IMPORTANT LEGAL NOTICE
 

 O.R.T.I. URBANI - Operazioni di Ri-vitalizzazione Terrotoriale e Imprenditoriale ascii version

Italy

 
DP Managing organisation : PROVINCIA DI NAPOLI - CITTA` METROPOLITANA
Other national partners : Associazione SMILE (Societa` Multiservizi Impresa e Lavoro) Campania
BANCA POPOLARE ETICA S.C.A R.L.
CENTRO ITALIANO OPERE FEMMINILI SALESIANE - FORMAZIONE PROFESSIONALE
CONFARTIGIANATO FEDERAZIONE PROVINCIALE DELL`ARTIGIANATO DI NAPOLI
Centro Sviluppo Commercio Turismo e Territorio
DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL`INFORMAZIONE - SECONDA UNIVERSITA` STUDI NAPOLI
FEDERAZIONE PROVINCIALE COLTIVATORI DIRETTI DI NAPOLI
GESCO Consorzio di Cooperative Sociali
IDEA AMBIENTE Consorzio Nazionale di Cooperative Sociali S.C.S.A.R.L.
LEGA REGIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE DELLA CAMPANIA
ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA
EQUAL theme :Entrepreneurship - Social economy 
Type of DP :Geographical - Urban area - NAPOLI 
DP Legal status :Association without legal form 
DP identification :IT-IT-G-CAM-018 
Application phase :Project ended 
Selection date :14-05-2002 
Last update :03-05-2002 
Monitoring: 2003  2004   

Rationale

Text available in

Areas of intervention are characterized by the following conditions:Mono-function use of the territory (`just a a place to sleep`); Meagre social cohesion, caused by lack of common roots and productive activities `in loco`; Insufficient services and amusements which can satisfy the essential needs of people and, at the same time, create a good level of life; Lack of urban rules, local activities such as services and amusements (universities, hospitals, shops, theatres) which could attract people that don`t live in the territory; Lack of places where most people can meet - few people attend churches, associations and schools; Structures and illegal activities (caused also by lack of job opportunities); Lack of social cohesion, caused by lack of common roots (people are often from a different place) and lack of productive activities in loco; Services and re-creative activities are under-measured, so the answers to citizens` needs life-quality; Lack of urban rules, that are local qualities attracting people that doesn`t live in the territory (universities, hospitals, shops, theatres, etc); Lack of common places to meet, also because in this areas churches, associations and schools involve just a little part of the population; Social cohesion is broken, so there`s just a a little participation to everyday life in local ambit; The presence of informal social structures and illegal activities, caused also by lack of productive activities; Low rate of highschool finishers; Long term unemployment; Lack of opportunities and places of participation to productive and social activities, that brings a lack of informal communication`s occasions and a lack of personal, professional or economic relationships among social actors; Bad environmental and territorial situation (crumbling buildings, acoustic pollution, rubbish); Waste areas in urban suburbs with environmental problems as rubbish and social phenomena as drug, violence, etc. dangerous for citizens` security. These conditions make living there a social handicap: a cause of discrimination that produces obstacles and makes more difficult for the citizens the inclusion in the job`s market.In this situation is very easy to imagine that young people has only two ways:to conform himself to the majority in order to not be excludedfrequenting other places and using his own territory just as dormitory with the risk of became hostil and disinterested for it.Both these choices brings uneasiness about someone`s own identity: forced in the first case, nomadic in the second one, destabilising in both cases, particularly in the case of lack of engagement`s opportunities: cultural, educational, religious interests, job. This situation is aggravated by the weakness of the family and the school and by the lack of stimuli, of places and opportunities of confrontation. A passive acceptance of this condition and the fear of going out the group brings discrimination and walls not easy to remove.In this way, people loose contact with the simplest elements of human condition: affectivity, emotions, friendship, expressiveness, competitiveness, self-affirmation`s desire, confrontation with the others. It may follow a psychological exasperation of uneasiness, and let the existence in an ethernal wait.

dot Top


Objective

Text available in

Foreseen re-birthing actions: Facilitating self-empowering; Reinforcing personal skills and inclination (difference`s value); Aiding research of social and economical status; Improving life quality in the urban areas; Showing other areas` life quality; Stimulating creativity and socialisation (against isolation); Spreading works in progress targeted on areas` change; Opening mind to other kind of knowledges and cultures (ecology, economy, organic agriculture); Developing other kind of practices instead of violence (enterprises setting up, building better open spaces); Developing awareness to be a member of a larger and warmer community; Training to learn to live together (through social enterprises); Involving areas` citizens as prevention`s agents; (Re)Setting up (social)enterprises.So, O.R.T.I. urbani will be:An Acronyms (in Italian orti means kitchen-garden) related to the project mission: `Exploiting Territorial and entrepreneurial Actions` In fact it foresees:Productive exploitation of park-and-garden areas placed in slums; Promoting entrepreneurial feeling: to work in the nature in order to self-improvement; Supporting and developing social economy in the field of agriculture and enviroment. A strategy against social exclusion: these areas are identified as places where you can just find criminality, young problems, drugs, and so on A way to involve institutional agencies, experts and citizens `on the stocks` aimed to territorial exploitation, in order to improve willing of change.A supporting structure to set up social enterprises and services for social economy development in the fields of urban life quality (public demand) and enterprises` services.An enterprise, following European good practices (for example English Community enterprise), offering an incubator service for services aimed to improve territorial quality.
Foreseen Activities Of O.R.T.I Urbani
Social-anthropologic and territorial studies of `orto` i.e. `kitchen garden` areasGeneral planning of open spaces which produce income Selfassessment and guidance of open spaces` crafts and professions Growth of professional and social enterprises operating in the sectors of production and of services connected to environmental quality of the area Meeting and journeys of studies far from the areas where they live Stages in structures specialized in the sectors of their interest Environmental education for students through virtual and `existent` themesSocial communication campaigns concerning changes in progress in the areas, and marketing campaigns about up coming subjects (professionals, enterprises, network). Fund raising.

dot Top


Innovation


Nature of the experimental activities to be implemented Rating
Guidance, counselling ***
Training ***
Integrated measures (pathway to integration) ****
Training of teachers, trainers and staff **
Conception for training programs, certification **
Awareness raising, information, publicity **
Studies and analysis of discrimination features *

Type of innovation Rating
Process-oriented ****
Goal-oriented ***
Context oriented ****

Text available in

O.R.T.I. URBANI`s innovative contribution about strategy and project actions regards to:Approach, methods and tools (innovation oriented to processes) because it faces discrimination problems connected to living in areas of social and environmental degrade through a multidimensional approach acting, at the same time, on environmental and personal dimension. It should create green spaces equipped able to generate creativity and enterprising but also initiatives and services aimed to improve environmental quality . It moreover uses innovative tools in order to promote through social comunication campaign), to involve disadvantaged subjects through games, competition..), to recruit users through self selection), to orientate the beneficiaries (to search for new fields and forms of social economy);identified actions objectives (innovation oriented to objectives). Rehabilitating an outsider person keeps pace with improving environmental quality where he lives and grows because to sow and grow plants helps to sow and grow shoots of `difference` from brand assigned to people and context.

dot Top


Budget Action 2

1 000 000 – 1 500 000 €

dot Top


Beneficiaries


Assistance to persons 
Unemployed  28.0%  32.0% 
Employed  20.0%  7.0% 
Others (without status, social beneficiaries...)  10.0%  3.0% 
  100.0% 
 
Migrants, ethnic minorities, …  10.0%  0.0% 
Asylum seekers  0.0%  0.0% 
Population not migrant and not asylum seeker  90.0%  0.0% 
  100.0%
 
Physical Impairment  0.0%  10.0% 
Mental Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Illness  0.0%  0.0% 
Population not suffering from a disability  0.0%  90.0% 
  100.0% 
 
Substance abusers 20.0%  0.0% 
Homeless  0.0%  0.0% 
(Ex-)prisoners  0.0%  0.0% 
Other discriminated (religion, sexual orientation)  0.0%  0.0% 
Without such specific discriminations  80.0%  0.0% 
  100.0% 
 
< 25 year  10.0%  10.0% 
25 - 50 year  40.0%  30.0% 
> 50 year  7.0%  3.0% 
   100.0% 

Assistance to structures and systems and accompanying measures Rating
Gender discrimination ***
Support to entrepreneurship ****
Discrimination and inequality in employment ****
Disabilities *
Other discriminations ****
Low qualification ***
Racial discrimination **
Unemployment ***

dot Top


Empowerment

 

 With beneficiaries

Participation
Promoting individual empowerment
Developing collective responsibility and capacity for action
Changing attitudes and behavior of key actors

Text available in

The project is coming from a group of promoters and experts that have been working either about problems of environmental and urban degrade either about discomfort causes and consequences (pathologies and deviations) of people living there.All the promoters and experts agree not only with the connection between processes recovering attractiveness and the functionality of physical environment, places and manufactured articles and processes recovering identity and well-being but also with O.R.T.O. metaphor as place of sowing, cultivation and flourish of green to eat and to furnish the same area and at the same time place of skills, jobs and enterprises and above all willing of doing something as to take a negative discriminating brand away from themselves. It is really a complex project, to experiment that has been compared itself with the conditions of beneficiaries (minors, house keepers, drug afflicts) one hundred people representing discomfort categories more at risk of discrimination and social exclusion because of place of residence and of being a women, drop out, immigrants, drug afflicts, ex prisoners..a) identification of target testimonial, stakeholder choiced by the partnership subjects. These testimonial will be periodically consulted during planning, experimentatio and modellization process.b) Ideas grant: primary and secondary students schools will propose a composition, high schools will propose a (projectual) idea (toward a project?), the youth organisms and other aggregation realities (churches, recreational circles, sporting clubs, condominiums) will propose a projectc) Adult roll-call (to ex-farmers, wood artisans…) residents in the public proprieties interested in the project. These people will have some dedicate education to let them be involved in the project becoming the technic operators of O.R.T.I. within social operators already involved in their work on project users.d) Game training (percourse), set on-line on ORTI web site for a sensibilization about green urban areas themes and topics. e) Scouting of waste lands, that means that some users as volunteers will go searches sites (areas) and handworks to recove like allotments/kitchen gardens. During this activities a photographic, historical and topographic documentation will be produced (made).f) Communication campaign about the Work in progress the project will be publicizate by: several exits of posters, the realization of videodossiers, and focus groups (to keep every three-month in each of the municipality inclused in the project ) with the participation of direct and indirect beneficiaries.

 

 Between national partners

Text available in

Project Partners involvment will be guaranteed by an organizative and managerial structure which foresees to realize the project the following organisms: Project Partners Assembly, twelve persons that have already signed Cooperation Agreement with an esecutive organism, Piloting Committee made up of six partners promoters.
The Piloting Committee will refer to Project Management Team made up of Naples Province and two organisms delegated by the consortia` Gesco and Ideambiente with its members, respectively charged of technical coordination and administrative and financial issues (see item n°4 for details on tasks and functions).
Monitoring and Evaluation Team, made up of Naples Province, OBR and Ideambiente, supports Province in checking activities realized by Project works responsible partners. Each partner will report information about realizations and results to Monitoring and Evaluation Team every three months. An external consultant will value trasnational activities too.
Regarding work programme development, the further responsabilities are so shared:
Ideambiente will operate also through its members with experience on subject for all the activities foreseen.
Trasnational activities coordination is entrusted to partner Lega delle Cooperative which will operate also through its associated structures, receiving strategical and operative indications from Partners Assembly
Every partner will realize the following projects:
Pw 1 Siti Fisici (Resp:Ideambiente; Collab:Coldiretti);
Pw 2 Siti Virtuali e Comunicazione Sociale (Resp:Provincia di Napoli; Collab:II Università degli Studi);
Pw 3 Cooperazione Transnazionale (Resp:Legacoop);
Pw 4 Monitoraggio, Valutazione e Controllo Qualità (Resp:Provincia di Napoli; Collab:Ideambiente);
Pw 5 Sviluppo Qualità Imprese Servizi alle Persone e alle Comunità (Resp:GESCO);
Pw 6 Formazione Tecnici del Verde Urbano (Resp:Ideambiente; Collab:Coldiretti, Confartigianato);
Pw 7 Creazione Cooperative Sociali Settore Agricoltura Biologica (Resp:GESCO; Collab:Coldiretti);
Pw 8 Creazione Imprese Sociali Servizi Settore Ecologia Urbana (Resp:GESCO; Collab:Ideambiente,OBR);
Pw 9 Formazione Formatori (Resp:GESCO; Collab:Ideambiente);
Pw 10 Materiali per Mainstreaming (Resp:Ideambiente; Collab:OBR, GESCO);
Pw 11 Studi & Ricerche, Progetti & Modelli (Resp:Ideambiente; Collab:II Università);
Pw 12 Selezione / Orientamento / Motivazione (Resp:CIOFS FP);
Pw 13 Servizi Finanziari (Resp:Banca Etica).

dot Top


Transnationality

 

 Linguistic skills

  • English
  • español (castellano)
  • français
  • italiano

 Percentage of the budget for transnational activities

  • 4.3%

 Transnational Co-operation Partnerships

Transnational Co-operation Agreement DPs involved
1569 Enterprises and Approaches for Social Inclusion EASI FR NAT-2001-10809

dot Top


Background

 

 Involvment in previous EU programmes

  • Two and more partners involved in A&E

dot Top


National Partners


Partner To be contacted for
PROVINCIA DI NAPOLI - CITTA` METROPOLITANA Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Associazione SMILE (Societa` Multiservizi Impresa e Lavoro) Campania
BANCA POPOLARE ETICA S.C.A R.L.
CENTRO ITALIANO OPERE FEMMINILI SALESIANE - FORMAZIONE PROFESSIONALE
CONFARTIGIANATO FEDERAZIONE PROVINCIALE DELL`ARTIGIANATO DI NAPOLI
Centro Sviluppo Commercio Turismo e Territorio
DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL`INFORMAZIONE - SECONDA UNIVERSITA` STUDI NAPOLI
FEDERAZIONE PROVINCIALE COLTIVATORI DIRETTI DI NAPOLI
GESCO Consorzio di Cooperative Sociali
IDEA AMBIENTE Consorzio Nazionale di Cooperative Sociali S.C.S.A.R.L.
LEGA REGIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE DELLA CAMPANIA
ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

dot Top


Agreement Summary

Text available in

In order to carry out the project the following bodies are expected: Partners` Meeting, Decision Desk, Project management Team, Monitoring and Valueting Team.
Partners` meeting has the aim: to put forward scientific lines of project activities; to identify guide lines of vertical and horizontal mainstreaming; to gather and spread good practices in the different project ambits. Partners` meeting is composed by each partner signing Partnership Agreement. (The person coordinating Partners` meeting) its coordinator is the President of Naples Province, Amato Lamberti or his delegate. Project Decision Desk will be composed by six members appointed by Naples Province, Ideambiente, OBR, Coldiretti, Gesco, Banca Etica.
Project Decision Desk will take charge of addressing and managing the partnership; in particular, it should split duties and services among partners, monitor management Team proposals regarding activities and operating costs; value to entrust duties to partners fixing related competences and responsibilities; coordinate project works according to Meeting`s addresses; support the referring subject in controlling partners`activities assuring periodically reports about activities already carried out and in realizing activities of trasnational cooperation, social communication, results and networking spread
Project management Team , composed of Naples Province, Ideambiente and Gesco, will manage activities guaranteeing project achievement and accounting together to a secretary staff.
Monitoring and Valueting Team, composed of Naples Province, Ideambiente, OBR, supports referring subject in controlling partners` activities supplying him periodically reports. The team builds up a system of realization, result, impact and quality indicators in order to monitor and value ex ante, in itinere and ex post project phases with their contents.
Work program will carry out through responsibilities so shared:
· General coordination is entrusted to Naples Province chairing Partners` meeting
· Accounting coordination is entrusted to Ideambiente partner which will operate also through qualified associated structures
· Technical coordination is entrusted Gesco partner
· Transnational activities coordination is entrusted to Lega delle Cooperative which will operate also through qualified associated structures, receiving strategical and operative lines from Partners` Meeting.
· Monitoring and Valueting activity is entrusted to a team composed of not only Naples Province (coordination), Ideambiente, OBR, but also an external consultant who will take care of transnational activities too.
Project activities have been organized in the following project works which will involve different partners but only one partner
will be in charge of its carrying :
· PW1Fisic sities (Resp.Ideambiente; Coll.Coldiretti)
· PW2 Virtual sities e social comunication (Resp .Naples Province; Coll: II Naples Study University);
· PW3: Transnational Cooperation (Resp. LegaCoop)
· PW4: Monitoring, Evaluation and Quality Control (Resp. Naples province; Coll. Ideambiente);
· PW5: People and Community service enterprises quality development (Resp.Gesco);
· PW6: Training for `Urban green experts` (Resp.Ideambiente; Coll.Coldiretti, Confartigianato)
· PW7: Social enterprises creation in the field of Biological Agriculture (Resp.Gesco; Coll.Coldiretti)
· PW8: Social enterprises creation in the field of urban ecology (Resp.Gesco; Coll.Ideambiente, Coldiretti);
· PW9: Training trainers (Resp.Gesco; Coll. Ideambiente)
· PW10: Materials for mainstreaming (Resp.Ideambiente; Coll.OBR , Gesco);
· PW11: Studies & research, projects & models (Resp.Ideambiente; Coll. II Naples Study Università);
· PW12: Selection,/vocational guidance/motivation (Resp. CIOFS FP)
· PW13: Financial services (Resp. Banca Popolare Etica)
Financial contribution management with regard to costs accounting and certification is entrusted to referring subject which will be also the treasurer. The referring subject, experienced in managing public, national and community funds, will assure to partners responsible for each project work ,regular money flow coming from either ESF and RF contribution either from its own money quote already put in Province balance, on production of documents (receipted invoices or equivalent supporting muniment) proving already supported expenses.




