IMPORTANT LEGAL NOTICE
 

 RETE PROTEZIONE CIVILE ABRUZZO ascii version

Italy

 
DP Managing organisation : Galgano International
Other national partners : Associazione Nazionale Comuni Italiani
COMUNITA` MONTANA CAMPO IMPERATORE - PIANA DI NAVELLI
NUOVA ACROPOLI A.I.B.
PROVINCIA DI TERAMO
EQUAL theme :Entrepreneurship - Social economy 
Type of DP :Geographical - Other - LA SPEZIA, TERAMO, PESCARA, CHIETI 
DP Legal status :Association without legal form 
DP identification :IT-IT-G-ABR-024 
Application phase :Project ended 
Selection date :29-05-2002 
Last update :03-05-2002 
Monitoring: 2003  2004   

Rationale

Text available in

Respect to the Action 1 proposal, the main discrimination elements have not been changed and are mainly:
- the percentage between employed and volonteers is not high enough to guarantee an efficient service;
- the lack of organizational development preventing from new employment;
- the lack of professional services;
- the lack of capabilities to find private funds by social enterprises;
- the lack of diffused information;
- the complexity of the civil protection system;
- the high costs of emergency tools;
- the lack of training initiatives and advanced qualified skills.

dot Top


Objective

Text available in

Respect to the Action 1 proposal, there are not deep changements.

The main objectives of the project are:
- to provide the social enterprises with specific services, in order to give them some marketing and promotional ttols;
- to promote the civil protection social enterprises;
- to define a new professional communication figure;
- to better communicate the risk management questions and aspects;
- to create an Observatory and a territorial network to identify who does what;
- to promote the enterprises creation in the civil protection field;
- to improve relationships with other social actors;
The integrated strategy foresees:
- a research and analysis activity;
- the definition of training needs;
- training and consulting activities;
- an experimentation of ad hoc training courses and services;
- an integration in a network of all local actors.

dot Top


Innovation


Nature of the experimental activities to be implemented Rating
Guidance, counselling **
Training ****
Training on work place ***
Work placement **
Employment aids (+ for self-employment) ****
Employment creation and support **
Training of teachers, trainers and staff **
Conception for training programs, certification ****
Anticipation of technical changes **
Work organisation, improvement of access to work places **
Guidance and social services ****
Awareness raising, information, publicity ****
Studies and analysis of discrimination features **

Type of innovation Rating
Process-oriented *
Goal-oriented ****
Context oriented ****

Text available in

The main innovative elements are:
- the creation of a new professional figure called `risk communicator`;
- the passage from a ex-post approach to an ex-ante approach, aimed at prevention;
- the collaboration between different economic sectors and social enterprises and actors;
- the creation of a social enterprises network.

dot Top


Budget Action 2

1 000 000 – 1 500 000 €

dot Top


Beneficiaries


Assistance to persons 
Unemployed  0.0%  0.0% 
Employed  0.0%  0.0% 
Others (without status, social beneficiaries...)  60.0%  40.0% 
  100.0% 
 
Migrants, ethnic minorities, …  0.0%  0.0% 
Asylum seekers  0.0%  0.0% 
Population not migrant and not asylum seeker  50.0%  50.0% 
  100.0%
 
Physical Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Illness  0.0%  0.0% 
Population not suffering from a disability  50.0%  50.0% 
  100.0% 
 
Substance abusers 0.0%  0.0% 
Homeless  0.0%  0.0% 
(Ex-)prisoners  0.0%  0.0% 
Other discriminated (religion, sexual orientation)  0.0%  0.0% 
Without such specific discriminations  60.0%  40.0% 
  100.0% 
 
< 25 year  20.0%  20.0% 
25 - 50 year  20.0%  20.0% 
> 50 year  20.0%  0.0% 
   100.0% 

Assistance to structures and systems and accompanying measures Rating
Asylum *
Support to entrepreneurship ****
Discrimination and inequality in employment ***
Disabilities *
Other discriminations ****
Low qualification ****
Racial discrimination *
Unemployment ***

dot Top


Empowerment

 

 With beneficiaries

Participation
Promoting individual empowerment
Developing collective responsibility and capacity for action
Participation in the project design
Participation in running and evaluating activities
Changing attitudes and behavior of key actors

Text available in

The involvement of participants will be guaranteed by:
- The knowledge of personal needs and capabilities;
- The definition of clear context of reference;
- The identification of a permanent monitoring system based on self-evaluation, acquisition of new competences.

 

 Between national partners

Text available in

The partners will be involved at different elevels by the following initiatives and methodologies:
- the creation of a network, through the constitution of a Pilot Committee;
- the participation to the Pilot Committee and definition of evaluating parameters;
- the possibility to insert participants in the whole system, through dissemination activities;
- the organization of promotional initiatives;
- the support for identifying the final participants;
All partners communicate through Internet, email fax, meetings.

dot Top


Transnationality

 

 Linguistic skills

  • English
  • français
  • italiano

 Percentage of the budget for transnational activities

  • 8.3%

 Transnational Co-operation Partnerships

Transnational Co-operation Agreement DPs involved
1091 A.T.I.P. Accord Icare-Protezione Civile FR IDF-2001-10663

dot Top


Background

 

