IMPORTANT LEGAL NOTICE
 

 Patto per qualificare e diversificare l`impresa sociale ascii version

Italy

 
DP Managing organisation : Soc. Cons. Patto Territoriale Sangro Aventino a r.l.
Other national partners : Amministrazione Provinciale di Chieti
Associazione Generale Cooperative Italiane
Associazione tra Enti Locali per l`attuazione del Patto Terr. Sangro Aventino
Azienda U.S.L. Lanciano-Vasto
Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura
Confederazione Cooperative Italiane Unione Provinciale di Chieti
Consorzio Mario Negri Sud
Dierreform s.r.l.
Ente Nazionale di Formazione e Addestramento Professionale
Eurobic Abruzzo e Molise - Centro Europeo d`impresa e innovazione - s.c.r.l.
Istituto Addestramento Lavoratori - CISL - Abruzzo Formazione
Lega delle Cooperative e Mutue dell`Abruzzo
EQUAL theme :Entrepreneurship - Social economy 
Type of DP :Geographical - Other - CHIETI 
DP Legal status :Association without legal form 
DP identification :IT-IT-G-ABR-059 
Application phase :Project ended 
Selection date :29-05-2002 
Last update :03-05-2002 
Monitoring: 2003   

Rationale

Text available in

The area of interest is characterised by a rather multifaceted system of social enterprises. They can be divided into two categories:
- Nucleus
21 social cooperatives and associations of volunteers regularly operating and registered on the regional albs. They add up to a total of 1280 people.- Satellite systemIt includes other micro-associations and cooperatives and also individuals that operate within the social services sector though not regularly and with a low impact and quality of their performances.
Main problems:
· structural weak-points
small dimension of the enterprises; high percentage of employees compared to the overall income; low perception among the operators of the need for an entrepreneurial and management culture; low potentiality for acquiring better qualifications and improving professional skills, especially among non-specialised operators.
· `product` weak-points
low added value of the services delivered and low customer satisfaction; absence of the development of processes for quality improvement.
· the `Enterprise context` weak-points
the average level of specialisation among the operators is low and their turn-over is very frequent. The organisational models are obsolete and with a low level of efficacy. New information technologies are often not considered or very slowly acquired by the operators.
The above mentioned weak-points can be overcome in the area of the Sangro- Aventino Territorial Pact only after removing two key elements:
o low quality demand. Social services are mainly committed by public admnistrations which generally pay little attention in their calls for competition in outlining the quality criteria for selection. Consequently, the quality of the offer is flattened at the lowest level.
o insufficient differentiation of the services offered. As a matter of fact, the prevalent activities are related to assistance to the elderly and to disable customers. The enterprises presently operating in the area are not interested in differentiating and reinforcing their interventions. New management criteria and best practice methodologies are rarely adopted. The overall condition of the local social services market can be shortly described as characterised by a general low level of competitiveness.

dot Top


Objective

Text available in

The EQUAL iniziative is the occasion to experiment a `pact for the welfare` into the Sagro Aventino area. The project aims at improving the local social economy system strengthening both the social enterprises and the local cooperatives operating in the system. It is essential the contribution of all the local actors involved in the social system to build a real `pact for the welfare`; the Sangro-Aventino`s local partners are used to the bottom up approach methodology and this can be seen an added value to achieve the Equal goal.Starting from the analysis of the local discrimination problems made by the local operators, the strategic objective of the Equal initiative is to consolidate the employment market of the social system improving general work conditions of operators and developing the general contest and integration into economic system of the social enterprises. The general goal will be qualify and diversify the local social services delivered.The project aims at improving the social enterprises skills and performance also in the rural areas, opening new opportunities in the local social market and developing new competencies for human resources involved. Then a specific support for creating new products/services satisfying enterprises` and families` real needs will be activated.
The strategic objective will be reached through general objectives linked to the two main project`s themes:
Raising the quality of the social services delivered
1) Introducing quality criteria into the procedures adopted by the public administrations for selecting the offers and therefore attributing the financial resources.
2) Improving skills of human resources involved and adopting management criteria for the social enterprises of the partnership (almost the total amount of the local social enterprises are involved in the project)
3) Activating a local social enterprises network aims at creating a communication system to exchange information and good practices with other social systems also at European level, and at raising the local actors` awareness in order to better understand the added value represented by the local no-profit system
.Diversifying the social system
Characterizing new basins of consumers linked to the real needs expressed by families, territory and social enterprises. To achieve this goal it will be necessary to create new social services and new activities and to experiment them through a pilot projects for adopting them after they effectiveness is tested.
A common objective both of the `raising the services quality` and `diversifying the social system` is transferring of good practices and new competencies acquired; it is more deeply described into mainstreaming action.

dot Top


Innovation


Nature of the experimental activities to be implemented Rating
Guidance, counselling **
Training ***
Training on work place **
Integrated measures (pathway to integration) **
Training of teachers, trainers and staff *
Conception for training programs, certification ***
Work organisation, improvement of access to work places ***
Guidance and social services ****
Awareness raising, information, publicity ****
Studies and analysis of discrimination features ****

Type of innovation Rating
Process-oriented ***
Goal-oriented ***
Context oriented ****

Text available in

Main elements of the process-oriented innovation· introduction of new systems for the management of social services based on users` needs satisfaction, and their direct involvement in the key actions proposed.
· monitoring of social services presently delivered and where needed, of their efficacy reassessment
· creation of a local network including organisations and/or individuals according to their functions and role played
· development of an information system and related dissemination activities for identifying and designing new job apportunities and for better integrating local actors in the framework of national and european social policies.

dot Top


Budget Action 2

1 000 000 – 1 500 000 €

dot Top


Beneficiaries


Assistance to persons 
Unemployed  2.0%  6.0% 
Employed  10.0%  60.0% 
Others (without status, social beneficiaries...)  3.0%  19.0% 
  100.0% 
 
Migrants, ethnic minorities, …  0.0%  0.0% 
Asylum seekers  0.0%  0.0% 
Population not migrant and not asylum seeker  15.0%  85.0% 
  100.0%
 
Physical Impairment  2.0%  6.0% 
Mental Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Illness  0.0%  0.0% 
Population not suffering from a disability  13.0%  79.0% 
  100.0% 
 
Substance abusers 0.0%  0.0% 
Homeless  0.0%  0.0% 
(Ex-)prisoners  0.0%  0.0% 
Other discriminated (religion, sexual orientation)  0.0%  0.0% 
Without such specific discriminations  15.0%  85.0% 
  100.0% 
 
< 25 year  4.0%  21.0% 
25 - 50 year  11.0%  64.0% 
> 50 year  0.0%  0.0% 
   100.0% 

Assistance to structures and systems and accompanying measures Rating
Asylum *
Gender discrimination ***
Support to entrepreneurship *
Discrimination and inequality in employment ****
Disabilities *
Other discriminations ***
Low qualification ****
Racial discrimination *
Unemployment *

dot Top


Empowerment

 

 With beneficiaries

Participation
Developing collective responsibility and capacity for action
Participation in the project design
Participation in running and evaluating activities
Changing attitudes and behavior of key actors

Text available in

The DPs will provide an active participation of the promoting partners (local and national) and mainly of the beneficiaries of the project.
The latter are considered as potential operators of the social enterprises and they are frequently of young age, female, unemployed and, on the average, with a medium-low level of education.
Additionally, the project is directed to the managers and to the financial administrators of the social enterprises. In order to evaluate the existing problems and to foresee emerging needs, the social enterprises will opportunely stimulate to carry out a continuous process of self-evaluation with the following aims:
a) to set up an `in-house` assessment of the quality of the social services delivered;
b) to establish new best practice shared procedures to ameliorating the quality of work and of product.
Furthermore, social partners and beneficiaries of the intervention will be exposed to a constant exchange of the information through a network of workshops, awareness actions on the territory, permanent round-table, and working parties. During the self-evaluation process as well as the operational steps for technical updating, specific relevance will be given to the setting up of various focus groups.
Their aim will be connected to the different categories of subjects involved and therefore it will be intended to better evidentiate their respective motivations and attitudes in the working environment.
The active participation of the beneficiaries will be obtained through the users` involvement as well during the intervention. This specific goal will be achieved through a general `commitment` to participate in the brain-storming debate and in the building up steps of the whole model of interventions. A representative of each target category of user and beneficiary will be included in the different work groups. They will act as privileged testimonials providing a double channel to convey messages:
a) by forwarding and exposing needs and requests of their own category;
b) as mediators towards other similar categories to which they will report about their best practice experience and the innovative methodologies adopted within the project.
Finally, the actions for development carried out in the local social-economic system, will set up a further specific intervention to create an e-learning network based n the information technology and directly devoted to the individuals operating in the social enterprise.

 

 Between national partners

Text available in

The DP guarantees to all the key partners the same opportunities, active and wide participation in the decision making process.
The DP main task will be to ensure the integration and the complementarities of all actors in observance of their specific roles and curricula.
In order to accomplish the proposed objectives, the programme is relying on an organisational structure formed by:
· assembly of the partner for the decisional level;
· `pilot group` which provides the necessary consistency of the project in its technical and operative phases,
· `thematic working groups` set up according to specific competencies
It has been already established a structured partnership based on an active cooperation among the players. It operates for planning and attributing roles and responsibilities to the various partners by putting a special emphasis on joint determination activities for goal sharing.

dot Top


Transnationality

 

 Linguistic skills

  • ελληνικά (elliniká)
  • français
  • italiano

 Percentage of the budget for transnational activities

  • 9.2%

 Transnational Co-operation Partnerships

Transnational Co-operation Agreement DPs involved
575 SEED Social European Enterprises Development FR NAT-2001-10675
GR 200923-200860
IT IT-G-LOM-039

dot Top


Background

 

 Involvment in previous EU programmes

  • Two and more partners involved in A&E

dot Top


National Partners


Partner To be contacted for
Soc. Cons. Patto Territoriale Sangro Aventino a r.l. Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Amministrazione Provinciale di Chieti
Associazione Generale Cooperative Italiane
Associazione tra Enti Locali per l`attuazione del Patto Terr. Sangro Aventino
Azienda U.S.L. Lanciano-Vasto
Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura
Confederazione Cooperative Italiane Unione Provinciale di Chieti
Consorzio Mario Negri Sud
Dierreform s.r.l.
Ente Nazionale di Formazione e Addestramento Professionale
Eurobic Abruzzo e Molise - Centro Europeo d`impresa e innovazione - s.c.r.l.
Istituto Addestramento Lavoratori - CISL - Abruzzo Formazione
Lega delle Cooperative e Mutue dell`Abruzzo

dot Top


Agreement Summary

Text available in

Development Partnership: management and tasks
The Development Partnership is based on cooperation agreement subscribed by all interested bodies and it was regestered at the Registrar`s Office. The DP has management authonomy respect to the components partners.The assembly is constituted by all partners and it is the decisional body of the partnership. The Steering committee, appointed by the bodies, has coordination and management tasks and it supports the assembly activities.

Responsabilities
The partners commit themselves to carry out the work programme following their tasks and responsabilities as written in the field 5.13.The responsible Management Authority has the following tasks: transnational contacts, contancts with local authorities, budget management, evaluation and mainstreaming. Mainstreaming, monitoring and evaluation will carry out with the support of the other partners, if necessary.The responsible Management Authority guarantees the carrying out of all the organizational, technical, administrative tasks for the success of the project. All partners accepted the publication of the results (products, tools, methodologies, etc.) achieved.

Relationships management with referent Administrations
Parterns agree that the Managing Authority is the only responsible authority for relationships with referent Administrations.Partners committed themselves to provide financial and monitoring data, to guarantee the presense of their staff envolved in the project and to collaborate during check visits for qualitative monitoring.

Finantial management
The partners agree that the only financied organization for the action 2 is the Managing Authority. The Managing Authority makes a request to the responsible Administration for payment of contribution following all the roles requests. The responsible Management Authority will use the informative system of Ministry of Labour and Social Affairs to certify the project`s expenditure.

Last update: 03-05-2002 dot Top


Soc. Cons. Patto Territoriale Sangro Aventino a r.l.

