissioni.