IMPORTANT LEGAL NOTICE
 

 Araba fenice. Dal carcere a nuova vita ascii version

Italy

 
DP Managing organisation : Gruppo Promidea SCRL - Consorzio per la promozione dello sviluppo locale
Other national partners : Associazione Antigone Onlus
Associazione Osservatorio sulla Criminalita`
Comune di Cassano allo Jonio
Comune di Castrolibero
Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria della Calabria
EQUAL theme :Entrepreneurship - Social economy 
Type of DP :Geographical - Other - COSENZA, CATANZARO, REGGIO DI CALABRIA 
DP Legal status :Association without legal form 
DP identification :IT-IT-G-CAL-051 
Application phase :Project ended 
Selection date :21-06-2002 
Last update :30-04-2002 
Monitoring: 2003  2004   

Rationale

Text available in

Dans l`Organisation penitantiaire l`element travail joue un role tres important dans la methodologie reeducative (art. 20 et 21 de l`Organisation).

La fonction du travaine est celle de favoriser la reinsertion sociale du detenu.

En realité, la possibilité d`avoir une activité de travail soit à l`interieur des prisons soit à l`exterieur pour les sujets soumis à mesures alternatives rencontre nombreuses difficultés.

Il s`agit parfois des limites lies à l`organisation des espaces et des temps dans un lieu normalement destine au controle. Il est pour cela que les detenus finissent pour faire des travaux da bas niveau (cuisines, repas, propreté des lieu, etc.) et en tout cas limité au perimetre des prisons (bibliotheques, jardins, coiffeur).

Au 31 decembre 1999, seulement le 23,07% des detenus a une actitivité de travail.

Cela veut dire que la majorité des detenus a une seule choix: l`inactivité obligée.

La situation n`ameliore pas si l`on regarde aux mesures destinees aux detenus confies aux services sociaux ou aux detenus sortis de prison.

Les difficultes et les prejuges de la societe finissent pour destiner les detenus à une carrière de deviance et parfois de recidives. Il est donc necessaire imaginer de parcour de formation et des activité de travail qui soient premisse à la reelle reinsertion dans la societe.

Il faut avant tout motiver le temps de la reclusion, en faire un moment de vraie intervention des operateurs.

Il fatu en meme temps eviter les travaux precaires, sous-payes ou, pire, non adequate aux competences professionnelle des sujets concernes.

dot Top


Objective

Text available in

Les deux objectif generaux du projet `Araba Fenice` et de ses partenaires sont les suivants:
- animer actions pour l`inclusion sociale des detenus, des ex detenus et des sujets concernes pa r des mesures alternatives;
- soutenir l`entreprise et l`economie sociale à niveau local.

La strategie globale est la suivante:

1) ameliorer les opportunités d`insertion sociale et economique des benificiaires finaux par le moyen de la creation de petites entreprises dans le champs de la cooperation sociale et de l`economie solidale.

Paradoxalement, le temps est la dimension dont le detenu ne dispose pas, surtout s`il doit l`utiliser pour mener une activité de travile, voire entrer dans un cycle de production. En plus, les detenus sont souvent destines à perdre les abilités possedés à l`entres a cause du manque d`exercice et de mise à niveau tecnologique. Une loi du 22 juin 2000 (loi Smuraglia) etablit de mesures de soutien pour les entreprises qui donne du travail aux detenus. Neanmoins, la situation n`est pas trop changee et les entreprises sont comprehensibilement en attente de comprendedre la rentabilité effective d`une main-d`oeuvre carceral. Par contre ce projet veux experimenter formules originales d`insertion par le moyen de l`utilisation de `bourses d`insertion` destinees aux beneficiaires qui voudront entre dans de cooperatives existentes ou de `bourses d`entreprise` pour ceux qui sohaites mettre en marche des entreprises en forme associees.

b) renforcer le lien entre les prisons et le territoire par l`implication des administrations locales, les agences de developpement locale, les association de benevoles et les cooperatives sociales.

Un parcours adequat d`inclusion ne peux que passer par le lien entre territoire et prison. Par le moyen du suivant projet nous souhaitons elaborer un `Pact pour l`inclusion des beneficiaires finaux`.c) renforcer l`entreprise sociale et l`economie solidaleLa promotion d`entreprises sociales à participation de detenus et d`ex detenu fait partie de l`objectif plus general d`avancement de l`economie sociale.
La strategie globale tourne autour de ces trois aspects fondamentaux:
- l`implication de la population des detenus et des sujets confiés aux services sociaux dans les activités de soutien;
- la sensibilisation de la societé vers une conception du sujet detenus comme ressource;
- la creation d`un observatoire sur les bonnes pratiques visant creer un laboratoire d`idees et de processus innovants d`insertion.

Dejà pendant la redaction de ce projet on s`est rendu compte que les centres d`orientation et de reinsertion pour les detenus sont tres peu connus et surtout demontrent une certaine incapacité de travailler en reseau. Reciproquement, l`on a pu se rendre compre que les experiences plus significatives sont justement celles qui sont tres enracines dans la zone d`action, qui offrent plusieurs services et comptent sur ressources variees, qui finalement naissent d`une cooperation entre organismes publique et prives ainsi ceux qui travaillent en reseau.

dot Top


Innovation


Nature of the experimental activities to be implemented Rating
Guidance, counselling ****
Work placement ****
Employment aids (+ for self-employment) ****
Integrated measures (pathway to integration) ****
Training of teachers, trainers and staff **
Work organisation, improvement of access to work places ****
Guidance and social services ****
Awareness raising, information, publicity ****
Studies and analysis of discrimination features ****

Type of innovation Rating
Process-oriented ****
Goal-oriented ****
Context oriented ****

Text available in

La strategie globale du projet vise exalter les trois niveau d`innovation:

- innovation adressee aux processus.

La strategie des processus regarde trois elements d`innovation:
- la methodologie d`implication active pour toute la duree du projet;
- la composition multiacteurs du partenariat;
- les outils de gestion du projet (systeme informatique de partage du travail de gestion à distance).

La methodologie repond au principe bottom-up, voire l`implication active des acteurs clee, le concepte d`elaboration integree visant atteindre les objectifs et les beneficiaires finauux. Cette approcche a etee utilisee soit en phase preliminaire, soit en phase executive. Il sera utilise meme en phase de controle et da`uto-evaluation intermede et final.

Innovation par rapport aux objectifs.

L`action veux experimenter un approche nouveau par rapprot aux mesures de traitement carceral. Il en decoule l`exigence de trouver de reponse differenciees pour les processus d`insertion. Il faut tenir compte des besoins divers du detenus et de la necessite de l`integre dans la culture et dans les activites des communautes locales.

Innovation par raport aux contexte.

L`implication active des administration locales, des acteurs sociaux et de la population est considere tres important pour la necessitè complesxive des actions. Le probleme de la reinsertion des detenus ne peut que passer par le consensus de la societe.
Il est dans ce sens que les activites du projet exaltent le role des Institutions Publiques dans la recherche des solutions qui aident les echanges et l`inclusion. Ces dernieres seront ainsi poussees à soutenir de Consultes et dea Pactes visant travailler pour l`inclusion.

dot Top


Budget Action 2

1 000 000 – 1 500 000 €

dot Top


Beneficiaries


Assistance to persons 
Unemployed  65.0%  5.0% 
Employed  0.0%  0.0% 
Others (without status, social beneficiaries...)  15.0%  15.0% 
  100.0% 
 
Migrants, ethnic minorities, …  0.0%  0.0% 
Asylum seekers  0.0%  0.0% 
Population not migrant and not asylum seeker  80.0%  20.0% 
  100.0%
 
Physical Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Illness  0.0%  0.0% 
Population not suffering from a disability  80.0%  20.0% 
  100.0% 
 
Substance abusers 0.0%  0.0% 
Homeless  0.0%  0.0% 
(Ex-)prisoners  65.0%  5.0% 
Other discriminated (religion, sexual orientation)  0.0%  0.0% 
Without such specific discriminations  15.0%  15.0% 
  100.0% 
 
< 25 year  30.0%  5.0% 
25 - 50 year  50.0%  15.0% 
> 50 year  0.0%  0.0% 
   100.0% 

Assistance to structures and systems and accompanying measures Rating
Gender discrimination **
Support to entrepreneurship ****
Discrimination and inequality in employment *
Unemployment *

dot Top


Empowerment

 

 With beneficiaries

Participation
Promoting individual empowerment
Developing collective responsibility and capacity for action
Participation in the project design
Participation in running and evaluating activities
Changing attitudes and behavior of key actors

Text available in

La methodologie d`implication des beneficiaires finaux est la suivante: information au dpart, motivation, soutiene individuel, accompagnement à la creation d`entreprises sociales.

En ce qui concerne les beneficiaires intermedes, ils sont impliques de la maniere suivante:

- formation pour les operateurs et le personnel de l`administration penitantiaire visant sensibiliser sur la problematique de la necessité pour les detenus de la reinsertion;

- les acteurs sociaux sont appelés à animer les relations avec les institutions, l`information et la sensibilisation de l`opinion publique ainsi que l`acquisition de nouvelles strategies pour l`inclusion sociale.

Pour cette phases nous considerons tres importatne l`implication de certains organisme: Les Administrations locales, la Legaccop, les `Groupe d`actions locales` concernes, la `Banca Etica` et les organismes reunis dans le reseau pur le commerce solidale, le Forum du troisieme secteur.

D`une manière plus generale il est prevu l`implication de la societe civile et des entreprises, soit dans les activites d`informations que dans celles d`animation socio-economique, specifiquement prevu en phase de lancement du projet.

 

 Between national partners

Text available in

Tous les partenaires locaux ont etes impliques dans la phase d`elaboration et redaction du projet.En suite le procecessus de participation est envisage de la maniere suivante:

- Forum pour l`auto-evaluation de la demarche du projet et des ses resultat intermedes et finaux;

- Reseau de communnication à distance, garanti par une plateforme Internet;

- Visites et seminires pour les echanges d`experiences, soit à niveau nationale soit à niveau transnational.

Les fonctions specifiques sont ainsi reparties:

- la responsabilité scientifique de l`activité de recherche est demande à l`association Antigone;

- la responsabilité de l`equipe penale, de l`autoevaluation et des bourses d`insertion est demandee à l`Inspection regionale de l`Admnistrationpenitantiaire;

- la responsabilité du Centre de promotion de la cooperation solidale et de l`economie sociale est demande au Consortium Gruppo Promidea;

- la responsabilité dues activités de diffusion, sensibilisation et animation et du systeme d`information est demande à l`Observatoire sur la Criminalité;

- la responsabilité des consultes sur le territoire per les Pacts l`inclusion est demandé aux mairies de Castrolibero et Cassano.

dot Top


Transnationality

 

 Linguistic skills

  • English
  • français
  • italiano

 Percentage of the budget for transnational activities

  • 10.0%

 Transnational Co-operation Partnerships

Transnational Co-operation Agreement DPs involved
1421 CULTURE ET LIBERTE FR LOR-2001-10372
IT IT-G-SAR-051
LU 2

dot Top


Background

 

 Involvment in previous EU programmes

  • One partner involved in A&E

dot Top


National Partners


Partner To be contacted for
Gruppo Promidea SCRL - Consorzio per la promozione dello sviluppo locale Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Associazione Antigone Onlus
Associazione Osservatorio sulla Criminalita`
Comune di Cassano allo Jonio
Comune di Castrolibero
Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria della Calabria

dot Top


Agreement Summary

Text available in

Synthèse des méthodes d`organisation concernant les aspects suivants:

a) la tâche d`orientation et gestion du partenariat

b) le partage des responsabilités pour l`exécution du programme de travail (contacts transnationaux, gestion des rapports avec les Institutions, gestion et contrôle des ressources financières, auto-évaluation, sensibilisation, tâches spécifiques concernant la réalisation du projet, etc.)

c) l`organisation des modalités de gestion des rapports avec les Institutions;

d) les modalités de gestion des financements, voire des modalités de comptabilité et de certifications des frais.

A ce propos, il faut rappeler que pour être sélectionnée pour l`action 2, le partenariat de projet doit:
I démontrer que la gestion administrative et financière est assurés par un organisation en état de gérer financements publics (voire avec acquise expérience dans la matière);
II accepter que les résultats de ses activités (produits, outils, méthodologies, etc.) soient diffusés et rendus publics;
III démontrer la capacité d`organisation des sujets intéressés, même par le moyen de pratiques et mécanismes outils à assurer la collaboration des partenaires tout au long du projet. Cela dit, il faut démontrer que les petites organisation ont la possibilité d`y participer à plein titre.
IV démontre la capacité et la volonté de travailler dans un contexte de coopération transnationale, de réseau et diffusion des résultats.
En conséquence et au but de l`admission à l`action 2, il faut bien faire resortir les aspects dont il est question au point IV

a) Tous les partenaires du partenariat de projet `Araba Fenice` sont responsables de la gestion selon le suivantes modalités:
Organisme de décision et contrôle sont l`Assemblée des Partenaires et le comité de pilotage.
L`Assemblée des partenaires est formée par les représentants légaux ou leurs délégués de chaque acteur du partenariat. Elle est tenue se réunir trois fois par ans en séance ordinaire et toute le fois que le propose le Président ou la majorités des adhérents en séance extraordinaire. L`Assemblée est présidée par le Proviseur régional de l`Administration Pénitentiaire ou par un délégué. Elle revêt la fonction de contrôle et orientation des activités du partenariat. L`Assemblée exprime sa volonté en forme majoritaire. En cas de parité le vote du Président est compté double.
Le comité de pilotage est composé par:
- des Institutions publiques, notamment le PRAP Calabre (Office Régionale de l`Administration Pénitentiaire de Calabre);
- des association de promotion sociale, notamment l`Association Observatoire sur la criminalité;
- l`économie sociale, notamment le Consortium `Gruppo Promidea`
Le comité de Pilotage, coordonné par le Président du Consortium `Gruppo Promidea` ou par un délégué. Il se réunit périodiquement et il jouit d`amples pouvoirs en ce qui concerne la gestion ordinaire de `Araba Fenice`. Entre autres, il vérifie les respect des tâches assignées à chaque organisme partenaires. Dans le cas où il soit nécessaire il prend les mesures nécessaires à éviter inaccomplissements éventuels (retards, inertie, négligence, etc.) et/ou garantir la réalisation des objectif du projet par une ultérieure partage des ressources financières.

