IMPORTANT LEGAL NOTICE
 

 M.I.L.A. - MIGRANTI: INSERIMENTO LAVORATORI IN AGRICOLTURA ascii version

Italy

 
DP Managing organisation : PROVINCIA DI NAPOLI
Other national partners : ASSOCIAZIONE SENEGALESI DI NAPOLI
AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA 2
CENTRO STUDI E INIZIATIVE LOTTA ALL`ESCLUSIONE SOCIALE PER LO SVILUPPO-ONLUS
COMUNE DI MARANO DI NAPOLI
CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI REGIONALE DELLA CAMPANIA
Federazione Provinciale Coltivatori Diretti Di Napoli
GESCO CONSORZIO COOPERATIVE SOCIALI
EQUAL theme :Employability - (Re-)integration to the labour market 
Type of DP :Geographical - Rural area - CASERTA, NAPOLI 
DP Legal status :Association without legal form 
DP identification :IT-IT-G-CAM-021 
Application phase :Project ended 
Selection date :14-05-2002 
Last update :03-05-2002 
Monitoring: 2003  2005   

Rationale

Text available in

From the confrontation between the partners during the action 1 no other critical points emerged, only some notes relative to the system of services. The territory is characterized by a rural advanced economy which presents a fragmented labour market, characterized by seasonal and hidden employment made mostly by immigrants. In this area there has been a scarce implementation of the network of services of support to employment and to hidden economy; in fact the great part of immigrant workers didn`t use the network of public/private services for their insertion in the labour market, but the informal or ethnic networks, feeding the diffusion of an irregular, dispersive and often not qualified job market. The rural entrepreneurs demand very mobile labour to employ quickly. The presence of the immigrant labour in this sector has increased during the nineties assuming a widespread and standing character. This implies that their integration in the local social and cultural context is a difficult but necessary challenge.
Generally people think that the entrepreneurs ask for migrants to substitute a local labour, less exploitable and more protected than in the past, with an external one, more disposable to accept more precarious working and wage conditions. On the contrary, a lot of works wouldn`t exist causing, also, a lost of employment among Italian workers. The only solution to solve this contrast is to strengthen the opportunities of employment of the weak segments of society by means of incentives and initiatives of retraining and counselling.
All these public and private services, which work in the field of the working insertion and counselling, also for the immigrants, run into numerous difficulties caused by the lack of competencies necessary to satisfy the demands of these subjects, by some problems linked to the communication and the different culture, to the recognition of their degrees and their professional abilities and to plan projects which respect the centrality of their abilities and their needs. This problematic issue has negative consequences on the correspondence between the situations wanted and vacant. There are also difficulties in the interaction between the procedures of professional orientation and counselling adopted by the services for the employment and the provisions on immigrations which cause inequalities in the insertion in the labour market for the immigrants.
Another critical point concerns the difficulty to organise a specific and personalised service addressed to the needs of the migrant public.
The complexity of the migration phenomenon leads the services to face issues not immediately linked to the working insertion but on which an insertion of success depends: problems in accessing to the health, social, educational, of advice (financial, legal and living) and of support (nursery schools, after school activities for minors, appropriate and sustainable houses) structures. The services have to be stimulated to render steady and functional the meeting between the social dimension (the quality of life) and the professional one (the quality of the working insertion). Campania has seen an entry of only 750 units for seasonal work in 2002 and this will have a very negative influence on the hidden use of labour in the rural sector. The provinces of Naples and Caserta are very interested by the use of migrant labour (north African, African and from east Europe) and these rural territories are strictly linked from a geographic and an economic point of view. In this area the lodging situation is very critical and there are a lot of problems of insecurity, criminality, exploitation, most of all of the women and of the rural workers. The migrant labour has an age comprehended between 18 and 45 years, the educational formation is very low and the majority of them have not degrees, maybe for the difficulties in their recognition.
The great part of women has arrived for family rejoining and do jobs as: the washing and the packaging of the industrial agricultural products, the domestic and assistance works for old people.
From a first analysis of the phenomenon we see that the discriminatory attitudes in the labour market are relative to different aspects. The conditions of work are very hard because these workers have not the fundamental services which allow the integration in the territory and the knowledge of the labour market demand.
The extreme flexibility and mobility depend on the characteristics of the labour market which has very short times, on the little dimensions of the rural firms which are generally of domestic and par-time management But the black labour doesn`t concern only the irregular workers. The entrepreneurs employ immigrants not only because they are more easily exploitable, but also because of the too complex bureaucratic procedures which don`t allow to employ this kind of labour in a transparent and legal way, mostly in case of certain kinds of cultivations which have very quick times and render immediate the need of disposable workers. The use of the less qualified migrant labour-force by the rural entrepreneurs causes inequality in the wage treatment and a lot of conflicts with the local workers because of the changes produced in the labour market.
In these conditions there is the necessity to create interaction and equal chances to enter in the labour market with the local labour-force.
The presence of some migrants association on the area allows the circulation of some information, but there is a lack of effective interventions by their representatives which are able to create a real intercultural integration. The figure of the `cultural mediator` (mediateur culturel) is completely absent. A great part of the discriminatory attitudes derives from the difficulties of these foreign citizens in the use of Italian language: initiatives of alphabetisation have been proposed most of all by schools and local government bodies, anyway there is not a linguistic training which considers the times of the rural work.
Another important element is the difficulty to obtain information: the structures on the territory, the social services, the local government bodies, the professional unions, the rural entrepreneurs don`t communicate among them, and there is not a unique centre to guide the workers.

dot Top


Objective

Text available in

All these critical elements, which cause the precariousness of the employment and the social exclusion, don`t allow the full insertion of immigrant in the work market of Naples and Caserta and their acquisition of the rights of citizenship. The supposed strategy foresees an organic process constituted by system actions, each one corresponds to a specific and previously defined objective. All the most important actors of the territory has created a Pact For the Migrants (M.I.L.A.), to involve all the subjects in a partnership to experiment coherent and shared operative solutions in favour of immigrant population. The Pact expects the signing of a Protocol by all the local actors involved for the inclusion and the increase in value of the immigrant labour, which will be a tool to influence the European and national politics. The realisation of the Pact will be favoured by the practice of the local actors to the orchestration in other experiences of local development.

The stress made by the partners during the Action 1 to the whole system of services in terms of a stronger integration between actions of working insertion and the social inclusion (point 5.4) has led to reconsider the first system action in the sense of an, essentially, qualitative analysis to realise in a parallel way but contemporaneously about the functioning of the job market in agriculture and of the mechanisms of correspondence between not always expressed needs and not always suited answers of the services of social and health security.
In particular the project will point out the peculiarities of the presence of the migrant population in the job market in agriculture, in the access to social and health services and to the rights of citizenship in the area of intervention of the project. All this will be done through the analysis of the data and the studies realised in the rural field, joining with the Piani Sociali di Zona (Social Plans of Area). Moreover the project foresees to organise focus group with privileged witness, by means of interviews with the implied actors (rural entrepreneurs, social-healthy director, manager of local authorities , immigrants who works in agriculture and unemployed people), which aims at focusing the emerged principal needs, pointing out the process of transformation of needs into demands. The objective of this action is also to verify the abilities and the willingness of the institutional and non institutional actors to be protagonist of the M.I.L.A. Pact, taking part in the following actions and subjecting their organisations to the monitoring and verification of the efficacy of the interventions in terms of satisfaction of the immigrants needs. The project wants to perceive the needs of promotion, training and development of each tested unit through a qualitative analysis of the selected enterprises and the units of the networks of the Area Plans ( the analysis of the expense and organisation of the single units and of the networks of support. In this way the project will identify a series of ideas of interventions for the development of the `citizenship contracts` in agriculture which foresees agreements and synergies with the system of social security.
For that it concerns particularly the area of investigation of the job in agriculture, analysis will deepen the followings aspects:
- systems of orientation
- methods of recruitment to the job
- professional profiles and requirements of competences required by the local enterprises

The professional profiles of the immigrated workers will be defined through the technique of the budget of the competences, while the requirements of the job market will be individualized through a questionnaire-interview presented to a panel of enterprises .
Instead, for that it concerns the area of investigation of the level of integration in the social and cultural context of the migrant, there is to say that from the available dates it is difficult to define the level of integration of the immigrated manpower and of the families, also because the greater part of the existing statistics, besides introducing elements of divergence, emphasize the quantitative aspects of the phenomenon, neglecting, instead, the qualitative ones, for which it results essential, for the debugging of the following actions of the project, to analyse the following aspects:
- the strategies of inclusion put into effect by the public authorities
- the existing network of the voluntary and other kind of associations and the level of services that they are able to offer (often they are the only reference for those who are in a condition of irregularity)
- the level of knowledge of the social-sanitary and cultural services and the levels of fruition
- the housing condition

Such investigation will be realised through structured interviews presented to the migrants and to opinion leaders, keeping in mind the already available data, and to social operators, privileged witnesses inside the institutions and of the third sector.