Last update: 03-05-2002 dot Top


PROVINCIA DI NAPOLI - CITTA` METROPOLITANA

(-)
Piazza Matteotti, 1
80134 Napoli
www.provincia.napoli.it

Tel:+39 081.7949240-236-4206798
Fax:+39 081.5525452
Email:dp.comunitarie@provincia.napoli.it; nferrara@provincia.napoli.it;m.vottari@provincia.napoli.it

 
Responsibility in the DP: Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:>250
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Naples Province plays roles foreseen by n. 42/90, national and regional laws, through the participation of citizens and institutions, in particular Local Authorities and other social organizations operating in competent sectors.It promotes social and economic development, according to the Statute, through an operative action (in particular in territory managing, environment, health, education, training) supporting and improving people life conditions, in conformity with the principles of equality and equal opportunities, facilitating a widespread participation of Local Authorities, social companies, services` associations and voluntary services.Naples Province `s DPSE 2000 (Economic Development Program Document) pursues a strategy of shared development in order to remove social discomfort causes and delays penalizing economic activities and civil life. This aim represents a real challenge which can be achieved, trough rules and criteria, involving more and more subjects and administration resources in order to realize principles of integration, concentration, sustainibility and efficacy of development politicsNaples Province has been, in particular, involved in promoting and managing: INTEGRA program `Progetto per la rimotivazione, il recupero ed il reinserimento nella vita sociale e lavorativa dei ristretti nelle case circondariali di Napoli e provincia (Project for re-motivation, recovery, re-inclusion in social life and employment for people living in Napoli and Provincia`s district penitentiaries), 1997-99` for £. 2.398.840.000 and 3 POM `I percorsi dell` esclusione sociale - Oasi interculturali - immigrazione (Social exclusion`s pathways - Inter-cultural oasis - immigration)` in partnership with PMI Consulting (manager partner), Banca Etica, SOL.CO Consortium Napoli (Idea Ambiente`s partner in Campania), Svluppo Italia, La Fattoria del Parco, with ASL Napoli 2, Moriana, and also with Aster and Lega delle Cooperative.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Lamberti Amato +39 081.7949111-5520127-5522532 presidente@provincia.napoli.it Interlocutor Authority Managing - monitoring and evaluation team Co-ordinator

Last update: 03-05-2002 dot Top


Associazione SMILE (Societa` Multiservizi Impresa e Lavoro) Campania

(SMILE CAMPANIA)
Via Torino, 16
80142 Napoli
-

Tel:+39 081 5630907 - 289192
Fax:+39 081 7856221
Email:segrsmile@libero.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Campania SMILE belongs to SMILE national network. It was born in 1988 and became association in 1966. SMILE network is legally recognized by Labour Minister. It works in the main Italian regions and in France, Germany, Great Britain and Switzerland. It belongs to Xeland s.p.a. which works to create, manages and spread Know-how connected to organizative , training, informative, quality system , FAD Internet.SMILE Campania it was constituted in 1985, that specilizede in many sectors:- at a distance learning;- organization and management of human risources;- continuos training and territorial training plans negoziating;- professionale training, IFTS, post degree;- consultancy and training for employment news services (training of trainers, balance competences);- citizens rights and sociasl exclusion fighting;- new enterprises and local devlopment creation;- SMILE Campania has consolided, others experience in planing and search, valuation and monitoring systems, training of trainers, quality and security processes in worker place.SMILE campania works in partnership with istitutional subjects, associations, enterprises.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Vitale Gerardo +39 081 5630907 segrsmile@libero.it Partner Assembly Member

Last update: 03-05-2002 dot Top


BANCA POPOLARE ETICA S.C.A R.L.

(-)
Piazzetta Forzatè, 2
35137 Padova
www.bancaetica.com

Tel:+39 049 8771111
Fax:+39 049 664922 / 8360782
Email:posta@bancaetica.com

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Financial institution
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:PADOVA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Banca Etica is an ordinary financial institute. It is under the supervision of Banca d`Italia and has an agreement with Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi: its customers have all the benefits of customers of other banks.Banca Popolare Etica`s mission is to create a `social profit`. Its main aims are: partners participation, possibilities to invest the savings in social projects, to sustain no profit initiatives, transparency.Banca Popolare Etica is the only Italian bank involved in agreement with local institutions to research a truly answer to territorial needs through working groups (local institutions, co-operatives and associations, Banca Etica). Banca Popolare Etica offers to the institutions either its skills in the financial and economical field, or its patrimony of relationship with people, co-operatives, associations and institutions.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Bertipaglia Maurizio +39 049 8771119 mbertpaglia@bancaetica.com Member of Project Piloting Committee (C.P.P.).

Last update: 03-05-2002 dot Top


CENTRO ITALIANO OPERE FEMMINILI SALESIANE - FORMAZIONE PROFESSIONALE

(C.I.O.F.S. - F.P. Campania)
Via Paladino, 20
80138 Napoli
www.ciofs-fp.org

Tel:+39 081 5516611
Fax:+39 081 5521768
Email:cospesvalse@pcn.net

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

C.I.O.F.S., Professional Training is an Association without profit purpose. It directs its attention to training and to job world according to rich experience and salesiana tradition begun, with St. John Bosco and St. Maria Domenica Mazzarello in XIX century, experience and tradition which belongs to Campania Region since 1980. The Association is promoted by C.I.O.F.S. - Organism legally recognised by DPR of the 20th October 1967 n. 1105, modified by DPR of the 28th July 1969 n. 615. It belongs to national Association C.I.O.F.S./P.T. (Salesiane Female Actions Italian Centre-Professional Training). The C.I.O.F.S transformed itself in new Association on November 27th 2000, its legal seat is in Naples in 20 Paladino Street inheriting not only the experience acquired at national level but also the experience coming from rich salesiana tradition and professional training in Campania since 1980. According to National CIOFS-PT it is organizing its activity about research, planning, training, orientation, context and enterprise services. It takes part in networking in order to participate regional, territorial, community initiatives valueing skills achieved by Association`s members and consultants through specific training courses and organizing the Educational Institute `Figlie di Maria Ausiliatrice`. Networking methodology is anyway a strategical choice which should permit to give quality to services.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Raimo Aurelia +39 081 5516633 - 5521179 - 5516228 - 3483702195 cospesvalse@pcn.net Partner Assembly Member

Last update: 03-05-2002 dot Top


CONFARTIGIANATO FEDERAZIONE PROVINCIALE DELL`ARTIGIANATO DI NAPOLI

(F.P.A.)
Via Medina, 63
80133 Napoli
www.confartiginatona.it

Tel:+39 081 5520039 - 5515246
Fax:+39 081 5512056
Email:webmaster@confartigianatona.it - lucianorezzuto@katamail.com

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Employers' organisation
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Naples Provincial Federation of artcraft enterprises and artisans, constituted in 1944, has been representing for 58 years interests of craftsmen and also of small enterprises, on hole territory of Naples Province.
Its main services addressed to associated are:
- Burocratical procedures regarding artcrafts enterprises start-up;
- assistance for enterprise creation;
- fiscals services;
- `CAAF` confederation of craftsmen pensioners and employes ;
- Patronage inapa;
- Loans from Artigiancassa;
- Personnal management (recrutment, orientation, training, etc..);
- Environment and security;
- Lawyer assistence;
- Informatics assistence;
- Assicurative assistence;
- Professional training;
- Shows and fairs.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Rezzuto Luciano +39 081 5520039 - 5515246 - 3351276092 lucianorezzuto@katamail.it Partner Assembly Member

Last update: 03-05-2002 dot Top


Centro Sviluppo Commercio Turismo e Territorio

(CE.S.CO.T.)
Via Gaetano Rummo, 5
82100 Benevento
www.cescot.it

Tel:+39 0824 541166
Fax:+39 0824 541166
Email:ascescot@hotmail.com

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:BENEVENTO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

CESCO is a training centre promoted by CONFESERCENTI (Regional association of Enterprises Operating Into Commerce, Tourism and Services) in order to develope professional and managerial skills of its members. It was born in 1984, is organized as network operating inside european, national and regional contexts. Main CESCOT activities are:
- Professional and Enterpreneurial Training;
- Researches and studies on Skills and on Enterprises;
- Orientations towards labour market;
- Stage organizations in Italy and in other Countries.
CESCOT works in three specificall fields:
- Basical training for autonomous jobs and new enterprising;
- Inclusion and Re-Inclusion into labour market Training;
- Continous Training for S.M.E. managers and workers.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
De Vita Giovanna +39 0824 541166 ascescot@hotmail.com Partner Assembly Member

Last update: 03-05-2002 dot Top


DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL`INFORMAZIONE - SECONDA UNIVERSITA` STUDI NAPOLI

(DII - SUN)
Via Roma, 29
81031 Aversa
www.unina2.it

Tel:+39 081 5010267 - 5010226
Fax:+39 081 5037042
Email:demaria@unina.it - segreteria.dii@unina.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:University / Research organisation
Legal status:Public organisation
Size:Staff 10-50
NUTS code:CASERTA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Information Engineering Department of the second University of Naples was founded in 1966.It is an economically autonomus structure that promotes and coordinates research activities in Information Tecnology fields. Information Engineering Department includes the following scientifichal areas of:Automatics; Applied Electromagnetism; Electronics; Electrotechnicals; Industrial Electronics and Electrical Systems of Power; Physics; Informatics; Telecommunications.Its most interesting activities, with reference to O.R.T.I. partnership, were, in the last three years:1.Research actions to create a Data Bank aimed to meet between demand and offer of job in second phase of initiative Occupation `Libera` - 266/E/I/R promote by Naples Province;2.Planning, training and research activities for ADAPT `Mercurio` promote by API (Small Enterprises Association) of Naples;3.higher Education MURST Project (operative program 1994/99 `research, technological development and higher Education` sub program ii - measure 3: education for technological transfer `planning and gestional services expert for public bodies, companies and associations, internet and intranet based MURST code 1742. Research activities of the department more related to the project ORTI are: informatics: analysis, modelling,safety and software engineering in distribuited systems; parallel architecture `special purpose`During last three years the department published 16 scientific writings on international reviews, and took part in 45 scientific intervntional meetings, and has been involved in 12 research collaborastions with public and private organizations in Higher Education themes.The department has scienrtif relations with several research centers , like:- IBM J. Watson Research Center New York - USA;- Lawrence Berkeley Laboratory, Berkeley - USA;- Technical University of Delfth - Olanda;- University of Saarbrucken - Saarland- Germania;- Politecnico di Grenoble - Francia;- Alenia spa;- Saab Ericcson;- ZF Luftfahrttechnijk GmbH - Germania;- Ansaldo Elasis - Gruppo FIAT.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
De Maria Giuseppe +39 081 5010267 - 5010226 demaria@unina.it Partner Assembly Member

Last update: 03-05-2002 dot Top


FEDERAZIONE PROVINCIALE COLTIVATORI DIRETTI DI NAPOLI

(COLDIRETTI)
Via Pica, 62
80142 Napoli
-

Tel:+39 081 266244
Fax:+39 081 289710
Email:napoli@coldiretti.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Trade Union
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

This agency is a professional organisation working in the agroindustrial and rural sector. Its aim is to support enterprises and operators working in this sector. ColDiretti works in agreement with local institutions, social and economic structures as to favourite an economical development according with the protection of natural environment and community planning.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
De Simone Marcello +39 081 266244 napoli@coldiretti.it Member of Project Piloting Committee

Last update: 03-05-2002 dot Top


GESCO Consorzio di Cooperative Sociali

(GESCO)
Via G.Porzio, 4 CDN is.G/8
80143 Napoli
www.gescosociale.it

Tel:+39 081 7877516
Fax:+39 081 7877516
Email:gesco@gescosociale.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Social economy enterprise
Legal status:Private
Size:Staff 50-250
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Gesco Consortium was born in 1991. Its aims are to promote social co-operation`s development.Its main activities are:Training and guidance for new professional roles addressed to operators working in social agencies;Operative planning in order to provide complex social services in agreement with local institutions;Widespread of co-operative culture through meeting in agreement with Lega Regionale delle Cooperative (art. 19 L.1217/71);Gesco works with an agreement with these Public Institutions:ASL Napoli 1 - ASL Napoli 2 - ASL Caserta 1, Comuni di: Napoli, Minori, Pompei, Montesarchio, S.Antimo, Baronissi, Ischia, Cerreto Sannita, Circoli Didattici 63°, 10° e 1° (Napoli), Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento degli Affari Sociali;Gesco achieves the following activities in the field of training and promotion of social enterprise:· European community - project F.S.E. ADAPT II^ `Social co-operation development and regional market forecast in Campania`;· European community - project EMPLOYMENT - HORIZON II° `Images`;· European community - project EMPLOYMENT - HORIZON I° `Training integrated action for professional planning in the field of social economy` , Coop. Dedalus;· Training course as professional house assistant addressed to immigrants, F.S.E. - Regione Campania, coop. Dedalus 1997/98;· Refresher courses for Community operators;· Training courses for Community operators;· Training courses for Community operators and for geriatric house assistants.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Sorrentino Luca +39 081 7877516 lsorrentino@gescosociale.it C.P.P. and T.G.P. member / Project Activities Technical Coordinator.

Last update: 03-05-2002 dot Top


IDEA AMBIENTE Consorzio Nazionale di Cooperative Sociali S.C.S.A.R.L.

(IDEAmbiente)
Piazza Vittorio Emanuele II, 31
00185 Roma
www.cgmambiente.it

Tel:+39 011 7718063
Fax:+39 011 7494154
Email:segreteria.generale@cgmambiente.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Social economy enterprise
Legal status:Private
Size:Staff 50-250
NUTS code:ROMA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

IDEA Ambiente National Consortium was born in 1998 from a social co-operation network, ConfCooperatve-Federsolidarietà, in order to be the structure expert in social enterprises development in environmental field. It is formed by a consortiums` network and social co-operatives in all Italy (SOL.CO.Napoli in Campania).IDEA Ambiente offers counselling, planning and environmental activities implementation services also to Public Administration. IDEA Ambiente`s social aim is promoting, achieving and developing, directly or with its partners, activities in environment sector in order to facilitate insertion in job market for disadvantaged (ex l. 381/91) and/or weak people, promoting collaboration among co-operatives in order to favour disadvantaged subjects social inclusion, co-ordinating activities among co-operatives as to make them more productive in the society. IDEA Ambiente`s structure is based on managers experienced in the environment field.IDEA Ambiente Consortium, since 1999, has carried on welcome and accompanying services for Grandi Stazioni spa and trough Cooperative Sociali.Among the activities there is the welcome service for pilgrims during Jubilee 2000 in Roma Termini station. This service`s name is TERMINI WELCOME STAFF.IDEA Ambiente has achieved `Abito qui`, a project aiming employment`s stabilisation for weak in the job market people, (drugs addicted, foreign persons). For this project it has just signed a protocol with Ministero dell`Ambiente and ANCI. This project foresees the collection and the re-using of second hand clothes.With an own social cooperatives` national network, IDEA Ambiente favours permanents collections of second hands clothes, devolving part of gains in solidarity initiatives, with the participation of Caritas and Amnesty International Italian section.IDEA Ambiente promotes activities of collecting and selling durable goods, as second hands clothes, computers, household appliances...As to carry on these activities, IDEA Ambiente is developing a network of shops called NUOVODINUOVO.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Colosimo Giuseppina +39 081 4201148 pina.colosimo@napoli.com C.P.P. and T.G.P. Member / administrative and financial coordinator.

Last update: 03-05-2002 dot Top


LEGA REGIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE DELLA CAMPANIA

(LEGACOOP - CAMPANIA)
Via Ausilio, isola E/5 sc.C
80143 Napoli
-

Tel:+39 081 6063054
Fax:+39 081 6022491
Email:ircmcamp@tin.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Employers' organisation
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Regional Lega of Cooperatives and social insurance of Campania is the organization which represents, addresses and keeps an eye on local bodies and cooperatives existing in Campania connected to it.The regional Lega coop, Naples seat, intends to pursue, in regional context, the same aims of National Lega of Cooperatives and social insurance, managing cooperative politics in Campania, realizing, the promotion of Cooperative movement as structural member of national economy and contributing to economic and social development in Campania Region and Southern Italy in the context of democratic programming politics



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
De Biase Domenico +39 081 5627589 ircmcamp@tin.it Partner Assembly Member

Last update: 03-05-2002 dot Top


ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

(OBR CAMPANIA)
Piazza dei martiri, 58
80121 Napoli
www.obrcampania.it

Tel:+39 081 5836148
Fax:+39 081 423096
Email:info@obrcampania.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

OBR has been involved in a national research to establish training needs and professional roles of Campania`s labour - market. OBR works in the field of guidance and spread of well practices towards training agencies; it has promoted community plans and territorial training pacts.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Bartolo Fulvio +39 081 2252410 uil-polav@mbox.itb.it Member of Project Piloting Committee (C.P.P.).

Last update: 03-05-2002 dot Top



 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 
Warning! This section is not meant to be read directly, but rather be navigated through from the main page above.
 
 
 
 

O.R.T.I. URBANI - Operazioni di Ri-vitalizzazione Terrotoriale e Imprenditoriale

Rationale

Text available in

Le aree considerate si caratterizzano per le seguenti condizioni: una destinazione d`uso monofunzionale prevalentemente abitativa (`quartieri dormitorio` o poco più); una scarsa coesione sociale causata sia dalla mancanza di radici comuni (popolazione proveniente da zone diverse) che dall`assenza di attività produttive in loco; il sottodimensionamento dei servizi e delle attività ricreative che, in maniera diversa, nel dare risposte ai bisogni primari della comunità residente, creano qualità della vita; la mancanza di ruoli urbani, ovvero di qualità locali in grado di attrarre utenza non residente nel quartiere stesso (università, ospedali, centri commerciali, teatri, fiere etc.); la mancanza di punti di aggregazione laddove chiese, associazioni e scuole hanno impatto solo su una parte minima di popolazione; L`aggregazione sociale è frazionata o inesistente con conseguente scarsa partecipazione alla vita quotidiana, in un ambito comunitario di quartiere;la presenza sul territorio e nelle strutture sociali informali di attività illecite e portatrici di devianza, giustificata e aggravata anche dalla mancanza di attività produttive radicate e costanti; un diffuso basso tasso di scolarità, che determina una forte limitazione delle opportunità di lavoro ed ancor di più determina gravi difficoltà, se non l`impossibilità, di realizzazione personale e professionale, con un senso di frustrazione ed un clima di sfiducia generalizzato; la presenza di disoccupati di lunga durata, anche perché espulsi dal sistema produttivo, in alcuni casi possibile risorsa `preziosa` perché in possesso di abilità e strumenti professionali tramandabili a generazioni successive, ma attualmente non valorizzati; una carenza diffusa di occasioni/luoghi di partecipazione ad attività produttive e sociali, e a esperienze di valorizzazione del potenziale umano (corsi di formazione etc.). Questa carenza vede, di conseguenza, limitate occasioni di comunicazione informale o di relazione a rete di tipo personale o professionale o commerciale tra soggetti fisici o giuridici; una situazione ambientale e di contesto disastrosa (alloggi fatiscenti ed allocati in mostri urbanistici; inquinamento acustico causato da cattive abitudini di vita come motorini rombanti e radio a tutto volume; rifiuti solidi accumulati; aree con verde incolto o manufatti vandalizzati o abbandonati, strade dissestate, etc.); la presenza di zone di margine urbano, dismesse o vuote, per la maggior parte ricettacolo di rifiuti e di fenomeni di devianza urbana (spaccio e consumo di stupefacenti, abusi e violenze, microcriminalità) che rappresentano altrettante zone a rischio per la salute e la sicurezza dei residenti.Si tratta di un complesso di condizioni che giustificano l`asserzione che `abitare in queste aree costituisce di per sé un handicap sociale`: un marchio, una causa di discriminazione che produce per i suoi abitanti diffidenze e barriere alla socializzazione, ma soprattutto consistenti difficoltà di ingresso, prima ancora che emarginazione o esclusione dal mercato del lavoro. D`altra parte non è difficile immaginare che in un` ambiente del genere un`adolescente, come in adulto si trovi costretto a scegliere fondamentalmente tra due strade: adeguarsi alla maggioranza per non essere additato od emarginato per la sua diversità `accollandosi di fatto il marchio`; vivere altrove la sua diversità, frequentando luoghi altri, tornando nel quartiere solo per dormire con conseguente incremento del rischio di ostilità da parte degli altri e di degrado ambientale per il suo stesso disinteresse ai luoghi. Si tratta in ogni caso di scelte che determinano sofferenza e disagio, soprattutto in relazione alla propria identità: coatta nel primo caso, nomade nel secondo, destabilizzante in ambedue i casi; soprattutto in mancanza di occasioni stabili di impegno: culturale (interessi), educativo (frequentazione scolastica), religioso (azioni di solidarietà), lavorativo (magari a favore della qualità del proprio quartiere).La debolezza per incompetenza, per miseria o per cultura della devianza della principale agenzia educativa (la famiglia) così come della scuola (ripetutamente evasa nonostante l`obbligo) lascia alla strada tale funzione ed una strada brutta, pericolosa e mal frequentata non può insegnare altro che violenza, paura, rassegnazione o devianza.La spirale psicologica dell`ineluttabilità dell`esclusione sociale non riesce ad essere spezzata per la carenza di stimoli, per la mancanza di luoghi ed occasioni di confronto fra simili, fra coetanei ma soprattutto fra giovani ed adulti… neanche dentro le mura domestiche. Passività e accettazione della inamovibilità della propria condizione e, nel contempo crescente timore di uscire dal mucchio per affondare il resto del mondo diventa una condizione esistenziale che autogenera discriminazione o, comunque, barriere che non si trova la forza di rimuovere.In questo modo si perde il rapporto con gli elementi più semplici della condizione umana: corporeità, affettività, emozione, amicizia, espressività, ma anche competitività, desiderio di affermazione di sé e di confronto con il mondo altro da te, tutto ciò fino all`esasperazione psicologica del disagio, la paralisi esistenziale, all`attesa di qualcosa che perde progressivamente la fisionomia del sogno.

dot Top


Objective

Text available in

Gli obiettivi generali del progetto sono, pertanto:combattere/ prevenire il disagio e la disoccupazione giovanile (e la `rottamazione` precoce degli adulti) nelle aree urbane di degrado ambientale attraverso meccanismi di rottura del circolo vizioso: degrado ambientale > distanza / disimpegno > emarginazione sociale > abbandono > degrado ambientale; promuovere la formazione come strumento di acquisizione / rafforzamento di identità (professionalità/autostima) e di ruolo sociale (status imprenditore/attore locale); sviluppare nuove/rinnovate competenze professionali e condizioni di occupabilità ,nell`ambito di settori e contesti lavorativi accoglienti e solidali ,per giovani in condizioni di disagio e a rischio di esclusione sociale; incentivare e supportare lo sviluppo di una economia sociale funzionale allo sviluppo delle qualità ambientali di una area, con particolare attenzione alla salute, alla sicurezza ed al benessere complessivo della comunità residente; recuperare aree vincolate a verde, destinandole a `campi scuola` e a spazi di incubazione virtuale di operatori e imprenditori del verde (riqualificazione e sistemazione di aree verdi, siepi e alberature stradali, coltivazione intensive e biodinamiche in giardini, terrazzi e tunnel, bordi e pavimentazione in pietra, banchine e recinzioni in legno ecc.); agevolare l`accesso al mercato del lavoro di coloro che incontrano difficoltà ad integrarsi ed reintegrarsi nel tessuto economico - imprenditoriale, sostenendo meccanismi di rimotivazione ed inclusione sociale; favorire processi di creazione di impresa in ambiti innovativi e specialistici, dei servizi alle imprese sociali (incubazione di mestieri e di attività economiche, consulenza alla contrattazione con gli enti pubblici, all`inserimento di soci lavoratori svantaggiati, alla redazione di bilanci di responsabilità sociale, alla finanza etica ecc…). Il progetto si propone in particolare: lo sviluppo concettuale ed operativo del termine `servizio di prossimità` per l`identificazione /sostegno di nuovi spazi di intervento della economia sociale; la creazione di strutture sperimentali (ORTI) di servizi per la promozione e la facilitazione di operazioni di ri-vitalizzazione territoriale ed imprenditoriale di aree degradate; lo sviluppo di competenze professionali territoriali nel settore ambientale attraverso percorsi integrati di formazione ed orientamento all`inserimento lavorativo; incentivazione e supporto allo sviluppo di imprenditorialità sociale, direttamente o indirettamente connessa al miglioramento della qualità ambientale di territori che rischiano di diventare `marchi` discriminatori per i loro abitanti; Il miglioramento delle capacità manageriali di soggetti che operano in imprese sociali esistenti nell`area di intervento, sia in relazione allo sviluppo della qualità dei servizi che del potenziale di inserimento di persone di categorie svantaggiate; la valutazione, modellizzazione e diffusione degli approcci, dei metodi e degli strumenti prospettati dagli O.R.T.I. per la loro riproducibilità a livello extralocale.La strategia generale che si intende sperimentare, nella ricerca di soluzioni alle problematiche individuate è di carattere multidimensionale, nel senso che intende agire su diversi livelli (soggettivi ed oggettivi) e sui diversi aspetti che caratterizzano le discriminazioni connesse alla residenza nell`area. Le operazioni di ri-vitalizzazione che il progetto potrebbe attivare sono: Facilitare l`emersione individuale (uscire dal mucchio nel rispetto degli altri); Rafforzare propensioni ed abilità personali (valore della diversità); Aiutare la ricerca di una identità positiva (ruolo sociale, mestiere, professione, status economico); Migliorare l`estetica e la vivibilità dei luoghi; Portarli fuori a vedere cosa accade altrove; Stimolare creatività, intraprendenza e socialità (contro la passività e l`isolamento); Far conoscere a tutti i lavori in corso sul cambiamento (rimozione marchio negativo dal luogo e dalle persone); Aprire la mente ad altri saperi ed ad altre culture (ecologia, economia, agricoltura biologica); Sviluppare pratiche alternative alla violenza (impegno mentale a fare impresa, fisico a costruire spazi migliori, psico-fisico a coltivare gli orti); Sviluppare senso di appartenenza ad un territorio sempre più ampio ed ad una comunità sempre più accogliente; Seminare e coltivare germogli di diversità (responsabilità, professionalità, relazioni fiduciarie); Educare alla convivenza,solidarietà ed all`intercultura (facendo impresa sociale); Responsabilizzare e rendere i residenti protagonisti della prevenzione dei rischi dell`area; Creare e/o ricreare imprese (sociali) caratterizzate da un`efficienza da profit e un` efficacia da no-profit. Gli O.R.T.I. URBANI che genereranno queste ed altre operazioni diventano allora:UN ACRONIMO relativo alla mission di progetto, `Operazioni di Ri-vitalizzazione Territoriale e Imprenditoriale` che allude ad azioni/servizi/eventi finalizzati: al recupero produttivo di aree verdi allocate in territori caratterizzati da degrado ambientale e sociale; alla promozione di spirito imprenditoriale nel lavoro con la natura per migliorare la propria natura; al rafforzamento ed allo sviluppo della economia sociale in campo agricolo e ambientale; Una STRATEGIA di contrasto dell` esclusione sociale degli abitanti delle aree suddette, che risultano discriminati in primis dal proprio luogo di residenza, prevalentemente `identificato` per i fenomeni di criminalità, disagio giovanile, disabilità psichica, dipendenza da sostanze tossiche….in esse ricorrenti; Una FORMULA per coinvolgere soggetti istituzionali, esperti e nuclei di popolazione residente, in una sorta di cantieri di recupero territoriale, in campi scuola dove si mettono in gioco saperi diversi, in luoghi di incontro/confronto e stimolo, proprio nel cuore del degrado, che possano testimoniare e comunicare la voglia e l`impegno per cambiare una condizione di vita; Una STRUTTURA di sostegno alla creazione d`impresa sociale e di servizi specialistici per lo sviluppo dell`economia sociale in settori connessi al miglioramento delle qualità urbane (committenza pubblica) e della qualità dei servizi erogati dalle imprese profit e no-profit dell`area (committenza privata da: commercianti, cooperative sociali artigiani, famiglie, parrocchie, strutture del volontariato e del privato sociale); Una IMPRESA magari di carattere misto, che, a partire ad ed esempio da quanto trasferibile dall`esperienza di altri Paesi Europei come dalle Community Enterprise inglesi, offra servizi di incubazione di risorse, di cultura e di pratica innovativi di impresa sociale e di reti delle stesse funzionali al miglioramento della qualità ambientale del territorio.Gli ORTI URBANI, a seguito dello studio di fattibilità e della sperimentazione progettuale, potranno diventare degli strumenti innovativi per la lotta alle discriminazioni e all`esclusione sociale derivante dal risiedere in aree di degrado ambientale e sociale, che potranno essere deputati a svolgere istituzionalmente le seguenti attività: (ipotesi portafoglio servizi per modelli base) studi socio - antropologici e territoriali delle aree candidate ad `orto`; progettazione di massima del recupero a verde produttivo; selfassessment, bilancio-competenze e orientamento ai mestieri e alle professioni del verde (costruzione di occasioni di studio, di formazione, di inserimento e progetti di marketing di sé); incubazione di professionalità e di imprese sociali operanti nei settori della produzione e dei servizi connessi alla qualità ambientale del territorio (attraverso informazione; benchmarking; percorsi integrati di sviluppo professionale e di creazione/crescita d`impresa; ricerca partner; trasferimento buone pratiche marketing di sistema; consulenze specialistiche di tipo legale, fiscale, contrattuale, commerciale e tecnologico; servizi ed incentivi finanziari…); missioni, visite e viaggi di studio fuori del quartiere/paese/nazione; stage esplorativi o di apprendimento in contesti lavorativi connessi alle proprie aspirazioni; sessioni di rafforzamento di identità sociale e professionale e di assistenza psicologica all`inserimento lavorativo di soggetti del disagio; educazione cooperativa e team building per il lavoro di squadra, dentro le imprese e tra le imprese; educazione ambientale e sviluppo coscienza ecologica negli studenti dell`area anche attraverso appositi percorsi-gioco (in ambiente virtuale) e campi scuola (in ambiente ruoli); campagne di comunicazione sociale sui cambiamenti in corso nell`area, e campagne di marketing dei soggetti ri-generati emergenti (professionalità, imprese, reti economiche e sociali); fund raising (ricerca e attivazioni di fonti di finanziamento pubbliche e private, anche nelle forme di conferimenti in risorse). ORTI URBANI avrà almeno tre sedi territoriali a cielo aperto (rete di campi scuola) dotate di spazi coperti, anche mobili.La forma giuridica di gestione dei singoli orti o della rete di orti che scaturirà da studi specifici di progetto, dovrà includere rappresentanze significative dell`utenza ri-generata, la quale diventa elemento d`esemplarità per altri utenti, interfaccia `amica` e vero e proprio animatore e formatore per nuove realtà professionali e `imprenditoriali` del verde da costruire anche in altri contesti territoriali.