b) Le programme de travail approuvé dans l`accord de coopération prévoit le suivant partage des responsabilités:
- Office Régionale de l`Administration Pénitentiaire de Calabre (PRAP-Calabre): s`occupe de l`auto-évaluation intermédiaire et finale, de la coordination de l`activité de l`équipe domaine pénale interne-externe et de la formation des bénéficiaires intermédiaire et finaux. Elle participera aussi à l`activité transnationale. Enfin elle s`occupera des bourse d`insertion dédiées à la création d`entreprises sociales.
- Mairie de Cassano (CS): elle collabore aux initiatives visant raccorder les réalités territoriaux, promouvoir les relations de dialogue sociale pour le développement du pacte pour l`insertion sociale;
- Association Observatoire sur la criminalité: elle s`occupe de l`activité de recherche et de la formation des opérateurs du projets. Elle s`occupe du système intégré d`information et des activité de sensibilisation et animation. Elle participe aussi aux activités transnationales et à celles de l`équipe domaine pénale externe-interne;
- Mairie de Castrolibero (CS): elle collabore aux initiatives visant raccorder les réalités territoriales, promouvoir le dialogue sociale et le développement du pacte pour l`insertion sociale;
- Consortium `Gruppo Promidea`: elle s`occupe de la coordination de toutes les activités et de la gestion des rapports avec les Institutions, de la formation des bénéficiaires finaux et des activités du Centre pour le développement de la coopération et de l`économie sociale. Elle contribue à l`activité transnationale par la création d`un Centre européen de l`économie sociale;
- Association `Antigone`: elle s`occupe de planifier et coordonner l`activité de recherche.

c) Chaque partenaire s`engage à diffuser les résultats du projet. Il s`engage aussi à contribuer à la réalisation du projet dans sa totalité et à garantir la pleine participation aux associations mineures.

d) les rapports avec les Institutions est confiée au Consortium `Gruppo Promidea` qui s`engage à utiliser codification comptable de tous les frais prévues par le projet et donc de respecter la régulation CE n. 1260/99, art. 34, point 1, lettre e). `Araba Fenice` s`engage d`utiliser l`outil informatique fourni par le Ministère du Travail.

e) Pour ce qui concerne l`expérience acquise dans la gestion de financements publics du Consortium `Gruppo Promidea` l`on relève que ce dernier a participé ou promu d`autres projet communautaires dont entre autres:
1) Euroform, phase 1, 2;
2) Emploi, phase I, volet NOW et Youtstart
3) Emploi, phase II, volet INTEGRA

Last update: 30-04-2002 dot Top


Gruppo Promidea SCRL - Consorzio per la promozione dello sviluppo locale

(Gruppo Promidea)
Via Armando Fares, 78
88100 Catanzaro
www.promidea.com

Tel:0961.770749
Fax:0961.770873
Email:promidea@promidea.com

 
Responsibility in the DP: Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Type of organisation:Other
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:CATANZARO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Le but du Consortium `Gruppo Promidea` est le développement socio-économique et la valorisation des ressources non exploitées des zones normalement considérés peu dynamiques.

Les principales activités du Consortium sont les suivantes:
1) soutien à l`insertion au travail pour immigrés, femmes en état de discrimination, chômeurs, chômeurs de longue durée, chômeurs involontaires, public qui souhaite accéder au travail après une longue absence, jeunes à la recherche d`un premier emploi, toxicomanes sous traitement, ex toxicomanes, chômeurs âgés;
2) formation pour chômeurs, femmes, immigrés; réqualification professionnelle, formation à distance;
3) étude de plan budgetaires;
4) soutien et accompagnement pour la réalisation d`idées projet;
5) sécretariat social pour désavantagés.

Les méthodologie utilisée sont les suivantes:
a) analyse de la réalitè objet d`interventionb) étude de strategies de développement locale;
c) organisation des ressources locales en vue d`action de développement;
d) valorisation de ressources humaines;
e) échanges/activités relationnelles;
f) accompagnement pour la réalisation de projet de développement.
La compréhension du contexte est atteinte au moyen de recherches et analyse socio-économiques qui visent évidencier les caractéristiques des zones et dévoiler les barrières et les opportunités. Les recherches sont normalement menées en collaboration avec les Universités ou les Centres de Recherches. La définiton des objectifs finaux est basée sur l`évaluation des obstacles qui pourrait en empêcher la réussite.

Les actions de développement local sont organisées par objectifs, étapes et résultats intérmedaires. Il est sur la base de ce derniers qu`une action vient rélancée et notamment réorganisée autour d`objectifs finaux de niveau supérieur. Dans toute initiative l`on vise à atteindre le maximum d`engagement des ressources locales et de collaboration entre les institutions publiques et les sujets privés.

La valorisation des ressources humaines est réalisé à travers la formation, la sensibilisation et l`information. L`o ne vise pas à un transfer de connaissances, mais plutôt à la mise en valeur des competences, des métodologies et des capacitées de différents sujets d`imaginer et réaliser de nouveuax et autonomes parcours de développement. L`on favorise les échanges d`expériences et les rencontres même à niveau communautaire pour solliciter le transfert de pratiques et de modèles d`action.

Le Consortium met en oeuvre de dispositifs de contrôle continu de ses propres actions soit pour une corrécte inteprétation des objectif et des strategies, soit pour dépasser des limites non prévus, soit pour atteindre les objectifs fixés et les éventuelles actions de corrections.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Caroleo Pietro 0961.770749 piero.caroleo@promidea.com Coordinateur de projet

Last update: 30-04-2002 dot Top


Associazione Antigone Onlus

(-----)
via della Dagana vecchia, 5
00186 Roma
www.associazioneantigone.it

Tel:06.5810299
Fax:06.5810299
Email:associazione.antigone@tin.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:ROMA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Antigone, est une association pour la defense ` des droits et des garanties dans le systeme des peines `.
Elle est une association àlaquelle sont associes des magistrats, des operateurs des administrations penitantiaires, des chercheurs, des dèputes, des insegnants et nombreux sujets qui pour les raisons les plus variés s`intéressent aux questions de la justice penale.
Antigone anime en particulier:
1) Debats et reflexions sur les lois, les processus penaux en Italie et leur evolution visant à donner vie à une base sur laquelle construire des activite de sensibilisation sociale à l`egard du probleme de la carceration. Recemment l`on a editè le premier Rapport sur ce sujet (Il carcere trasparente, Castelvecchi, 2000);
2) l`etude de projet de lois e d`emendament à lois en cours d`approvation;
3) campagnes d`iformation et de sensibilisation sur themes et aspects concernant l`amelioration de la culture juridique de notre Pays, meme apr le moyen de l`edition des ` Quaderni di Antigone `.
Antigone a contribue à la promulgation de la loi du 1992 sur l`incompatibilité entre carceration et SIDA et aux mouvements de sensibilisation à l`egard des mesures alternatives à la carceration et la depenalisation des delit mineurs.
A partir du 1996 Antigone s`est engagee dans une impoprtante campagne contre la peine de mort et la prison à vie.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Gonnella Patrizio 06.5810299 associazione.antigone@tin.it Responsable activite de recherche

Last update: 30-04-2002 dot Top


Associazione Osservatorio sulla Criminalita`

(OSC)
via Savoia, 6
87100 Cosenza
-----

Tel:0984.22206
Fax:0984.22206
Email:hvl@libero.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:COSENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

L`Observatoire sur la criminalité est une association qui s`occupe d`animer des initiatives qui visent à intervenir dans le sens de la réinsertion et de l`orientation des détenus.
Il s`occupe en meme temps de la prévention à la criminalité. L`outil utilisé a ce but est la recherhce/intérvention. L`observatoire est né à la suite d`une recherche du Tribunal de Cosenza qui a évidancié le risque de criminalité et de possibilité decriminalitè du département.

Les recherches méné juqu`à présent sont les suivantes:
- 1998: Recherche sur la réalité criminelle de Cosenza - Fondation Carical;
- 1999: Prejet ` Girasole `: actions culturelles et formatives dans la prison de Paola (CS) - Fondation Carical;
- 1999 : Projet théatre en prison : laboratoire théatrale pour les détenus et les toxicomanes de la prison de Paola (CS) - Ministére de Giustice;
- 2000 : Projet `Traiectus ` : projet pilote pour la prévention de la criminalité - mairie de Paola, département de Cosenza - division départementela de l`éducation nationale;
- 2000 : Projet ` Fora Casanza ` : projet innovant pour la réinsertion des détenus de la prison de Paola - Département de Cosenza, Division des affaires sociaux;
- 2001: Projet ` HIRA ` - projet de médiation interculturelle destiné aux détenus immigrés présents dans la prison de Paola.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Loise Ermanno 0984.22206 hvl@libero.it Responsable du systeme integre d`information

Last update: 30-04-2002 dot Top


Comune di Cassano allo Jonio

(-----)
via Giorgio Amendola, 1
87011 Cassano allo Jonio
-----

Tel:0981.76352
Fax:0981.76352
Email:-----

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:Staff 50-250
NUTS code:COSENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Les activités principales de la mairie de Cassano allo Jonio, ont affaire à l`administration et la gestion des problématiques concernant la vie d`une municipalité.
La loi 142/90 concernant le rèforme des l`administration publique a accordé une autonomie majeure aux administration locales.
Sur la base des ressources financières jadis destinés à l`Etat, les mairies peuvent aujord`hui organiser et gérer de nombreuses actions de développement local dont dans ce cas une série d`activités qui tournent autour la vocation marittime de la population et de certaines mairies proches.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Senise Roberto 0981.76352 ----- Rsponsable des activites d`animation et de sensibilisation a Sibari et ses alen

Last update: 30-04-2002 dot Top


Comune di Castrolibero

(-----)
via XX settembre
87040 Castrolibero
-----

Tel:0984.856017
Fax:0984.856565
Email:-----

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:Staff 50-250
NUTS code:COSENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Les activités principales de la mairie de Castrolibero, ont affaire à l`administration et la gestion des problématiques concernant la vie d`une municipalité.

La loi 142/90 concernant le rèforme des l`administration publique a accordé une autonomie majeure aux administration locales.

Sur la base des ressources financières jadis destinés à l`Etat, les mairies peuvent aujord`hui organiser et gérer de nombreuses actions de développement local dont dans ce cas une série d`activités qui tournent autour des problématiques et des opportunités d`une petite municipalité qui finit pour accueillir une population toujours plus nombreuses.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Greco Orlandino 0984.856017 ----- Responsable activites d`animation et sensibilisation a Cosenza et ses alentour

Last update: 30-04-2002 dot Top


Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria della Calabria

(PRAP)
via Vinicio Cortese, 2
88100 Catanzaro
-----

Tel:0961.724232
Fax:0961.724232
Email:prapcz@tiscalinet.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:Staff 10-50
NUTS code:CATANZARO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Les Inspections régionales sont des organismes décentralisés du Département de L`Administration Penitantiaire.
Ils s`occupent de principalement de formation pour les travailleurs du bureau d`Inspection meme et pour les détenus, d`organisation de servicies, études, legislatione et automatisations des procedueres.
Les Inspections sont organisés en six aires dont une s`occupe de détenus et de mésure alternatives à la carceration.
Cette aire est spécialisé en le suivantes matières:
1. activité d`impulsion et de vérification de l`actualisation des programmes et des décision du département;
2. organisation et coordination des expériences dans le champs du traitement en prison et des mésures alternative à la carceration, en collaboration d`un groupe de professinels;
3. proposition pour la constition, la transformation et la suppression des institut de peine;
4. coordinnation des activités scolaires, sulturelles et sportives organisés par les diréctions des institus penitantiaires pour les détenus.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Pacifico Antimo 0961.724232 prapcz@tiscalinet.it Responsable auto-evaluation

Last update: 30-04-2002 dot Top



 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 
Warning! This section is not meant to be read directly, but rather be navigated through from the main page above.
 
 
 
 