The second action of system is related to the information, orientation and meeting between situations wanted and vacant and services. This will be carried out through the constitution of a Centre of Information and Orientation, that will be realized to support and stimulate the action of the services to the employment, of the provinces, of the involved town administrations, of the labour unions, of the associations of category, of the association of the immigrants and the third sector. The aforesaid structure, also to the light of the results of the analysis from which is deduced that the immigrants and the entrepreneurs complain about bureaucratic difficulties that don`t allow the immediate availability of the manpower to use, it will constitute a profit tool, to support the Agencies for the employment, to favour actions of redress of the mismatch. Besides the first contact, the Centre could become a sort of observatory through the systematic gathering of information. Within the centre a data bank on the situations wanted and vacant will be started up, a site web able to furnish information devoted to distance with an address of e-mail will be created. Further function of the structure will be the support of the immigrants in the dispatch of the bureaucratic practices, to offer normative consultation on the different aspects that concern the permanence of the workers in the territory of Naples and Caserta, information on the social-sanitary, educational and housing services. Intercepting the uneasiness and the needs of the immigrated population the operators will have functions of orientation, taken in load, accompaniment, they will proceed, if necessary, to an individual ready-intervention of linguistic literacy to favour the cultural and civic integration. The Center will have a reticular structure, consisting of three territorial counters and of a mobile unity able to reach the least inclinable immigrants to activate him. The employees to the management of the centre, autochthonous subjects and immigrated with consolidated experience on the field, they will preliminarily frequent a brief and intensive formative course. The table of orchestration, activated within the pact, will have a remarkable role in the creation of the contacts and the synergies that the network of the centre will manage with the local actors.

The third action of the system foresees an organic series of formative interventions finalized to favour the raising of the professional competences, the working insertion and to facilitate the inclusion in the social and cultural context. They hypothesize the following formative interventions:
- 1 course for cultural mediators with diversified outlets in the social, assistance, sanitary and working mediation that brings to certifiable qualifications
- 4 courses of professional formation in agriculture regionally recognized.

Formative methodologies will be centred on a great interactivity between teacher and participant and they will tend to a personalization of the interventions. You will make use of techniques and tools directed to increase the behavioural and relational abilities, you will organise stages with qualified subjects. Finally, a service of accompaniment to the working insertion is foreseen with agricultural firms that have engaged themselves to sign the` citizenship contract.`

dot Top


Innovation


Nature of the experimental activities to be implemented Rating
Guidance, counselling ****
Training ****
Training on work place ****
Work placement ****
Integrated measures (pathway to integration) ****
Employment creation and support **
Improvement of employment services, Recruitment structures ***
Conception for training programs, certification ****
Guidance and social services ****
Awareness raising, information, publicity **
Studies and analysis of discrimination features ***

Type of innovation Rating
Process-oriented ****
Goal-oriented ****
Context oriented ****

Text available in

The intervention needs innovative processes because it has to make forehead to a complex problem as the work of immigrants in agriculture. The key actors of the territory, thanks to the constitution of the Pact, have given birth, now, to a network , while once they didn`t have places of orchestrated action. Such actors will make to circulate the information related to the various politics realized by the same partners and they will put into action decisional trials to face the problem related to the job of the migrants in agriculture and to their social and cultural insertion. The purpose is also to contrast the discrimination in the world of the job. To solve the gap between situations wanted and vacant, the project will work both towards the enterprises and of the workers or on a unique level that sees the meeting between the two parts. To satisfy the needs of both the subjects the project will use data banks, innovative professional formation, different forms of contract of citizenship (realignment, stages, apprenticeships and mixed forms of salary and offer of services). For the immigrants it will be fundamental the creation of the centre for the information and the orientation in which the same immigrants will operate. The innovative character in the offer of the services also consists in the consolidation of the relationships among the public subjects and of the third sector, the information interchange and the individualization of common procedures of job. The role of the Centre will be fundamental to guarantee such network. Fundamental it is the use of practices and professionalisms in the field of cultural mediation that hands, for instance, to the ability of the services to recognize the titles of study and the professional qualifications of the migrant citizens and to plan runs that respect the centrality of the competences and the projects of the person.

dot Top


Budget Action 2

1 500 000 – 2 000 000 €

dot Top


Beneficiaries


Assistance to persons 
Unemployed  64.0%  36.0% 
Employed  0.0%  0.0% 
Others (without status, social beneficiaries...)  0.0%  0.0% 
  100.0% 
 
Migrants, ethnic minorities, …  64.0%  36.0% 
Asylum seekers  0.0%  0.0% 
Population not migrant and not asylum seeker  0.0%  0.0% 
  100.0%
 
Physical Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Illness  0.0%  0.0% 
Population not suffering from a disability  64.0%  36.0% 
  100.0% 
 
Substance abusers 0.0%  0.0% 
Homeless  0.0%  0.0% 
(Ex-)prisoners  0.0%  0.0% 
Other discriminated (religion, sexual orientation)  0.0%  0.0% 
Without such specific discriminations  64.0%  36.0% 
  100.0% 
 
< 25 year  35.0%  24.0% 
25 - 50 year  26.0%  15.0% 
> 50 year  0.0%  0.0% 
   100.0% 

Assistance to structures and systems and accompanying measures Rating
Gender discrimination ***
Discrimination and inequality in employment ****
Other discriminations ****
Low qualification ****
Racial discrimination ***
Unemployment ****

dot Top


Empowerment

 

 With beneficiaries

Participation
Promoting individual empowerment
Developing collective responsibility and capacity for action
Participation in the project design
Participation in running and evaluating activities
Changing attitudes and behavior of key actors

Text available in

The realization of the project is inspired to the principle of the active participation both of the partners or of the forehand beneficiaries of the different actions. The beneficiaries will be involved through actions of capillary promotion of the project among all the present immigrants on the interested territories and, subsequently, an individual support, through the formation, to favour the their active participation. The formative interventions have the purpose to activate a process of growth of the participants, valorising their potentialities, competences and above all their relational abilities. The beneficiaries will fully be involved in the development of all the anticipated actions: the definition of the guidelines of intervention; the management of the centre of Information and Orientation, as some immigrants, through a formation, will be prepared to practice an important role of front-office in the centre, others will make part of the group that coordinate all the activities of the Centre; the definition of new methodologies and the formative tools, of new programs; the actions finalized to the integration of the politics of social cohesion with the formative and working ones that will involve direct interventions on the services.

 

 Between national partners

Text available in

The project is very complex because of the numerous actions foreseen and the numerous and different kinds of partners involved, so it needs a very precise planning of their relationships. The pattern of reference is the lean organisation, according to which the intervention of each one depends on its own specific competencies. All the partners will involve in the functions of he hierarchy necessary to implement the project, so that the work on the whole Service take place in a concerted way.
The structure comprehends a Piloting Committee, composed by all partners and supported by a Scientific and Technical Committee, with which some working groups will collaborate. Each one is relative to each expected action (research, mismatch, training, entrepeneurship and self-employment, houses, sensitisation and so on) and a Functional Unit which will have the task to monitor the actions and the costs, will verify the coherence of the different actions developed with national and European Community norms F.S.E. and will give information about the foreseen bureaucratic procedures.
Each working group and the functional unit will have a co-ordinator and each month will provide detailed reports about the carried out activities by means of telematic instruments.
The decision-making processes will be characterised by quick methodologies. All the organisational units will follow the methodology of the decision-making to compare the different opinions and to have a transparent process.

dot Top


Transnationality

 

 Linguistic skills

  • English
  • français
  • italiano

 Percentage of the budget for transnational activities

  • 4.6%

 Transnational Co-operation Partnerships

Transnational Co-operation Agreement DPs involved
1061 CITEMP'LOI - Citoyenneté & Emploi ES ES469
FR NAT-2001-10666

dot Top


Background

 

 Involvment in previous EU programmes

  • One partner involved in A&E

dot Top


National Partners


Partner To be contacted for
PROVINCIA DI NAPOLI Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
ASSOCIAZIONE SENEGALESI DI NAPOLI
AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA 2
CENTRO STUDI E INIZIATIVE LOTTA ALL`ESCLUSIONE SOCIALE PER LO SVILUPPO-ONLUS
COMUNE DI MARANO DI NAPOLI
CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI REGIONALE DELLA CAMPANIA
Federazione Provinciale Coltivatori Diretti Di Napoli
GESCO CONSORZIO COOPERATIVE SOCIALI

dot Top


Agreement Summary

Text available in

L`accord de coopération souscrit par les partenaires a comme sujet référent la province de Naples en la personne de l`assesseur aux politiques de l`emploi. Le référent sera l`unique interlocuteur administratif et percepteur des ressources financières allouées au activités du projet. Il est chargé de la gestion administrative et financière du projet,de toutes les opérations et des actes prévue en vue de son activation, il a aussi le représentant exclusive, et en cas de procès de la partnership. En outre il s`occupera du compte rendu et des l`activités de suivie des opérations et de mainstreaming du projet.
Le coordinateur du secteur politique pour les activités de la province de Naples aura à sa disposition des fiches de bilan des entrées et de dépense à approuver dans le bilan provincial relatif à la quote-part de financement accordée au projet par le ministère du travail et des politiques sociales, le référent sur indication du comité opératif rédigera et souscrira des dispositions concernant la gestion des actions du projet. La Province de Naples anticipera, en fonction de la demande des partenaires, les sommes relatives au déroulement des activités.
La responsabilité d`organisation et de gestion du partenariat est du comité opératif son rôle est de :
· Evaluer et approuver les propositions du comité technique et scientifique et de la table des immigrés.
· Définir et approuver la distribution des charges et l`attribution des activités à chaque partner en fixant les compétences et les responsabilités respectives.
· Aider la province de Naples dans les activités de gestion administrative et financière .
Le comité opératif est composé de 5 membres nommés par: la province de Naples, la Gesco, la commune de Marano,L`association Less, Cia, celui ci nome un coordinateur des activités le quel fournit des idées sur la réalisation des activités et propose des variations sur le projet en vue d`une meilleur réalisation de celui ci.
La table permanente des immigrés est constituée de tous les partenaires. Celle-ci met en marche le processus d`échange entre les partenaires et les stokholders (référent du territoire) et interagit avec le comité opératif et le comité technique et scientifique. Au comité opératif peuvent participer d`autre associations ou organisations à condition de faire une demande préalable.
Le comité technique et scientifique formule les grand axes méthodologiques de actions du projet, fixe et oriente les activités techniques du projet propose des solutions organisationnelles pour les groupes de travail. Elle est formée d`espère engagés par : la province de Naples,Gesco,Asl, Ce2, et l`association Sénégalaise. En ce qui concerne les activités liées au projet , on peut identifier 4 secteurs de fonctionnement :
Secteur du travail qui analyse la demande et l`offerte du travail,les conditions et le conteste dans lesquelles sont insérés les immigrés.

Secteur communication et projet transnational

Qui s`occupe de l`information et de la communication et organiste le développement des relations internationale liées au projet transnational .

Secteur des services s`occupe de la promotion de l`organisation du développement et de l`innovation des services destinés aux immigrés en matière de croisement entre la demande et l`offerte dans le domaine de l`emploi, intégration culturelle,amélioration des conditions socio sanitaire accès au logement.
Secteur formation s`occupe du développement des compétences et de la formation des opérateurs, des parcours de formation liés à l`alphabétisation, à l`accès au droit, et à acquisition de compétences spécifiques dans le milieu agricole des immigrés concernés
Les partenaires peuvent se servir de la collaboration de personnes externes durant la phase de mise en place du projet à condition d`un accord préalable du ministère du travail
Le projet réalisera un réseau de services pour l`orientation à l`emploi et au droit de citoyenneté pour les immigrés ayant l`appui du centre pour l`emploi de la province de Naples
La province de Naples s`engage à divulguer le résultats du projet et à opérer dans un conteste de coopération transnationale et de networking.



Last update: 03-05-2002 dot Top


PROVINCIA DI NAPOLI

(...)
PIAZZA MATTEOTTI 1
80133 NAPOLI
Web site: WWW.PROVINCIA.NAPOLI.IT

Tel:0815520064
Fax:0815528115
Email:LAVORO@PROVINCIA.NAPOLI.IT

 
Responsibility in the DP: Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:>250
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Province promotes, in collaboration with the Communes and on the base of plans, activities and the realisation of works of relevant provincial interest in economic, productive, social, commercial and touristic sectors. It has 13 organizational areas to face the problems in the different secors which concern the territory.
The province has activated the Centres for the Employment which has bureaus in the town of Naples and in other 16 big Communes of the Provinces offering information, counselling, individual talks, intersection between demand and offer of employment, specific services for disabled and disadvantaged people, managing of data banks of workers and firms. To the firms it offers information and counselling about norms, facilitations and incentives to the employment, pre-selection and mentions of names for assumptions, diffusions of offers of works. Moreover the Province has created a Unique Desk for the Productive activities to promote and co-ordinate the activities of the single bureaux of the different Communes. It has an observatory of the social policies with a mapping of the needs and the services concerning structures and /or domiciliary assistance for: old, minor, physical and/or psychic, drug-addicted people, women in difficult situations, immigrants and nomads. It has, further, activated services with: voluntary associations, sanitary structures, services for the entire population.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
GABRIELE CORRADO 0815520064 LAVORO@PROVINCIA.NAPOLI.IT Project Coordinator

Last update: 03-05-2002 dot Top


ASSOCIAZIONE SENEGALESI DI NAPOLI

(A.S.N.)
C/O CGIL FILCAMS - P.ZZA GARIBALDI, 101
80142 NAPOLI
...

Tel:0812449811
Fax:0815543082
Email:ASNAPOLI@INWIND.IT

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Organisation providing support and guidance for disadvantaged groups
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

it promotes activities which aimed at protecting and increasing the rights of the immigrants in Italy. In collaboration with CGIL Filcams Campania offers a service of information and assistance to the immigrants who reside or live in Naples and Campania. It organizes courses of alphabetisation and improvement of Italian languages and of basic informatics. The association adheres to the Protocol of associations engaged in the struggle to the social exclusion and promotes also initiatives to spread every form of cultural expression of the developing countries, organizing a lot of demonstrations, it supports the fair trade, organizes cultural exchanges and travels to and from the countries of the south of the world.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
ARNÒ VALENTINA 3490836172 MATTCA@LIBERO.IT member of Counselling and Information working group.

Last update: 03-05-2002 dot Top


AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA 2

(ASL CE2)
VIA LINGUITI 54
81031 AVERSA
www.aslcaserta2.it

Tel:0818141741
Fax:0818141741
Email:ursaslcedue@libero.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:>250
NUTS code:CASERTA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

it is an instrumental body of the Region. It has a public legal status, a managerial, administrative, property, account and technical autonomy. It assures the sanitary assistance in its own territorial extent according to the National Sanitary Plan. The Asl Caserta 2 covers a very wide territory from a geographical point of view which corresponds to the northern area of the province Caserta. It carries out a lot of activities with social co-operatives and collaborates constantly with GESCO.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
ROTELLI FRANCO 0818141741 ... Co-ordination of the working group: Social and Sanitary Services.

Last update: 03-05-2002 dot Top


CENTRO STUDI E INIZIATIVE LOTTA ALL`ESCLUSIONE SOCIALE PER LO SVILUPPO-ONLUS

(L.E.S.S.)
PIAZZA TEATRO S. FERDINANDO 8
80138 NAPOLI
...

Tel:081- 290986
Fax:081- 290986
Email:ASSOCIAZIONE.LESS@LIBERO.IT

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Organisation providing support and guidance for disadvantaged groups
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

During the first year of activities it has activated initiatives on the territory of Campania addressed to different contexts of marginality and exclusion, in connection with other associative realities. It acts against social exclusion, for the promotion of human development and for the satisfaction of social and cultural needs. The most important initiatives are: `Me too, I play`, a demonstration of integration with disabled subjects; in collaboration with the Councillorship to the social and youth policies of the Commune of Giugliano in Campania; `Memories in travel`, project of intercultural education realized in collaboration with N:EA and the Communes of Naples and S.Giorgio a Cremano; `European Volunteer Service`, a seminary of preparation for the young people to the European Volunteer Service in collaboration with the ong CISS, Altradefinizione, The Professional Institute for Industry and Handicraft of Ponticelli (Naples), the Provincial Council of the students, with the patronage of the Province of Naples; Conference `Suburbs…from exclusion to rights`: meeting-debate about the themes of struggles to social exclusions, to promote integrated actions, programs and projects of co-operation to development, with patronage of the Commune of Naples, of the Province of Naples and the Region Campania, the Realization of an agreement of collaboration for a territorial network of associations to promote initiatives to contrast the social exclusion and to favour actions of intercultural integration among peoples, in collaboration with: MANITESE CAMPANIA, ARCIPELAGO PIANURA, ARCIPELAGO SOCCAVO, THE HOUSE OF PEOPLES, COOPERATIVE IL PIOPPO, immigrants women in the world, CISS ong , SENEGALESE ASSOCIATION OF NAPLES, IMMIGRANTS OF PIANURA ASSOCIATION.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
D`AIMMO ISADORA 349-3901120; 081-404766 YEMENIA@LIBERO.IT Co-ordinator of Information and counselling centre

Last update: 03-05-2002 dot Top


COMUNE DI MARANO DI NAPOLI

(...)
C.SO UMBERTO I N. 6
80016 MARANO DI NAPOLI
www.idn.it/marano/index.html

Tel:0815769111
Fax:081743404
Email:PROMOZIONE@MBX.IDN.IT

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:Staff 50-250
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

it has a territory of 16 Km2, a population of 57716 inhabitants and a rate of unemployment of 20.8%. In the last times it has activated initiatives to support the social services for subjects which risk social exclusion and minors in difficult conditions. There is on the territory a municipal desk counselling about employment the business activities. In collaboration with `Sviluppo Italia` the administration has promoted a project of emersion of the black labour on a sample of 19 car repairer to whom it was assured the achievement of the necessary professional titles, the technical and administrative assistance and an adequate financial support, also thanks to `honour loan`, to begin regular activities on the territory. Considering the success of the initiative, the municipal administration of Marano is verifying the opportunities to open again the terms of admission in that experience to offer new chances to other aspiring handcrafters. This project will probably enlarge to others productive sectors. It offers a service to inform the young people about the opportunities of the labour market, training for assumptions, counselling service to the world of the secondary schools and university, opportunities of educational travels, health, military and civil service, voluntary associations.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
GIRARDI FRANCESCO 0815769235 promozione@mbx.idn.it Co-ordinator of the Scientific and Technical Committee.

Last update: 03-05-2002 dot Top


CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI REGIONALE DELLA CAMPANIA

(C.I.A.)
C.SO MERIDIONALE 18
80143 NAPOLI
www.cia.it

Tel:081/5540590
Fax:081/5540882
Email:CIA.CAMPANIA@INTERBUSINESS.IT

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Trade Union
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

It is composed by professional unions, institutes and societies which answer the different demands of the agricultural sector and farmers. CIA acts in Italy and Europe for the progress of agriculture and to organize the rural entrepreneurs. It has its own representatives in the most important regional and provincial organisms. It assures these services: fiscal, social, sanitary, social security assistance, technical and managerial counselling, support to the revenue and training, policies and services for the retired people, for the young rural entrepreneurs, for the farmers with contracts . It has also a bureau for the equal opportunities dedicated to women. It promotes interventions and propositions to solve the problems of the old and recognize to farmers equal rights with those assured to other workers in the social security, in the social and sanitary assistance through the structure of ANP-Cia (national pensioners association ). By means of the association `women in field` it promotes the equal opportunities of the women in agriculture.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
PELLECCHIA ROSARIA 081/5540590 CIA.CAMPANIA@LINTEBUSINESS.IT Co-ordinator of the working group: Mismatch - Direction of the project

Last update: 03-05-2002 dot Top


Federazione Provinciale Coltivatori Diretti Di Napoli

(Coldiretti)
VIA PICA, 62
80142 NAPOLI
...

Tel:081/266244
Fax:081/289710
Email:COL DIRETTI@NAPOLI.IT

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Trade Union
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

it is a professional rural organization which defends the rural firms. It organizes initiatives and demonstrations to push the different institutional levels to examine closely the problems rural sector and to affirm a new business culture and to allow to the rural sector to be competitive with the others. Its organizational activity is characterized by a renewed phase of confrontation and synergetic action with the institutions, political, social and economic forces, to allow to the rural sector a compatible development able to grant fixed incomes, defence of the territory and environment.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
DE SIMONE MARCELLO 081/266244 NAPOLI@COL DIRETTI.IT Component of the working group: work placement

Last update: 03-05-2002 dot Top


GESCO CONSORZIO COOPERATIVE SOCIALI

(GESCO)
VIA G. PORZIO, 4 CDN IS G/8
80143 NAPOLI
WWW.GESCOSOCIALE.IT

Tel:081 2128067
Fax:0817 877 516
Email:GESCO@GESCOSOCIALE.IT

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Social economy enterprise
Legal status:Private
Size:Staff 50-250
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

It was constituted in 1991 to promote the development of social co-operation in the region. Nineteen social cooperatives adhere to the Consortium.
GESCO promotes:
- activities of training, updating, professional counselling for operators with never seen before professional profiles who operate in the schools, sanitary structures, crèches, guidance centres, re-education and penal institutions, centres for the struggle to alcohol and drugs addiction, residential communities for disabled and old people.
- activities of planning of operative projects of objective project in numerous sectors of the social welfare: mental health, drug-addiction, maternity and childhood, rehabilitation and old people..
The Consortium has a lot of conventions with numerous local, regional and national administrations: ASL Naples 1 - Naples 2 - Caserta 1, The Communes of Naples, Minori, Pompei, Montesarchio, S.Antimo, Baronissi, Ischia, Cerreto Sannita, the teaching district 63°, 10° e 1°of Naples, the Presidence of the Council of Ministers- Department of Social Affairs.
It has realised these actions of training and promotion of social business: Project Communitarian Initiative F.S.E. Adapt II Phase called `Development of the social co-operation and anticipation of the regional market in Campania; Project Communitarian Initiative Occupation-Horizon II Phase called `Images`; Project Communitarian Initiative Occupation-Horizon I Phase called `Integrated action for planners in the social economy`; Cooperative Dedalus; training course for domiciliary assistant for immigrants, F.S.E.-Campania Region, cooperative Dedalus; training and refresher courses for communities entertainers and geriatric domiciliary assistants. It adheres to Legacoop; the Municipal Committee for the struggle to the social exclusion of the Commune of Naples. It takes part in: DROM-National consortium of the social co-operation; CLESS-Consortium for the struggle to the social exclusion and for the local development; ERFES- Institute of research and training for the social economy, Ethic Popular Bank.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
MORNIROLI ANDREA 0817 877 516 AMORNIROLI@GESCOSOCIALE.IT Co-ordinator of the working group Training. Direction of the Piloting Committee

Last update: 03-05-2002 dot Top



 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 
Warning! This section is not meant to be read directly, but rather be navigated through from the main page above.
 
 
 
 

M.I.L.A. - MIGRANTI: INSERIMENTO LAVORATORI IN AGRICOLTURA

Rationale

Text available in

Il confronto intercorso tra i partner in fase di Azione 1 non ha evidenziato elementi problematici diversi da quelli illustrati precedentemente, se non accentuando alcune note relative al sistema dei servizi. L`analisi delle specificità territoriali e delle problematiche individuate nello sviluppo socioeconomico, nella scarsa implementazione della rete dei servizi di sostegno al lavoro ed all`economia formale caratterizzano l`area di intervento come un`economia agricola avanzata che presenta un mercato del lavoro frammentato, caratterizzato da alta stagionalità e da vaste sacche di lavoro sommerso alimentate prevalentemente da manodopera extracomunitaria. La frammentazione del lavoro dipende, anche, da situazioni di precarietà occupazionale legate al mancato incontro di domanda e di offerta, all`assenza di informazione, alla casualità. Solo un esiguo numero di lavoratori migranti ha utilizzato come veicolo/dispositivo di inserimento lavorativo la rete dei servizi pubblici/privati, mentre la quasi totalità ha preferito i dispositivi della ` rete etnica` o informale, alimentando la diffusione di un mercato del lavoro non regolato, dispersivo e spesso non qualificato. La presenza di immigrati nel settore primario si è andata accentuando in questi ultimi anni assumendo dimensioni molto ampie: a volte si pensa che in Campania il ricorso agli immigrati serva a sostituire e fiaccare una manodopera locale, meno succube di un tempo alle condizioni di sfruttamento imposte dalla domanda, con una esterna disposta a subire condizioni lavorative e salariali maggiormente precarie. E` vero invece che molti posti di lavoro semplicemente scomparirebbero, trascinando anche perdite di occupazione tra i lavoratori italiani. Pertanto l`unica soluzione di questa contrapposizione consiste nel rafforzare la possibilità di occupazione delle fasce deboli, sia con incentivi che con iniziative di riqualificazione ed orientamento. Si sono individuate una serie di difficoltà di tutti quei servizi (pubblici e privati) che si occupano di orientamento e inserimento lavorativo e che hanno, tra i propri utenti, quote rilevanti di migranti in cerca di collocazione lavorativa o che vogliono migliorare la propria situazione professionale. Infatti, nel tentativo di rispondere adeguatamente alle domande di questa utenza, non risultano sufficienti le competenze maturate sinora. Questa generalizzata difficoltà di accesso e utilizzo dei servizi preposti all`impiego da parte dei migranti può considerarsi legata alla capacità effettiva di tali servizi di rispondere adeguatamente alle domande poste dall`utenza non autoctona e da problemi prettamente comunicativi - culturali; alla difficoltà dei servizi nel riconoscere e decifrare i titoli di studi e le qualifiche professionali dei cittadini migranti e di impostare progetti che rispettino la centralità delle competenze e dei progetti della persona. (Garantendo quindi, un sistema mirato e personalizzato in relazione agli effettivi bisogni del migrante). Questa area problematica ha in sé evidenti ripercussioni negative nell`incontro tra domanda e offerta in un mercato del lavoro che richiede professionalità qualificate e non presenti in grado soddisfacente nella popolazione autoctona.
Va segnalata ancora la difficoltà di interazione tra le procedure di orientamento e consulenza lavorativa- professionale adottate dai servizi per l`impiego e le normative in materia di immigrazione, che non raramente determina differenze nella possibilità di accesso al mercato del lavoro per gli stranieri. Si constata, inoltre, la difficoltà a offrire e organizzare un servizio mirato, personalizzato e adeguato ai bisogni particolari dell`utenza migrante. L`utente migrante, per la sua specifica condizione porta con sé, e quindi anche nella sua modalità dell`utilizzo dei servizi, un serie di bisogni specifici che sono riconducibili alla difficoltà ad accedere ai dispositivi e alle strutture socio- sanitarie, educative, di consulenza (finanziaria, legale, abitativa) e di sostegno (asili, strutture di doposcuola per minori, sistemazione abitative adeguate e sostenibili), a individuare sul territorio le risorse per poter ricreare una rete di sostegno informale e formale. La gestione della complessità del fenomeno migrazione porta i servizi a confrontarsi con tematiche non immediatamente collegate all`inserimento lavorativo, ma indissolubilmente congiunte per la riuscita di un inserimento lavorativo qualificato e non precario. Questo implica una modifica strutturale e organizzativa dei rapporti dei servizi di inserimento lavorativi con il territorio e le sue risorse.
Più nello specifico i servizi vengono sollecitatati per offrire risposte adeguate e competenti a individuare delle metodologie e pratiche di lavoro che riescano a stabilizzare e rendere funzionale l`intreccio fra sfera sociale (qualità della vita) e sfera lavorativa (qualità dell`inserimento professionale) con il necessario collegamento fra risorsa sociale e sistema produttivo e quindi servizi d` inserimento lavorativo pubblico/ privati e rete dei servizi pubblici, privati che si occupano di temi sociali (casa, salute, educazione, ecc.)
La Campania ha partecipato alle quote di ingresso per lavoro stagionale nel 2002 in numero insignificante (750 unità) e ciò influirà pesantemente sul fenomeno dell`utilizzo sommerso di manodopera nel settore agricolo. In particolare, nelle province di Napoli e Caserta, l`area tra Caserta e il Giuglianese è una zona critica per la presenza degli immigrati in agricoltura. Nella provincia di Napoli la zona tra Giugliano, Qualiano, Mugnano, Marano, fino a Castel Volturno (CE), con una provenienza soprattutto africana e nordaraba e con un principio di insediamenti bosniaci; nella provincia di Caserta le aree tra Aversa e Marcianise, L`alto casertano tra Pignataro e Pastorano, la zona tra Cancello e Acerra (NA), con una prevalenza di albanesi, ghanesi e maghrebini. Le zone agricole ad alta presenza di manodopera immigrata tra le province di Napoli e Caserta sono strettamente connesse sia geograficamente sia da un punto di vista economico. In queste zone si aggiungono ghetti ai ghetti già esistenti, vanno accrescendosi le difficoltà a fornire servizi, problemi di insicurezza, criminalità, vessazione e sfruttamento, specialmente delle donne e dei lavoratori agricoli. Nelle province di Napoli e Caserta l`incidenza nei paesi a forte caratterizzazione agricola giunge fino al 9% della popolazione residente. Nei centri agricoli, l`incidenza degli immigrati regolari residente è assai alta. Soprattutto nei mesi primaverili, e poi nei mesi estivi per le lavorazioni in serra e agroindustriali, le campagne dei prodotti agricoli fanno crescere esponenzialmente il numero delle presenze, difficilmente controllabile, anche perché molti lavoratori immigrati mantengono la residenza altrove. Nel territorio di Napoli e Caserta il 50% delle richieste di manodopera riguarda immigrati da impiegare nell`agricoltura (rapporto sul lavoro, dati C.I.A.); i contratti di lavoro stagionale possono arrivare ad avere durata semestrale, non permettono di rimanere in Italia ma di tornare nella stagione successiva. I dati del C.I.O.(Centro per l`Impiego e l`Occupazione-Napoli) evidenziano la prevalente assenza di titoli di studio e di qualifiche professionali. Ciò, in parte, può essere dovuto all`impossibilità di certificare un`equipollenza dei titoli o dei crediti scolastici. In particolare la manodopera immigrata rientra in una fascia di età che va dai 18 ai 45 anni. La formazione scolastica è,spesso, molto bassa.
La presenza femminile è determinata dal fatto che spesso le donne arrivano per ricongiungersi alla famiglia e svolgono lavori nei lavaggi dei prodotti agricoli industriali o nel confezionamento degli stessi prodotti. Una parte consistente delle donne svolge lavori domestici e/o di cura e assistenza per gli anziani. Da una prima analisi del fenomeno in oggetto si evidenzia che gli atteggiamenti discriminatori in relazione al mercato del lavoro riguardano più aspetti. Le condizioni di lavoro sono pesanti e disagiate in quanto i lavoratori non hanno i primi servizi essenziali che permettono l`inserimento nel territorio e la conoscenza della domanda del mercato del lavoro. L`estrema flessibilità e mobilità è legata al mercato stesso che ha tempi assai ristretti, mentre l`impiego per lavoro sommerso e lavoro a nero non interessa solo la manodopera irregolare e deriva, oltre che per i fattori già evidenziati, dalle dimensioni estremamente piccole delle aziende agricole, che, in grosso numero, sono a conduzione familiare e part-time. L`utilizzo della manodopera immigrata con bassi profili professionali crea,almeno inizialmente, disparità di trattamenti contributivi e non facilita il mercato del lavoro. La necessità della manodopera immigrata trova richiesta da parte degli imprenditori agricoli e apre alcune conflittualità con gli operai agricoli locali relative alle modificazioni create nel mercato del lavoro in seguito all`ingresso di un`ingente quantità di manodopera disponibile; si registra dunque la necessità di interattività con i lavoratori autoctoni e la possibilità di usufruire di eguali condizioni di accesso al lavoro. La presenza di alcune associazioni di immigrati presenti sul territorio consente una parziale circolazione delle informazioni ma mancano interventi mirati che partano dai rappresentanti stessi degli immigrati e portino ad un`integrazione interculturale. E` completamente assente la figura del mediatore culturale. Gli atteggiamenti discriminatori in relazione all`impatto sociale riguardano innanzitutto la difficoltà nell`uso della lingua italiana. Un forte ostacolo è rappresentato dalla difficoltà di accesso alle informazioni: le strutture esistenti sul territorio, i servizi sociali, gli enti locali, le associazioni di categoria, gli imprenditori agricoli non sono in rete tra loro e manca un sistema per orientare i lavoratori.

dot Top


Objective

Text available in

Le criticità evidenziate, che si risolvono in precarietà dei posti di lavoro e in esclusione sociale, frenano il pieno inserimento della manodopera immigrata nel mercato del lavoro napoletano e casertano e rappresentano un ostacolo all`assunzione della piena cittadinanza. La strategia ipotizzata, coerente con la vocazione del territorio e con il problema di discriminazione individuato, attraverso una definizione chiara ed organica dell`intervento, specifica gli approcci che verranno utilizzati, nonché metodologie e strumenti impiegati per raggiungere i diversi obiettivi specifici. La strategia si dispiega attraverso un organico processo costituito da azioni di sistema, ciascuna delle quali corrisponde ad uno specifico obiettivo precedentemente definito.
L`elemento unificante è il Patto per i Migranti (Patto Mila) animato da tutti gli attori-chiave del territorio, finalizzato a definire strategie innovative concertate e condivise di sviluppo del capitale umano immigrato. L`idea di un patto a favore della manodopera immigrata nasce per coinvolgere in un partenariato i diversi attori, in modo da sperimentare azioni operative, coerenti e condivise, a favore della popolazione immigrata. La costruzione del patto sarà facilitata dalla presenza degli attori coinvolti nella concertazione di altre esperienze di sviluppo locale.
La prima azione di sistema, relativa alla comunicazione e fertilizzazione, ha lo scopo di costituire la strumentazione necessaria alla realizzazione del Patto. In particolar modo verrà organizzata un`articolata serie di focus-group, con i diversi attori chiave del territorio, finalizzata alla precisa individuazione delle cause di discriminazione ed a definire le strategie operative più efficaci. Saranno predisposti strumenti di comunicazione per il lavoro in rete (sito internet) e momenti pubblici di confronto e discussione. Nell`ambito del patto verrà sottoscritto un protocollo da parte di tutti gli attori locali coinvolti per l`inclusione e la valorizzazione della manodopera immigrata, che costituirà uno strumento per incidere sulle politiche nazionali e comunitarie, anche attraverso l`impegno a trasfererire pratiche e risultati nell`ambito delle istituzioni e dei principali attori sociali.