 Involvment in previous EU programmes

  • One partner involved in A&E

dot Top


National Partners


Partner To be contacted for
Galgano International Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Associazione Nazionale Comuni Italiani
COMUNITA` MONTANA CAMPO IMPERATORE - PIANA DI NAVELLI
NUOVA ACROPOLI A.I.B.
PROVINCIA DI TERAMO

dot Top


Agreement Summary

Text available in

Summary of the adopted organisational instruments, with reference to the following aspects:
a) Partnership`s management and direction responsibilities;The partnership`s management and direction responsibility, as specified and undersigned by the partners of the Co-operation Agreement, is province of Galgano International. It is the leader and reference organisation for the official funding body (Abruzzo region), auditors (Ministry of Labour) and quality, technical and scientific monitoring experts (Isfol).
b) Sharing responsibilities in order to implement the approved working programme (transnational meetings, management of relations with reference administrative bodies, monitoring and management of financial resources, self-evaluation, mainstream actions, specific tasks referred to the action implementation, etc.);

Tasks and responsibilities are shared as follows:
- Galgano International: Global co-ordination of the project, transnational activities, financial and administrative management, management of relations with the administrative bodies, point of reference for managing and monitoring financial resources, assessment of the project, specific technical supports, teaching and expertise on cross aspects.
- Nuova Acropoli: Local co-ordination, teaching and expertise as far as civil protection is concerned, diffusion of results, support to the selection of beneficiaries and data collection.
- Anci: support to the selection of beneficiaries and data collection, diffusion of results.
- Mountain Community Campo Imperatore - Navelli Plain: support to the selection of beneficiaries and data collection, diffusion of results, mainstream actions,
- Province of Teramo: support to the selection of beneficiaries and data collection, diffusion of results, mainstream actions.

c) Management of relations between reference administrative bodies;Galgano International has established an organisational structure to perform an efficient and effective management of Equal projects. It can be represented as follows:

The strategic area supervises any phase of the project.

The contractual area `formalises` all the relations that, during the management, are established with the official funding body (Abruzzo region), auditors (Ministry of Labour and regional institutions), quality monitoring experts (Isfol) and third parties (experts/advisers, suppliers, freelances, tutors, etc.).

The administrative area controls and monitors all the documents (invoices, receipts, etc.) produced during the management activity.

The technical area is represented by Galgano`s experts, advisers and freelances. The organisational area co-ordinates all the necessary actions to implement the project rightly.

d) Management of funds
- The financial and administrative management is assured by the experience of GALGANO INTERNATIONAL NPO that manages public financed projects. Galgano International is going to adopt an integrated financial statement with quarterly presentations to the Abruzzo region.
- As far as the relations with the reference administrative bodies are concerned, refer to the ESF Reg. N. 1784199.
- Furthermore, rules of the Reg. N. 1685100, concerning the expenses co-financed by the structural funds, will be followed.
- In order to dimension some cost items, refer to the Ministry of Labour circular n. 101197 of 1717197.
- The PDD will guarantee the use of a separate accounting system or an appropriate accounting coding of all the activities foreseen by the action (Reg. (CE) N. 1260199, art. 34,1, e).o The PDD will provide the certification of expenses by using the information technology application given by the Ministry of Labour and Social Policies and Abruzzo region.

Last update: 03-05-2002 dot Top


Galgano International

(GI)
VIA BENEDETTO CROCE, 6
00142 ROMA
www.galganogroup.it

Tel:06/54236401
Fax:06/5943567
Email:silvia.capurso@galganogroup.it

 
Responsibility in the DP: Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff 50-250
NUTS code:ROMA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The consortium`s aim is focused on vocational training and integrated development. It intends to foster, in every field, research, training, consultancy and professional promotion, in order to realize the right to work and its free choice and to promote social, economic and organizational growth of workers`, firms` and institutions` personality. In addition to this, it encourages employment, production and evolution of labour`s organization in agreement with the scientific and technological development. Its task is to increase the growth, competitiveness and efficiency of firms, Civil Services and citizens through: the creation and the development of projects aimed at promoting employment, professionalism and social development, the creation and the transfer of competences and knowledge, the encouragement of research and development activities, the supply of assistance and coaching to strengthen innovative and efficient approaches, the creation of transnational and international networks. It represents a range of competences in which every partner contributes with specific and highly qualified experiences. This project is based on the capacity to integrate partner`s competences and to offer high qualitative and quantitative results. The resource-sharing enables the organization to provide highly innovative research services, training and consultancy. A long experience and the high number of projects, firms and public bodies it has followed, has made possible to set up models and approaches cut out for every actor`s reality and which aims at pursuing high-quality services and the customer/citizen satisfaction as well as efficiency and cost-optimization. Its approach is based on a careful analysis of the nature of interventions, in order to identify personalized solutions in terms of culture, men and organizations. Its know-how is well-established and regularly updated rough constant attention to innovation and a close net of import-export movements with associations and firms in Europe, USA and Japan. Its systematic International experience enables to operate with a value-added capacity in a multinational context.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Coppola Salvatore 06/8550128 coppola@csdci.it Member of Pilot Committe, project Director

Last update: 03-05-2002 dot Top


Associazione Nazionale Comuni Italiani

(ANCI)
Via dei Prefetti, 46
00186 Roma
www.anci.it

Tel:06.68009237
Fax:06.68009222
Email:ragonesi@anci.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:ROMA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The main activities of the National Association of Municipalities are:
- representing the interests of the associated members towards the central administrations;
- promoting the study and the analysis of specific members` problems;
- assisting and supporting members for all matters;
- being present in the trade union ARAN;
- promoting initiatives to diffuse the local administrations activities;
- coordinating international initiatives.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Ragonesi Antonio 06.68009245 ragonesi@anci.it Member of Pilot Committee

Last update: 03-05-2002 dot Top


COMUNITA` MONTANA CAMPO IMPERATORE - PIANA DI NAVELLI

(Piana Navelli)
Via Cavour 43/A, Barisciano
67021 Barisciano
------------

Tel:0862.89735
Fax:0862.89594
Email:iotdil@tin.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:Staff 10-50
NUTS code:L'AQUILA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Mountain Community of Campo Imperatore - Piana di Navelli is made of 17 municipalities and its main objective is to manage associated public services.
In the sector of civil protection, the Community is in charge of the preparation of emergency plans, also in association with other authorities.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Basile Mario 0862.89735 iotdil@tin.it Member of Pilot Committee

Last update: 03-05-2002 dot Top


NUOVA ACROPOLI A.I.B.