Araba fenice. Dal carcere a nuova vita

Rationale

Text available in

Nell`ordinamento penitenziario l`elemento lavoro riveste eccezionale rilevanza e costituisce il più importante strumento del trattamento rieducativo.
Sia l`articolo 20 che l`art. 21 dell`Ordinamento prevedono e disciplinano forme di lavoro intramurario ed esterno, prive di contenuto affittivo ed obbligatoriamente remunerate.
Infatti, inscindibile dalle finalità trattamentali, la funzione del lavoro è quella di favorire la concreta risocializzazione e il reinserimento sociale del detenuto.
Quindi, da un lato, il lavoro dovrebbe servire a rendere meno disagevole la condizione della detenzione, garantendo ai detenuti un minimo guadagno utile per le proprie necessità quotidiane e qualche volta per aiutare la famiglia all`esterno, dall`altro dovrebbe dare la concreta speranza di reinserimento al momento del ritorno in libertà, magari con l`acquisizione di competenze spendibili sul mercato del lavoro.
In realtà, la possibilità di svolgere una attività lavorativa intra o extramuraria per persone che devono scontare una pena, sia essa detentiva o con misura alternativa al carcere, si scontra con ostacoli che tendono a vanificarla.
A livello intramurario possiamo parlare di limiti strutturali che contrastano con l`attività lavorativa, ma anche con altre forme trattamentali, riducendo spesso la detenzione ai meri aspetti custodialistici. Si tratta essenzialmente di limiti connessi ai tempi carcerari, all`organizzazione degli spazi e all`esercizio delle funzioni di controllo.Infatti, gli spazi interni destinati all`attività lavorativa sono insufficienti. E` difficile reperire all`interno delle struttura locali adeguati in termini di capienza, di standard di sicurezza lavorativa, di caratteristiche che permettano la flessibilità delle lavorazioni, per ipotizzare lavori interni di una certa rilevanza. In genere, dove esistono, i locali adibiti a lavorazione carceraria sono il risultato di adattamenti forzosi.
Così, gli elementi necessari alla qualificazione di una azienda, quali la migliore gestione e utilizzazione delle risorse, il miglioramento della qualità del prodotto finito, la riduzione dei costi, le innovazioni tecniche sono elementi che, nell`ambito penitenziario, non trovano adeguato riscontro.
Le considerazioni sopra esposte valgono per il cosiddetto `lavoro di produzione`, perché negli istituti permane la possibilità di accesso al `lavoro domestico`, ma si tratta di mansioni di media o bassa qualifica (scopino, portavitto, spesino, bibliotecario, barbiere, giardiniere) necessarie affinché siano garantite le normali attività dell`istituto. Le stesse denominazioni di alcune di tali mansioni sono eloquenti circa la loro scarsa qualificazione dal punto di vista professionale.
Per i detenuti vi è infine la possibilità di lavorare all`esterno dell`istituto, a seguito dell`autorizzazione della Direzione del carcere e dell`approvazione del programma di attività da parte della Magistratura di sorveglianza. Questa misura, che consente di uscire dall`istituto per il tempo strettamente necessario a svolgere l`attività lavorativa esterna, prevista dall`art. 21 dell`ordinamento penitenziario, ha attualmente una portata molto contenuta.
Al 31 dicembre 1999 la situazione era la seguente:
- lavoro interno `domestico`:11.147 detenuti;
- lavoro interno di `produzione`: 533 detenuti;
- lavoro esterno: 223 detenuti.
Quindi, su un totale di 61.604 detenuti solo il 23,07% svolge una attività lavorativa.
Il dato è ancora più allarmante se si considera che viene qualificato come lavorante anche il detenuto che lavora solo per una o due ore al giorno, come accade in molti penitenziari al fine di dividere le briciole fra i tanti detenuti presenti. L`ozio forzato è quindi l`unica scelta di fronte alla quale si trova la maggioranza dei detenuti.
Se quello sopra descritto è il quadro intramurario, la situazione non migliora di molto per le persone affidate in prova al servizio sociale e per gli ex detenuti.Il processo di depauperamento delle proprie capacità dovuto al lungo periodo di inoperosità detentiva e il pregiudizio della società civile tendono a far permanere lo stato di esclusione ed a consolidare vere e proprie carriere devianti.
Dal punto di vista etimologico, il termine `pregiudizio` indica un giudizio che precede l`esperienza, ovvero un `giudizio` emesso in mancanza di dati sufficienti, anche se questo errore, non sempre è determinato da tale carenza.
La recente letteratura socio-psicologica, dopo averne assimilato il significato quale ostacolo alla vera conoscenza, ha aggiunto ulteriori determinazioni non contenute nel senso originale del termine:
- il `pregiudizio` non fa riferimento tanto a fatti ed eventi, ma piuttosto a specifici gruppi o categorie sociali;
- il pregiudizio solitamente non risulta favorevole, dato che un errore di valutazione tende più a penalizzare che a favorire l`oggetto del giudizio stesso.
Nelle categorie soggette al pregiudizio occupa uno spazio socialmente rilevante quella dei detenuti ed ex detenuti.
Per questa categoria di soggetti si determina di fatto una sorta di circolo vizioso: le loro difficoltà vengono acuite dal mancato reinserimento sociale e lavorativo a fine pena e privi di risorse e di sostegni, all`uscita dal carcere possono essere facilmente cooptabili in circuiti delinquenziali.
Nel momento decisivo delle dimissioni gli operatori, ed i detenuti stessi, non possono contare né su un contesto territoriale che abbia sviluppato una adeguata riflessione sui percorsi di inclusione sociale, né su strutture specifiche o su percorsi formativi per il recupero di competenze e capacità, in linea con le esigenze del mercato del lavoro.
L`assenza di una rete protettiva e di forme di supporto e di orientamento al lavoro rappresentano variabili che incidono significativamente sul fenomeno della recidiva.
E` riconosciuto nella Comunità scientifica che stati reclusivi prolungati e ripetuti nel tempo determinano una grave deprivazione sensoriale e incidono fortemente sulla sfere intellettiva ed emotiva, con ripercussioni sulla capacità di riprogettare la propria esistenza, se non attraverso modelli stereotipati e già sperimentati.
Questa problematica potrebbe trovare risposta in un investimento imponente sulle attività trattamentali ed in particolare in quelle lavorative, soprattutto se connesse a misure alternative alla detenzione.
A questo proposito, è il caso di sottolineare che le figure professionali che operano nelle strutture e nei servizi dell`Amministrazione Penitenziaria incontrano non pochi ostacoli nell`elaborazione e nell`attuazione: mancanza di collaborazione a livello dei servizi territoriali, eccessiva burocratizzazione degli adempimenti che sottraggono tempo alle attività trattamentali, isolamento del sistema penitenziario dalla comunità locale.
Il lavoro come trattamento è, dunque, un fattore essenziale di benessere psicologico e di integrazione sociale, anche all`interno degli istituti penitenziari, dove chi ha un lavoro presenta una misurabile crescita di autostima e fiducia in sé.
Se i pregiudizi e la conseguente discriminazione alimentano le devianze è necessaria l`individuazione di percorsi formativi e lavorativi che costituiscano la premessa per un reale reingresso nella società.Bisogna motivare il tempo della reclusione, finalizzarlo in modo da costituire un supporto importante ai trattamenti degli operatori penitenziari. Ed è necessario anche non dare per scontata la recidiva, come se chi avesse sbagliato, anche più di una volta, fosse condannato per tutta la vita a ripetere sempre lo stesso errore.
Non costituisce, invece, intervento efficace un lavoro precario o sottopagato o inadeguato alle competenze professionali della persona.

dot Top


Objective

Text available in

La Partnership di Sviluppo, attraverso il progetto `Araba Fenice`, persegue due principali finalità:
- innescare meccanismi di inclusione sociale nei confronti di detenuti, ex detenuti e soggetti sottoposti a misure alternative alla detenzione;
- promuovere l`impresa sociale e l`economia solidale nel sistema locale.
Per il perseguimento di tali finalità, si individuano i seguenti obiettivi generali e si evidenziano gli aspetti caratterizzanti:

1. migliorare le opportunità di inserimento sociale e lavorativo dei beneficiari finali attraverso l`attivazione di percorsi di microimprenditorialità nell`ambito della cooperazione sociale e dell`economia solidale.

Abbiamo evidenziato, nel riquadro precedente, i limiti strutturali che finora hanno impedito il lavoro in carcere. Lo spazio ed il tempo, che potrebbero essere dedicati al lavoro, sono subordinati ad esigenze di sicurezza dell`istituto penitenziario. Per quanto possa sembrare paradossale, il detenuto, al quale il tempo è l`unica cosa che non manca, non può disporne per lavorare. Quindi, affidare attività produttive ai reclusi comporta per un`azienda l`adozione di tempi elastici nella produzione e nella consegna, il dover tenere conto di limiti logistici, di tempi morti per adempimenti burocratici. In Calabria nessuna azienda ha saputo/voluto/potuto affrontare il rimodellamento di attività pensate per includere i reclusi nei cicli produttivi. Inoltre, essendo tali soggetti destinati a perdere col tempo le abilità possedute, per mancanza di esercizio e/o per mancanza di aggiornamenti sulle innovazioni tecnologiche, la reimmissione in un ciclo produttivo comporta l`investimento di tempo, mezzi, fondi per addestramento e aggiornamento o formazione. Anche la formazione, se attuata all`interno degli istituti penitenziari, è subalterna alle esigenze di sicurezza ed ai limiti logistici e temporali del carcere, e deve quindi protrarsi per periodi superiori a quelli che un`azienda dedica generalmente a tali scopi.
Per agevolare l`accesso da parte dei detenuti alle opportunità lavorative è intervenuto il Parlamento che, con la legge 22 giugno 2000, conosciuta come legge Smuraglia, introduce un sistema di aliquote contributive ridotte per le retribuzioni corrisposte ai detenuti e internati negli istituti penitenziari, ivi compresi gli ammessi al lavoro all`esterno, mentre resta fermo l`azzeramento dei contributi dovuti dalle cooperative sociali agli ammessi alle misure alternative alla detenzione che lavorino all`esterno dell`istituto, in affidamento, semilibertà o detenzione domiciliare. Gli sgravi contributivi si applicano anche per un periodo ulteriore di sei mesi dalla data di scarcerazione. Questo sistema differenziato viene esteso anche alle imprese pubbliche e private che organizzano attività produttive o di servizi all`interno degli istituti impiegando dipendenti detenuti o internati. Il disegno è evidente: ridurre, se non colmare interamente, la debolezza intrinseca del lavoro dei detenuti rispetto a quello libero. In questa fase, è difficile ipotizzare se uno scenario del genere si tradurrà in un significativo aumento delle possibilità di lavoro in carcere, perché la mancata emanazione dei decreti in cui vengono stabiliti annualmente le modalità ed entità delle agevolazioni e degli sgravi fiscali, sulla base delle risorse finanziarie stanziate, ha frenato, per non dire, bloccato la concreta applicazione delle norme. Comprensibilmente, il mondo produttivo vuole capire quale è lo spazio di convenienza economica prima di intraprendere una gestione di servizi e attività produttive con l`impiego di manodopera carceraria: questo spazio può essere disegnato solamente in termini di agevolazioni contributive e fiscali e la sua mancata concretizzazione impedisce sul nascere ogni concreta iniziativa imprenditoriale.Per le aziende, allo stato attuale, è poco conveniente e spesso troppo macchinoso realizzare posti di lavoro all`interno degli istituti. Tuttavia il lavoro in carcere può essere reso possibile, a patto che una realtà aziendale venga costruita intorno ai limiti ed alle caratteristiche dei lavoratori/detenuti, e che abbia come obiettivo un valore aggiunto che supera il profitto. Per questo motivo la cooperazione, nelle sue varie forme, appare lo strumento idoneo da applicare nella situazione delineata. D`altra parte, ricerche di settore hanno evidenziato come la quasi totalità del lavoro negli istituti si svolge per conto di cooperative sociali e per l`amministrazione penitenziaria.Il presente progetto sperimenterà forme originali d`inserimento attraverso l`utilizzo di `borse d`inserimento` da destinare a beneficiari intermedi che entreranno a far parte di cooperative sociali esistenti o di `borse per l`impresa` rivolte a beneficiari che vogliano intraprendere nuove attività d`impresa in forma associata.