L`accentuazione posta dai partner nel corso dell`Azione 1 al sistema complessivo dei servizi nel senso di una più forte integrazione tra azioni di inserimento lavorativo e di inclusione sociale (punto 5.4), ha portato a riconsiderare l`azione di sistema relativa alla ricerca. Sarà sviluppata un`analisi di tipo essenzialmente qualitativo da realizzare parallelamente ma congiuntamente nei confronti del funzionamento del mercato del lavoro in agricoltura e dei meccanismi di incontro tra bisogni (spesso inespressi) e risposte non sempre adeguate da parte dei servizi di protezione sociale e sociosanitara.
In particolare si procederà con l`individuazione delle specificità relative alla popolazione immigrata nell`accesso al mercato del lavoro in agricoltura, ai servizi sociosanitari ed ai diritti di cittadinanza nell`area di intervento del progetto, grazie anche all`analisi dei dati e degli studi esistenti realizzati nel settore agricolo, collegandosi con i Piani Sociali di Zona, ed alla realizzazione di colloqui - interviste con gli attori coinvolti (imprenditori agricoli, direttori sociosanitari, dirigenti enti locali, immigrati occupati in agricoltura e disoccupati) per finire con l`organizzare di focus group con i testimoni privilegiati che mirino ad evidenziare i principali bisogni emersi, individuando così il processo di trasformazione dei bisogni in domanda. Obiettivo di questa azione è anche quello di verificare le capacità e disponibilità degli attori istituzionali e non, ad essere protagonisti del Patto Mila, partecipando alla progettazione delle azioni seguenti e sottoponendo le loro organizzazioni al monitoraggio e verifica dell`efficacia degli interventi in termini di risposta ai bisogni della popolazione immigrata. Saranno rilevati i fabbisogni di promozione, formazione e sviluppo di ciascuna unità indagata attraverso un`analisi qualitativa delle imprese selezionate e delle unità delle reti dei Piani di Zona (analisi della spesa e organizzazione delle singole unità e delle reti di supporto). Si arriverà quindi all`identificazione di un ventaglio di idee di intervento per lo sviluppo dei `contratti di cittadinanza` in agricoltura che contemplino accordi e sinergie con il sistema della protezione sociale.
Per quel che riguarda in particolare l`area di indagine del lavoro in agricoltura, l`analisi approfondirà i seguenti aspetti:
- sistemi di orientamento
- metodi di reclutamento al lavoro
- profili professionali e i fabbisogni di competenze richiesti dalle imprese locali
I profili professionali dei lavoratori immigrati verranno definiti attraverso la tecnica del bilancio delle competenze, mente i fabbisogni del mercato del lavoro verranno individuati attraverso la somministrazione ad un panel di imprese di un questionario- intervista.
Per quel che riguarda invece l`area di indagine del livello di integrazione nel contesto sociale e culturale dei migranti, c`e` da dire che dai dati disponibili è difficile definire il livello di integrazione della manodopera immigrata e delle famiglie, anche perché la maggior parte delle statistiche esistenti, oltre a presentare elementi di divergenza, enfatizza gli aspetti quantitativi del fenomeno, trascurando, invece, quelli qualitativi, per cui risulta indispensabile, per la messa a punto delle successive azioni progettuali, analizzare i seguenti aspetti:
- le strategie di inclusione messe in atto dai decisori pubblici
- la rete esistente del volontariato, dell`associazionismo e delle organizzazioni di categoria ed il livello di servizi che è in grado di offrire (Spesso unico riferimento per chi si trova in condizione di irregolarità. Nell`ambito dell`associazionismo verranno inoltre individuati quegli immigrati che intraprenderanno la formazione nella mediazione culturale).
- il livello di conoscenza dei servizi socio-sanitari e culturali e i livelli di fruizione
- la condizione abitativa
Tale indagine verrà attuata attraverso interviste e colloqui a migranti ed opinion-leader, tenendo conto dei dati già a disposizione e degli operatori sociali e sanitari, testimoni privilegiati all`interno delle istituzioni e del terzo settore.

La terza azione di sistema è relativa all`Informazione, orientamento e incontro tra domanda e offerta di lavoro e di servizi. Questa verrà attuata attraverso la costituzione di un Centro di Informazione e Orientamento, che verrà realizzato per supportare e stimolare l`azione dei servizi all`impiego, delle province, delle amministrazioni comunali coinvolte, dei sindacati, delle associazioni di categoria, dell`associazione degli immigrati, e del terzo settore. La struttura suddetta, anche alla luce delle informazioni disponibili, che evidenziano le difficoltà burocratiche da parte degli immigrati e e degli imprenditori nell`inserimento lavorativo e nella reperibilità immediata della manodopera da utilizzare, costituirà un utile strumento, a supporto delle agenzie per l`impiego, per favorire azioni di riequilibrio del mismatch. Oltre al primo contatto potrà essere avviato un servizio del Centro come osservatorio tramite la raccolta sistematica delle informazioni. Nell`ambito del Centro verrà attivata una banca-dati sulla domanda/offerta di lavoro, un sito web in grado di fornire informazioni dedicate a distanza con un indirizzo di posta elettronica. Ulteriore funzione della struttura sarà quella di supportare gli immigrati nel disbrigo delle pratiche burocratiche, di offrire consulenza normativa sui diversi aspetti che attengano alla permanenza dei lavoratori nel territorio di Napoli e Caserta, informazioni sui servizi socio-sanitari, educativi ed abitativi. Intercettando i disagi ed i bisogni della popolazione immigrata gli operatori svolgeranno funzioni di orientamento, presa in carico, accompagnamento, procederanno se necessario ad un pronto-intervento individuale di alfabetizzazione linguistica per favorire l`integrazione culturale e civica. Il Centro avrà struttura reticolare, consistendo di tre sportelli territoriali e di un`unità mobile in grado di raggiungere gli immigrati meno propensi ad attivarsi. Gli addetti alla gestione del Centro, soggetti autoctoni e immigrati con esperienza consolidata sul campo, frequenteranno preliminarmente un breve ed intensivo modulo formativo. Il tavolo di concertazione attivato nell`ambito del patto avrà un ruolo rilevante nella creazione dei contatti e delle sinergie che la rete del Centro gestirà con gli attori locali.

La quarta azione di sistema prevede un`organica serie di interventi formativi finalizzati a favorire l`innalzamento delle competenze professionali, l`inserimento lavorativo ed a facilitare l`inclusione nel contesto sociale e culturale previsto. Si ipotizzano i seguenti interventi formativi:
- 1 corso per mediatori culturali con sbocchi differenziati nella mediazione socio-assistenziale, sanitaria e di orientamento al lavoro che portino a qualifiche certificabili;
- 4 percorsi formativi professionalizzanti in agricoltura certificabili.
Le metodologie formative saranno incentrate su una grande interattività tra docente e partecipante e tenderanno ad una personalizzazione degli interventi. Si farà uso di tecniche e strumenti volti ad accrescere le capacità relazionali e comportamentali, si ricorrerà ad attività di stage presso soggetti qualificati. Infine, è previsto un servizio di accompagnamento all`inserimento lavorativo presso le aziende agricole impegnatesi alla stipula del `contratto di cittadinanza`. Dal corso per la mediazione culturale verranno selezionati mediatori che faciliteranno i percorsi degli immigrati da avviare all`inserimento lavorativo.

