IMPORTANT LEGAL NOTICE
 

 FORMAT(Centro per la prog. e l`applicaz. di metodolog. per la valutaz.della qual ascii version

Italy

 
DP Managing organisation : Istituto Formativo per Disabili e Disadattati Sociali sede provinciale di Cosenz
Other national partners : ASSOCIAZIONE NAZIONALE MUTILATI ED INVALIDI CIVILI sede provinciale di Cosenza
CONSORZIO GRUPPO PROMIDEA SCRL
QUALITALIA SOCIETA` COOPERATIVA SOCIALE a r.l.
UNIONE ITALIANA CIECHI ONLUS - SEZIONE PROVINCIALE DI COSENZA
EQUAL theme :Entrepreneurship - Social economy 
Type of DP :Geographical - Other - COSENZA 
DP Legal status :Association without legal form 
DP identification :IT-IT-G-CAL-026 
Application phase :Project ended 
Selection date :21-06-2002 
Last update :30-04-2002 
Monitoring: 2003  2004  2005   

Rationale

Text available in

Les grands changementes, meme crises, dernierement vecu par l`economie, la societe et son modele de developpement place les entreprises sociales dans une position qui est en meme temps de responsabilite et d`opportunite.En effett, elle sont regarde comme un model de developpement alternatif à l`economie de marche et a ses contraddictions intrenseques.
En soulignant qu`il n`existe pas de changements de perspective par rapport au formulaire originaire, nous partons de la constatation que pour vraiemnt devenir un modele de developpement, les cooperatives sociales de leur cote doivent d`une part resoudre certain problemes strucutraux, de l`autre depasserer nombreux limites.§
Parmi les limites strucuturaux nons relevons:
a) le haut taux de chomage present en Calabre risque de generer des perversion du systeme qui permet d`utiliser l`instrument de la cooperation sociale, voire fuite au chomage sans productivité
b) le manque de personnel spécialisé dans les activité de sauvegarde du patrimoine artistique qui notamment est un important bassin potentiel d`emploi;
c) la diminution des ressources financiere mise à disposition des politique sociales liees à la decentralisation;

En ce qui concerne les problematiques de niveau nationale nous relevons de risques lies à l`attitude à mettre en marche de procedure de `cooptation nouvelle`.et du `marché sociale`.

Il faut encore mettre en evidence les difficultes lie à l`objet cooperative sociale en tant que tels:
1) le droit de cytoyennete de l`associe desavanteage
2) l`organisatin du travail d`une entreprises ou sont prevus des handicape
3) les accords avers les tiers sur le temps et les modalité de travail des sujets handicapes;
4) critere de selection de sujet desavantage
5) prise en charge des besoin du sujet desavantage
6) individuation des criteres-mesure de la reussite de la phase de reinsertion du sujet desavantage
Il y a encore les difficulté de organisation et auto-organisation
1) la necessite d`un bon travail
2) la necessite d`un juste lie de travail
3) la necessite de respecter les regles du marche
Il y a infine les difficultes lie à la gestion
1) le manque parfois d`un management adequat
2) le problemes des dimensions, voire de l`absence quasi totale de sujets autre que ceux qui sont desavantages

dot Top


Objective

Text available in

L`on confirme les objectifs et les staategis generaux du formulaire de candidature. Nous pouvons alors resumer les objectifs de la maniere suivante:

1) realiser un approche sectoriel et pas generaliste à la problematique de la creation et de la gestion d`une entreprise, voire une entreprises sociale.
L`on prevoit specifiquement de fortifier les cooperatives sociales et en meme temps pousser un peu l`organisation pour qu`elle puissent repondre finalement aux besoin du marche et etre competitive.

2) Respecter les caracteristiques fondamentales des cooperatives sociales, etant donne qu`elle regarde acant tout à:
conjuger economie ete finalites sociales
produire surtout resultats sociaux
Experimenter de nouvelles forme d`organisation
Mettre à la premiere place la personne
Etre capable d`evoluer par rapport à l`environnement
Offrir occupation

3) Capitaliser l`efficace interne, voire la capacite de mettre en marche processus de cration d`entreprises; capitaliser l`efficace externe, voire les resultat

4) fournir une assistance tecnique, ent terme de formation, accompagnement, developpement de metodologie innovantes.

5) construire une reseau europeen d`entreprises sociales visant favoriser les rapports entre entreprises divers et entreprises et territoires
Pour atteindre ce dernier niveau nous compton meme sur l`activite transnantionale, voire sur les echanges et sur les visites, sur la creation d`un reseau europeen.

dot Top


Innovation


Nature of the experimental activities to be implemented Rating
Guidance, counselling **
Training **
Training on work place ****
Integrated measures (pathway to integration) **
Employment creation and support **
Training of teachers, trainers and staff ***
Conception for training programs, certification ****
Anticipation of technical changes ****
Work organisation, improvement of access to work places ****
Guidance and social services ***
Awareness raising, information, publicity ****
Studies and analysis of discrimination features ****

Type of innovation Rating
Process-oriented ****
Goal-oriented ****
Context oriented ****

Text available in

Nous considerons que la perspective de l`innovation a inspire le projet meme, car ce dernier met ensemble la Qualité e les cooperatives sociales.
Appliquer les systeme de Qualité à la gestion des cooperatives sociales, signifie que la cooperative sociale devient un poit de repere important pour la reflexion sur l`etat des politiques sociales et sur les modification à apporter.
D`ailleurs, les normes Qualités en tant que tels sont une innovation en soit: pour la premier fois dans le systeme d`economie de marché l`on considere la centralité des exigence de la demande, voire de la demande en terme de Qualite du client et des tiers.

dot Top


Budget Action 2

1 000 000 – 1 500 000 €

dot Top


Beneficiaries


Assistance to persons 
Unemployed  0.0%  0.0% 
Employed  0.0%  0.0% 
Others (without status, social beneficiaries...)  50.0%  50.0% 
  100.0% 
 
Migrants, ethnic minorities, …  0.0%  0.0% 
Asylum seekers  0.0%  0.0% 
Population not migrant and not asylum seeker  50.0%  50.0% 
  100.0%
 
Physical Impairment  50.0%  50.0% 
Mental Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Illness  0.0%  0.0% 
Population not suffering from a disability  0.0%  0.0% 
  100.0% 
 
Substance abusers 0.0%  0.0% 
Homeless  0.0%  0.0% 
(Ex-)prisoners  0.0%  0.0% 
Other discriminated (religion, sexual orientation)  0.0%  0.0% 
Without such specific discriminations  50.0%  50.0% 
  100.0% 
 