2) rafforzare il collegamento operativo tra carcere e territorio, con il coinvolgimento di amministrazioni locali, agenzie di sviluppo, associazionismo e imprese sociali.

Un adeguato percorso di inclusione delle persone soggette a sanzione penale non può che partire dall`esigenza di rompere l`isolamento degli istituti di reclusione e istaurare un rapporto di stretta connessione tra carcere e territorio, che possa coinvolgere l`ente locale le parti sociali e il terzo settore nell`elaborazione di strategie di accoglienza e reinserimento. Solo il contesto territoriale può elaborare politiche di contrasto alla spirale della recidiva, spezzando il meccanismo carcere-emarginazione-carcere che consolida le carriere devianti.
Con il presente progetto si vuole sperimentare un percorso che partendo dagli enti locali e coinvolgendo tutti gli attori sociali in una consulta territoriale possa giungere a elaborare un Patto per l`inclusione sociale dei beneficiari finali.Tutte le attività significative di reinserimento di detenuti ed ex detenuti che abbiamo analizzato sono sorretti dagli enti locali. Senza un loro pieno e consapevole appoggio le iniziative di reinserimento finiscono per svilirsi e produrre benefici troppo limitati nel tempo.

c) contribuire al rafforzamento dell`impresa sociale e dell`economia solidale esistente.

La promozione di imprese sociali che abbiamo come protagonisti detenuti, ex detenuti e soggetti sottoposti a misure alternative al carcere si inserisce nel più generale obiettivo di contribuire al rafforzamento del sistema delle imprese sociali e dell`economia solidale. Per questa ragione i servizi erogati dal `Centro per lo sviluppo della cooperazione solidale e dell`economia sociale`, anche se saranno orientati in primo luogo a sostenere le imprese nella cui base sociale sono presenti soggetti che stanno scontando, o hanno scontato, una sanzione penale, si rivolgeranno a tutta la platea di enti che compongono il Terzo settore.

La strategia complessiva della PS araba Fenice si impernia intorno tre aspetti principali:
- Il coinvolgimento della popolazione dei detenuti e degli affidati al Servizio Sociale in attività di orientamento e consulenza, operando nel senso di una rimotivazione al lavoro e a percorsi di impresa, con il sostegno di borse per l`inserimento in imprese esistenti o per la creazione di nuove attività imprenditoriali nell`ambito del terzo settore;
- La sensibilizzazione delle comunità locali e delle parti sociali, sollecitando un approccio che affronti questi temi fuori dagli stereotipi, concependo il soggetto sottoposto a condanna penale non come una persona da emarginare ma come una risorsa del territorio sottoutilizzata;
- La creazione di uno Osservatorio sulle `buone prassi` che si traduca in un laboratorio di idea e processi, sperimentati altrove, e che funga da stimolo e riflessione alle sperimentazioni poste in essere dagli enti locali e dalle parti sociali per la determinazione di un `patto per l`inclusione sociale`.

Già in fase di stesura del presente progetto sono state analizzate alcune esperienze significative e ci si è resi conto che i servizi orientamento e di inserimento lavorativo di detenuti sono poco pubblicizzati, nel senso che non ci si conosce spesso anche sullo stesso territorio, ed è difficile avere rapporti tra territori ed esperienze diverse. La conoscenza, invece, è importante, sia per `sfruttare` le buone prassi avviate, sia per `fare rete` anche a livelli più ampi. Fra le esperienze analizzate segnaliamo il PILD di Firenze, il CILO di Rebibbia Penale di Roma, lo Sportello di Brescia, il Servizio di Palermo, gli Sportelli della Provincia di Milano, lo Sportello di orientamento e sostegno di Torino, lo SP.IN di Genova.
Dall`analisi sommaria di queste esperienze sono scaturite alcune considerazioni:
- ognuno di questi servizi è fortemente ancorato al territorio, ai suoi bisogni e alle risorse presenti;
- i servizi sono diversi, non solo per tipologia e per caratteristiche del territorio che servono, ma anche per le risorse che riescono ad attivare;
- le reti funzionano e sono queste l`unico strumento che può offrire e dare risposte integrate a soggetti, come i detenuti e gli ex detenuti, portatori di numerose problematiche;
- i servizi nascono quasi sempre da un connubio tra pubblico e privato ed è questa la formula che sembra la migliore per raggiungere l`obiettivo;
- solo in rari casi c`è il coinvolgimento diretto dell`Amministrazione Penitenziaria nelle sue articolazioni periferiche, e questo diventa spesso un problema, poiché invece laddove esistono disponibilità, dovute alle persone, l`attivazione di percorsi di inserimento lavorativo non solo diventa più snella ma è indubbiamente più idonea e con probabilità alte di buona riuscita;
- in nessun caso c`è un coinvolgimento della Magistratura di Sorveglianza, e questo rappresenta, per molti servizi, un vero problema, se non un impedimento;
- E` strategica la sensibilizzazione delle imprese sociali in circoli virtuosi emulativi e l`allargamento continuo delle reti di sostegno esistenti tra pubblico e privato.

dot Top


Innovation

Text available in

La strategia complessiva della PS araba Fenice tende ad esaltare i tre livelli di innovatività.

Innovazione orientata ai processi
La strategia di processo attivata comprende almeno tre elementi innovativi:
-la metodologia di coinvolgimento attivo per l`intero ciclo di vita del progetto;
-la composizione `multiattore` del partenariato;
-gli strumenti di gestione del progetto (sistema telematico per la condivisione del lavoro di gestione del progetto a distanza).
La metodologia risponde al principio del bottom-up, al coinvolgimento attivo di attori-chiave, al concetto di progettazione integrata e concertata tra diversi attori sociali, orientata agli obiettivi e ai benificiari finali.
Questo approccio, avviato nello stadio di identificazione dell`idea progettuale, è proseguito con la progettazione esecutiva e troverà successivi sviluppi nelle fasi di monitoraggio e nelle fasi intermedie e finale di autovalutazione.
Il processo di coinvolgimento attivo attraversa, dunque, tutte le fasi del ciclo di vita del progetto.
La dimensione `multiattore`, le diverse sensibilità coinvolte costituisce un elemento, in stretta corrispondenza ai principi innovati del programma Equal, di `autorevolezza` e varietà della PS, come `entità operativa di base`, creata su `un accordo forte e risoluto`.