(Nuova Acropoli)
P.zza Regina Margherita, 7
67100 L`Aquila
www.nuovaacropoli.it

Tel:0862/61051
Fax:0862/68860
Email:pabafil@tin.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Social economy enterprise
Legal status:Private
Size:Staff 50-250
NUTS code:L'AQUILA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

NUOVA ACROPOLI is a no profit Cultural Association. In the 50 countries where it is present, it works in favour of a no frontier culture, for men and women of all races and beliefs. It operates in all sectors of human life, culture and history, with a particular focus on human dignity analysis.
Nuova Acropoli is recognised as an international association by the Regio decreto dated 12 february 1990, n. 3/12-941/S, following the law of the 25/10/19 of Belgium. It is a member of the International Board of Associations and it is a member registered at the National Board of Volounteers organisations of the Civil Protection Department.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Spagnoli Sandro 0862/410462 ------------------ Member of Pilot Committee, local coordinator

Last update: 03-05-2002 dot Top


PROVINCIA DI TERAMO

(Teramo)
VIA G. MILLI, 2
64100 TERAMO
http://www.provincia.teramo.it

Tel:0861 331369
Fax:0861 331206
Email:ufficio.stampa@provincia.teramo.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:>250
NUTS code:TERAMO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Province of Teramo, besides all the other functions of local government, has important responsibilities in the sector of civil protection. It participates to the organization and the realization of some activities relevant to the national service of civil protection, by guaranteeing the realization of the collection, the analysis and the evaluation of data, the preparation of prevention programmes, the preparation of province emergency plans.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
DI DONATO LEANDRO 0861 331369 turismo@provincia.teramo.ir Member of Pilot Committee

Last update: 03-05-2002 dot Top



 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 
Warning! This section is not meant to be read directly, but rather be navigated through from the main page above.
 
 
 
 

RETE PROTEZIONE CIVILE ABRUZZO

Rationale

Text available in

Rispetto all`Azione 1, gli elementi problematici che il progetto intende affrontare non sono cambiati, pertanto si intendono affrontare tutti gli elementi di discriminazione individuati ed analizzati nel formulario di candidatura. Nell`economia sociale operante nel settore della protezione civile sussistono diversi elementi problematici: il rapporto tra occupati e volontari è insufficiente a garantire la consistenza del nucleo professionale centrale; il mancato sviluppo organizzativo e strategico delle imprese sociali e degli occupati pregiudica la crescita economica del settore e quella occupazionale sia sotto il profilo della garanzia che della qualità del posto di lavoro e, infine, dal punto di vista professionale
Gli operatori del settore, infatti, lavorano spesso in condizioni disagiate, senza supporti organizzativi qualificati e senza la necessaria tutela economica (dovuta al mancato riconoscimento delle competenze specifiche).
Il problema di discriminazione individuato scaturisce quindi dall`assenza dei servizi professionali necessari allo sviluppo organizzativo, professionale, imprenditoriale e finanziario delle imprese sociali. Questa precarietà professionale ed occupazionale si riverbera all`interno delle organizzazioni colpendo le fasce più deboli come i giovani e le donne, che più difficilmente riescono ad inserirsi nelle quote previste (quando esistono) di personale dipendente.
Il sostegno pubblico all`associazionismo nel settore, infatti, pur crescente, non è ancora adeguato all`importanza delle funzioni ricoperte, ma questo da solo non basta a spiegare la debolezza del sistema, che è indotta dalla scarsa evoluzione strutturale e professionale degli operatori (che ricade in parte sulle attività ed in parte sul found raising).
L`economia sociale del settore protezione civile è, negli ultimi anni, divenuto fenomeno nazionale, che si è andato sempre più organizzando sotto la spinta delle grandi emergenze, in occasione delle quali affluivano, da ogni parte del territorio, migliaia di volontari. Ma quello che mancava, all`epoca, non era la solidarietà della gente, bensì un sistema pubblico organizzato che sapesse impiegarla e valorizzarla, rafforzando stabilmente il nucleo di occupati qualificati ed i loro posti di lavoro. Le spinte dal basso non erano sufficienti a garantire la sopravvivenza e la professionalità delle medesime associazioni, le quali dovevano essere organizzate e professionalizzate (standardizzando le organizzazioni sulla base delle attività degli enti considerati eccellenti, che già emergevano tra gli altri) dal punto di vista professionale, manageriale ed operativo. Questa consapevolezza convinse la Pubblica Amministrazione a guardare con interesse e attenzione sempre crescenti al fenomeno e ad operare per la crescita di un volontariato sempre più organizzato, preparato, professionalmente qualificato, con il quale fosse possibile realizzare un proficuo collegamento, cercando di superare una sorta di diffidenza culturale nutrita, fino a quel momento, e che in parte permane, nei suoi confronti. Se da un lato, dunque, il volontariato chiedeva di avere un adeguato punto di riferimento nello Stato, questi, a sua volta, doveva individuare gli strumenti giuridici ed identificare procedure che facessero uscire dall`incertezza, dall`arbitrarietà e della episodicità le relazioni con lo stesso. Una risposta importante fu data dalla legge quadro 11 agosto 1991, n.266, con la quale, per la prima volta, lo Stato riconosceva il valore sociale e la funzione dell`attività di volontariato. L`art.13 di questa legge stabiliva tuttavia che, per le attività di protezione civile, fosse prevista una normativa ad hoc.
La crescita evidente del settore, sia in termini assoluti che relativamente agli altri settori può essere messa in relazione ad una svolta nelle politiche pubbliche della protezione civile.
Quando nel 1992 fu istituito, con la legge 225/92, il Servizio Nazionale della Protezione Civile, anche alle organizzazioni di volontariato di P.C. è stato espressamente riconosciuto il ruolo di `Struttura operativa nazionale`, parte integrante del sistema pubblico, alla stregua delle forze istituzionali, quali Vigili del Fuoco, Forze Armate, Forze di Polizia, Corpo Forestale, ecc...
L`obiettivo è di creare sul territorio di ciascun comune un servizio di pronta risposta alle esigenze della protezione civile (sussidiarietà verticale), utilizzando le forze della cittadinanza attiva ed organizzata, sicuramente presente in ogni comune d`Italia (sussidiarietà orizzontale), nell`ipotesi di una piena integrazione con le forze istituzionali presenti sul territorio. Per fare ciò, non ci si può basare solo sulla volontà dei singoli associati ma sulla capacità del nucleo di lavoratori stabili delle associazioni a dare risposte in termini di found raising, gestione delle risorse e dell`organizzazione.
Al momento, nell`elenco nazionale del Dipartimento della Protezione Civile, sono iscritte oltre tremila organizzazioni ( tra le quali i c.d. `gruppi comunali`), per un totale di oltre un milione e trecentomila volontari disponibili. Di essi, circa sessantamila sono pronti ad intervenire nell`arco di quindici minuti-un`ora sui propri territori, mentre circa trecentomila sono pronti ad intervenire nell`arco di 3-12 ore.
All`interno delle organizzazioni di volontariato esistono tutte le professionalità della società moderna, insieme a tutti i mestieri; entrambi costituiscono risorse numeriche e qualitative fondamentali soprattutto nelle grandi emergenze (dai medici agli ingegneri, dagli infermieri agli elettricisti, dai cuochi ai falegnami).
Le professionalità appartenenti agli operatori purtroppo non godono della necessaria tutela professionale e sono discriminate rispetto ad altre realtà di altri paesi e di altri settori dell`associazionismo.
Per quanto riguarda, poi, l`opera del volontariato, sebbene essa sia assolutamente gratuita, il legislatore ha provveduto a tutelare i volontari lavoratori, i quali, in caso di impiego nelle attività di protezione civile, non perdono la giornata lavorativa, che viene rimborsata dallo Stato al datore di lavoro, pubblico e privato.(DPR 613/94 oggi sostituito con il DPR 194/2001)
Il ruolo insostituibile assunto oggi dal volontariato di protezione civile (considerato il custode naturale di ciascun territorio e ciascuna comunità ai quali appartiene) è stato meritevole di interesse e sostegno economico da parte degli organi statali (anche se i finanziamenti non sempre sono stati proporzionati alle funzioni di interesse pubblico svolte), ma non è sufficiente. Il problema di discriminazione principale, infatti, risiede nei livelli organizzativi, nella professionalizzazione dei singoli operatori, nell`efficienza e nell`efficacia degli interventi e, infine, nelle capacità di reperire fondi `privati` che possano far camminare le associazioni con le loro gambe e che le rendano capaci di interagire col mondo pubblico in maniera sinergica e non assolutamente subordinata. Riorganizzato il settore, è più facile relazionarsi e stimolare gli organi pubblici e `chiedere` mezzi, materiali, attrezzature e formazione specifica.
Le risorse messe a disposizione dal governo centrale (Dipartimento della Protezione Civile) sono in realtà abbastanza esigue rispetto all`effettiva necessità. Con il Decreto n°19675 del 18 dicembre 2000 si è stabilito `Impegno di spesa per la concessione di contributi in favore di organizzazioni di volontariato.` Il dato interessante dell`applicazione della legge è che la maggior parte delle associazioni non è riuscita ad accedere ai fondi assegnati e questo rende evidente come il volontariato di Protezione Civile non possiede un giusto grado d`informazione sulle possibilità di accesso alle risorse e/o una scarsa capacità di gestione manageriale. Persino nella richiesta e nell`ottenimento dei fondi pubblici l`associazionismo del settore è arretrato.
Da questa breve analisi emergono le cause della discriminazione delle organizzazioni operanti nel settore:
- Scarsa coscienza civile e corretta informazione dei cittadini, sulla protezione civile che non crea ancora una sufficiente `domanda` di sicurezza alla comunità politica, in particolare modo in quella `locale`;
- Complessità del `sistema` della protezione civile, che richiede un alto numero di attori che si coordinano nell`area problematica;
- Diversa natura delle organizzazioni di volontariato di protezione civile (associazioni nazionali, associazioni locali, gruppi comunali, Vigili del fuoco Volontari ecc. );
- Esigenza di acquisire e mantenere prioritariamente costosi strumenti e mezzi per gli interventi,
- Esigenza continua di formazione ed esercitazioni pratiche.
Queste cause di discriminazione rendono le organizzazioni di protezione civile particolarmente bisognose, rispetto ad altre organizzazioni che agiscono in altri settori, di sostegni da parte della P.A. ma anche di un alta capacità gestionale interna e manageriale, che sappia individuare le opportunità di approvvigionamento di risorse comunque disponibili.
Il contributo del volontariato di protezione civile è quindi essenziale, perché è solo attraverso la partecipazione attiva della popolazione che si può diffondere una cultura adeguata e raggiungere l`obiettivo dell`autoprotezione e, di conseguenza, quello dell`autonomia di ciascuna comunità, ma per garantire e rendere sistemico lo sviluppo della rete di volontariato operante nella protezione civile è necessario rafforzare questi enti, fare formazione sia nei campi tecnici operativi sia negli ambiti gestionali. I fattori di discriminazione evidenziati si eliminano anche grazie una rete di scambio delle esperienze e per standardizzare procedure, mezzi di reperimento dei fondi e, nel campo della formazione, i contenuti tecnici che possono fornire un`adeguata professionalità a chi opera nelle condizioni di emergenza nei diversi campi (assistenza, prevenzione)

dot Top


Objective

Text available in

Rispetto al formulario dell`Azione 1, gli obiettivi generali dell`intervento non sono cambiati nella sostanza, anche se il ridimensionamento del budget ha previsto un piccolo ridimensionamento quantitativo nelle attività.
Obiettivi generali del progetto:
1. Dotare le organizzazioni coinvolte, attraverso programmi di informazione e formazione professionale (degli associati e dei quadri dirigenti), di quegli strumenti in grado di migliorare dalla base l`intero settore associativo nel campo della protezione civile, proiettandolo verso management innovativi e nuove strategie di promozione e marketing, migliorando la capacità di reperimento e gestione delle risorse economiche e l`impiego operativo;

2. Sensibilizzare l`opinione pubblica sulle problematiche inerenti la protezione civile; tale sensibilizzazione passa naturalmente attraverso una corretta informazione-formazione. Di recente attraverso il Decreto Del Presidente Della Repubblica febbraio 2001, n°194 `Regolamento recante nuova disciplina della partecipazione delle organizzazioni di volontariato alle attivita` di protezione civile`. (G.U. n° 120 del 25-05-2001. Tale compito è stato inserito nelle attività da valorizzare tra quelle che possono svolgere le organizzazioni di volontariato di protezione civile, prevedendo per tali attività la concessione dei benefici di legge e contributi su presentazione di specifici progetti.

3. Definire e creare una nuova figura di esperto di comunicazione delle organizzazioni no profit nel campo della protezione civile, che sappia far leva sui moderni mezzi di comunicazione per sensibilizzare nel giusto modo l`opinione pubblica, aiutandola a comprendere le necessità della prevenzione in tutti i settori inerenti alla protezione civile (antincendio, terremoti, dissesto idrogeologico, ecc).

4. Mettere in grado le organizzazioni di volontariato di protezione civile di fornire consulenza e formazione nel campo della comunicazione, con particolare riferimento alla comunicazione del `rischio`.
L`informazione alla popolazione deve essere caratterizzata da uno stretto rapporto tra conoscenza - coscienza - autodifesa:
conoscenza intesa come adeguata informazione scientifica dell`evento mediante l`uso corretto dei mass media;
coscienza: presa atto della propria situazione di convivenza in una situazione di possibile rischio presente in un determinato territorio;
autodifesa: adozione di comportamenti corretti in situazioni estreme.

5. Creare un osservatorio per la rilevazione del `chi fa cosa` a livello territoriale, al fine anche di studiare e sperimentare una campagna di sensibilizzazione ai problemi di protezione civile (utilizzando le prime nuove figure professionali formate). I contenuti della campagna informativa verteranno su:
- Informazione al rischio della popolazione
- Conoscenza della pianificazione territoriale

6. Creare un attivo network regionale, nazionale e transnazionale per l`interscambio di esperienze e di buone prassi per la diffusione dei risultati e la promozione delle attività gestionali e di found raising, in logica olonico-virtuale; tale network sarà di tipo organizzativo e si avvarrà delle più moderne tecnologie informatiche;

7. Creare i presupposti per stimolare e sostenere nuove attività imprenditoriali (operanti nel no profit) e occupazionali valorizzando le realtà associative e la loro connessione al `sistema` di protezione civile, in rapporto con la P.A. e il mondo dell`imprenditoria; in particolare, si vogliono dotare le organizzazioni di volontariato di P.C. della preparazione adeguata per sostenere l`attività di informazione - formazione della popolazione, con particolare riguardo alle pianificazioni di protezione civile, anche in regime di convenzione, in questo modo le organizzazioni andrebbero ad occupare una nicchia di attività, che permetterebbe il miglior risultato dal punto di vista della capillarità e della diversificazione delle forme di comunicazione, difficilmente gestibili, altrimenti, dalla PA in proprio. Ed inoltre permetterebbe alle organizzazioni un accesso alle risorse meno sporadico e più `sistematico`, che potrebbe far innalzare la percentuale degli addetti retribuiti, che al momento è tra le più basse se comparata alle organizzazioni no profit degli altri settori d`intervento. Favorire, attraverso un processo formativo graduale, che riduca al minimo i requisiti per l`accesso, la partecipazione delle categorie socialmente `deboli`.