(nessun acronimo)
Via Nazionale
66030 Santa Maria Imbaro
www.sangroaventino.it

Tel:0872/570215 - 570417
Fax:0872/570226
Email:patto@sangroaventino.it

 
Responsibility in the DP: Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Type of organisation:Other
Legal status:Public organisation
Size:Staff < 10
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Territorial Employment Pact of Sangro-Aventino is a public/private organisation working as a local development agency based on cultural active contribution of the local human capital and material resources.The public members of the Pact are: Province of L`Aquila and Chieti, the Association of Local Bodies, the Chamber of Commerce etc.; the private members are: representatives of entrepreneurs, social partners (trade unions), banks, research centres, cultural and environmental associations. The Pact is a permanent agency for local development working to improve the local context through:
Ø An active partnership which involves private operators, as banks, representatives of entrepreneurs, trade unions, environmental and cultural associations and public operators, as well as public administrations (regional, provincial, etc.), municipalities, mountain communities, chamber of commerce.
Ø The development strategies are based on: integration, intersectorial approach, efficiency, improvement and valorisation of territorial and cultural diversityActions:
· Organization of thematic groups
· Communication · Collecting projects through public procedures
- Promotion of services to supporting enterprises, protecting the environment, exploiting the possibility of new job opportunities- Activation of new services to foster initial vocational training programmes for young and/or unemployed people to enter the labour market- Monitoring of all the actions
- Supporting the creation of a local IT network (within public administrations and schools)



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Trivilino Raffaele 0872/570213 rtrivilino@tin.it To coordinate as technical coordinator of the managing authority

Last update: 03-05-2002 dot Top


Amministrazione Provinciale di Chieti

(nessun acronimo)
Corso Marrucino, 97
66100 Chieti
www.provincia-chieti.org

Tel:0871/330020 - 322428
Fax:0871/330804
Email:rodrisp@acsnet.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:>250
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Province of Chieti is the local Public Administration body. Its activities concern on promotion and coordination in different sectors: economic, commerce, tourism, social, cultural and sport.
The Province of Chieti promoted and implemented 3 `territorial pacts` on its territory. It adopted the bottom up and integrated approach for improving the general socio-economic system of the area.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
La Rovere Giuseppe 0871/4091 rodrisp@acsnet.it Representative of the promotor to the inside of the DP

Last update: 03-05-2002 dot Top


Associazione Generale Cooperative Italiane

(AGCI)
Corso Umberto I, 94
65100 Pescara
/

Tel:085/27960
Fax:085/295366
Email:/

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Employers' organisation
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The main activities of AGCI are related to the promotion and suppliance assistance to cooperatives: technical assistance, projects, innovation, training. It aims also to co-ordinate a better integration



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Silverio Nino 085/27960 / President / representative of the promotor to the inside of the DP

Last update: 03-05-2002 dot Top


Associazione tra Enti Locali per l`attuazione del Patto Terr. Sangro Aventino

(nessun acronimo)
Via Nazionale
66030 Santa Maria Imbaro
www.sangroaventino.it

Tel:0872/570223
Fax:0872/570226
Email:patto@sangroaventino.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Public organisation
Size:Staff < 10
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

It is an association among the Municipalities and the Mountain communities located in the Pact area.
Its aims are:
· Activation of an interface-office for simplifying and unifying all bureaucratic and administrative procedures for new and already existing business initiatives (60 days for authorization)
· Maintaining a communication and monitoring network (Internet, Intranet) among all the involved actors
· Designing training programmes for the diffusion of the information technology among public operators



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Cellucci Giuseppe 0872/570223 patto@sangroaventino.it Legale representative of the promotor to the inside of the DP

Last update: 03-05-2002 dot Top


Azienda U.S.L. Lanciano-Vasto

(nessun acronimo)
Via Silvio Spaventa, 37
66034 Lanciano
/

Tel:0872/706701
Fax:0872/46189
Email:asl03controllogestione@virgilio.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:>250
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The USL 3 of Lanciano and Vasto it comprises Common following:
Altino - Archi - Atessa - Bomba - Borrello - Carpineto Sinello - Carunchio - Casalanguida - Casalbordino - Casoli - Castelfrentano - Castelguidone - Castiglione M.M - Calenza sul Trigno - Civitalluparella - Civitella M. R.- Colledimacine - Colledimezzo - Cupello - Doglione - Fallo - Fara San Martino - Fossacesia - Fraine - Fresagrandinaria - Frisa - Furci - Gamberale - Gessopalena - Gissi - Guilmi - Lama dei Peligni - Lanciano - Lentella - Lettopalena - Liscia - Montazzoli - Montebello sul Sangro - Monteferrante - Montelapiano - Montenerodomo - Monteodorisio - Mozzagrogna - Paglieta - Palena - Palmoli - Palombaro - Pennadomo - Perano - Pietraferrazzana - Pizzoferrato - Pullutri - Quadri - Rocca S. Giovanni - Roccascalegna - Roccaspinalveti - Roi del Sangro - Rosello - S. Eusario del Sangro - S. Giovanni Lipiani - S. Maria Imbaro - S. Vito Chietino - San Buono - San Salvo - Scerni - Schiavi d` Abruzzo - Taranta Peligna - Torino di Sangro - Tornareccio - Torrebruna - Torricella Peligna - Treglio - Tufillo - Vasto - Villa S. Maria - Villa Alfonsina.
The activities and the organization of the Local health units are disciplined from the Decree Legge 502/92. The regions, through the local health units, assure the essential levels of attendance. In function of the performance of institutional fine them, the local health units deliver up in companies with public legal personality and entrepreneurial autonomy; their organization and the operation are disciplined with business action of private right, in the respect of purpose and the criteria previewed from regional dispositions. Local health units can assume the activity management or associate-charitable services on delegate of the single local agencies with burdens to total loaded with the same ones. Local health units only proceeds to the distributions after effective acquisition of the necessary availabilities financial institutions.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Spadaccini Maria Tiziana 0872/706761 asl03controllogestione@virgilio.it Representative of the promotor to the inside of the DP

Last update: 03-05-2002 dot Top


Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

(CCIAA di Chieti)
Piazza G. B. Vico, 3
66100 Chieti
www.ch.camcom.it

Tel:0871/354307 - 357345
Fax:0871/331218
Email:euro@ch.camcom.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Chamber of commerce/industry/crafts
Legal status:Public organisation
Size:Staff 50-250
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Chamber of Commerce of Chieti has the role to promote and support general interests of firms within its own Province`s territory.
The Chamber also provides assistance in administrative matter to enterprises.
The Chamber`s activities are concerning:
monitoring studies on local labour market and local training system
promoting the creation of new enterprises
promoting new services supporting enterprises` activities (infrastructures and financial)
enterprises auditing for accessing new markets



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Di Ricco Elisabetta 0871/354345 euro@ch.camcom.it Collaborator / representative of the promotor to the inside of the DP

Last update: 03-05-2002 dot Top


Confederazione Cooperative Italiane Unione Provinciale di Chieti

(Confcooperative CH)
Viale Europa, 7
66100 Chieti
/

Tel:0871/63995 - 66823
Fax:0871/402743
Email:confchieti@hotmail.com

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Trade Union
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Confcooperative main activities are in the fields of promotion and supplying assistance to cooperatives: technical assistance, projects, innovation, training. It aims also to co-ordinate a better integration between cooperatives and other public and private bodies.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Giancristofaro Giovina 0872/898477 giovinag@hotmail.com Collaborator / representative of the promotor to the inside of the DP

Last update: 03-05-2002 dot Top


Consorzio Mario Negri Sud

(CMNS)
Via Nazionale
66030 Santa Maria Imbaro
www.cmns.mnegri.it

Tel:0872/5701
Fax:0872/570416
Email:mnsud@negrisud.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:University / Research organisation
Legal status:Private
Size:Staff 50-250
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

It is a no-profit organization for scientific research. Its main fields of activity are: clinic pharmacology, environmental tossicology, nutrition, training for technicians and researchers, dissemination of scientific information. Mario Negri Sud Institute is devoted to innovative basic research, thanks to the application of modern techniques, broad professional training and up-to-date programs, and to the pursuit of well-established exchange programs with prestigious national and international biomedical research institutions.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Tognoni Giovanni 0872/5701 tognoni@marionegri.it Director / representative of the promotor to the inside of the DP

Last update: 03-05-2002 dot Top


Dierreform s.r.l.