dot Top


Innovation

Text available in

Il contributo innovativo della strategia e delle azioni progettuali di O.R.T.I. Urbani si esprime in termini di:a) approccio, metodi e strumenti (INNOVAZIONE ORIENTATA AI PROCESSI) in quanto affronta le problematiche discriminatorie connesse alla residenza in un`area di degrado ambientale e sociale (descritte al punto 3.4) con un approccio multidimensionale che opera contestualmente sulla dimensione ambientale e su quella personale creando spazi verdi attrezzati generatori di creatività e operosità, ma anche di iniziative e servizi funzionali al miglioramento della qualità ambientale dell`intera area);utilizzando metodi e strumenti innovativi per la sensibilizzazione (campagna di comunicazione sociale) per il coinvolgimento dei soggetti del disagio (giochi/concorsi/gare) per il reclutamento dell`utenza (autoselezione) per l`orientamento dei beneficiari (ricerca comune di nuovi spazi di sviluppo di forme diversificate dell`economia sociale: associazionismo categorie, reti telematiche, cooperative di produzione e di servizi ecc.);b) obiettivi delle azioni intraprese (INNOVAZIONE ORIENTATA AGLI OBIETTIVI) dal momento che si punta alla rottura del circolo vizioso degrado ambientale > distanza e disimpegno delle persone > emarginazione sociale > abbandono > degrado ambientale basandosi sull`assunto che il recupero di una identità individuale `dispersa` procede di pari passo con il recupero della qualità dell`ambiente in cui essa vive e cresce, laddove seminare e coltivare piante aiuta a seminare e coltivare germogli di diversità (responsabilità, professionalità, relazioni fiduciarie) dagli stereotipi affibbiati dal contesto. Allo stesso modo una educazione sul campo (nell`orto!) alla convivenza, alla collaborazione, al perseguimento di obiettivi concreti e comuni che variano dalla conquista di professionalità alla creazione di una impresa come dalla coltivazione di un verde che si tradurrà in alberi e fiori da piantare nel quartiere o in frutta e ortaggi da consumare direttamente;c) contesto nel senso dei sistemi collegati al mercato del lavoro in quanto prospetta novità che potrebbero essere fatte proprie:dal sistema dello studio della domanda e dell`offerta del mercato del lavoro (Osservatori, Agenzie per il lavoro, Servizi per l`impiego in quanto offrirà spunti ed informazioni sulle caratteristiche di una multivarietà fatta dalla popolazione della Provincia di Napoli in cerca (sempre per più tempo) di una occasione di reddito nella regolarità; dal sistema dell`orientamento scolastico e lavorativo in quanto prospetta metodi e strumenti di aggancio del `popolo` della dispersione scolastica e degli esclusi; dal sistema dei servizi alle imprese (datoriali, sindacali, istituzionali, privati ecc.)in quanto propone tipologie di servizi e formule di erogazione originali a sostegno di una economia sociale (accogliente / motivante / redditiva).

dot Top


Agreement Summary

Text available in

A)
Per la realizzazione del progetto sono previsti i seguenti organi:Assemblea dei Partners (A.P.);Cabina di Pilotaggio del Progetto (C.P.P.);Team di Gestione del Progetto (T.G.P.);Team di Monitoraggio e Valutazione (T.M.V.).

L`Assemblea dei partners è incaricata di: Formulare le direttrici scientifiche delle attività previste dal progetto;Individuare le linee guida del Mainstreaming verticale ed orizzontale; Raccogliere le buone Prassi e veicolarle nei vari ambiti progettuali.
L`A.P. propone le proprie elaborazioni e raccomandazioni alla C.P.P. che decide in merito alle azioni attuative. L`A.P. potrà avvalersi della collaborazione di esperti del mondo Universitario, della Ricerca e dell`Imprenditoria Sociale. Le proposte di collaborazione dovranno essere formulate al soggetto referente e approvate dal C.P.P. per l`adozione dei provvedimenti amministrativi relativi. L`A.P. sarà composta da un componente per ogni partner firmatario dell`accordo di cooperazione.Il Coordinatore dell`A.P. è individuato nella persona del Presidente della Provincia di Napoli, prof. Amato Lamberti e/o suo delegato.

La Cabina di Pilotaggio del Progetto sarà composta da 6 membri designati da: Provincia di Napoli; Idea Ambiente; OBR; Coldiretti; GESCO; Banca Etica.
La C.P.P. stabilirà le strategie di attuazione del progetto e avrà la responsabilità di indirizzo e di gestione della partnership. In Particolare avrà i compiti: Suddividere tra i partners i compiti e le prestazioni che ciascuno di essi dovrà rendere al fine dell`attuazione del progetto; Monitorare le proposte del team di Gestione in relazione alle attività ed ai costi relativi; Valutare l`affidamento degli incarichi ai singoli partner fissandone le relative competenze e responsabilità e proponendo al soggetto referente l`adozione dei provvedimenti consequenziali; Coordinare i lavori progettuali rapportandoli alle indicazioni dell`Assemblea; Coadiuvare il soggetto referente nel controllo delle attività dei singoli partner affidatari delle attività progettuali fornendo allo stesso relazioni con cadenza periodica sulle attività svolte; Coadiuvare il soggetto referente nell`attività di cooperazione transnazionale, comunicazione sociale, diffusione dei risultati e di networking; Supportare il soggetto referente nello svolgimento dell`attività di gestione amministrativa e finanziaria.

Il Team di Gestione del Progetto, costituito dalla Provincia di Napoli, Ideambiente e GESCO è deputato alla gestione delle attività e si strutturerà in modo tale da garantire la realizzazione, la contabilità e rendicontazione del progetto. All`interno di tale organo è previsto uno staff di segreteria costituito da addetti all`organizzazione, amministrazione, elaborazione ed editing testi, servizi telematici, etc..
Il Team di Monitoraggio e Valutazione, costituito dalla Provincia di Napoli, OBR ed Ideambiente, coadiuva il soggetto referente nel controllo delle attività dei singoli partner affidatari delle azioni progettuali, fornendo allo stesso relazioni con cadenza periodica; Il Team costruisce un sistema di indicatori di realizzazione, di risultato, di impatto e di qualità per il monitoraggio e la valutazione ex-ante, in-itinere ed ex-post delle fasi progettuali e dei loro contenuti.

B)
Per quanto riguarda l`esecuzione materiale del programma di lavoro, le responsabilità sono così ripartite:
- il coordinamento generale del progetto affidato al soggetto referente Provincia di Napoli che presiede l`Assemblea dei partners;
- Il coordinamento della gestione amministrativa e finanziaria è affidato al partner Ideambiente che opererà, per tutte le attività previste, anche attraverso suoi consorziati con esperienza in materia;
- Il coordinamento tecnico è affidato al partner Gesco.
Il coordinamento delle attività transnazionali è affidato al partner Lega delle cooperative, che opererà anche attraverso strutture associate con esperienze in materia, ricevendo gli indirizzi strategici ed operativi dall`Assemblea dei partner. L`attività di monitoraggio e valutazione è affidato ad un team composto da rappresentanti della Provincia di Napoli (Coordinamento) dell`OBR e IDEAMBIENTE nonché da un valutatore esterno che curerà le attività suddette anche per la parte transnazionale. Le attività progettuali sono state organizzate nell`ambito di Project-Works che prevedono il coinvolgimento dei diversi partner, differenziato per competenze e solidità economica e finanziaria, con l`individuazione di un partner responsabile della realizzazione delle attività così come di seguito specificato:
- Pw 1 Siti Fisici (Resp: Ideambiente; Collab: Coldiretti);
- Pw 2 Siti Virtuali e Comunicazione Sociale (Resp: Provincia di Napoli; Collab: II Università degli Studi);
- Pw 3 Cooperazione Transnazionale (Resp: Legacoop);
- Pw 4 Monitoraggio, Valutazione e Controllo Qualità (Resp: Provincia di Napoli; Collab: Ideambiente);
- Pw 5 Sviluppo Qualità Imprese Servizi alle Persone e alle Comunità (Resp: GESCO);
- Pw 6 Formazione Tecnici del Verde Urbano (Resp: Ideambiente; Collab: Coldiretti, Confartigianato);
- Pw 7 Creazione Cooperative Sociali Settore Agricoltura Biologica (Resp: GESCO; Collab: Coldiretti);
- Pw 8 Creazione Imprese Sociali Servizi Settore Ecologia Urbana (Resp: GESCO; Collab: Ideambiente, OBR);
- Pw 9 Formazione Formatori (Resp: GESCO; Collab: Ideambiente);
- Pw 10 Materiali per Mainstreaming (Resp: Ideambiente; Collab: OBR, GESCO);
- Pw 11 Studi & Ricerche, Progetti & Modelli (Resp: Ideambiente; Collab: II Università degli Studi di Napoli);
- Pw 12 Selezione / Orientamento / Motivazione (Resp: CIOFS FP);
- Pw 13 Servizi Finanziari (Resp: Banca Popolare Etica).