Per il conseguimento degli obiettivi prefissati sarà attuata una strategia integrata che prevede:
1. Attività di Ricerca ed Analisi
- Definire ed analizzare i fabbisogni formativi delle organizzazioni
Creazione di un osservatorio permanente sulle organizzazioni no profit operanti nel settore della protezione civile ( `chi fa cosa` territoriale);
Attività di Formazione / Assistenza Consulenziale
- Formazione ed Assistenza consulenziale specifica per gli imprenditori sociali e dirigenti per attività connesse alla comunicazione, alla promozione e al found raising;
- Formazione base e specialistica in PC
- Definizione e formazione finalizzata alla creazione di una figura di comunicatore nel campo della protezione civile; che possa poi anche svolgere la funzione di formatore/informatore;
3. Sperimentazione ed attuazione
- Sperimentazione (anche come momento di verifica) di corsi di formazione/informazione ad hoc tenuti dagli esperti formatori/informatori, precedentemente formati;
- Sviluppo e sperimentazione di nuovi servizi nel settore dello sviluppo organizzativo e gestionale delle organizzazioni, con la creazione di un network informativo;
Attività di consulenza sulla creazione e gestione di impresa nel settore della protezione civile.
4. Integrazione a rete di tutte le realtà associative operanti nel territorio, in logica olonico virtuale.
- Creazione di una rete organica/organizzativa per lo scambio di informazioni, best practices e know how.
- Costituzione di una rete informatica fra i soggetti che operano sul territorio in considerazione del loro grado d`integrazione nella rete della risposta operativa; Creazione di una rete organica/organizzativa per lo scambio di informazioni, best practices e know how.

dot Top


Innovation

Text available in

L`elemento che più caratterizza l`innovazione del progetto è la creazione di una nuova professionalità che potremo chiamare `Informatore sociale di Protezione Civile` o `Comunicatore del Rischio` . In termini assoluti la figura del comunicatore di protezione civile non è una novità, è infatti largamente utilizzata nei sistemi nord americani (USA e Canada) con ottimi risultati.
Rappresenta invece, un`innovazione in campo nazionale, dove, solo negli ultimi anni si è rivoluzionato l`approccio, passando da un approccio `ex-post` ovvero focalizzato agli interventi dopo il verificarsi di catastrofi ad un approccio `ex-ante` focalizzato alla prevenzione.

Il progetto risulta altresì innovativo, nel contesto del cosiddetto terzo settore, individuando, per una parte consistente di esso, le organizzazioni di volontariato di protezione civile, tutta una serie di servizi di primaria utilità sociale da rendere in collegamento con `il sistema` protezione civile. Nei fatti, la P.A., da tempo è consapevole del grande potenziale di capacità di comunicazione delle organizzazioni di volontariato verso i cittadini, per la presenza diffusa sul territorio, per l`adesione agli obiettivi, ecc. La mancata piena utilizzazione di questo potenziale, spesso, è dovuta ad una legittima esigenza da parte della P.A. di un comprovato standard di qualità.
Il progetto in questo senso prevede di aumentare e certificare la qualità dei servizi e dei prodotti delle organizzazioni, mirando a far emergere una sempre maggior specializzazione nell`offerta tipologica dei servizi e rapidità di risposta alle emergenze.

L`ultimo elemento di forte innovazione risiede nella messa a rete delle imprese sociali operanti nel settore sul modello di rete olonico- virtuale.

`Olonico` esprime la caratteristica di ogni soggetto della rete (considerato in biologia come una piccola cellula) di aggregarsi di volta in volta ad altri per rispondere a bisogni di ordine superiore. `Virtuale` esprime la caratteristica di un sistema di essere pronto per l`uso ma che si materializza in prodotto o servizio solamente nel momento in cui c`è un soggetto che esprime un bisogno. Le caratteristiche dei sistemi olonico- virtuali sono:

- elevata adattabilita` ai cambiamenti di scenario
- gerarchia distribuita, non definitiva, riconosciuta dai partner
- rapidita` di circolazione delle informazioni tra i soggetti della rete
- attivazione solo dei cambiamenti necessari

dot Top


Agreement Summary

Text available in

a) le responsabilità di indirizzo e di gestione della partnership;
La responsabilità di indirizzo e gestione della partnership è come specificato e sottoscritto dai componenti della PS nell`Accordo di cooperazione, di competenza della Galgano International, in qualità di Ente Capofila e Soggetto Referente nei confronti dell`Organo titolare del finanziamento (Regione Abruzzo) e degli Organi Ispettivi (Ministero del Lavoro)e di monitoraggio qualitativo e tecnico-scientifico (Isfol).

b) la suddivisione delle responsabilità per l`esecuzione materiale del programma di lavoro approvato (contatti transnazionali, gestione dei rapporti con le Amministrazioni referenti, gestione e controllo delle risorse finanziarie, autovalutazione, mainstreaming, compiti specifici riferiti all`attuazione dell`intervento, ecc.);

Come si evince dall`Accordo di Cooperazione sottoscritto dalla PS, e allegato al presente Formulario, la suddivisione dei compiti e delle responsabilità è la seguente:

- Galgano International: Coordinamento complessivo del progetto, attività transnazionali, gestione amministrativa e finanziaria, gestione dei rapporti con le amministrazioni, referente gestione e controllo delle risorse finanziarie, valutazione del progetto, supporti tecnici specifici, servizi informatici e multimediali, docenze e consulenza su tematiche trasversali.

- Nuova Acropoli: Coordinamento locale, docenze e consulenze in materia di protezione civile, diffusione dei risultati, supporto al reperimento dei destinatari e alla raccolta dei dati, sedi progettuali, partecipazione al Comitato Guida del Progetto.

- Anci: supporto al reperimento dei destinatari e alla raccolta dei dati, diffusione dei risultati, mainstreaming, partecipazione al Comitato Guida del Progetto.

- Comunità Montana Campo Imperatore - Piana di Navelli: supporto al reperimento dei destinatari e alla raccolta dei dati, diffusione dei risultati, mainstreaming, partecipazione al Comitato Guida del Progetto..