< 25 year  10.0%  10.0% 
25 - 50 year  40.0%  40.0% 
> 50 year  0.0%  0.0% 
   100.0% 

Assistance to structures and systems and accompanying measures Rating
Gender discrimination ***
Support to entrepreneurship ****
Discrimination and inequality in employment ***
Disabilities ****
Other discriminations ***
Low qualification ****
Unemployment **

dot Top


Empowerment

 

 With beneficiaries

Participation
Promoting individual empowerment
Developing collective responsibility and capacity for action
Participation in the project design
Participation in running and evaluating activities
Changing attitudes and behavior of key actors

Text available in

Le processus d`implication des benefeciaires finaux regarde les aspects suivants:

1) La formation
2) La jouissance
3) Fournissement
4) Le bonheur
5) La fonction

Une forme d`implication importante est l`autoevaluation, confié à l`Union Aveugels.
Les beneficiaires finaux sont apres tres implique dans la creation du Centre pour le soutine et l`accompagnement à la creation d`entreprises sociale.

 

 Between national partners

Text available in

1) Les partenairtes ont partages jusqu`à maintenant toutes les informations et ont travaillez ensemblme en fase de redaction et d`elaboration du projet.
2) Les partenaires aurons tous un lieux à partager pur qu`ils puissent se rencontrer, partager experiences et informations, ressourses et difficultés.
3) Chaque partenaire suivra unes sorte de mise à niveau sur le projet, voire il aura les connessaince preliminaires aoutour du probleme autour duquel tourne le projet.
4) Chaque parteners sera doué des habilité tecnique demande par la gestion du projet
5) Chaque partenaire oriente et organise les conditions pour la reussite du projet.
Il y aura pour cela un Commite de Projet preside par le directeur de projet. Il en ferons partie un membre pour chaque partenaire locale. Ce commite aura les taches suivantes:
1) suit et controle les activite de projt et en chaghe où c`est le cas, la strategie
2) etablit là où il est les cas, les mesures pour recuper les retards et decide si impliquer les autorites;
3) Se reunira une fois par mois pour verifier la bonne demarche du projet, corriger les defaut, mesurer les resultat

dot Top


Transnationality

 

 Linguistic skills

  • English
  • español (castellano)
  • italiano

 Percentage of the budget for transnational activities

  • 12.8%

 Transnational Co-operation Partnerships

Transnational Co-operation Agreement DPs involved
2696 E.E.C. (EUROPEAN ENTREPRENEUR CO-OPERATION) FR BRG-2001-10667
FR GUA-2001-10808
IT IT-G-SAR-051
PT 2001-027
UKgb 52

dot Top


Background

 

 Involvment in previous EU programmes

  • Two and more partners involved in A&E

dot Top


National Partners


Partner To be contacted for
Istituto Formativo per Disabili e Disadattati Sociali sede provinciale di Cosenz Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
ASSOCIAZIONE NAZIONALE MUTILATI ED INVALIDI CIVILI sede provinciale di Cosenza
CONSORZIO GRUPPO PROMIDEA SCRL
QUALITALIA SOCIETA` COOPERATIVA SOCIALE a r.l.
UNIONE ITALIANA CIECHI ONLUS - SEZIONE PROVINCIALE DI COSENZA

dot Top


Agreement Summary

Text available in

Le projet veut être l`expression de compétences techniques, politiques et administrative ainsi que d`une sensibilité par rapport aux problématiques sociale. Cela veut dire qu`il est nécessaire d`organiser une stratégie d`ensemble, voire qui soit capable de tenir compte de toutes les différentes instances. En particulier, il a été étudiée une organisation qui puisse garantir efficacité, transparence, responsabilité.

IS.FOR.D.D. est les seul interlocuteur de l`Administration publique compétente en matière. Il coordonne les activités et elle s`engage à utiliser une codification comptable de tous les frais prévues par le projet et donc de respecter la régulation CE n. 1260/99, art. 34, point 1, lettre e). Notamment il s`engage d`utiliser l`outil informatique fourni par le Ministère du Travail. Pour ce qui concerne l`expérience acquise dans la gestion de financements publics de la part de IS.FOR.D.D. l`on relève que ce dernier a promu d`autres projets communautaires à partir du 1998 et notamment un projet Horizon dont le public cible était un groupe de handicapés et dont le but était la création d`une coopérative de personnel spécialisé dans la gestion de systèmes de Qualité UNI EN ISO 9000.
L`activité de coordination est organisée sur deux niveau. Le primer concerne la gestion des activités du projet et regarde tous les partenaires selon les critères suivants:
L`accord de partenariat représente de manière solidaire les intérêts des partenaires au près des Institutions;
L`accord de partenariat garantit la participation des tous les partenaires;
L`accord de partenariat prévoit la possibilité d`ajouter des activités à celles déjà prévues ou à les modifier alors qu`il se manifeste utile;
L`accord de partenariat prévoit la circulation des informations de nature pratique, administrative, financière et gestionnaire;
L`accord de partenariat prévoit la diffusion et la divulgation des résultats.

Sur la base de ce qui a été décrit jusqu`à maintenant, le responsabilité seront ainsi partagé:
`Gruppo Promidea` et IS.FOR.D.D. sont les structures de conseil technique du Centre pour la création d`entreprises sociales. Notamment `Gruppo Promidea s`occupe des activités transnationales , donc des échanges d`expérience, des stages et de l`animation d`un réseau international entre autres par le moyen de la création à Bruxelles d`un Centre Européen sur le développement de l`économie solidaire.
A.N.M.I.C. s`occupe de la divulgation des activités du projet, voire d`une campagne publicitaire par la télévision et la presse et par de l`animation sur le terrain.
Qualitaila, avec IS.FOR.D.D. s`occupe l`analyse et de la recherche des caractéristiques des coopératives sociales. Elle s`occupent aussi de la costruction du système pour les information.

Le deuxième niveau de coordination prévoit les suivants organismes de gestion et organisation: 1. Le comité de projet; 2. Le comité d`évaluation.
Le comité de Projet est composé par le coordinateur du projet, par le secrétariat et par les représentants des cinq organismes partenaires du projet. Il coordonne et planifie les différentes phases du projet ainsi que les procédures à suivre. Il se réunit une fois par mois.
Le comité d`évaluation est composé par deux représentant de deux partenaires (UI., ANMIC) et par trois sujet extérieur au projet. Ces derniers sont choisi sur la base de leur compétence en tarière de travail, économie sociale et économie juridique. Le comité est présidé par un représentant de Union Aveugles (UIC). Il s`occupe de contrôler la cohérence entre les objectifs du projet et les résultats. Cette fonction est autonome et non contradictoire par rapport à l`activité d`évaluation gérée par l`Association Aveugles et dont elle est complémentaire.

Last update: 30-04-2002 dot Top


Istituto Formativo per Disabili e Disadattati Sociali sede provinciale di Cosenz

(IS.FOR.D.D. - CS)
Via Monte S. Michele 13
87100 Cosenza
www.isfordd.cs.it

Tel:0984.28590
Fax:0984.28590
Email:isfordcs@.tin.it

 
Responsibility in the DP: Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Type of organisation:Other
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:COSENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

L`IS.FOR.DD (Institut de Formation pour handicapé et dèsavantagés) est une association presente sur tout le territoire nationale et peut compter sur qarante siège dèpartementaux et un siège centrale qui se trouve à RomeL`activité de l`IS.FOR.DD s`adresse principalement aux sujets handicapés et désavanagés. Parmi les activites les plus importante il y a la recherche, la formationm la formation continue et la qualification professionnelle. Il faut citer encore La realisation d`action d`insertion sociale et economique pour les handicapes et les sujets en etat de desavantage. L`activite de formation de l`IS.FOR.DD s`adresse principalement aux secteurs suivants :1) Formation des formateurs ; qualification professionnelle2) Information, orientation et soutien à la realisation de parcours individuels et collectifs de formation et d`occupation3) actions innovantesIl faut enfin rappeler entra autres que l`IS.FOR.DD delivre l`ainsi dit Permis Europeen pour l`usage de l`ordinateur (European Computer Driving Licence)



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Senatore Carlo 0984.28590/390852 ingsenatore@tiscali.it Chef de projet

Last update: 30-04-2002 dot Top


ASSOCIAZIONE NAZIONALE MUTILATI ED INVALIDI CIVILI sede provinciale di Cosenza

(A.N.M.I.C. - CS)
Via Monte S. Michele 13
87100 Cosenza
WWW.anmic-italia.org

Tel:0984.22817
Fax:0984.22817
Email:anmiccs@tiscalinet.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Organisation providing support and guidance for disadvantaged groups
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:COSENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

L`ASSOCIAZIONE NAZIONALE MUTILATI ED INVALIDI CIVILI (A.N.M.I.C.)Est une association de tutele des interets civiles et economiques de tous sujets avec un handicap physique.L`association a son siege centrale a Rome et developpe les activités suivantes : Represente et tutele les handicapes au près des institution qui s`occupe d`education, soutien economique, emploi, assissance, sante ; Suit et defend l`entre dans le monde du travail des handicapes selon les lois en vigueurMene des recherches, organise des colloque ou des journee d`etude, des perfectionnament ;Participe aux organismes internationaux qui s`occupent de promotion culturelle et sociale des handicapes



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Di Tommaso Eugenio 0984.22817 anmiccs@tiscalinet.it Responsable de la communication

Last update: 30-04-2002 dot Top


CONSORZIO GRUPPO PROMIDEA SCRL

(Gruppo Promidea)
Viale De Filippis 326
88100 Catanzaro
www.promidea.com

Tel:0961.770749
Fax:0961.770873
Email:promidea@promidea.com

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:CATANZARO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Le but du Consortium `Gruppo Promidea` est le développement socio-économique et la valorisation des ressources non exploitées des zones normalement considérés peu dynamiques. Les principales activités du Consortium sont les suivantes:1) soutien à l`insertion au travail pour immigrés, femmes en état de discrimination, chômeurs, chômeurs de longue durée, chômeurs involontaires, public qui souhaite accéder au travail après une longue absence, jeunes à la recherche d`un premier emploi, toxicomanes sous traitement, ex toxicomanes, chômeurs âgés. 2) formation pour chômeurs, femmes, immigrés; réqualification professionnelle, formation à distance3) étude de plan budgetaires4) soutien et accompagnement pour la réalisation d`idées projet;5) sécretariat social pour désavantagés Les méthodologie utilisée sont les suivantes:a) analyse de la réalitè objet d`interventionb) étude de strategies de développement localec) organisation des ressources locales en vue d`action de développementd) valorisation de ressources humainese) échanges/activités relationnellesf) accompagnement pour la réalisation de projet de développementLa compréhension du contexte est atteinte au moyen de recherches et analyse socio-économiques qui visent évidencier les caractéristiques des zones et dévoiler les barrières et les opportunités. Les recherches sont normalement menées en collaboration avec les Universités ou les Centres de Recherches. La définiton des objectifs finaux est basée sur l`évaluation des obstacles qui pourrait en empêcher la réussite. Les actions de développement local sont organisées par objectifs, étapes et résultats intérmedaires. Il est sur la base de ce derniers qu`une action vient rélancée et notamment réorganisée autour d`objectifs finaux de niveau supérieur. Dans toute initiative l`on vise à atteindre le maximum d`engagement des ressources locales et de collaboration entre les institutions publiques et les sujets privés. La valorisation des ressources humaines est réalisé à travers la formation, la sensibilisation et l`information. L`o ne vise pas à un transfer de connaissances, mais plutôt à la mise en valeur des competences, des métodologies et des capacitées de différents sujets d`imaginer et réaliser de nouveuax et autonomes parcours de développement. L`on favorise les échanges d`expériences et les rencontres même à niveau communautaire pour solliciter le transfert de pratiques et de modèles d`action. Le Consortium met en œuvre de dispositifs de contrôle continu de ses propres actions soit pour une corrécte inteprétation des objectif et des strategies, soit pour dépasser des limites non prévus, soit pour atteindre les objectifs fixés et les éventuelles actions de corrections.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
DE Filippis Giorgio 0984.481991 promidea@promidea.com Responsable de la mise en forme du projet

Last update: 30-04-2002 dot Top


QUALITALIA SOCIETA` COOPERATIVA SOCIALE a r.l.

(................)
CORSO D`ITALIA 32
87100 COSENZA
...........

Tel:0984.417651
Fax:0984.417651
Email:qualitalia@tiscalinet.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Social economy enterprise
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:COSENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Qualitalia est une cooperative sociale qui s`occupe de systemes de Qualité pour les entreprises, ainsi qu`ils ont ets etablis par les normes UN EN ISO 9000.Elle s`adresse principalement aux petites et moyennes entreprises visant aussi la formation àla probleòatique globale de la Qualite.Elle offre soutien tecnique dans les secteurs suivants :1) application des systemes de qualite (UNI EN ISO 90002) organisatin et gestion des systems de securité de l`environnement (Un En ISO 14000)3) L`evaluation du risque sur les lieu de travail (L. 636/94)4) Elaboration du document HACCP5) La gestion du systeme de gestion dans sa totalite6) La formation professionnelle7) Les soutien tecnique pour les entreprises8) Elaboration des donnees



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Sarcone Fiore 0984.417651 qualitalia@tiscalinet.it / sarcone@vizzavi.it Responsable elaboration donnees

Last update: 30-04-2002 dot Top


UNIONE ITALIANA CIECHI ONLUS - SEZIONE PROVINCIALE DI COSENZA

(U.I.C. sede provinciale di Cosenza)
Corso Mazzini,227
87100 Cosenza
WWW.UIC.IT

Tel:0984.21896
Fax:0984.71506
Email:uiccs@uiciechi.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Organisation providing support and guidance for disadvantaged groups
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:COSENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

L`Unione Italiana Ciechi (UIC) a etee cree le 26 octobre 1920: Elle est une association de tutele des interets civiles et economiques des aveugles. Elle anime les activités suivantes : Represente et tutele les aveugles au près des institution qui s`occupe d`education, soutien economique, emploi, assissance, sante ; Suit et defend l`entre dans le monde du travail des aveugles selon les lois en vigueurMene des recherches, organise des colloque ou des journee d`etude, des perfectionnament ;Participe aux organismes actions qui s`occupent de promotion culturelle et sociale des aveugles



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Bilotti Giuseppe 0984.21896 uiccs@uiciechi.it Responsable de la evaluation

Last update: 30-04-2002 dot Top



 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 
Warning! This section is not meant to be read directly, but rather be navigated through from the main page above.
 
 
 
 

FORMAT(Centro per la prog. e l`applicaz. di metodolog. per la valutaz.della qual

Rationale

Text available in

La crescente divaricazione tra crescita ed occupazione e l`impossibilità di rilanciare il modello di crescita economica ed integrazione sociale basato sul lavoro salariato rilanciano ancora di più l`interesse verso l`individuazione di politiche attive finalizzate a sostenere e facilitare lo sviluppo della cooperazione sociale nelle sue diverse forme. Il settore dell`impresa sociale si trova dunque nella non facile situazione di essere indicato come la via d`uscita dall`impasse su indicato in quanto espressione di un`economia sostenibile, responsabile e senza fini di lucro, capace di creare nuovi legami sociali. In effetti la cooperazione sociale può rappresentare un modo per sviluppare attività innovativi non erogabili dallo Stato e/o dal mercato, può fornire nuove prospettive di sviluppo in direzione di un reale miglioramento della qualità della vita, della partecipazione attiva della società civile e conseguentemente insieme a nuovi posti di lavoro, può creare validi sistemi di ammortizzamento del disagio creatosi nell`attuale situazione di aumento della disoccupazione e indebolimento dello Stato sociale.E` evidente che per recitare pienamente questo ruolo, la cooperazione sociale, deve superare alcune contraddizioni ed alcuni problemi che sono strettamente correlati innanzitutto ai vincoli strutturali del territorio, ma soprattutto alle difficoltà oggettive e soggettive.Rispetto al formulario di candidatura non esistono sostanziali novità in merito al quadro problematico per come era stato ampiamente descritto.Tra i vincoli strutturali determinati dal territorio evidenziamo:a) la gravità della situazione occupazionale calabrese che crea un diverso scenario sia dal lato della domanda e sia dal lato dell`offerta. Dal lato della domanda, l`alto tasso di disoccupazione crea fenomeni di disagio sociale con la conseguenza di una domanda di servizi quantitativamente maggiore e qualitativamente diversa. Dal lato dell`offerta, l`esercito di disoccupati che aspirano ad entrare nel mondo del lavoro, può costituire una massa di pressione socio-politica che porta ad utilizzare in modo improprio gli strumenti di promozione ed incentivazione della cooperazione sociale.b) un secondo elemento rilevante concerne il gap tra potenziale domanda e l`offerta di lavoro nell`ambito del terzo settore. In Calabria, lo sviluppo di attività di tutela del patrimonio artistico, ambientale e culturale incontrerà problemi seri dal lato dell`offerta di lavoro, perché nonostante i disoccupati il sistema della formazione professionale non sembra adeguato a rispondere alle mutate esigenze. c) un terzo elemento concerne le risorse destinate al sociale in un contesto di crisi fiscale e di federalismo fiscale. Esiste il pericolo concreto che oltre alla compressione di risorse si avrà una riduzione aggiuntiva almeno in quegli enti locali che dimostreranno una incapacità di spesa, infatti le somme stanziate nei bilanci preventivi finiranno nei residui passivi, le risorse economiche, pertanto, si ridurranno ulteriormente perché oramai è regola nella P.A. che a chi non spende viene tolto anche quello che ha.Esistono poi dei vincoli al livello delle politiche nazionali basate purtroppo su due modelli di intervento: la neocooptazione ed il mercato sociale.Il primo modello si basa sull`ipotesi che gli enti locali individuano attraverso le procedure amministrative, le iniziative da finanziare. I servizi in tale modo vengono offerti gratuitamente ai cittadini. I limiti di questo modello sono da ricondurre al rapporto tra il sistema-impresa sociale e la P.A., i ruoli di finanziatore diretto e controllore possono essere giocati in una logica di continuità con il passato, in modo cioè da depotenziare le capacità innovative dell`impresa sociale. Con riferimento alla nostra regione, poi, i limiti del primo modello sono ancora maggiori, esiste infatti il rischio serio che il rapporto con la P.A. in oggettiva difficoltà a gestire l`ordinario, mortifichi le potenzialità dell`impresa sociale.Il secondo modello è quello del mercato sociale. Esso si basa sull`ipotesi di allargare lo spazio della produzione di servizi promuovendo un meccanismo di allocazione delle risorse che imiti il mercato nei suoi aspetti positivi ed efficienti e ne limiti gli aspetti negativi. I limiti più rilevanti di questo modello derivano dalla facilità con la quale possono introdursi gli effetti deleteri del mercato, ad esempio abbassamento della qualità per massimizzare se non i profitti, i vantaggi immediati dell`organizzazione, esasperazione della concorrenza tra erogatori di servizi, diffusione eccessiva di mezzi di persuasione degli utenti, ecc..In questo contesto regionale e nazionale di evidente difficoltà esistono poi delle tipicità della cooperativa sociale che devono essere tenute in debito conto per affrontare in modo compiuto e coerente tutti i nodi problematici. Per esigenza di sintesi questi vincoli si possono così schematizzare: i vincoli determinati dalla mission:1) il diritto di cittadinanza del socio svantaggiato, la rivendicazione dei soci svantaggiati ( partecipazione e possibilità di potere assumere ruoli di potere); 2) gli accordi e le intese sugli inserimenti tra servizi sociali e cooperative sociali che devono accordarsi su alcuni punti, definendo nei particolari:a) le modalità di richiesta alla cooperativa delle disponibilità di lavori per soggetti svantaggiati; b) che cosa deve sapere la cooperativa e chi nella cooperativa deve conoscere il programma terapeutico individuale della persona da inserire; c) come viene presentata la cooperativa alla persona da inserire; d) come avviene il colloquio di lavoro della persona segnalata dai servizi (quali criteri si adottano); e) come il servizio e la cooperativa valutano il bisogno della persona; f) come e da chi verranno gestite le difficoltà nell`ambiente di lavoro (relazionali, di flessibilità); g) come avviene il monitoraggio del percorso di inserimento lavorativo, dell`esito dell`inserimento; h) quando è il momento di considerare conclusa la parte riabilitativa dell`inserimento lavorativo e di uscire dalla legge 381/91.I vincoli determinati dall`organizzazione e/o dall`autorganizzazione:1) la necessità di un buon lavoro e di un buon ambiente di lavoro2) la necessità di contrastare la pratica del lavoro inutile e falso che si è purtroppo largamente diffusa 3) la necessità di rispettare le condizioni di mercato soprattutto rispetto alle garanzie credibili di stabilità per un periodo di qualche anno; i vincoli determinati dalla necessità di un agire imprenditoriale:1) La mancanza di un management adeguatoSpesso la cooperazione sociale è l`evoluzione giuridica di realtà informali di aggregazione giovanile. Questa iniziale risorsa può rivelarsi un limite nel momento in cui è necessario affrontare le dinamiche evolutive che caratterizzano il mercato del lavoro. È indispensabile che il management delle cooperative sociali maturi una cultura poggiata sia sugli strumenti tradizionali (organizzazione, procedure, sistemi informativi), sia su un approccio dinamico e mirato all`innovazione, al cambiamento ed al rinnovamento costante, ovvero alla qualità totale.2) l problema delle dimensioniNella nostra provincia le cooperativa sociali hanno una struttura di tipo essenzialmente informale, fino ad un massimo di 20 lavoratori circa, un`assenza quasi totale di lavoratori non soci e di collaboratori che non siano professionisti. Spesso sono vittime di una situazione finanziaria instabile, con corrispondente instabilità nelle retribuzioni e nell`organizzazione delle fasi lavorative. Molto spesso questa è una scelta determinata dalla paura di perdere l`identità. Esistono in questo mondo forti timori rispetto ad un processo di crescita che inevitabilmente porta alla crescita dei soci, all`inserimento di lavoratori e collaboratori con approcci e mentalità anche diverse da quelle dei fondatori. Il progetto assume tutte queste contraddizioni delle cooperative sociali di tipo B e si candida come tentativo di risposta in grado di integrare le politiche passive di sostegno con le politiche attive di inserimento.