dot Top


Innovation

Text available in

L`intervento, dovendo far fronte ad un problema complesso e relativamente nuovo come quello del lavoro degli immigrati in agricoltura, non potrà che sperimentare processi innovativi. La costituzione di un patto sociale rappresenta la messa in rete degli attori-chiave del territorio, che attualmente non hanno spazi e luoghi di azione concertata, i quali opereranno sia per la circolazione delle informazioni relative alle singole politiche messe in atto dai partner stessi, sia per sviluppare processi decisionali volti ad affrontare le problematiche inerenti il lavoro dei migranti in agricoltura e il loro inserimento socio-culturale. Tale patto consentirà di operare una forte azione di contrasto alle discriminazioni attuate nel mondo del lavoro in quanto ricercherà l`incontro tra i vari soggetti al fine di promuovere azioni congiunte che vedano migliorare sia le condizioni di chi cerca lavoro sia di chi lo offre. Per correggere lo squilibrio e i deficit di incontro tra domanda e offerta di lavoro si opererà sia sul versante degli imprenditori, sia su quello dei lavoratori ed infine su un piano unico che vedrà l`incontro tra i soggetti che chiedono e quelli che offrono lavoro, con un riflesso complessivo sulle dinamiche che coinvolgono gli enti locali e le parti sociali. Per soddisfare i bisogni delle imprese e della manodopera si sperimenteranno, l`utilizzo di banche-dati, moduli di formazione innovativa professionalizzante, forme diverse di contratto di cittadinanza (riallineamento, stage, tirocini e forme miste di salario ed offerta di servizi), per i lavoratori immigrati sarà fondamentale la creazione di un Centro per l`Orientamento e l`Informazione all`interno del quale opereranno gli stessi immigrati, al fine di ottenere un approccio friendly sia al mondo del lavoro che all`inserimento sociale.
L`innovazione nell`offerta dei servizi avverrà attraverso il consolidamento dei rapporti tra i soggetti pubblici e del terzo settore che operano nella rete sociale, lo scambio di informazioni e l`individuazione di procedure di lavoro comuni. Questo processo sarà attivato grazie al ruolo determinante che svolgerà il Centro per l`Orientamento e l`Informazione nel porsi come garante della rete fra questi soggetti. Risultato sarà una più efficace azione di definizione del progetto professionale dei cittadini stranieri nel mercato del lavoro. Tale esito verrà conseguito grazie all`innovativo servizio per l`intreccio fra sfera sociale (qualità della vita) e sfera lavorativa (qualità dell`inserimento professionale). Prioritario sarà l`utilizzo di pratiche e professionalità nell`ambito della mediazione culturale che porti, ad esempio, alla capacità dei servizi di riconoscere e decifrare i titoli di studi e le qualifiche professionali dei cittadini migranti e di impostare percorsi che rispettino la centralità delle competenze e dei progetti della persona. (Garantendo quindi, un sistema mirato e personalizzato in relazione agli effettivi bisogni del migrante).

dot Top


Agreement Summary

Text available in

I partners hanno stipulato un accordo di cooperazione nominando soggetto referente nei confronti di tutte le amministrazioni referenti la Provincia di Napoli e per essa la persona dell`Assessore alle Politiche per il Lavoro pro-tempore, conferendogli mandato collettivo speciale con rappresentanza per i fini in oggetto. Questa sarà l`unico interlocutore e percettore del contributo. Ad essa spetta l`attività di gestione amministrativa e finanziaria del progetto e la rappresentanza esclusiva, anche processuale della P.S. e per tutte le operazioni e gli atti dipendenti e relativi all`attuazione del progetto fino all`estinzione di ogni rapporto.
La Provincia di Napoli fornirà certificazioni relative alle spese sostenute, (sulla base delle rendicontazioni fornite dai partner della P.S.) con scadenze costanti così come stabilito dall`Autorità di Pagamento. Dal soggetto referente verrà svolta, altresì attività di monitoraggio della realizzazione del progetto, anche attraverso l`organizzazione di incontri periodici tra i partners.
Il Coordinatore dell`Area Politiche per il Lavoro della Provincia di Napoli redigerà apposite schede di bilancio di entrata e di spesa che saranno approvate nel bilancio provinciale relative alla quota di finanziamento concessa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociale per il progetto M.I.L.A.
Sarà a cura del Coordinatore Area Politiche per il Lavoro la redazione e la sottoscrizione, su indicazione del Comitato Operativo del progetto, degli appositi provvedimenti determinativi relativi agli impegni contabili e alle liquidazioni e tutti gli altri provvedimenti dirigenziali inerenti la gestione delle attività del progetto.
La Provincia di Napoli procederà ad anticipazioni, sulla base delle richieste dei partners, a favore dei soggetti attuatori delle attività del progetto delle somme relative allo svolgimento delle attività nella misura che potrà essere determinata dal Comitato Operativo o dalle diverse disposizioni del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.
I soggetti attuatori beneficiari delle anticipazioni garantiscono la Provincia di Napoli dal rischio di perdite, nonché del buon esito del progetto, della puntualità e correttezza delle attività svolte con apposite polizze assicurative a copertura delle somme di volta in volta trasferite dalla Provincia di Napoli a titolo di anticipazione.

La responsabilità di indirizzo e di gestione della partnership spetta al Comitato Operativo al quale sono demandati i seguenti compiti:
- valutare ed approvare le proposte del Comitato Tecnico Scientifico e del Tavolo Permanente in relazione alle azioni e ai costi delle attività progettuali;
- definire ed approvare l`affidamento degli incarichi e le attribuzioni delle attività ai singoli partners della P.S. o a Gruppi di lavoro fissandone competenze e responsabilità e proponendo alla Provincia di Napoli l`adozione dei provvedimenti consequenziali;
- coordinare le attività attribuite ai singoli partners o Gruppi di Lavoro, rapportandoli alle indicazioni del Tavolo Permanente e del Comitato Tecnico Scientifico, approvando e trasmettendo le opportune rendicontazioni alla Provincia di Napoli;
coadiuvare la Provincia di Napoli nello svolgimento dell`attività di gestione amministrativa e finanziaria.
Il Comitato Operativo è composto da cinque membri nominati dai seguenti partner: Provincia di Napoli, GESCO, Comune di Marano, Less Onlus, C.I.A. Durano in carica tutta la durata delle attività. Il Comitato si doterà per lo svolgimento delle proprie competenze di una apposita segreteria amministrativa e organizzativa.
Assume la Presidenza l`Assessore alle Politiche per il Lavoro della Provincia di Napoli, il quale ha il compito di convocare il Comitato, lo preside, nomina in caso di assenza un sostituto. Il Comitato Operativo nomina inoltre un Coordinatore delle attività il quale interfaccia con il Tavolo Permanente e con il Comitato Tecnico Scientifico, fornisce indirizzi sulla realizzazione delle attività, propone eventuali variazioni progettuali in funzione della migliore realizzazione del progetto.

Viene costituito un Tavolo Permanente sulla condizione dei Migranti, del quale fanno parte tutti i partners. Al tavolo potranno accedere altri Enti e Associazioni che ne faranno richiesta e che potranno essere coinvolte successivamente. I partners designano Presidente del Tavolo l`Assessore alle Politiche per il Lavoro della Provincia di Napoli, che convocherà il Tavolo su indicazione del Comitato Operativo e presiederà le riunioni.
Il Tavolo avrà il compito di avviare il processo di scambio tra i membri della partnership e gli stakeholders (referenti sul territorio) e di interagire con il Comitato Operativo e il Comitato Tecnico Scientifico al fine di elaborare proposte di intervento e/o correzione delle attività progettuali.

Il Comitato Tecnico Scientifico è incaricato di formulare le direttrici metodologiche delle azioni previste dal progetto ed esprime indirizzi ed orientamenti per tutte le attività tecniche del progetto, propone soluzioni organizzative per i gruppi di lavoro e si coordinerà con le aree funzionali di governo progettuale. Potrà avvalersi della collaborazione di esperti del mondo universitario e/o del mondo della ricerca.
Le proposte di collaborazione dovranno essere formulate alla Provincia di Napoli ed approvate dal Comitato Operativo che provvederà ad indicare le proprie deliberazioni al Coordinatore dell`Area Politiche per il Lavoro della Provincia di Napoli per l`adozione dei provvedimenti amministrativi relativi.
Il Comitato Tecnico Scientifico è formato da esperti indicati da: Provincia di Napoli, GESCO, Less, CIA, ASL Caserta 2 - Associazione Senegalesi. Nominerà un Presidente
che convocherà e presiederà le riunioni.