- Amministrazione provinciale di Teramo: supporto al reperimento dei destinatari e alla raccolta dei dati, diffusione dei risultati, mainstreaming, partecipazione al Comitato Guida del Progetto.

c) l`organizzazione delle modalità di gestione dei rapporti con le Amministrazioni referenti;
La struttura organizzativa della quale la Galgano International si è dotata ai fini di un`efficace ed efficiente gestione del Progetto Equal può essere così rappresentata:

L`area strategica svolge un ruolo di supervisione generale dell`andamento e realizzazione del progetto non solo dal punto di vista economico-finanziario ma anche dal punto di vista della individuazione delle potenziali opportunità e delle possibili collaborazioni future con le Amministrazioni e gli Enti coinvolti.

L`area contrattuale si occupa della `formalizzazione` di tutti i rapporti che, nel corso dell`attività di gestione, vengono ad instaurarsi con l`Organo titolare del finanziamento (Regione Abruzzo), gli Organi Ispettivi (Ministero del Lavoro ed organi regionali) e di monitoraggio qualitativo (Isfol), i soggetti terzi (esperti/consulenti, fornitori, collaboratori esterni, tutor, ecc.) La relativa produzione documentale è rappresentata da: Comunicazioni formali, Convenzioni, Lettere d`incarico, Ordini di servizio, convenzioni, ecc.

L`area amministrativa si occupa del controllo e monitoraggio di tutta la produzione documentale (fatture, ricevute, ecc.) prodotta nel corso della attività di gestione, che in sede di rendicontazione finale sarà necessaria ai fini dell`ottenimento dell`ultima e più rilevante parte del finanziamento.

L`area tecnica è rappresentata dagli Esperti e Consulenti Galgano e dai collaboratori esterni, i cui profili professionali e le cui competenze risultano corrispondere pienamente alle tematiche e agli argomenti oggetto del progetto.

L`area organizzativa si occupa del coordinamento generale di tutte le attività necessarie ai fini della corretta realizzazione del Progetto. In particolare:
- assicura la predisposizione di tutte le comunicazioni necessarie agli Enti Istituzionali(Regione , Ministero del lavoro, Isfol, ecc.) come previsto nel Disciplinare e nel Vademecum e/o come da loro richiesto;
- fornisce indicazioni gestionali, coordinando e supportando l`attività di Tutorship e di Coordinamento locale;
- mantiene rapporti costanti con i Capi Progetto per la definizione e individuazione dei documenti tecnici di supporto alle giornate informative, formative e di affiancamento consulenziale;
- mantiene rapporti costanti con i referenti locali, cercando, per quanto possibile, di comprendere e soddisfare le loro esigenze e richieste;
- garantisce l`esistenza nelle strutture utilizzate per l`intervento di tutti i supporti e le attrezzature tecniche e didattiche necessarie agli esperti/consulenti;
- si preoccupa dell`organizzazione delle trasferte degli esperti/consulenti nel rispetto delle regole previste nel Disciplinare e nel Vademecum;
- garantisce la congruità dell`intera gestione progettuale con il progetto aggiudicato e con le regole interne di gestione;
- verifica il rispetto costante delle regole amministrative e formali necessarie ai fini del buon esito della rendicontazione finale.

La relativa produzione documentale è costituita da :
- Formulario per l`azione 2
- Calendario Didattico
- Relazioni trimestrali
- Relazioni di monitoraggio e valutazione ex ante e ex post
- Comunicazioni ai destinatari
- Comunicazioni agli Enti istituzionali(Regione Abruzzo, Ministero del lavoro, Isfol, ecc.)
- Comunicazioni al coordinamento e tutorship locali
- Comunicazioni ai fornitori

d) Le modalità di gestione dei contributi finanziari
- La gestione amministrativa e finanziaria è garantita dall`esperienza maturata da GALGANO INTERNATIONAL ONP nella gestione di progetti con fondi pubblici. La Galgano International adotterà un sistema di rendicontazione integrato, contabile e extracontabile, con presentazioni trimestrali alla Regione Abruzzo. Per maggiori dettagli si rimanda al punto 3.1.10 di questo formulario.
- Per le modalità di gestione dei rapporti con le Amministrazioni referenti, si fa riferimento al Regolamento N. 1784199, relativo al Fondo Sociale Europeo. Occorre far riferimento anche alle Misure ed alle indicazioni del DOCUP.
- Saranno recepite altresì le regole definite nel regolamento N. 1685100, relativo alle spese cofinanziate dai fondi strutturali.
- Per il dimensionamento di alcune voci di spesa, occorre far riferimento, alla Circolare del 1717197, n. 101197 del Ministero del Lavoro.
- La PS assicurerà l`utilizzazione di un sistema contabile distinto o di una codificazione contabile appropriata di tutti gli atti contemplati dall`intervento`` (Regolamento (CE) N. 1260199, art. 34, punto 1, lettera e), che sarà realizzato attraverso l`istituzione di un adeguato sistema contabile, correlato alla contabilità generale, al fine di poter definire in ogni momento le disponibilità relative ad ogni singola voce di costo. Tale sistema di contabilità è integrato da un sistema extracontabile con software proprietario di rendicontazione per commessa (progetto). Il sistema utilizzato consentirà di poter dimostrare la congrua ripartizione dei costi indiretti di progetto e di funzionamento tra le diverse attività svolte.
La PS provvederà alla certificazione delle spese utilizzando l`applicativo informatico, che sarà fornito dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dalla Regione Abruzzo, e predisporrà tutti gli atti necessari per eventuali visite ispettive che potranno essere svolte per verificare l`effettività e la congruità della spesa sostenuta durante lo svolgimento dell`intervento.

dot Top


Empowerment

 With beneficiaries

Text available in

Il processo di coinvolgimento dei beneficiari parte dalla partecipazione e collaborazione nelle diverse fasi di realizzazione dell`intervento, in particolare nelle fasi di progettazione della formazione, di valutazione e monitoraggio ma soprattutto nella realizzazione di progetti pilota in collaborazione con i partners della PA e nell`organizzazione dell`osservatorio permanente e del network; in questa fase il lavoro sarà strutturato per project work e con l`ausilio del sito Internet.