dot Top


Objective

Text available in

Si conferma il quadro complessivo degli obiettivi generali e degli indirizzi strategici proposti nel dossier di candidatura, pertanto in termini sintetici si evidenziano le principali finalità:1) affiancare alla tradizionale logica d`intervento generalista (finalizzata principalmente a trasferire competenze di carattere metodologico), un approccio di carattere settoriale (teso a migliorare le conoscenze circa le dinamiche competitive e gli aspetti tecnico-organizzativi dell`attività imprenditoriale relativamente allo specifico campo d`attività prescelto dalla cooperativa). Per raggiungere questo obiettivo verrà data adeguata importanza alla valutazione della qualità del processo ovvero dell`insieme delle modalità operative ed organizzative adottate dalle cooperative sociali per produrre l`intervento: si tratta quindi di capire quali siano i gap, quale è l`onere sociale che le cooperative si assumono dal punto di vista imprenditoriale nel lavorare con soggetti in certe condizioni, e come la società nelle sue diverse articolazioni, deve garantire una copertura di questo onere sociale che si traduce in una fatica e in uno sforzo imprenditoriale. Un punto fondamentale sul quale il progetto focalizza la sua attenzione è la necessità di costruire le condizioni all`interno delle organizzazioni, ossia contesti organizzativi strutturati che consentano di condividere un approccio comune rispetto agli obiettivi, al riconoscimento degli aspetti critici e positivi che emergono dalle situazioni lavorative. L`aspetto sperimentale del progetto consente poi di innestarsi sui dispositivi organizzativi connessi al funzionamento abituale dell`organizzazione, in altre parole si cercheranno gli strumenti e le azioni necessarie, entrando in relazione con il funzionamento organizzativo ordinario dell`azienda, questa scelta è strategica e decisiva per dare spazio ad una effettiva assunzione del progetto nei suoi aspetti concreti e nei suoi significati valoriali.Come conseguenza naturale si può prevedere il rafforzamento della cooperativa e pertanto un`organizzazione moderna ed efficiente, che senza rinunciare alla mentalità cooperativa riesca ad assorbire i normali criteri e metodi gestionali di realtà economiche e produttive del settore for-profit.2) Rispettare e potenziare le caratteristiche fondamentali delle cooperative sociali, che devono soprattutto:§ Coniugare economia e finalità sociali § Generare soprattutto risultati sociali § Sperimentare forme di organizzazione nuove § Mettere al primo posto la persona.§ Essere capaci di coevolvere con l`ambiente esterno.§ Offrire occupazione Per raggiungere questo obiettivo sarà data adeguata importanza alla valutazione relativa all`outcome ossia ai risultati concretamente raggiunti dalle cooperative sociali sugli utenti svantaggiati del servizio, proprio in riferimento agli aspetti di durata e temporalità che connotano il lavoro sociale, la ricerca valutativa deve inscriversi in una dimensione temporale congruente con tali caratteristiche. La pratica di valutazione in tempo reale si traduce nella possibilità di effettuare descrizioni delle persone all`inizio della loro presa in carico e di comparare questi dati con altri relativi alla situazione delle persone alla fine della presa in carico e/o momenti intermedi. La soluzione adottata consiste nella realizzazione di bilanci descrittivi a intervalli di tempo regolari, sulla base di una scadenza concordata con gli operatori circa la significatività dei periodi di osservazione individuati.Questa metodologia si basa sulla convinzione che rispetto al disoccupato la persona svantaggiata non perde la propria condizione di svantaggio nel momento dell`inserimento lavorativo.Il nostro progetto si soffermerà su alcuni momenti chiave dell`inserimento, lasciando spazio a soluzioni aperte, necessarie, visto le variabili da cui dipendono i risultati: le tipologie di svantaggio, le storie personali, il contesto in cui le cooperative sociali si muovono, la relazione con i servizi invianti, la cultura sociale ed il livello di accettazione del disagio, la tipologia del lavoro svolto dalla cooperativa, i capitolati d`appalto ed i vincoli, la missione d`impresa3) capitalizzare sia l`efficacia interna ovvero la capacità di attivare adeguati e congrui processi d`impresa e sia l`efficacia esterna ovvero la rispondenza rispetto ai risultati che ci si aspetta di ottenere.Per raggiungere questi obiettivi un`adeguata importanza sarà attribuita alla valutazione relativa all`input ovvero all`insieme delle risorse materiali ed umane immesse nell`organizzazione per produrre un determinato risultatosenza la stretta partecipazione dei soci/lavoratori delle cooperative, la ricerca valutativa rischia di tradursi in un`operazione, paracadutata dall`alto, di applicazione di griglie e strumenti buoni per tutti gli usi e le situazioni, quasi un pret-a-poter comodo ed economico. È pertanto decisivo stabilire un rapporto con i soci, individuando il loro ruolo di collaborazione nella precisazione degli obiettivi, nella costruzione degli strumenti di valutazione, nella specificazione dei criteri. Non è superfluo sottolineare come questo coinvolgimento promuove processi di costruzione di cultura organizzativa nonché il consolidamento di sensibilità e mentalità professionali aperte all`assunzione di problemi, al loro trattamento rigoroso ed alla esplicitazione attendibile dei risultati attesi. 4) erogare servizi di accompagnamento e di consulenza tecnica con l`obiettivo di offrire una vasta gamma di informazioni teorico-pratiche in merito alle caratteristiche delle normative, dei criteri per lo sviluppo di una idea imprenditoriale, della valutazione della coerenza e della fattibilità di un progetto, degli orientamenti tecnici, dello sviluppo dei servizi innovativi dell`impresa, della capacità di penetrazione nei mercati.Per raggiungere questi obiettivi adeguata importanza verrà data all`affiancamento ed alla consulenza personalizzata, all`osservazione in progress, al trasferimento delle conoscenze tecniche, agli interventi di assistenza tecnica e di affiancamento sul campo a supporto delle aree aziendali particolarmente critiche con l`ausilio di società di consulenza specializzate. 5) costruire una rete europea di imprese sociali con l`obiettivo di favorire il dialogo sociale tra diverse imprese e diversi territori al fine di rilevare i bisogni e conoscere le problematiche connesse alle diverse condizioni operative.Per raggiungere questi obiettivi verrà data adeguata importanza all`attività transnazionale non solo con gli scambi e le visite degli operatori di progetto ma soprattutto con lo sviluppo congiunto di metodologie per la creazione di nuova impresa sociale e con la formazione degli operatori di progetto su questa nuova metodologia.

dot Top


Innovation

Text available in

È opportuno evidenziare, innanzitutto, che l`innovazione avviata con la politica della qualità si colloca in una precisa prospettiva di mutamento della politica sociale. La cooperazione sociale, infatti, deve avviare una riflessione sul suo ruolo sia perché le scelte di politica sociale, le risposte ai problemi e le indicazioni che emergono hanno una ricaduta diretta sull`esistenza stessa della cooperazione sociale, sia perché la stessa cooperazione sociale può influenzare la politica sociale. Questa, a sua volta, ha necessità, per trasformarsi in comportamenti concreti, di essere condivisa, assimilata, elaborata ed infine attuata nell`operare quotidiano. Con la ricerca e l`adozione di un sistema di qualità, la cooperazione sociale si domanda quale contributo possa dare e in quale direzione, se debba operare in un`ottica di cambiamento del welfare e di modifica in termini di cittadinanza sociale, se debba rileggere le proprie funzioni in direzione di nuovi compiti e rileggere nuovi compiti alla luce dei propri valori.Un secondo aspetto innovativo risiede nel significato stesso del sistema qualità, poiché nella relazione tra chi eroga il servizio e l`utente si modifica la prospettiva, a vantaggio della centralità dell`utente. Questo capovolgimento incide a vari livelli, dagli orientamenti di valore, ai modelli organizzativi, alle modalità di incontro tra operatori e clienti. L`ultimo punto di innovazione, forse il più importante, è la relazione tra qualità e valutazione. Il processo di costruzione di un sistema di qualità richiede infatti: il coinvolgimento di diversi attori e stakholder; la focalizzazione sui processi di ascolto; l`attivazione di processi di empowerment; la misurazione della qualità dei servizi.È questo l`aspetto concreto del lavoro quotidiano, che chiama in causa la disponibilità alla valutazione, e che può fare compiere al mondo della cooperazione sociale un salto in avanti, rispetto ai fini istituzionali di sviluppare negli utenti e nei clienti le conoscenze e l`esercizio dei propri diritti/doveri nell`ambito della collettività nonché di promuovere e sostenere processi di maturazione e responsabilizzazione della società civile.