Per quanto attiene la realizzazione delle attività progettuali sono individuate quattro aree funzionali che saranno coordinate dal Comitato Operativo come segue:
1) AREA LAVORO: All`area competono le responsabilità di analisi della domanda e dell`offerta di lavoro, nonché delle condizioni e dei contesti in cui sono inseriti i migranti.
L`area coinvolgerà i seguenti partner: GESCO, Less, CIA, Coldiretti.
Il Coordinamento e la responsabilità dell`Area è affidato al CIA
2) AREA COMUNICAZIONE E TRANSNAZIONALITA`: l`Area curerà le attività di informazione e comunicazione collegate al progetto ed organizzerà lo sviluppo delle relazioni internazionali collegate alla transazionalità del progetto.
L`Area coinvolgerà tutti i partner della P.S. ed il Coordinamento è affidato alla Provincia di Napoli.
3) AREA SERVIZI: L`Area curerà la promozione, la riorganizzazione, lo sviluppo e l`innovazione dei servizi per l`incrocio della domanda e dell`offerta di lavoro per l`integrazione culturale, per il miglioramento delle condizioni dei migranti in materia socio - sanitaria, nonché sperimenterà percorsi innovativi per facilitare l`accesso dei migranti all`alloggio.
L`Area coinvolgerà i seguenti partner: ASL Caserta 2, Less, Comune di Marano , Provincia di Napoli. Il Coordinamento è affidato alla Less
4) AREA FORMAZIONE: l`Area curerà lo sviluppo delle competenze e la formazione rivolta sia agli operatori (mediatori culturali) impegnati nelle attività dei centri di servizio territoriali sia i percorsi formativi connessi alla alfabetizzazione, all`accesso ai diritti ed all`acquisizione di competenze specifiche nel settore agricolo dei migranti coinvolti.
L`Area coinvolgerà i seguenti partner: ASL Caserta 2, Less, Gesco, Provincia di Napoli, CIA, Coldiretti. Il Coordinamento è affidato a Gesco
Alla Provincia di Napoli competono inoltre le funzioni relative ai seguenti punti:
a) Monitoraggio e Mainstreaming: supporto per il monitoraggio dei percorsi attuati e per lo sviluppo successivo delle buone prassi collegate al progetto. Per l`esecuzione delle attività la Provincia coinvolgerà i partner della P.S.
b) Amministrazione ed Organizzazione: assicurare la regolarità formale e contabile dell`attuazione del progetto e assicurare il funzionamento degli organismi decisionali della P.S.
c) Rendicontazione: assicurare la regolarità formale e contabile della rendicontazione ufficiale per conto di tutti i soggetti della P.S.

Tutti gli Enti o Associazioni affidatarie delle azioni di cui sopra potranno avvalersi , nei limiti previsti dal Disciplinare di attuazione e previa autorizzazione del Ministero del Lavoro, per lo svolgimento delle attività progettuali della collaborazione di altri soggetti. Le proposte di collaborazione dovranno essere formulate alla Provincia di Napoli e valutate dal Comitato Tecnico Scientifico ed approvate dal Comitato Operativo che provvederà ad indicare le proprie deliberazioni al Coordinatore dell`Area Politiche per il Lavoro della Provincia di Napoli per l`adozione dei provvedimenti amministrativi relativi previa comunicazione al Ministero del Lavoro

Il progetto realizzerà una rete territoriale di servizi per l`orientamento al lavoro e ai diritti di cittadinanza per i migranti supportati dai centri per l`Impiego della Provincia di Napoli
La responsabilità della rete è affidata alla Provincia di Napoli che coinvolgerà nelle attività i seguenti partner: Less, GESCO, ASL Caserta 2,CIA, Coldiretti. La rete sarà coordinata dalla Less.

- la Provincia di Napoli ha già gestito fondi pubblici ed è in grado di garantire la gestione amministrativa e finanziaria del progetto;
- la Provincia di Napoli si impegna a diffondere, pubblicizzare e rendere di dominio pubblico i risultati del progetto e ad operare in un contesto di cooperazione transnazionale, di networking e diffusione di risultati.
- la Provincia di Napoli si impegna ad organizzare le attività dei soggetti interessati. Particolare attenzione sarà dedicata agli strumenti ed ai meccanismi per assicurare la collaborazione delle piccole organizzazioni, delle autorità pubbliche, delle O.N.G. delle imprese, della parti sociali

dot Top


Empowerment

 With beneficiaries

Text available in

La filosofia che ha animato la realizzazione del progetto si informa al principio della partecipazione attiva non solo dei partners ma anche dei diretti beneficiari delle diverse azioni.Il processo di coinvolgimento dei beneficiari comporta innanzitutto azioni di promozione capillare del progetto tra tutti i migranti presenti nel territorio napoletano e casertano e, successivamente, un supporto individuale, attraverso la formazione, per favorine la partecipazione attiva. Infatti, gli interventi formativi sono finalizzati ad attivare un processo di crescita dei partecipanti, valorizzando le potenzialità, le competenze e soprattutto le capacità relazionali così da poter far acquisire gli strumenti concettuali e metodologici per partecipare attivamente alle diverse azioni previste dal progetto. L`attuazione del progetto vedrà il pieno coinvolgimento dei destinatari i quali verranno coinvolti nello sviluppo di tutte le azioni previste. La definizione di strategie di azione a favore dei migranti, che verrà attuata all`interno del Patto, vedrà un significativo coinvolgimento dei beneficiari, che parteciperanno attivamente alla definizione delle linee guida di intervento a favore dei migranti che risiedono e lavorano nel comprensorio agricolo di Napoli e Caserta. I destinatari avranno, altresì, un ruolo chiave nella gestione del Centro di Informazione e Orientamento, in quanto alcuni immigrati, attraverso la formazione, verranno preparati ad esercitare un importante ruolo di front-office e mediazione culturale all`interno del centro; altri invece faranno parte del Gruppo che coordina tutte le attività del centro. Tale collocazione consentirà loro di avere un importante ruolo nello sviluppo di tutte le politiche di matching. Anche la definizione di nuove metodologie e degli strumenti formativi, dei nuovi programmi, come la scelta del settore su cui orientare un`attività imprenditoriale, verrà attuata attraverso un costante coinvolgimento dei beneficiari del progetto. Le azioni finalizzate all`integrazione delle politiche di coesione sociale, con quelle formative e del lavoro che comporteranno interventi diretti sui servizi, vedranno il coinvolgimento diretto dei beneficiari attraverso Focus Group finalizzati a definire i fabbisogni di servizi ed individuare i migliori sistemi di erogazione e fruizione.

dot Top


Empowerment

 Between national partners

Text available in

La complessità del progetto, sia per il rilevante numero di azioni sia per l`estensione della partnership (estensione numerica e diversa tipologia dei partners coinvolti), richiede una pianificazione dettagliata dell`interazione e della gestione delle relazioni tra i partner.Il modello di riferimento è quello aziendale della lean organisation, in base al quale l`intervento di ognuno è regolato sulla base della specializzazione delle proprie competenze. Tutti i partners saranno coinvolti nelle funzioni della gerarchia necessarie all`attuazione del progetto, in tale modo il lavoro attorno all`intero prodotto/servizio avviene in modo concertato. L`articolazione della struttura comprende un COMITATO DI PILOTAGGIO di cui fanno parte tutti i partner - supportato da un COMITATO TECNICO SCIENTIFICO-, a cui si affiancano GRUPPI DI LAVORO, relativi a ciascuna delle azioni previste (comunicazione e fertilizzazione, analisi e modellizzazione, formazione ed inserimento lavorativo, sperimentazione servizi.) ed un UNITA` FUNZIONALE, che avrà il compito del monitoraggio delle azioni e dei costi e verificherà la congruità delle diverse azioni sviluppate con le norme del F.S.E-, nazionali e comunitarie, e fornirà informazioni sul rispetto degli iter burocratici previsti. I Gruppi di Lavoro e l`Unità Funzionale, ognuno dei quali avrà un coordinatore, si relazioneranno, facendo largo ricorso di strumenti telematici, con cadenza mensile, con il Comitato di Pilotaggio, fornendo relazioni dettagliate sulle attività svolte. Attraverso tale struttura i problemi di coordinamento risultano ridotti perché le interdipendenze chiave sono contenute all`interno dei Gruppi di Lavoro. Ciò implica, da parte di ciascun gruppo, un rilevante impegno rispetto a due fattori: team working/spirito di gruppo, tempo da dedicare alle riunioni per prendere decisioni. Un valido contributo all`autonomia dei Gruppi di Lavoro, ed alla velocità di scambio delle informazioni, scaturirà dall`impiego di sistemi telematici di trasmissione delle informazioni.I processi decisionali saranno caratterizzati da metodologie snelle e adeguate alla rapidità richiesta. Per le decisioni di una certa rilevanza ogni Gruppo di Lavoro adotterà i seguenti criteri:
- costruzione dello scenario di riferimento
-individuazione del problema da affrontare
-produzione di alternative
-individuazione dei criteri del risultato atteso;
-valutazione delle diverse alternative esaminate in base alle priorità di progetto;
-risultanze e simulazioni.
In tutte le Unità organizzative previste per decidere si seguirà la metodologia del decision making ovvero `fare la decisione`, che permette di comparare le differenti opinioni, rende trasparente l`intero processo, facendo della soggettività multipla una ricchezza. Una decisione costruita col consenso di tutti gli attori di sviluppo aumenta le garanzie sulla sua effettiva applicazione, grazie alla maggior convinzione nella realizzazione dei piani d`azione conseguenti.

dot Top



Logo EQUAL

Home page
DP Search
TCA Search
Help
Set Language Order
Statistics