(nessun acronimo)
Via del Mare, 172/A
66034 Lanciano
www.dierreform.it

Tel:0872/42571
Fax:0872/727287
Email:servizi@dierreform.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

It is a training agency operating for public administrations, associations, small and medium enterprises and other training agencies.
It makes sectorial and territorial socio-economic analysis, designing, organization, coordination and evaluation of training formats in Community projects (Adapt, Leonardo 2000) as well as national projects.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
De Rogatis Luigi 0872/42571 servizi@dierreform.it Collaborator / representative of the promotor to the inside of the DP

Last update: 03-05-2002 dot Top


Ente Nazionale di Formazione e Addestramento Professionale

(ENFAP ABRUZZO)
Via Venezia, 28
65100 Pescara
www.enfap.com

Tel:085/4714095
Fax:085/72741
Email:enfap.abruzzo@enfap.com

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff 50-250
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

ENFAP Abruzzo is a regional training agency. With its 13 centres around the Abruzzo region, all ISO 9001 certified, ENFAP develops market/research analysis, training methodologies and experimentation, planning and promotion of new professional figures. It participated to following European initiatives: ADAPT-1, NOW, INTEGRA, FARE.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Di Fabio Daniele 085/4714095 anfap.abruzzo@anfap.com General executive manage/ representative of the promotor to the inside of the DP

Last update: 03-05-2002 dot Top


Eurobic Abruzzo e Molise - Centro Europeo d`impresa e innovazione - s.c.r.l.

(Eurobic s.c.r.l.)
Via Po, 83
66020 San Giovanni Teatino
www.eurobic.it

Tel:085/4465040
Fax:085/4461162
Email:info@eurobic.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Semi-public organisation
Size:Staff 10-50
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Eurobic Abruzzo is a European business innovation centre promoted by the European Commission (DGVI); it aims to promote new business and to supply technical assistance to companies already existing.
It has the following activities: consultant, co-ordination, training, awareness, information for public and private operators.
(ADAPT I, ADAPT II, JOINT VANTURE PROGRAMME FACILITY 2, RPE REGIO PARTENARIAT EUROPE, LEONARDO, V FRAMEWORK PROGRAMME)



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Natalia Sergio 085/4465040 s.natalia@eurobic.it Collaborator / representative of the promotor to the inside of the DP

Last update: 03-05-2002 dot Top


Istituto Addestramento Lavoratori - CISL - Abruzzo Formazione

(IAL CISL ABRUZZO)
Via Aterno, 256
65100 Pescara
www.ial.abruzzo.it

Tel:085/432161
Fax:085/43216211
Email:ialabruz@tin.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

IAL-CISL is a no-profit organization providing social, professional and cultural training for workers. Its activities are mainly intended to facilitate the access to the labour market for young and disadvantaged people through educational and vocational training tools.
It participated to following European initiatives: ADAPT. VOLET, HORIZON)



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Gizzi Francesco 085/43216220 ial.gizzi@tin.it General executive manage/ representative of the promotor to the inside of the DP

Last update: 03-05-2002 dot Top


Lega delle Cooperative e Mutue dell`Abruzzo

(Legacoop Abruzzo)
Viale Teofilo Patini, 4
65100 Pescara
www.legacoop.it

Tel:085/61092 - 64844
Fax:085/65005
Email:legacoop.abruzzo@iglobber.com

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Employers' organisation
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The main activities of Legacoop are carried out in the field of promoting and supplying technical assistance to cooperatives.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Todisco Lucia 085/61092 todisco@bitsas.com Collaborator / representative of the promotor to the inside of the DP

Last update: 03-05-2002 dot Top



 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 
Warning! This section is not meant to be read directly, but rather be navigated through from the main page above.
 
 
 
 