Innovazione rispetto agli obiettivi
L`azione mira a sperimentale un nuovo approccio all`attività trattamentale in carcere, ponendo al centro delle problematiche dell`inserimento sociale il lavoro e centrando l`intera esecuzione penale intorno ai principi della diversificazione e della territorializzazione. Ne scaturisce l`esigenza di trovare risposte articolate ai processi d`inserimento a partire dai bisogni differenziati del detenuto e dalla necessità di integrarlo nella cultura e nelle attività della comunità locale.
L`inserimento lavorativo viene ricercato attraverso una serie articolata di servizi e di strumenti: orientamento motivazionale, sostegno individuale, consulenza all`impresa, borse d`inserimento, incentrati sulla flessibilità dei percorsi individuali e sulla loro sostenibilità sociale.

Innovazione rispetto al contesto.
Il coinvolgimento attivo degli Enti Locali, del parti sociali e della popolazione locale viene ritenuto di portata strategica per la riuscita complessiva delle azioni messe in campo. Il problema del reinserimento sociale e lavorativo della popolazione detenuta passa necessariamente attraverso la ricerca di consenso sociale della comunità locale. In questo senso, l`attività progettuale esalta il ruolo della Amministrazioni pubbliche nella ricerca di soluzioni che agevolino il dialogo sociale e di condizioni che favoriscano l`inclusione. Le Amministrazioni locali saranno così stimolate e supportate nell`attività di promozione di Consulte territoriali finalizzate alla concertazione locale per determinare Patti locali per l`inclusione sociale, in linea con la legislazione vigente sulla in materia di programmazione concertata

dot Top


Agreement Summary

Text available in

a) le responsabilità di indirizzo e gestione della partnership sono assunte con le modalità sottoscritte da tutti i partners nell`Accordo di Cooperazione della PS `Araba Fenice`.
Organi di decisione e controllo sono: l`Assemblea dei partners e il Gruppo di Pilotaggio.
L`assemblea dei partners è formata dai rappresentanti legali o loro delegati di ogni Ente partner della PS ed è tenuta a riunirsi tre volte all`anno in seduta ordinaria, in seduta straordinaria su proposta del Presidente o della maggioranza dei componenti.
L`Assemblea è presieduta dal Provveditore Regionale dell`Amministrazione Penitenziaria, o da suo delegato, e detiene la funzione di indirizzo e controllo sulle attività della PS.
L`assemblea esprime la sua volontà a maggioranza e in caso di parità di voto, il voto del Presidente vale doppio.
Il Gruppo di Pilotaggio è espressione delle tre tipologie di soggetti che fanno parte della PS ed è così composto:
- per le Autorità pubbliche: il PRAP Calabria;
- per le Associazioni di promozione sociale: l`Associazione Osservatorio sulla criminalità;
- per l`economia sociale: il Consorzio Gruppo Promidea.
Il Gruppo di Pilotaggio, coordinato dal Presidente del Consorzio Gruppo Promidea, o da suo delegato, si riunisce periodicamente ed ha i più ampi poteri nella gestione ordinaria della PS Araba Fenice. Ha, fra gli altri, il compito di verificare l`adempimento degli impegni assunti dagli organismi partners e di attuare provvedimenti correttivi, sia in ordine a ritardi, omissioni, inerzia, inadempimenti, sia in ordine ad eventuali ulteriori riparti delle risorse finanziarie, ritenuti necessari per il pieno perseguimento degli obiettivi del progetto.
b) il programma di lavoro approvato nell`accordo di cooperazione prevede la seguente suddivisione delle responsabilità:
- PROVVEDITORATO REGIONALE AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA: si occuperà dell`attività di autovalutazione intermedia e finale, coordinerà all`attività dell`equipe area penale interna-esterna e la formazione ai beneficiari intermedi e finali. Concorrerà, inoltre, a sostenere le relazioni con i partners transnazionali. Coordinerà, infine, le borse lavoro per i percorsi di creazione delle imprese sociali;
- COMUNE DI CASSANO: sosterrà le iniziative di raccordo tra le varie realtà territoriali, solleciterà le relazioni di dialogo sociale per lo sviluppo del `patto per l`inserimento sociale` nel proprio territorio.
- ASSOCIAZIONE OSSERVATORIO SULLA CRIMINALITÀ realizzerà la ricerca sul contesto territoriale locale, e la formazione degli operatori del progetto. Gestirà il sistema informativo integrato e coordinerà l`attività di animazione e sensibilizzazione (mainstreaming). Concorrerà all`attività transnazionale e all`attività dell`equipe area penale interna-esterna;
- COMUNE DI CASTROLIBERO: sosterrà le iniziative di raccordo tra le varie realtà territoriali, solleciterà le relazioni di dialogo sociale per lo sviluppo del `patto per l`inserimento sociale` nel proprio territorio;
- CONSORZIO GRUPPO PROMIDEA si occuperà del coordinamento di tutte le attività e della gestione dei rapporti con le Amministrazioni referenti, della formazione dei beneficiari finali e delle attività del Centro per lo sviluppo della cooperazione sociale e dell`economia sociale. Concorrerà, inoltre, alla realizzazione dell`attività transnazionale nella logica di costruire un Centro Europeo per l`Economia Sociale;
- ASSOCIAZIONE ANTIGONE: si occuperà della pianificazione e dello sviluppo delle attività di ricerca.
c) ciascun membro della PS Araba Fenice si impegna a divulgare i risultati delle attività derivanti dal progetto, in termini di prodotti, strumenti, metodologie, ecc.
Tali risultati saranno diffusi e pubblicizzati affinché si rafforzi l`economia sociale nella direzione della sostenibilità e della qualità delle imprese sociali e dei servizi.
Ciascun membro si impegna a contribuire alla realizzazione del progetto complessivo e si impegna inoltre affinché le eventuali piccole organizzazioni interessate abbiano la possibilità di partecipare a pieno titolo alle attività della PS Araba Fenice
d) La gestione dei rapporti con le Amministrazioni Referenti è affidata al Consorzio Gruppo Promidea, che si impegna ad utilizzare una codificazione contabile appropriata di tutti gli atti contemplati nell`intervento progettuale, come da Regolamento CE n. 1260/99, art. 34, punto 1, lettera (e.
La codificazione contabile verrà realizzata mediante l`istituzione di un adeguato sistema contabile, correlato alla contabilità generale, al fine di poter definire, in ogni momento le disponibilità relative ad ogni singola voce di costo.
Tale sistema consentirà, altresì, di poter dimostrare la congrua ripartizione dei costi indiretti del progetto e di funzionamento tra le diverse attività svolte.
A tal fine, la P. S. `Araba Fenice` si impegna ad utilizzare l`applicativo informatico che verrà fornito dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Si impegna, altresì, a predisporre gli atti necessari per eventuali visite ispettive che potranno essere svolte al fine di verificare l`effettività della spesa sostenuta durante lo svolgimento dell`intervento progettuale.
La gestione del contributo avverrà in osservanza alle disposizioni dei Regolamenti n. 1784/99 e 1685/00.
La natura delle voci di spesa ammissibili e le modalità per documentare e calcolare tali spese saranno in osservanza alle indicazioni contenute nel `Vademecum ad uso degli enti gestori e degli organi di controllo`, seconda edizione.
Le voci di spesa saranno quelle riportate nell`apposito spazio (sezione 7) presente formulario.
Tutti i partners svolgeranno le attività di competenza a costi reali ed in ogni caso secondo le previsioni del progetto approvato.
I fondi trasferiti dal soggetto referente agli altri partners della P. S. `Araba Fenice` non costituiscono corrispettivi a fronte di servizi resi, poiché tutti i partners operano a costi reali nella realizzazione del progetto per il quale è stato concesso il contributo.
e) Relativamente alla pregressa esperienza nella gestione di fondi pubblici del Consorzio Gruppo Promidea, a cui è demandata la gestione amministrativa e finanziaria, si sottolinea la solida competenza maturata in altri Programmi d`Interesse Comunitario di cui è stato, direttamente o attraverso la propria associata Promidea scrl, promotore/attuatore:
- Euroform I fase: `Promozione di lavoro autogestito`;
- Euroform II fase: `Associazionismo e cooperazione in agricoltura`;
- Occupazione I fase, volet Now: progetto `Violeta`;
- Occupazione I fase, volet Youthstart: progetto `Desert`;
- Occupazione II fase, volet Integra: progetto `Porte aperte`;
- Occupazione II fase, volet Integra: progetto `Quadro di orientamento, formazione, professionale e consulenza a favore di migranti e profughi dalla regione balcanica`.