dot Top


Agreement Summary

Text available in

Il percorso del progetto si sviluppa come un processo in cui sono compresenti valenze tecniche, sociali, politiche ed amministrative ed è quindi necessario agire con un`ottica sistemica che tenga conto, pur nelle scelte contingenti, del quadro d`insieme con le ripercussioni ed i riflessi agli altri livelli del sistema e dei sottosistemi. In particolare è stata individuata la necessità di realizzare un processo decisionale efficiente, delineando in maniera chiara ed inequivocabile la funzione di indirizzo e di gestione della PS e gli strumenti operativi di attuazione delle diverse attività progettuali.In relazione al primo aspetto, ossia della responsabilità di indirizzo e di gestione della PS, il ruolo di soggetto referente è assunto dall` IS.FOR.D.D. a cui compete l`obbligo di assicurare la regolarità giuridico-amministrativa, la regolarità contabile e finanziaria, nonché la regolare esecuzione di tutti gli atti ovvero le scritture contabili ed amministrative fondate su documenti giustificativi verificabili ai fini di una corretta rendicondazione.Del resto i partner della PS confermano nell`accordo di cooperazione l`IS.FOR.D.D. quale soggetto referente cui affidare la rappresentanza della PS nei confronti della competente Autorità del programma, pertanto, l`IS.FOR.D.D. sarà l`unico interlocutore dell`Amministrazione e quindi il percettore dell`intero contributo;l`IS.FOR.D.D, in qualità di unico referente ed interlocutore dell`Amministrazione Pubblica competente, utilizzerà una codificazione contabile appropriata di tutti gli atti contemplati nell`intervento progettuale (come da Regolamento (CE) n. 1260/99, art. 34, punto 1, lettera e). Ciò verrà realizzato mediante l`istituzione di un adeguato sistema contabile, correlato alla contabilità generale, al fine di poter definire, in ogni momento le disponibilità relative ad ogni singola voce di costo. Tale sistema dovrà, altresì, consentire di poter dimostrare la congrua ripartizione dei costi indiretti del progetto e di funzionamento tra le diverse attività svolte. A tal fine, per la certificazione delle spese, l`IS.FOR.D.D utilizzerà l`applicativo informatico, che sarà fornito dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e si impegna a predisporre gli atti necessari per eventuali visite ispettive che potranno essere svolte per verificare l`effettività della spesa sostenuta durante lo svolgimento dell`intervento.La capacità di gestire fondi pubblici deriva dall`esperienza che l`IS.FOR.D.D. di Cosenza ha maturato negli anni 1998,99 e 2000 nell`ambito del programma HORIZON - con il progetto 0354/E2/H/R dal titolo `PROGETTO INTEGRATO DESTINATO A PORTATORI DI HANDICAP FISICI FINALIZZATO ALLA CREAZIONE DI UNA COOPERATIVA DA INTRODURRE SUL MERCATO DELLA INSTALLAZIONE E GESTIONE DI SISTEMI DI QUALITA` SECONDO LE NORME UNI EN ISO 9000.` Il progetto finanziato per un importo di circa 1,5 miliardi si è concluso con ottimi risultati sia in termini di efficienza che di efficacia. La capacità di spesa dimostrata dall`IS.FOR.D.D., in tale iniziativa, è stata del 97%, avendo speso praticamente per intero i finanziamenti concessi e nei tempi prestabiliti.In relazione al secondo aspetto, ossia degli strumenti operativi per l`implementazione delle diverse attività, il disegno organizzativo discende da una filosofia che porta a ritenere idoneo per questo progetto il modello organizzativo definito a `matrice` in cui vi è una doppia dipendenza di tipo gerarchico ( il partner della PS a cui gerarchicamente si risponde) e tipo funzionale-operativo (l`appartenenza al progetto ed a chi ne è responsabile). Si possono quindi individuare due livelli di coordinamento.Il primo livello di coordinamento riguarda la gestione e l`implementazione delle diverse attività del progetto stesso. Ne sono responsabili direttamente tutti i partner per come sarà ora descritto e per come indicato nell`accordo di cooperazione. Si garantirà così innanzitutto una funzione forte di coordinamento capace di ricondurre ad unità gli obiettivi, le logiche e le operatività diverse, tipiche in un progetto di media durata e complessità, ma soprattutto si garantirà:- che la PS possa rappresentare in modo unitario gli interessi dei partner presso le amministrazioni referenti;- l`organicità e la partecipazione di tutti i partner al processo progettuale;- la possibilità di rimodulare in itinere attività ed iniziative utili al perseguimento degli obiettivi prefissi;- il monitoraggio costante delle attività progettuali;- una circolarità delle informazioni su tutti gli aspetti di ordine programmatico e gestionale, di natura tecnica e amministrativa-finanziaria relativi all`andamento del progetto;- la diffusione e la pubblicizzazione dei risultati progettuali che diventeranno così di pubblico dominio.Conseguentemente dalle responsabilità e dai ruoli già descritti nella precedente Sezione 3.2.8 discendono le seguenti attività per gli altri singoli partner:Gruppo Promidea - unitamente all`IS.FOR.D.D. garantirà il funzionamento e le attività di assistenza e consulenza tecnica del Centro Servizi per l`impresa sociale, ma soprattutto Gruppo Promidea garantirà le attività transnazionali finalizzate agli scambi di esperienza, alle visite di studio, alla promozione del network europeo per lo sviluppo dell`economia sociale.A.N.M.I.C. - garantirà il processo di mainstreaming sia con l`implementazione di una articolata campagna di sensibilizzazione attuata con i diversi media (TV e stampa) ma soprattutto con una incessante azione di animazione socio economica sul territorio.U.I.C. - implementerà per tutta la durata progettuale le attività funzionali al monitoraggio ed alla valutazione focalizzando l`attenzione sulle dimensioni valoriali, cognitive, organizzative ed interorganizzative, e sugli aspetti relazionali e negoziali.Qualitalia - unitamente all`IS.FOR.D.D. garantirà le fasi di ricerca ed analisi sulle caratteristiche quanti-qualitative delle cooperative sociali, inoltre curerà la costruzione del sistema informativo. Il secondo livello di coordinamento riguarda invece il raccordo tra il progetto in corso e la mission, le strategie e gli indirizzi programmatici dei diversi partner. Ne sono responsabili i due organismi già indicati nel formulario di candidatura (Comitato di progetto, Comitato di valutazione). A questo livello si garantirà innanzitutto una forte interazione ed il superamento della logica per adempimento, si garantiranno inoltre interventi per competenza allargando la responsabilità ed i margini di autonomia, ma soprattutto si garantirà che le buone prassi implementate con il progetto, vengano rimesse in circolo sviluppando la possibilità di integrare progettualità comuni tra gruppi, settori ed attori diversi dalla PS, questo tra l`altro potrà accadere da subito per alcune attività quali: la ricerca-intervento sul territorio provinciale, i moduli di apprendimento-formazione intersettoriali, gli strumenti di comunicazione esterna. l`accordo di cooperazione conferma gli organi che concorrono nella gestione e nel funzionamento della PS, ovvero:il COMITATO DI PROGETTOÈ composto dal Coordinatore del progetto, dalla segreteria organizzativa, dai rappresentanti dei 5 partner proponenti.Ha funzioni di coordinamento, di concertazione e di consultazione in ordine alle varie fasi ed ai vari aspetti procedurali del progetto.Durante le riunioni che si terranno a scadenza mensile, i rappresentanti dei partner esporranno i bisogni ed i diversi punti di vista, e congiuntamente si procederà alla verifica di tutte le dinamiche in atto relative alle azioni progettuali in itinere.Il COMITATO DI VALUTAZIONEÈ composto da 2 rappresentanti dei partner (U.I.C. e A.N.M.I.C.) e da 3 rappresentanti della società civile. Questi 3 componenti saranno espressione e testimonianza della cultura, del mondo del lavoro e della economia sociale, saranno in possesso di una elevata cultura psico-sociale ed economico-giuridica oppure di una esperienza professionale equivalente. Il Comitato è presieduto da un rappresentante dell`Unione Italiana Ciechi di Cosenza.Ha la funzione di monitorare costantemente la coerenza delle diverse fasi rispetto agli obiettivi progettuali nonché la coerenza dei risultati operativi rispetto alle premesse teoriche. Non interferisce con la procedura di autovalutazione implementata dall`Unione Ciechi che rappresenterà invece l`obiettivo verso cui tendere e si caratterizza per essere complementare rispetto ad essa.