Patto per qualificare e diversificare l`impresa sociale

Rationale

Text available in

L`area di riferimento si caratterizza per la presenza di un sistema articolato di imprese dell`economia sociale che può essere rappresentato come un insieme composto da due `strati:1) il `nucleo` delle cooperative sociali e delle associazioni di volontariato operanti nei servizi socio-assistenziali ed iscritte nell`apposito albo regionale costituito da 21 organismi (di cui 16 sono cooperative sociali di tipo a), all`interno dei quali operano circa 1.280 addetti;2) il `sistema orbitante`, di più difficile quantificazione, costituito da altre associazioni del volontariato, da micro cooperative/società di servizi che, con modalità variabili, operano anche nel settore sociale e da lavoratori autonomi che spesso operano in modo `sommerso`.Tali imprese sono tutte, tranne poche eccezioni, di ridotta o minuscola dimensione; dai dati raccolti dal Registro Imprese della CCIAA di Chieti si evince come il dato comune è rappresentato da una classe dimensionale molto bassa, con una prevalenza di numero di dipendenti dichiarata pari a 2/3 unità. Tali caratteristiche sono specifiche del territorio, data la proliferazione elevata degli ultimi anni dovuta anche a fenomeni di frazionamento e incremento della domanda. Si tratta di un sistema che coinvolge un segmento di lavoratori importante sia in termini numerici che per specificità: gli addetti all`impresa sociale sono prevalentemente giovani,soprattutto donne, in condizioni di lavoro di basso inquadramento o atipico con livello di istruzione medio-basso; sono presenti anche casi di occupati con buon livello di istruzione in posizione `di parcheggio`.Nella quasi totalità dei casi la condizione lavorativa di tali soggetti presenta le seguenti caratteristiche:
1. rapporti di lavoro non stabili e a tempo parziale; bassa remunerazione;
2. rapporti di lavoro non regolarizzati;
3. basse garanzie contrattuali;
4. difficoltà di essere inseriti in un percorso di crescita professionale;
5. scarso riconoscimento sociale del ruolo. In questa situazione i soggetti sono portati ad assumere un atteggiamento generale di sfiducia nelle proprie capacità e prospettive con tendenza alla ricerca costante di opportunità migliori e conseguente alto turn over.
Tutti questi fattori rappresentano condizioni discriminanti che pongono tali soggetti `ai margini` del mercato locale del lavoro con notevole instabilità. Tali condizioni derivano dalla situazione specifica che caratterizza le imprese del settore e comportano, attraverso gli effetti negativi suddetti, ulteriori conseguenze sul livello qualitativo dell`offerta di servizi e sulla stessa struttura delle imprese in una sorta di `circolo vizioso` che porta ad accentuare le debolezze principali del sistema. Esse sono riconducibili a tre macro-categorie, come è stato evidenziato dagli operatori del settore e descritto in 2 ricerche effettuate rispettivamente dalla CCIAA e dall`Eurobic e altri nell`ambito del progetto ADAPT realizzato recentemente in Abruzzo:
- debolezze `strutturali`:
1. limitate dimensioni;
2. alto numero di addetti rispetto ai volumi di fatturato;
3. sottocapitalizzazione e bassi margini operativi;
4. scarto numerico rilevante tra le cooperative di servizi (tipo A) e cooperative di inserimento lavorativo (di tipo B) (che evidenzia una poco diffusa cultura imprenditoriale);
5. presenza di un forte mercato sommerso, specie nell`assistenza alla persona,che priva le aziende `regolari` di ulteriori sbocchi per il proprio personale meno specializzato.
- debolezze `di prodotto`:
1. quasi esclusiva committenza pubblica non adeguatamente orientata a criteri di selezione basati sulla qualità;
2. basso valore aggiunto dei servizi offerti;
3. scarsa propensione alla customer satisfaction;
4. rigidità nell`innovazione e/o nella proposta di prodotti innovativi;
5. sostanziale mancanza di processi di qualità nei servizi.
- debolezze `di contesto aziendale`:
1. livello medio di specializzazione molto basso;
2. scarsa abitudine a lavorare in rete;
3. elevato turn over;
4. scarsa efficacia dei modelli organizzativi;
5. prevalenza di modelli manageriali di tipo paternalistico;
6. generale ritardo tecnologico con particolare riferimento all`uso delle nuove tecnologie informatiche.
A giudizio degli addetti al settore, il superamento di tali debolezze nell`area del Sangro-Aventino non potrà essere ottenuto se non saranno rimossi due elementi chiave che frenano lo sviluppo del sistema:
A) lo scarso orientamento alla qualità da parte della domanda (intesa come committenza): i criteri seguiti dagli enti pubblici (che costituiscono il bacino di committenza principale per l`impresa sociale) nell`aggiudicazione delle gare di appalto e nella valutazione delle forniture non sollecitano le imprese ad offrire servizi di qualità con un conseguente effetto di appiattimento verso il basso del livello qualitativo dell`offerta;
B) la scarsa diversificazione dei servizi offerti: come emerge dall`esame dei dati, la tipologia di attività più frequente riguarda l`erogazione di servizi socio-assistenziali con particolare riferimento all`assistenza agli anziani ed ai disabili, con un numero esiguo di imprese sociali che hanno per oggetto altre attività di servizio. Entrambi questi fattori concorrono nel mantenere il sistema delle imprese sociali in condizioni di marginalità ed a frenarne l`evoluzione verso l`adozione di criteri e prassi di management più evolute ed imprenditoriali, versando quindi in una condizione generale di scarsa competitività.In tale situazione il sistema rischia di non riuscire ad adattarsi adeguatamente all`evoluzione dello scenario di riferimento ed in particolare a due tendenze principali:
1) l`introduzione, repentina e scoordinata tra le diverse amministrazioni locali, di nuovi standard qualitativi da parte della committenza pubblica di servizi socio-assistenziali, dovuta all`evoluzione della normativa in materia, determinerà un forte aumento del costo unitario del servizio (con conseguente probabilità di forte contrazione della domanda in termini di numero di prestazioni) e l`adozione di sistemi di selezione orientati ad imprese capaci di offrire qualità e professionalità nei livelli di soddisfazione dell`utenza;
2) la crescita di una domanda di servizi sempre più diversificata ed alimentata dall`utenza privata (di tipo aziendale o familiare) e quindi rivolta ad offerte professionali e competitive.L`accentuamento di questi fenomeni nei prossimi anni causerà la progressiva espulsione dal mercato delle imprese `marginali`, con ricadute negative sul tessuto sociale tenuto conto che l`impresa sociale occupa spesso soggetti `deboli` che avrebbero difficoltà ad essere inseriti in contesti imprenditoriali profit.
Per reagire alle criticità esposte e fronteggiare le minacce prefigurate è necessario in primo luogo mettere il sistema delle imprese sociali in condizione di cogliere le opportunità offerte dal territorio attraverso adeguati interventi sul contesto che possono essere così sintetizzati:
1) l`esperienza e la capacità dimostrate dalle amministrazioni locali nella concertazione per lo sviluppo possono essere utilizzate proficuamente, tramite attività di animazione e di sperimentazione comuni, per orientare la gestione dei servizi socio-assistenziali verso un processo di evoluzione orientato al miglioramento qualitativo, graduale, omogeneo e concertato al livello territoriale.
2) il costante rafforzamento dell`economia dell`area ha comportato lo sviluppo delle realtà produttive locali (che oltre all`incremento numerico registrano una crescente propensione all`uso dei servizi esterni) ed un progressivo aumento del reddito accompagnato da una maggiore possibilità di spesa delle famiglie con effetti di crescita e diversificazione della domanda di servizi; attraverso idonee azioni di ricerca e sviluppo è possibile identificare quantificare e testare la consistenza di questi nuovi bacini di consumo individuando percorsi mirati di diversificazione e qualificazione dell`offerta delle imprese sociali; a tale riguardo merita di essere citata l`indagine excelsior, studio svolto dalla camera di commercio nel biennio 1999-2000 sul mercato del lavoro, che ha rilevato un incremento di occupazione pari al +6,6% nel settore dei servizi alla persona e + 6,9 nelle attività legate al turismo.Tali opportunità, inoltre, potranno essere colte più efficacemente sostenendo la crescita di competitività, l`adeguamento e la diversificazione dell`offerta di servizi delle imprese sociali con azioni specifiche di supporto basate sulla valorizzazione dei loro principali punti di forza: la forte diffusione e la buona conoscenza del contesto locale; la presenza di aggregazioni di secondo livello e di relazioni tra imprese su cui è possibile far leva per attivare dinamiche di rete; la flessibilità ed adattabilità delle imprese; la propensione all`autofinanziamento; la buona predisposizione alla formazione; la presenza diffusa di giovani e donne; la presenza all`interno delle imprese più grandi di alcune competenze rilevanti.