C)
La gestione dei rapporti con la regione Campania, Il Ministero del Lavoro, l`ISFOL e gli organismi incaricati delle verifiche e dei controlli sulle realizzazioni è affidata al soggetto referente, in qualità di interlocutore unico dell`Autorità di Gestione.

D)
La gestione di contributi finanziari con la relativa contabilizzazione e certificazione delle spese è demandata al soggetto referente che avrà anche funzioni di tesoreria.Il soggetto referente assicurerà, anche per la pregressa esperienza in materia di gestione di fondi pubblici nazionali e comunitari, il regolare flusso finanziario attraverso anticipazioni ai vari partner responsabili delle attività in corrispondenza sia delle erogazioni dei contributi dal FSE e dal FDR, sia della propria quota di cofinanziamento già posta in bilancio. I pagamenti effettuati dal soggetto referente avverranno secondo le medesime procedure che regolano il trasferimento dei contributi da parte della Commissione Europea (Avviso 02/2001) in proporzione dei fondi resi disponibili. Incassato l`acconto previsto, il soggetto referente lo trasferisce ai partner in proporzione alle attività affidate, mentre gli altri versamenti saranno effettuati con cadenza periodica ed avverrano esclusivamente in funzione delle spese effettivamente sostenute dalla PS comprovate da fatture quietanzate o documenti contabili aventi forza probatoria equivalente.



I risultati delle attività di progetto (prodotti, strumenti, metodologie, etc..), che potranno costituire, tra l`altro, materiale per il mainstreaming, sistematizzati nell`ambito del PW 10, saranno diffusi, pubblicizzati e resi di dominio pubblico attraverso apposite campagne di comunicazione e divulgazione, organizzate per mezzo di pubblicazioni, eventi, convegni, seminari, siti, strumenti e prodotti telematici (PW.2).Il processo decisionale ed operativo connesso alla realizzazione dell`intero progetto e per tutta la durata dello stesso sarà presidiato dall`assemblea di tutti i partner.

dot Top


Empowerment

 With beneficiaries

Text available in

Il progetto nasce da un gruppo di promotori e di esperti che hanno lavorato, sulle problematiche di degrado ambientale ed urbanistico, sia sulle cause e sulle conseguenze (patologie e deviazioni) del disagio delle persone che vi risiedono. È convinzione comune la connessione tra processi di recupero dell`estetica e della funzionalità dell`ambiente fisico, siti e manufatti, e processi di recupero di identità e benessere, tanto da essere tutti motivati a concertare la metafora dell`O.R.T.O. urbano quale luogo di semina, coltivazione e fioritura di verde da mangiare o per arredare l`area stessa e nel contempo di abilità, mestieri e imprese e soprattutto voglia di fare qualcosa per togliersi un marchio negativo discriminatorio. Un progetto complesso, da sperimentare, che si è confrontato direttamente con le condizioni dei beneficiari (minori, donne capofamiglia, tossicodipendenti) , rappresentanti delle categorie del disagio più esposte alla discriminazione e all`esclusione sociale determinata dal luogo di residenza e dal possesso di altre condizioni ad effetto moltiplicatorio (es. donne, drop out, immigrati, tossicodipendenti, ex detenuti ecc.). Per sensibilizzare, intercettare e motivare alla partecipazione i beneficiari, si intende agire attraverso:a) l`identificazione di testimoni di target rappresentanti della categoria ,scelti tra gli utenti dei soggetti del partenariato, da consultare periodicamente nel corso del processo di progettazione, sperimentazione e modellizzazione.b) Un concorso di idee e proposte per gli O.R.T.I. URBANI: un tema nelle scuole elementari e medie delle aree; un` idea progettuale nelle scuole superiori; un progetto dagli organismi dell`aggregazione giovanile e non dell`area (parrocchie, circoli ricreativi, gruppi sportivi, sala giochi, associazioni giovanili, condomini ecc.);c) Un appello agli adulti (ex contadini e/o artigiani del legno), dei diversi territori comunali interessati dal progetto, perché diventino(previo apposita formazione) gli operatori tecnici degli O.R.T.I. URBANI assieme ad operatori sociali già impegnati nelle aree sui target dell`utenza di progetto;d) Un percorso gioco da installare sul SITO ORTI urbani per sensibilizzare ai temi, ai problemi ed alle opportunità del `VERDE URBANO`;e) Un censimento dei vuoti urbani cioè la messa in campo di volontari aspiranti utenti del progetto che andranno in giro alla ricerca di siti e manufatti da `recuperare ad orti` producendo una documentazione storica, fotografica e planimetrica;f) Una comunicazione dei lavori in corso negli orti attraverso cartellonistica videodossier e focus group trimestrali (per Comune) accessibili ai beneficiari diretti ed indiretti.

dot Top


Empowerment

 Between national partners

Text available in

Il coinvolgimento dei partner di progetto sarà garantito dal sistema organizzativo e gestionale prefigurato per l`attuazione del progetto che prevede: un Assemblea dei Partner del progetto (12 soggetti), sottoscrittori dell`Accordo di Cooperazione, con un organismo esecutivo, la Cabina di Pilotaggio, costituito dai 6 organismi promotori del progetto, che farà a sua volta riferimento, per l`operatività, ad un Team di gestione del progetto costituito dalla Provincia e dai due soggetti consortili (Gesco e Ideambiente e associati a cui sono rispettivamente affidate le funzioni di coordinamento tecnico e di gestione amministrativa e finanziaria) - vd. sez.4.
Il Team di Monitoraggio e Valutazione, costituito dalla Provincia di Napoli, OBR ed Ideambiente, coadiuva il soggetto referente nel controllo delle attività dei singoli partner affidatari delle azioni progettuali, fornendo allo stesso relazioni con cadenza periodica. Un valutatore esterno curerà le attività suddette, per la parte transnazionale.
Per quanto riguarda l`esecuzione materiale del programma di lavoro, le ulteriori responsabilità sono così ripartite:
Ideambiente opererà, per tutte le attività previste, anche attraverso suoi consorziati con esperienza nelle materie affidate;
Il coordinamento delle attività transnazionali è affidato al partner Lega delle cooperative, che opererà anche attraverso strutture associate con esperienze in materia, ricevendo gli indirizzi strategici ed operativi dall`Assemblea dei partner.
Le attività progettuali sono state organizzate nell`ambito di Project-Works che prevedono il coinvolgimento dei diversi partner, differenziato per competenze e per solidità economica e finanziaria, con l`individuazione di un partner responsabile della realizzazione delle attività, così come di seguito specificato:
Pw 1 Siti Fisici (Resp:Ideambiente; Collab:Coldiretti);
Pw 2 Siti Virtuali e Comunicazione Sociale (Resp:Provincia di Napoli; Collab:II Università degli Studi);
Pw 3 Cooperazione Transnazionale (Resp:Legacoop);
Pw 4 Monitoraggio, Valutazione e Controllo Qualità (Resp:Provincia di Napoli; Collab:Ideambiente);
Pw 5 Sviluppo Qualità Imprese Servizi alle Persone e alle Comunità (Resp:GESCO);
Pw 6 Formazione Tecnici del Verde Urbano (Resp:Ideambiente; Collab:Coldiretti, Confartigianato);
Pw 7 Creazione Cooperative Sociali Settore Agricoltura Biologica (Resp:GESCO; Collab:Coldiretti);
Pw 8 Creazione Imprese Sociali Servizi Settore Ecologia Urbana (Resp:GESCO; Collab:Ideambiente,OBR);
Pw 9 Formazione Formatori (Resp:GESCO; Collab:Ideambiente);
Pw 10 Materiali per Mainstreaming (Resp:Ideambiente; Collab:OBR, GESCO);
Pw 11 Studi & Ricerche, Progetti & Modelli (Resp:Ideambiente; Collab:II Università);
Pw 12 Selezione / Orientamento / Motivazione (Resp:CIOFS FP);
Pw 13 Servizi Finanziari (Resp:Banca Etica).

dot Top



Logo EQUAL

Home page
DP Search
TCA Search
Help
Set Language Order
Statistics