dot Top


Empowerment

 With beneficiaries

Text available in

Il processo di coinvolgimento delle cooperative sociali si articola per tutte le fasi del progetto per come già sinteticamente decritto ai quadri 5.13 e 5.14 e che sostanzialmente passa attraverso la valutazione delle seguenti variabili: 1. la formazione, che riguarda il personale, soci lavoratori e dipendenti che beneficeranno della riqualificazione determinata a cascata dalle diverse attività implementate dal progetto;2. la fruizione, che riguarda l`utente (interno ed esterno) delle cooperative sociali che, se messo in grado, attraverso le opportune informazioni di apprezzare il servizio erogato dalla cooperativa, di conoscerlo, di poterlo fruire a pieno, soddisfa la sua domanda ed il suo bisogno di benessere;3. la fornitura, che riguarda la qualità dei processi e dei prodotti delle cooperative in costante miglioramento grazie alle misure di sostegno attivate dal progetto tramite il Centro Servizi per l`impresa sociale; 4. la felicità dell`utente interno (socio e/o lavoratore svantaggiato) che diventa il risultato a cui si mira;5. la funzione, che riguarda le finalità e le congruenze della cooperativa non solo nel comparto produttivo di competenza, ma soprattutto all`interno del più vasto panorama dei servizi presenti sul territorio.Un altro momento importante di coinvolgimento è la procedura di autovalutazione dell`intero percorso progettuale affidata ad una delle Associazioni di Categoria dei soggetti cosiddetti `deboli e svantaggiati`.L`altro momento forse più importante che implica direttamente il coinvolgimento dei beneficiari è la costituzione del Centro Servizi per l`impresa sociale che opererà sul territorio locale e del network europeo per l`impresa sociale. L`azione di questi Centri sarà ispirata dai seguenti principi:§ l`autonomia e scambio tra soggetti diversi;§ il rispetto e la considerazione della soggettività di ogni cooperativa;§ la reciprocità e la correttezza etica;§ la rappresentanza del maggior numero possibile di categorie di soggetti esclusi e/o deboli e quindi dei diversi settori e dei diversi ruoli professionali;i risultati che ci aspettiamo da una azione che coinvolge così direttamente i beneficiari sono:1. contattare e legare le disponibilità dei beneficiari rispetto al progetto;2. sviluppare una presa di coscienza dei beneficiari rispetto ai nodi problematici così come sono stati individuati dal progetto;3. stimolare riflessioni sul coinvolgimento rispetto ai problemi denunciati;4. facilitare lo sviluppo di legami tra le disponibilità;5. creare nuovi ambiti di supporto alle nuove iniziative.

dot Top


Empowerment

 Between national partners

Text available in

L`assetto della suddivisione e dei diversi livelli di interazione tra i vari partner in relazione al progetto è stato già descritto nella sezione 4 e nei quadri 5.13 e 5.14 e comunque viene dettagliatamente normato nell`accordo di cooperazione. I principi che hanno ispirato la redazione dell`accordo di cooperazione possono essere così descritti:il primo assunto è che i partner conoscano e condividano il proprio compito primario sia per quanto attiene la sua definizione, sia per quanto attiene la sua fattibilità, conseguentemente la PS per potere funzionare ha definito nell`accordo riferimenti normativi conosciuti e comuni, finalità esplicite e concordanti, informazioni chiare sui bisogni a cui il progetto deve dare risposta, ma soprattutto ha sancito la condivisione della metodologia progettuale.Il secondo assunto è che la PS deve avere un luogo dove potere gradualmente crescere nella capacità di funzionare come un insieme che coopera nel pensare e nel progettare, conseguentemente questo luogo indicherà i livelli di formalizzazione, la chiarezza sul mandato, i tempi necessari, la disponibilità dei dati conoscitivi di base, le risorse necessarie per realizzare le diverse fasi della progettazione.Il terzo assunto è che ogni partner deve possedere o procurarsi le conoscenze preliminari intorno al problema che il progetto vuole affrontare, a come il progetto si evidenzia sul territorio, alle normative attinenti al problema.Il quarto assunto è che ogni partner deve possedere le abilità tecniche e metodologiche di lettura del problema, di individuazione e mobilitazione delle risorse, di mediazione e di negoziazione, di valutazione e di capacità di documentazione.Il quinto assunto è che ogni partner deve sapere cogliere ed orientare condizioni organizzativo-gestionali efficaci soprattutto in ordine alla conoscenza, alla competenza, ai ruoli, ai mandati, ai supporti necessari.La PS ha identificato nel Comitato di progetto la logica conseguenza degli assunti sopra enunciati.Il Comitato di progetto è presieduto dal Coordinatore del progetto. Ogni partner nominerà un responsabile di funzione. Il comitato di progetto è investito dei più ampi poteri nella gestione ordinaria. In particolare : valuta ed elabora, da un punto di vista tecnico ed organizzativo, i correttivi necessari alla realizzazione del piano di progetto;stabilisce, in caso di verificato inadempimento agli impegni assunti di uno dei partner, i necessari correttivi al recupero degli eventuali ritardi. anche ricorrendo all`Autorità Pubblica competente per la specifica iniziativa EQUAL, nell`eventualità di pregiudizi gravi arrecati ai risultati del progetto o che danneggino gli altri partner.Durante le riunioni che si terranno a scadenza mensile, i rappresentanti dei partner esporranno i bisogni ed i diversi punti di vista, e congiuntamente si procederà alla verifica di tutte le dinamiche in atto relative alle azioni progettuali in itinere.

dot Top



Logo EQUAL

Home page
DP Search
TCA Search
Help
Set Language Order
Statistics