dot Top


Objective

Text available in

Attraverso l`iniziativa comunitaria EQUAL è possibile sperimentare sul territorio del sangro aventino un `patto per il sociale`: esso è finalizzato a irrobustire l`economia sociale dell`area attraverso il consolidamento dell`impresa sociale e la valorizzazione del mondo dell`associazionismo. Il coinvolgimento di tutti i soggetti locali, essenziale per la realizzazione di un `patto per il sociale`, è facilitato nell`area del Sangro-Aventino, in quanto in tale area la pratica della concertazione è una prassi diffusa che guida ed informa l`azione di tutti gli `attori locali.
L`obiettivo strategico di questa iniziativa, strettamente connesso all`analisi del problema di discriminazione e scaturito dai vari incontri avuti con gli operatori del settore, è consolidare la situazione occupazionale degli addetti del sistema locale dell``economia sociale` attraverso il miglioramento delle condizioni di lavoro e del livello professionale nonché tramite il rafforzamento e lo sviluppo del `sistema delle imprese sociali` del comprensorio basati su una maggiore integrazione con il contesto sociale ed economico. Tale obiettivo potrà essere conseguito principalmente attraverso la qualificazione e la diversificazione dell`offerta di servizi innescando un processo virtuoso di consolidamento.
Infatti, il miglioramento sostanziale della qualità dei servizi socio-assistenziali erogati nel territorio, anche nelle aree a connotazione rurale, comporterà necessariamente un aumento della professionalità delle imprese erogatrici; quest`ultimo, da un lato aprirà opportunità concrete di crescita professionale alle risorse umane coinvolte, dall`altro avrà l`effetto di migliorare la competitività potenziale delle imprese stesse anche in nuovi spazi del mercato locale dei servizi. Tali opportunità di diversificazione potranno essere colte in modo più efficace attraverso un sostegno specifico alla messa a punto ed al lancio di nuovi prodotti/servizi orientati prevalentemente alla soddisfazione delle esigenze delle imprese, ma anche delle famiglie ed alla fruizione del territorio. Questa diversificazione a sua volta permetterà di creare nuove opportunità di lavoro ad alta qualificazione che, combinate con le attività tradizionali di tipo socio-assistenziale, consentiranno una migliore gestione delle risorse umane sia in termini di livelli di impiego che di remunerazione e soddisfazione personale.
In particolare l`obiettivo strategico potrà essere colto attraverso il conseguimento dei seguenti obiettivi generali collegati ai due temi principali.
In tema di qualificazione dell`offerta di servizi socio-assistenziali:
1) Introduzione di criteri di qualità nell`aggiudicazione delle commesse, studio di nuove formule organizzative orientate alla soddisfazione dell`utenza e attivazione di sistemi di misurazione che utilizzino criteri inerenti la soddisfazione del cliente/utente ed il coinvolgimento di questi ultimi nella definizione e gestione del servizio. In sostanza l`obiettivo è quello di sostenere ed accompagnare le amministrazioni locali nel processo di rinnovamento dei servizi socio-assistenziali al fine di creare un sistema trasparente, efficace, ed omogeneo su tutto il territorio attraverso l`introduzione di prassi evolute (nell`assegnazione, nella gestione della qualità) e la messa a punto di strumenti innovativi (con particolare riferimento alla valutazione).
2) Miglioramento qualitativo dell`offerta di servizi, con particolare riferimento alla qualificazione del personale ed allo sviluppo della struttura organizzativa e manageriale delle imprese socio-assistenziali, che rappresentano la quasi totalità di quelle esistenti nell`area Sangro Aventino. Questo obiettivo si propone di fornire alle risorse umane operanti nell`ambito del sistema delle imprese sociali strumenti integrati e mirati di crescita professionale per sostenerle nel processo di adeguamento qualitativo dell`offerta e renderle più competitive.
3) Attivazione di una rete locale del sistema dell`impresa sociale in collegamento con reti extraregionali e miglioramento del contesto di riferimento dell`impresa sociale favorendo la presa di coscienza da parte degli `attori locali` del valore sociale che esprime il sistema delle imprese no-profit. In questo caso si vuole, da un lato portare a compimento il processo di creazione di una rete locale dell`economia sociale finalizzata alla condivisione delle competenze, delle esperienze e delle risorse, dall`altro stimolare l`integrazione del sistema delle imprese sociali con le altre realtà territoriali anche dando evidenza del ruolo da esso svolto grazie all`adozione di metodi di bilancio sociale ed alla divulgazione dei relativi risultati.
In tema di diversificazione:
4) individuazione dei nuovi bacini di consumo attuali e potenziali legati alla domanda di servizio da parte delle imprese, delle famiglie e del territorio e messa a punto e sperimentazione di nuove tipologie di offerta di servizi. In sostanza è necessario lanciare una fase di sperimentazione di nuove attività di servizio rivolte alla domanda privata per costruire un patrimonio di esperienze concrete di diversificazione ricavandone indicazioni operative da rendere disponibili per quelle imprese sociali che vogliono intraprendere questo tipo di percorsi.
Un obiettivo comune sia al tema della qualificazione che a quello della diversificazione è la condivisione delle esperienze e il trasferimento delle competenze; tale obiettivo verrà meglio descritto nella parte relativa alle azioni di mainstreaming del progetto.