dot Top


Empowerment

 With beneficiaries

Text available in

Il coinvolgimento dei beneficiari finali si articola nella sequenza progressiva di varie attività: informazione iniziale, orientamento motivazionale, consulenza individuale, accompagnamento nei percorsi di implementazione delle imprese sociali.

La campagna di informazione, attuata negli Istituti, presso i CSSA, sui territori, costituisce il primo contatto con i beneficiari finali ed intende diffondere le preliminari conoscenze sulle attività e sui servizi di orientamento e accompagnamento previsti dal progetto.

L`analisi della domanda e delle attese dei beneficiari precede e indirizza l`azione di orientamento motivazionale. Il percorso sarà sostenuto da interventi di assistenza individuale: colloqui, consulenza, segretariato sociale.
Le borse d`inserimento nelle imprese sociali esistenti e i percorsi di creazione di nuove imprese sociali completano le azioni di sostegno al processo di preinserimento sociale e professionale, valorizzando la pratica e le relazioni con il contesto territoriale.

Oltre questa tipologia di beneficiari finali, l`attività del Centro si rivolge alla platea delle imprese del Terzo settore con azioni rivolte a sostenerle nel difficile rapporto con il mercato ed a rafforzare la cultura imprenditoriale.


Il coinvolgimento dei beneficiari intermedi si articola su varie modalità d`intervento e s`indirizza su due principali target-destinatari:

- gli operatori dell`Amministrazione Penitenziaria a cui si rivolge una attività formativa volta ad armonizzare le varie aree, educativa, della sicurezza e sociale, in una nuova logica trattamentale che, aperta ai contributi esterni, possa avere il suo perno centrale nel reinserimento lavorativo.

- gli attori sociali, rappresentativi della programmazione locale, dell`integrazione sociale e dell`inserimento nel mercato del lavoro, sono chiamati ad assolvere una funzione trainante nel promuovere le relazioni istituzionali, l`informazione e la sensibilizzazione dell`opinione pubblica locale e ad acquisire, nell`ambito delle rispettive competenze, nuovi orientamenti per la definizione di misure favorevoli all`inclusione sociale, finalizzate alla costruzione di `patti territoriali` inquadrabili nella disciplina della programmazione negoziata.
Grande attenzione sarà dedicata, in questa fase, ad alcuni attori sociali il cui coinvolgimento è ritenuto strategico: oltre agli Enti Locali, Legaccop e le altre centrali cooperative, i Gal dei territori interessati, la Banca Etica, gli organismi afferenti alla `Rete per il commercio equo e solidale`, il Forum del Terzo settore.

A livello più diffuso, è previsto il coinvolgimento delle comunità locali e delle imprese sociali, attraverso le iniziative d`informazione, sensibilizzazione e animazione socio-economica, previste con particolare intensità nella fase di lancio del progetto.

dot Top


Empowerment

 Between national partners

Text available in

Il coinvolgimento attivo dei Partners ha caratterizzato il processo di concezione dell`idea progettuale, con l`attività di concertazione sviluppata fin dalla fase iniziale di analisi e identificazione degli attori-chiave, dei problemi, degli obiettivi e degli ambiti d`intervento.

Nella fase di definizione dell`accordo di cooperazione e del programma di lavoro, si sono svolti incontri a più riprese, sviluppando il confronto fra tutti i Partner per giungere ad una condivisione delle scelte.

Il proseguo del processo partecipativo sarà garantito da:
-workshop per il monitoraggio sull`andamento del progetto e per l`autovalutazione intermedia e finale dei risultati;
-rete di comunicazione a distanza, con utilizzo della piattaforma web, per incentivare gli scambi d`informazione e i rapporti di cooperazione fra i partner
-visite e seminari per scambi di esperienze, a livello territoriale e transnazionale.

Nell`accordo di partenariato si determinano ruoli e funzioni di responsabilità della struttura gestionale: la rappresentanza unitaria e il coordinamento è esercitata dal Soggetto Referente, che demanda la responsabilità del procedimento ad una specifica risorsa interna: il Dott. Pietro Caroleo, direttore e Consigliere di Amministrazione del Consorzio Gruppo Promidea.

La condivisione degli indirizzi programmatici e decisionali della PS è garantita:
-ad un livello più ristretto, per concorrere negli aspetti di carattere gestionale dal Gruppo di Pilotaggio
-ad un livello di rappresentanza allargata alla generalità degli aderenti, per valutare i piani annuali preventivi e consuntivi dall`Assemblea dei Partners
-la funzione tecnica dell`ufficio di coordinamento, facente al Soggetto Referente, è garantita da una équipe preposta alla conduzione organizzativa, amministrativa e rendicontativa
-le piccole organizzazioni espressioni del Terzo settore, presenti a livello territoriale, e testimoni significativi dei beneficiari finali saranno chiamati a concorrere nel processo decisionale, in occasione dei workshop di monitoraggio e autovalutazione intermedia sull`andamento dell`attività.

La distribuzione di funzioni specifiche, corrispondenti alle competenze dei rispettivi Partner, concorre ad elevare il processo di coinvolgimento:
-la responsabilità scientlfica dell`attività di ricerca è demandata all`Associazione Antigone
-la responsabilità dell`equipe penale, dell`autovalutazione e delle borse d`inserimento è demandata al Provveditorato Regionale dell`Amministrazione Penitenziaria
-la responsabilità dei Centro per la promozione della cooperazione solidale e dell`economia sociale, nonché delle attività transnazionali è demandata al Consorzio Gruppo Promidea;
-la responsabilità delle attività di divulgazione, sensibilizzazione e animazione, nonché del Sistema Informativo è demandata all`Osservatorio sulla Criminalità
-la responsabilità delle Consulte territoriali per i Patti dell`inclusione è damandata ai Comuni di Castrolibero e Cassano.

dot Top



Logo EQUAL

Home page
DP Search
TCA Search
Help
Set Language Order
Statistics