Per quanto concerne la progettazione e realizzazione dei Percorsi formativi, il coinvolgimento dei beneficiari viene avviato sin dal momento dell`articolazione dei percorsi formativi, elaborandoli sulla base delle indicazioni che i beneficiari stessi potranno fornire, partendo dall`analisi congiunta di tre elementi fondamentali:
a) Conoscenza da parte dei beneficiari in profondità delle proprie potenzialità soggettive (motivazioni e attitudini) e oggettive (curricula formativi ed esperienze professionali e sul campo).
b) Definizione congiunta di un quadro di riferimento aggiornato indicato dalle esigenze richieste dai partner istituzionali detentori delle competenze specifiche in materia di previsione e prevenzione dei rischi .
c) Identificazione di un sistema di monitoraggio continuo e permanente realizzabile con specifico riferimento a sistemi di autovalutazione dello sviluppo professionale e dell`acquisizione di nuove competenze.

Attraverso gli strumenti di coinvolgimento citati, verranno messi a fuoco e raggiunti i seguenti risultati operativi, con valenza soggettiva da parte dei beneficiari:
¨ Programmazione di iniziative in collaborazione con i partner;
¨ Acquisizione di know how innovativo e specifiche attività professionali.
¨ Attivazione di un processo di inserimento ulteriore delle organizzazioni nel tessuto sociale centrato sulla realizzazione di prodotti socialmente utili.
¨ Sviluppo di capacità di autopromozione, di promozione del cambiamento, di superamento delle difficoltà di accesso alle risorse;
¨ Incremento del senso di fiducia dei cittadini nelle organizzazioni di volontariato;
¨ Attivazione e gestione di una rete di contatti continuativi all`interno del sistema della protezione civile,
¨ Definizione e realizzazione di piani di comunicazione e diffusione basati su opuscoli, brochures, nonché procedure per l`attivazione di campagne mas-mediali per le comunicazioni in caso d`emergenza, da sottoporre all`approvazione ed all`attivazione delle competenti autorità;
¨ Organizzazione di incontri informativi e seminariali tra i vari attori coinvolti nel progetto.

dot Top


Empowerment

 Between national partners

Text available in

La strategia della PS costituitasi è quella di creazione di un network tra i partner che svolga un ruolo complessivo nel Comitato Guida e del gruppo di lavoro progettuale.
L`applicazione di un modello a rete quale è quello olonico-virtuale adottato contribuisce a `risvegliare` potenzialità territoriali a forte impatto diffusivo. Infatti, ognuno dei partners ha una rete di contatti e di `snodi` strategici di disseminazione in settori pubblici, privati, istituzionali tali da consentire un processo effettivo di mainstreaming
GALGANO e NUOVA ACROPOLI hanno raggiunto un elevato grado di coinvolgimento avendo partecipato e condiviso l`azione precedente. Per quanto riguarda i nuovi partner:
ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI
Il partner ANCI è stato preferito al partenariato con singoli comuni per la capacità intrinseca allo stesso partner di legittimare e di esportare sul territorio il modello di sviluppo che il progetto propone. Esso avrà le seguenti funzioni:
· Partecipazione al comitato guida definizione, degli standard di tutela a garanzia di partecipazione delle categorie socialmente `deboli`;
· Facilitazioni di inserimento delle figure professionali nel `sistema` attraverso l`utilizzo in attività di disseminazione, quali convegni, informazione ai propri soci (tutti i comuni d`Italia,) attività convegnistiche.
· Azioni di promozione dei servizi innovativi proposti in questo progetto;
AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI TERAMO
- Partecipazione al comitato guida;
- azioni di promozione dei servizi innovativi proposti in questo progetto, anche attraverso l`attuazione di progetti pilota sul territorio connessi alla pianificazione provinciale di protezione civile;
- facilitazioni di inserimento delle figure professionali nel `sistema` attraverso l`utilizzo in esercitazioni locali, in attività divulgative, e convegnistiche;
- promozione di iniziative per l`integrazione delle nuove figure professionali proposte, con le strutture operative di livello provinciale;
- individuazione e selezione dei beneficiari del progetto in collaborazione con gli altri enti locali e le organizzazioni di volontariato di protezione civile.
Comunità Montana Campo Imperatore - Piana di Navelli:
- Partecipazione al comitato guida;
- definizione di standard per garantire la partecipazione delle categorie socialmente deboli;
- facilitazioni di inserimento delle figure professionali nel `sistema` attraverso l`utilizzo in esercitazioni locali, in attività divulgative, e convegnistiche;
- azioni di promozione e legittimazione dei servizi innovativi proposti in questo progetto, anche attraverso progetti pilota sul territorio connessi alla pianificazione comunale di protezione civile.

Tutti i partner comunicano periodicamente tramite Internet, email, mail, fax, telefono e si riuniscono ad intervalli regolari per affrontare i processi decisionali, monitorare l`andamento del progetto, valutare l`operato dei docenti, formatori e di tutto il personale coinvolto

dot Top



Logo EQUAL

Home page
DP Search
TCA Search
Help
Set Language Order
Statistics