dot Top


Innovation

Text available in

Il progetto, nelle diverse fasi, presenta rilevanti elementi di innovazione. In particolare, al livello di processo, sono da segnalare:
1) una serie di interventi mirati specificamente alla messa a punto ed all`introduzione di sistemi evoluti di gestione dei servizi socio-assistenziali e di selezione delle imprese sociali fornitrici, improntati decisamente su elementi di efficacia nella soddisfazione e nel coinvolgimento diretto dell`utenza;
2) la concezione e la sperimentazione di un sistema territoriale di monitoraggio qualitativo dei servizi sociali erogati;
3) l`introduzione, nell`ambito delle imprese sociali operanti, di sistemi innovativi di management con particolare riguardo all`utilizzazione delle NTI ed alla gestione della funzione qualità;
4) la creazione di una rete territoriale fra le imprese sociali e gli altri attori pubblici e privati coinvolti in modo diverso nel settore. Al livello di obiettivi, le caratteristiche innovative sono rilevabili su 3 aree di intervento: 1) l`iniezione di elementi qualificanti di cultura d`impresa nel profilo professionale degli operatori del sociale; 2) la riqualificazione dei profili professionali dei soggetti operanti all`interno delle imprese sociali integrata al processo di riorganizzazione e di qualificazione dell`offerta delle imprese stesse 3) l`individuazione di nuovi bacini di consumo nel settore dei servizi, l`identificazione degli spazi occupazionali collegati e la costruzione di processi di aggiornamento tecnico `su misura` delle specifiche opportunità.Al livello di contesto l`elemento innovativo più rilevante riguarda l`integrazione fra i diversi soggetti del sistema locale delle politiche sociali (le cooperative e le associazioni, le amministrazioni responsabili dei servizi e gli utenti) e gli organismi che promuovono lo sviluppo economico, la domanda e l`offerta di lavoro (le organizzazioni sindacali e datoriali, l`amministrazione provinciale e quelle comunali che attraverso i servizi per l`impiego ed il patto territoriale, stanno promovendo la creazione di una rete locale di supporto all`orientamento ed all`occupazione). In sostanza, tale integrazione tra le reti locali `del sociale` e `dello sviluppo` è stata avviata con la costituzione della PS. Il suo obiettivo principale è cogliere sia al livello di coordinamento che, soprattutto, al livello periferico (ad esempio nei singoli comuni o sportelli di segretariato sociale) le opportunità di collegamento informativo ed operativo avviando così in modo concreto un processo di integrazione fra politiche del lavoro e politiche sociali, ma anche includendo definitivamente la componente sociale nelle dinamiche di sviluppo locale avviate soprattutto, ma non solo, con le iniziative del patto territoriale. Non possono essere infine trascurati gli interventi mirati direttamente al target di riferimento e orientati specificatamente ad un migliore apprendimento e ad un`utilizzazione più efficace delle nuove tecnologie dell`informazione.

dot Top


Agreement Summary

Text available in

Responsabilità di indirizzo e di gestione della partnership
La PS si fonda su un accordo di cooperazione sottoscritto dagli organismi interessati e registrato presso l`Ufficio del Registro. La PS è dotata di autonomia gestionale rispetto agli enti partners che la compongono. Tutti i sottoscrittori dell`accordo costituiscono l`assemblea della PS che rappresenta di fatto l`organo decisionale della PS. Un Comitato di Pilotaggio, istituito dalle parti, svolge compiti di direzione tecnico-operativa in ordine all`esecuzione delle attività progettuali e di supporto all`assemblea. Il governo democratico della PS è garantito anche dalla partecipazione a pieno titolo di ciascun partner all`Assemblea della PS ed al Comitato di Pilotaggio, organismi la cui convocazione ed ordine del giorno possono essere determinati da ogni partecipante alla PS ed i cui meccanismi decisionali prevedono pari rappresentatività per ciascuna delle organizzazioni presenti.
Suddivisione delle responsabilità
I partner, ciascuno secondo le rispettive competenze e qualifiche, si impegnano a dare piena e puntuale esecuzione del Programma di Lavoro, secondo i compiti e le responsabilità specifiche esplicitate al punto 5.13 del presente formulario.In particolare i compiti di contatti transnazionali, gestione dei rapporti con le Amministrazioni referenti, gestione e controllo delle risorse finanziarie, autovalutazione e mainstreaming, sono assunti dal soggetto referente che si avvale, in particolare per il mainstreaming il monitoraggio e la valutazione, anche di attività specifiche svolte dai partner nell`attuazione delle azioni di propria competenza.A tale riguardo si precisa che il soggetto referente: è dotato di un`organizzazione in grado di gestire fondi pubblici (con esperienze pregresse in materia) assicurando l`espletamento delle funzioni organizzative, tecniche, amministrative e contabili atte a garantire il corretto svolgimento del compiti affidati, come precisato al punto 3.1.10; è dotato di capacità di operare in un contesto di cooperazione transnazionale, networking e diffusione dei risultati come si evince, oltre che dalle specifiche risorse a tale scopo destinate, anche dal profilo professionale delle risorse umane componenti lo staff tecnico del progetto (esperienze precedenti in attività di cooperazione, networking e diffusione); ha predisposto un dispositivo di animazione composto da strumenti e meccanismi specifici (gruppi di lavoro, dispositivi interattivi telematici, attività di sensibilizzazione ed informazione ecc.) per assicurare la collaborazione dei partner, la condivisione e la partecipazione degli attori locali per tutta la durata della partnership.Tutti i partner hanno accettato che i risultati delle proprie attività (prodotti, strumenti, metodologie, ecc.) siano diffusi, pubblicizzati e resi di dominio pubblico ed il progetto prevede la messa a punto di specifici strumenti per facilitare la diffusione
Organizzazione delle modalità di gestione dei rapporti con le Amministrazioni referenti
I partner si danno reciprocamente atto che l`unico interlocutore e responsabile della gestione dei rapporti con le Amministrazioni referenti è il soggetto referente. Ciascun partner si impegna a: fornire i dati di monitoraggio finanziario, fisico e procedurale; garantire l`invio dei dati rilevanti ai fini del monitoraggio qualitativo; garantire la presenza dello staff direttamente coinvolto nel progetto, nel corso di eventuali visite effettuate al fine del monitoraggio qualitativo; consentire ai funzionari delle istituzioni all`uopo delegate, di procedere alle ispezioni fornendo ogni utile collaborazione; acquisire tutte le disposizioni di interesse generale di emanazione ministeriale. Il soggetto referente dovrà gestire le eventuali richieste di variazione progettuale e/o di storni di spese, la proposizione di quesiti, la predisposizione e l`invio di rapporti intermedi e finali, la predisposizione e l`invio del rendiconto per il totale del progetto, le eventuali visite ispettive, la proposizione di controdeduzioni e ricorsi e quant`altro direttamente riferibile a specifiche richieste delle Amministrazioni referenti.
Modalità di gestione dei contributi finanziari
I partner hanno concordato che l`unico percettore del contributo concesso alla PS per l`Azione 2 è, nei confronti dell`Amministrazione concedente, il soggetto referente. Il soggetto referente si obbliga pertanto a richiedere all`Amministrazione concedente il pagamento dei contributi secondo le modalità ed i termini previsti dall`autorità di gestione e pagamento. I successivi trasferimenti dal soggetto referente ai singoli partners avverranno in corrispondenza delle relative erogazioni da parte dell`Amministrazione concedenteIl soggetto referente adotterà un sistema contabile distinto (specifico per la PS), riferito al complesso delle attività progettuali ovvero una codificazione contabile appropriata di tutti gli atti contemplati nel progetto. Per la certificazione delle spese della PS nel suo complesso, il soggetto referente utilizzerà l`applicativo informativo che sarà fornito dal MLPS.
Le parti si danno reciprocamente atto che le somme specificamente assegnate a ciascun partner rimangono condizionate nel loro ammontare all`approvazione finale della rendicontazione da parte dell`Ente finanziatore e pertanto potranno subire variazioni in diminuzione come conseguenza di eventuali mancati riconoscimenti di voci di spesa da parte dello stesso. Eventuali oneri incrementali a quelli già inseriti nel preventivo finanziario del progetto approvato, derivanti anche da obblighi o da indicazioni previsti in tema di aiuti di stato destinati alla formazione, secondo il Regolamento (CE) n. 68/2001 della Commissione del 12 gennaio 2001, sono ad esclusivo carico di quei partners della PS nei cui compiti e responsabilità rientrano le attività contemplate dal suddetto regolamento. Tali oneri incrementali saranno spesi e rendicontati secondo le vigenti normative.

dot Top


Empowerment

 With beneficiaries

Text available in

La partnership di sviluppo garantirà una partecipazione attiva non solo ai partner, ma soprattutto agli stessi beneficiari del progetto e cioè a tutti gli addetti all`impresa sociale, i quali sono, prevalentemente giovani, soprattutto donne, inoccupati, con livello di istruzione medio-basso; il progetto si rivolgerà anche ai manager e agli addetti alla gestione delle imprese sociali ed agli incaricati dei servizi nell`ambito degli EE.LL.
Infatti, a partire dalle esigenze delle stesse imprese sociali, esigenze che verranno rilevate attraverso un processo di autovalutazione condotto in prima persona dalle cooperative e dalle società che si occupano di servizi socio-assistenziali relativamente alla qualità dei servizi che loro stesse erogano, verranno progettati percorsi integrati per il miglioramento qualitativo al livello di sistema territoriale. Inoltre, il partenariato e i beneficiari dell`intervento, lavoreranno in rete attraverso work shop, azioni di sensibilizzazione del territorio, tavoli permanenti e gruppi di lavoro, condividendo decisioni e sviluppi attraverso evoluti strumenti di NTI. A tale riguardo, sia durante il processo di autodiagnosi delle imprese che nell`attuazione delle attività di aggiornamento tecnico uno spazio specifico sarà dedicato alla costituzione di focus group motivazionali tra diverse tipologie di soggetti attivi nell`ambito del sistema locale dell`economia sociale.La partecipazione attiva dei beneficiari avverrà attraverso il pieno coinvolgimento dei destinatari degli interventi sia mediante strumenti generali di partecipazione diretta alla costruzione dei modelli di intervento ed allo sviluppo del dibattito progettuale, sia attraverso forme di rappresentanza delle istanze dei soggetti appartenenti ai target group in tutti i gruppi di lavoro formati all`interno della PS. In tal modo, sarà possibile avere dei testimoni privilegiati dei vari target di riferimento che fungono da `veicolo di informazione` su un doppio canale: da una parte come portatori delle esigenze, in prima persona, espresse dal mondo della cooperazione sociale e, dall`altro, in veste di mediatori, nei confronti di altre realtà similari, delle nuove prassi adottate.Infine, nell`ambito delle azioni di sviluppo della rete locale dell`economia sociale, uno specifico intervento riguarderà la costituzione di una rete informativa e di supporto, realizzata sul web con tecnologie di net communication ed orientata non alle imprese sociali, ma direttamente alle persone in esse operanti.

dot Top


Empowerment

 Between national partners

Text available in

La PS garantirà a tutti gli attori chiave del progetto una partecipazione attiva nell`adozione delle decisioni e nella loro attuazione. La caratteristica fondamentale della PS dovrà essere la rappresentatività, a 360 gradi, di tutte le sue componenti, che avranno un ruolo attivo e pieno accesso ai processi decisionali: accanto all`integrazione e complementarietà di ciascun soggetto in relazione alle proprie specifiche istituzionali, vi è una chiara definizione di ruoli, definiti partendo dai bisogni specifici del territorio di riferimento ed al problema di discriminazione individuato. Le organizzazioni abbracciano il complesso dell`iter progettuale, prestando la loro opera con pesi ed impegni diversificati ma comunque confluenti alla buona riuscita del progetto e nell`efficace coinvolgimento dei destinatari finali. In altre parole sia la fase di pre-progettazione (definizione dell`idea progettuale e sua fattibilità), sia la fase di progettazione (articolazione empirica, redazione del progetto esecutivo e programma dei lavori), sia le fasi di avvio, implementazione, gestione e valutazione complessiva del progetto sono state e saranno espressione di un lavoro collettivo e di forme specifiche di partenariato attivo tra organizzazioni diverse. Le modalità utilizzate sono:
- l`assemblea dei partner per il livello decisionale;
- la costituzione di gruppi di lavoro tematici, per seguire l`implementazione di gruppi di azioni, il team di animazione, con funzioni di raccordo, ed il comitato di pilotaggio del progetto, per la direzione tecnico-operativa del progetto ed il monitoraggio, la valutazione e la verifica dei risultati, per il presidio degli obiettivi del progetto;
- i gruppi tematici lavoreranno inoltre su aspetti critici di particolare rilevanza, per la socializzazione delle crisi di percorso e l`individuazione di specifiche soluzioni.
La forma di PS che ne emerge è una forma forte e strutturata, con attori (partners e singoli individui) che creano forme di direzione mista dell`iniziativa, sia sotto l`aspetto della dimensione politico-strategica, sia sotto quello della dimensione tecnico-operativa: la comunicazione è alta e lo scambio ravvicinato, non solo negli ambiti ufficiali ma anche in quelli informali.
La trama comunicativa è rappresentabile a maglie strette e le crisi di percorso sono socializzate, al fine di coinvolgere le strutture direzionali alla loro soluzione. Questo tipo di approccio (sostanzialmente in forma di rete locale) consentirà anche una efficace e tempestiva informazione dei potenziali partners in tutte le fasi consentendo così la sensibilizzazione ed il coinvolgimento di tutte le realtà locali interessate, incluse quelle di più piccole dimensioni e dotate di minore rappresentanza.Per garantire un scambio di informazioni diretto tra i partners e favorire un processo decisionale rapido ed efficace sarà previsto l`utilizzo di strumenti di comunicazione avanzati (internet, ecc.).

dot Top



Logo EQUAL

Home page
DP Search
TCA Search
Help
Set Language Order
Statistics